Irlanda del Nord prima di 1968

Irlanda del Nord
La costituzione dell'emergente Repubblica irlandese, approvata in 1937

La storia dell'Irlanda del Nord nella metà del secolo successivo Partizione è spesso trascurato o ignorato. Eppure lo studio di questo periodo rivela diverse cause di tensioni e violenze settarie alla fine degli anni '1960. La divisione dell'Irlanda nel 1920 doveva essere temporanea, un mezzo per facilitare il governo domestico fino a quando la situazione in Irlanda non si fosse risolta e la riconciliazione e la riunificazione fossero possibili. Nel 1922 i rappresentanti delle nazioni di Londra e Dublino firmarono il Trattato anglo-irlandese, un accordo che stabilì lo Stato libero irlandese, in effetti un dominio britannico autonomo. Ma questo non è riuscito a soddisfare i nazionalisti del sud, che volevano districarsi completamente dal dominio britannico. L'Irlanda del Sud cadde in una breve ma sanguinosa guerra civile tra l'IRA ei repubblicani che si opponevano al Trattato, ei nazionalisti moderati che lo sostenevano. Quest'ultimo emerse vittorioso e nel dicembre 1922 formò l'Irish Free State, un dominio autonomo della Gran Bretagna. Il Free State sopravvisse fino al 1937 quando i politici nazionalisti, che avevano ormai abbandonato la rivoluzione per la riforma, progettarono una nuova costituzione che cancellò la maggior parte degli obblighi dello stato nei confronti della Gran Bretagna. L'Irlanda è diventata un de facto repubblica, una transizione che è stata formalmente completata in 1948.

La nascita dell'Irlanda del Nord

Ma questi cambiamenti non hanno influenzato le persone nelle Sei Contee dell'Ulster. Nel dicembre 1922 il governo dell'Irlanda del Nord esercitò i suoi diritti ai sensi del trattato anglo-irlandese e sciolse la sua associazione con Dublino. Un decreto del governo, emesso due giorni dopo la formazione dello Stato libero irlandese, ha detto al re Giorgio V che "i poteri del parlamento e del governo dello Stato libero irlandese non si estenderanno più all'Irlanda del Nord". Invece, Stormont ha scelto di tornare al dominio britannico. Lo sviluppo della Repubblica irlandese negli anni '1930 ha ulteriormente esteso il golfo tra Belfast e Dublino. La divisione dell'Irlanda, approvata nel 1920 come misura temporanea, era diventata una caratteristica permanente del panorama politico irlandese. Ma l'esistenza dell'Irlanda del Nord non fu accettata da tutti, in particolare dai repubblicani radicali, che consideravano la partizione un atto illegale imposto all'Irlanda da una potenza imperiale. L'unica vera soluzione, sostenevano, era una repubblica che comprendesse l'intera Irlanda. C'erano anche preoccupazioni per la minoranza cattolica e nazionalista che viveva sotto un governo unionista nell'Irlanda del Nord.

Irlanda del Nord
Una vignetta britannica che ridicolizza la posizione neutrale dell'Irlanda

Sia lo Stato libero irlandese che l'Irlanda del Nord hanno sofferto durante la Grande Depressione che ha afflitto l'Europa negli anni '1930. Nel 1937 il Free State votò per l'abrogazione della sua costituzione del 1922, sostituendola con un documento che riconosceva la presenza britannica in Irlanda ma scioglieva la maggior parte degli obblighi costituzionali di Dublino nei confronti della Gran Bretagna. La costituzione del 1937 sostituì il governatore generale con un presidente, che acconsentì alle leggi e agì in altro modo come capo di stato. L'Irlanda è diventata un de facto repubblica, attaccata dalla Gran Bretagna solo da sottili bande titolari. Quando scoppiò la seconda guerra mondiale nel 1939, l'Irlanda del Nord seguì diligentemente la Gran Bretagna nella guerra, ma il sud rimase neutrale. Temendo un'alleanza Nazi-IRA, Londra corteggiò il governo irlandese promettendo la riunificazione dell'Irlanda in cambio di una piena alleanza militare. Dublino ha rifiutato questa offerta, ma in seguito ha accettato di fornire un significativo supporto in tempo di guerra alla Gran Bretagna, come l'uso di terre e porti irlandesi. Nel frattempo l'IRA, ora un'organizzazione illegale nel proprio paese, ha dichiarato guerra alla Gran Bretagna. Dall'inizio del 1939 alla metà del 1940 l'IRA ha avviato il suo piano S, effettuando più di 30 bombardamenti in Inghilterra che uccisero sette persone.

Violenza settaria in Ulster

Anche l'Irlanda del Nord ha visto molte violenze negli anni successivi alla partizione. Le rivolte scoppiarono nelle Sei Contee, in particolare a Belfast, all'inizio degli anni '1920. Questa agitazione non era solo guidata dalla politica e dalla religione; il crollo delle principali industrie ha spinto la disoccupazione dell'Irlanda del Nord verso il 20%, quindi la competizione per i posti di lavoro è diventata presto intensa. Nel luglio 1920 queste tensioni hanno raggiunto il picco quando i protestanti hanno marciato sui cantieri navali Harland e Wolff - il luogo di nascita del Titanic RMS e uno dei più grandi datori di lavoro di Belfast - e hanno costretto migliaia di cattolici a lasciare il lavoro. Scoppiarono disordini in tutta la città e 20 persone furono uccise in soli tre giorni. La violenza è continuata periodicamente in Irlanda del Nord, a volte in risposta a eventi politici come la dichiarazione dello Stato libero irlandese. Tra la metà del 1920 e la fine del 1922, un totale di 465 persone morirono nella sola Belfast, mentre circa 20,000 cattolici furono costretti a lasciare le loro case. Rivolte settarie scoppiarono di nuovo a Belfast nel 1935, a seguito di una processione protestante nell'anniversario della battaglia del Boyne. Quattro persone sono morte, almeno due civili, mentre altre 30 sono rimaste ferite. Intorno a York Street si sono verificati ingenti danni e l'esercito è stato chiamato a calmare la situazione.

Irlanda del Nord
Alcune delle devastazioni causate dai bombardamenti di Belfast, aprile 1940

Anche l'Irlanda del Nord ha sofferto per mano dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Considerandosi un obiettivo distante e improbabile, Belfast fece poco per prepararsi ai raid aerei nazisti, ma i cantieri navali della città ne fecero un importante obiettivo strategico per il Aeronautica militare (Aeronautica tedesca). Nell'aprile e nel maggio 1940, Belfast fu oggetto di dozzine di incursioni. Il peggio è avvenuto il 15 aprile, quando 200 bombardieri tedeschi hanno colpito senza sosta la città, distruggendo fabbriche, infrastrutture e abitazioni. Più di 900 residenti di Belfast furono uccisi, uno dei più alti numeri di vittime civili in un solo giorno della guerra. I bombardamenti hanno distrutto metà delle abitazioni della città, lasciando un quarto della sua popolazione senza casa. La situazione è migliorata dopo la guerra, aiutata dall'attuazione da parte del governo britannico di uno stato sociale nazionale. Gli alloggi, la sanità e l'istruzione, in precedenza responsabilità del governo dell'Irlanda del Nord con risorse insufficienti, erano ora amministrati e finanziati da Westminster. L'Irlanda del Nord ha ricevuto più di 100,000 nuove abitazioni, mentre i suoi cittadini hanno ricevuto l'assicurazione nazionale e gli assegni familiari. I programmi finanziati a livello nazionale hanno anche creato nuovi posti di lavoro e aumentato la spesa per le infrastrutture e lo sviluppo industriale. Questa nuova prosperità è stata accolta con favore dai cattolici dell'Ulster e ha alleviato alcuni dei loro timori sulla discriminazione, l'emarginazione e la povertà forzata.

Divisioni post-belliche e discriminazione

Tuttavia, nonostante questo ottimismo del dopoguerra, la segregazione e il settarismo rimasero parte del panorama sociale nell'Irlanda del Nord. Ciò era particolarmente vero nelle grandi città come Belfast e Derry, dove le aree residenziali, le scuole e i luoghi di lavoro erano divisi in modo schiacciante. A volte questa segregazione era il risultato della politica o della pianificazione del governo, ma era anche il prodotto di scelte o pressioni sociali, sia all'interno della propria comunità che dall'altra parte. Era molto raro che cattolici e protestanti vivessero insieme numerosi; le loro comunità a volte tolleravano singole famiglie o piccole sacche dell'altra, purché fossero apolitiche e tenute per sé. Alla fine degli anni '1960, uno studio demografico su Shankill (99% protestante) e Clonard (98% cattolico) ha rilevato che i residenti in queste aree vivevano in modo discreto dai loro opposti settari. Cattolici e protestanti non solo vivevano in diverse periferie, ma leggevano anche diversi giornali, frequentavano diversi negozi e pub, suonavano e sostenevano diverse squadre sportive. Non si trattava solo di protestanti che evitavano intenzionalmente i cattolici e viceversa; semplicemente non si incontravano nella loro vita quotidiana. Ciascuno è rimasto a debita distanza, ignaro della politica, della cultura e dei valori dell'altro.

Irlanda del Nord
Una mappa che mostra la distribuzione delle religioni a Belfast

Ci furono tentativi occasionali, di solito da parte di riformatori di mentalità liberale, di sfondare la segregazione. Uno dei primi di questi proveniva da Lord Londonderry, ministro dell'istruzione di Stormont negli anni '1920, che cercò di creare scuole integrate. Le riforme di Londonderry, come numerose altre da allora, morirono in un coro di protesta. Per la maggior parte, tuttavia, i governi unionisti dell'Irlanda del Nord hanno cercato di promuovere queste divisioni piuttosto che risolverle. Nel 1929 gli unionisti si mossero per rafforzare la loro presa sul governo abolendo la rappresentanza proporzionale, un sistema di voto che garantiva una rappresentanza parlamentare equa ed equa per tutti i gruppi, indipendentemente dall'appartenenza politica o religiosa. Il governo si è anche impegnato in gerrymandering, definendo con cura i confini elettorali per disperdere il potere di voto cattolico e rafforzare la maggioranza unionista. Anche le leggi elettorali del governo locale hanno favorito i protestanti rispetto ai cattolici. Il voto era limitato ai contribuenti, che avevano diritto a un voto per ogni proprietà di loro proprietà, fino a un massimo di sei voti. Gli inquilini, tuttavia, non avevano alcun diritto di voto, una restrizione che ha fortemente svantaggiato i cattolici. I consigli locali finirono per essere dominati dai protestanti, le cui decisioni sull'assegnazione degli alloggi e le priorità di spesa favorirono altri protestanti.

Il punto di vista di uno storico:
“L'Irlanda del Nord continuò come parte della Gran Bretagna e le innovazioni del dopoguerra, come il Servizio Sanitario Nazionale, furono estese alla provincia. Ci fu un periodo di ricostruzione di quelle parti di Belfast e altrove che fu danneggiato durante la guerra, e industrie come la costruzione navale ottennero benefici a breve termine dal rifornimento delle flotte navali e mercantili perse durante la guerra. Politicamente, tutto è continuato come prima in Irlanda del Nord. La maggioranza protestante e unionista continuò a controllare Stormont e la popolazione cattolica fu lasciata senza voce in capitolo nel governo (a parte alcuni consigli locali) e trattata come cittadini di seconda classe. Tutto ciò porterebbe a un crescente senso di inquietudine nella società nordirlandese che sarebbe esplosa in violenza alla fine degli anni '1960 ".
Mike Cronin

punti chiave dell'Irlanda del Nord

1. Nel 1922 i leader unionisti dell'Irlanda del Nord abbandonarono il Trattato anglo-irlandese, recidendo i suoi legami con Dublino.

2. Nel sud, lo stato libero irlandese ha iniziato a evolversi in una repubblica indipendente, un processo completato in 1948.

3. Durante gli 1920 e gli 1930, l'Irlanda del Nord ha continuato a soffrire di violenze politiche e settarie.

4. L'Irlanda del Nord ha beneficiato della ricostruzione post-Seconda Guerra Mondiale, ricevendo un sistema di welfare e nuove abitazioni.

5. I cattolici hanno beneficiato di questo risveglio del dopoguerra, tuttavia l'Irlanda del Nord si è evoluta in una società segregata in cui cattolici e protestanti vivevano una vita separata, mentre il governo e gli affari venivano dominati dagli unionisti protestanti, a scapito dei cattolici.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Irlanda del Nord prima del 1968"
Autori: Rebekah Poole, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/northernireland/northern-ireland-before-1968/
Data di pubblicazione: 16 Agosto 2018
Data di accesso: Giugno 29, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.