L'accordo di Sunningdale

condivisione del potere di Sunningdale
Un fumetto politico che raffigura il problema della condivisione del potere nell'Ulster

L'accordo di Sunningdale è stato un primo tentativo di costruire la pace nell'Irlanda del Nord, promuovendo il compromesso e formando un governo di condivisione del potere nelle Sei Contee. Sunningdale fallì a causa della stridente opposizione lealista, ma le sue idee informarono il più riuscito accordo del Venerdì Santo quasi 25 anni dopo.

La spinta al compromesso

Molti credevano che i problemi potessero essere risolti con una soluzione di compromesso. Se cattolici e nazionalisti fossero meglio rappresentati nel governo, discutevano, quindi sostenevano il IRA provvisorio diminuirebbe.

Un governo consociativo o di condivisione del potere sembrava la migliore speranza. Ciò distribuirebbe il potere esecutivo tra unionisti e nazionalisti, riducendo la discriminazione, incoraggiando il partenariato politico e aumentando la stabilità.

C'erano tre difficoltà significative da superare. Il primo è stato convincere tutti ad accettare la condivisione del potere - un compito formidabile, date le posizioni estreme di alcuni gruppi. La seconda difficoltà consisteva nel formulare un sistema stabile e funzionale accettabile per tutte le parti. Il terzo è stato determinare un ruolo per la Repubblica d'Irlanda.

Questi problemi sono stati risolti, almeno in teoria, dal Accordo di Sunningdale. Firmato nel dicembre 1973, questo accordo istituì tre organi politici: un'Assemblea dell'Irlanda del Nord eletta in modo proporzionale, un governo esecutivo con potere condiviso da nazionalisti e unionisti e un "Consiglio d'Irlanda", composto da delegati sia dell'Irlanda del Nord che della Repubblica d'Irlanda.

Libro verde, libro bianco

Le origini dell'accordo di Sunningdale risalgono a ottobre 1972, con la formulazione di un libro verde (documento di discussione) da parte del Segretario di Stato dell'Irlanda del Nord William Whitelaw. Intitolato "Il futuro dell'Irlanda del Nord“, Il documento di Whitelaw ha delineato i problemi che devono affrontare le Sei Contee e alcune soluzioni suggerite.

Questo è stato seguito da un white paper del marzo 1973 (policy paper) chiamato "Proposte costituzionali dell'Irlanda del Nord“. Questo documento ha fornito diverse proposte più solide. Una nuova Assemblea dell'Irlanda del Nord verrebbe eletta per sostituire il vecchio parlamento di Stormont. Le elezioni userebbero la rappresentanza proporzionale, minando i gerrymanders unionisti e dando ai nazionalisti una voce migliore nel governo. Una volta eletta, l'Assemblea negozierà la formazione di un esecutivo per la condivisione del potere.

Il Libro bianco del 1973 richiedeva anche la formazione del "Consiglio d'Irlanda", un comitato bilaterale con rappresentanti di Belfast e Dublino.

Unionisti divisi

Sunningdale
Un volantino che chiede il boicottaggio del Border Poll 1973

Il libro bianco e le sue disposizioni sulla condivisione del potere hanno causato una scissione nei ranghi unionisti.

Ai conservatori piace Ian Paisley e il suo Partito Democratico Unionista (DUP) erano oltraggiati dal fatto che ai politici irlandesi a Dublino e ai nazionalisti nell'Ulster potesse essere concesso un seggio nel governo dell'Irlanda del Nord. Anche il più moderato Ulster Unionist Party (UUP) era diviso sulla condivisione del potere, i suoi candidati si dichiaravano "pro-white paper" o "anti-white paper".

L'8 marzo 1973, il governo britannico tenne il controverso Border Poll, un referendum sul fatto che l'Irlanda del Nord dovesse restare nel Regno Unito o riunirsi con l'Irlanda. I cattolici hanno boicottato questo referendum, ottenendo una vittoria del 98 per cento per “restare”.

Il Parlamento britannico ha approvato il disegno di legge dell'Assemblea dell'Irlanda del Nord nel maggio 1973 e le elezioni per l'Assemblea si sono svolte alla fine di giugno. Gli unionisti hanno chiuso con una sana maggioranza, vincendo 50 dei 78 seggi dell'Assemblea, mentre il Partito Socialdemocratico e Laburista (SDLP) ne ha ottenuti 19.

Un gabinetto della coalizione

Con l'Assemblea in atto, i partiti del white paper si sono incontrati a novembre 1973 per creare un dirigente per la condivisione del potere. Si stabilirono in un gabinetto della coalizione, contenente membri dei maggiori partiti dell'Assemblea. Leader UUP Brian Faulkner è diventato il primo amministratore delegato dell'Irlanda del Nord e il leader schietto dell'SDLP Gerry Fitt il suo vice direttore generale.

Cinque portafogli (istruzione, finanza, agricoltura, ambiente e informazione) sono stati consegnati ai membri dell'UUP. Sono stati consegnati tre portafogli ai membri di SDLP, incluso il commercio con John Hume, alloggio a Austin Currie e servizi sanitari e sociali a Paddy Devlin. Oliver Napier del partito liberale dell'Alleanza ha occupato l'ultimo posto rimanente nel Gabinetto, diventando ministro legale.

La formazione di questo esecutivo di coalizione è stato uno sviluppo notevole. Anche durante la campagna elettorale, lo stesso Faulkner ha detto ai giornalisti che non avrebbe mai governato al fianco di nessuno “il cui obiettivo primario era quello di rompere il legame con la Gran Bretagna”. Eppure eccolo qui settimane dopo, a condividere un gabinetto con uomini dell'SDLP nazionalista.

Il Consiglio d'Irlanda

cosgrave faulkner sunningdale
Liam Cosgrave (a sinistra) e Brian Faulkner in 1973

Mentre i sindacalisti moderati potevano tollerare un governo di condivisione del potere, non potevano sostenere il proposto Consiglio d'Irlanda. Sempre sospettosi di Dublino, gli unionisti videro il Consiglio come un passo significativo verso la riunificazione irlandese. I nazionalisti, al contrario, hanno sostenuto l'idea.

Dopo settimane di negoziati infruttuosi su un consiglio bilaterale, il governo britannico ha convocato un programma di incontri di quattro giorni a Sunningdale, nel Berkshire. Tenuto ai primi di dicembre 1973, a questi incontri hanno partecipato il primo ministro britannico Edward Heath, Irlandesi Taoiseach Liam Cosgrave e rappresentanti delle parti UUP, SDLP e Alliance. I partiti lealisti dissidenti DUP e l'Ulster Vanguard non furono invitati. I termini dell'accordo di Sunningdale furono eliminati in queste sessioni, alcune delle quali andarono avanti fino a notte fonda.

Dopo un acceso dibattito, i rappresentanti sindacalisti alla fine hanno concesso la formazione di un Consiglio d'Irlanda. Le parti negoziali hanno firmato l'accordo finale su 9th di dicembre.

Il contraccolpo lealista

sciopero di Sunningdale
Ian Paisley (al centro) durante lo sciopero generale dell'UWC nel 1974

L'accordo di Sunningdale ha dato il via alle campane di allarme nell'Irlanda del Nord, in particolare nei circoli lealisti. Molti erano indignati per il fatto che Faulkner, il principale negoziatore unionista a Sunningdale, avesse concordato con il Consiglio d'Irlanda, ma non fosse riuscito a garantire nessuna delle proprie richieste (riconoscimento formale dell'Irlanda del Nord da parte di Dublino, una repressione dei sospetti dell'IRA nella Repubblica e una nuova sicurezza le misure).

Il 4 gennaio 1974, quattro settimane dopo la firma dell'accordo, l'Ulster Unionist Council ha votato 427 contro 374 contro il nuovo Consiglio d'Irlanda. Ciò ha costretto Faulkner alle dimissioni da capo dell'UUP, sebbene abbia mantenuto la sua posizione di amministratore delegato.

Nelle elezioni generali britanniche nel febbraio 1974, gli unionisti dell'Ulster hanno vinto 11 seggi alla Camera dei Comuni, ma si sono rifiutati di sostenere il partito conservatore, una protesta contro l'accordo di Sunningdale. Ciò è costato effettivamente a Heath e al governo del partito conservatore.

I lealisti sabotano Sunningdale

L'opposizione all'accordo di Sunningdale si è intensificata quando l'Assemblea dell'Irlanda del Nord si è riunita il 22 e 1974 di gennaio.

Gli intransigenti del DUP e dell'Ulster Vanguard hanno trasformato la sessione di apertura dell'Assemblea in una farsa. Secondo quanto riferito, un membro del DUP ha cercato di rubare la mazza, mentre un deputato dell'Avanguardia ha fatto una "danza di guerra" sui tavoli e altri si sono lanciati intorno alle sedie. Gli ufficiali della Royal Ulster Constabulary (RUC) furono chiamati per cancellare l'assemblea e alcuni ricevettero ferite lievi. Paisley stesso è stato visto litigare con la polizia.

La situazione divenne insostenibile ea marzo anche i membri moderati dell'UUP avevano ritirato il loro sostegno a Sunningdale. Il colpo finale arrivò nel maggio 1974 quando l'Ulster Workers 'Council (UWC), un'associazione sindacale a predominanza lealista, organizzò uno sciopero generale per il 15 maggio. Paramilitari lealisti hanno gettato il loro peso dietro lo sciopero, molestando e intimidendo i membri non membri del UWC. Alla fine, le industrie pesanti dell'Irlanda del Nord si fermarono.

Con l'economia a rischio e i lealisti riluttanti a scendere a compromessi, Faulkner e il suo dirigente di coalizione si sono dimessi il maggio 27th. Ciò ha segnato la morte dell'accordo di Sunningdale e il primo tentativo di condivisione del potere, quando l'Irlanda del Nord è tornata Regola diretta sotto il governo britannico.

punti chiave dell'accordo di Sunningdale

1. L'accordo di Sunningdale è stato il primo tentativo di attuare un governo di condivisione del potere nell'Irlanda del Nord, per dare ai nazionalisti una voce più giusta nel governo.

2. Sunningdale iniziò con la pubblicazione da parte del governo britannico di due articoli che proponevano la condivisione del potere e le relazioni bilaterali con Dublino come possibile via da seguire.

3. Una nuova Assemblea dell'Irlanda del Nord è stata eletta a giugno 1973. Fu quindi istituito un dirigente per la condivisione del potere, sotto forma di un gabinetto della coalizione UUP-SDLP-Alleanza.

4. Il punto critico per i lealisti è stato il Consiglio d'Irlanda proposto: un consiglio bilaterale che coinvolge politici di Belfast e Dublino.

5. Quando il Consiglio d'Irlanda fu formalizzato nell'accordo finale di Sunningdale, firmato il 1973 di dicembre, i lealisti risposero dividendo l'UUP, interrompendo l'Assemblea e organizzando uno sciopero generale. Sunningdale fallì quando il dirigente si dimise a maggio 1973.

fonti dell'accordo Sunningdale

Il futuro dell'Irlanda del Nord Libro verde (ottobre 1972)
Proposte costituzionali dell'Irlanda del Nord white paper (marzo 1973)
L'accordo di Sunningdale (dicembre 1973)
irlandese Taoiseach Liam Cosgrave sull'accordo di Sunningdale (marzo 1974)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'accordo di Sunningdale"
Autori: Rebekah Poole, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/nothernireland/sunningdale-agreement/
Data di pubblicazione: 9 settembre 2020
Data di accesso: 11 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.