La campagna continentale della Provisional IRA

campagna continentale
Le conseguenze di una bomba dell'IRA a Londra, marzo 1973

La violenza dei Troubles non si è limitata all'Irlanda del Nord. Negli 1970, il Esercito repubblicano irlandese provvisorio (IRA) iniziò a bombardare obiettivi militari e civili in Inghilterra. La “campagna continentale”, come divenne nota questa strategia, aveva diversi obiettivi. Ha esportato le sofferenze dei Troubles nel cuore dell'Inghilterra, fornendo un po' di tregua agli irlandesi del Nord. Facendo sentire i britannici insicuri, la Provisional IRA sperava di aumentare la pressione dell'opinione pubblica e dei media sul governo britannico. La maggior parte degli attacchi provvisori dell'IRA in Inghilterra colpiscono obiettivi militari o luoghi di alto profilo, come il Parlamento, 10 Downing Street, Oxford Street, Harrod's, Hyde Park e Regent's Park. I volontari repubblicani assassinarono anche importanti figure britanniche, in particolare Lord Louis Mountbatten e politici conservatori Airey Neave e Ian Gow. In sintesi, la campagna continentale della Provisional IRA costò la vita a 175 persone, ne ferì più di 10,000 e causò danni alla proprietà superiori a un miliardo di sterline.

La campagna sulla terraferma aveva precedenti storici. All'inizio degli anni 1880, i repubblicani irlandesi chiamati Fenians bombardarono diversi obiettivi in ​​tutta la Gran Bretagna, comprese le Camere del Parlamento. Negli anni '1930 un gruppo di militanti radicali prese il controllo del IRA Consiglio dell'Esercito. Nel gennaio 1939 lanciarono un breve ultimatum al governo britannico, chiedendo il ritiro di tutto il personale militare britannico dall'Irlanda. Il loro ultimatum fu ignorato e i leader dell’IRA risposero con una dichiarazione di guerra. Hanno avviato il loro Piano S: un'operazione per sabotare le infrastrutture inglesi con esplosivi rubati e improvvisati. Tra gennaio e dicembre 1939, le cellule dell'IRA piazzarono un totale di 290 bombe in Inghilterra. Il Piano S ha cercato di creare disordini, panico e paura piuttosto che morti o vittime. Gli attentatori hanno preso di mira centrali elettriche, stazioni ferroviarie, infrastrutture di comunicazione, strade, ponti ed edifici governativi. La campagna fu interrotta nell'agosto del 1939 dopo che una bomba dell'IRA destinata a una stazione elettrica esplose in una strada commerciale di Coventry, uccidendo cinque civili. Questo bombardamento provocò un'indignazione diffusa e una crescita del sentimento anti-irlandese. Successivamente è emerso che i comandanti dell'IRA erano in contatto con agenti nazisti e che l'S-Plan aveva l'appoggio degli agenti nazisti Abwehr, l'agenzia di intelligence militare tedesca.

campagna continentale
La mensa degli ufficiali di Aldershot, bombardata dall'Ira ufficiale nel 1972

Il primo attacco significativo sul suolo inglese durante i Troubles fu effettuato dal IRA ufficiale, agendo come ritorsione per Domenica di sangue. Il 22 febbraio 1972, tre settimane dopo la sparatoria a Derry, i volontari ufficiali dell'IRA guidarono un'auto carica di esplosivo contro una base militare non protetta ad Aldershot, 40 miglia a sud-ovest di Londra. La bomba è stata fatta esplodere vicino alla mensa degli ufficiali. Tuttavia, non c'erano agenti nelle vicinanze e l'esplosione ha ucciso sette lavoratori civili: cinque donne, un anziano giardiniere e un cappellano cattolico. Queste morti civili furono un disastro politico per l’Official IRA, che ritirò la sua campagna militare tre mesi dopo. La più radicale Provisional IRA non aveva scrupoli nell'attaccare obiettivi in ​​Inghilterra ed era meno preoccupata per le vittime civili accidentali. All'inizio del 1973, la Provisional IRA inviò 11 volontari ad operare sotto copertura a Londra; questo gruppo includeva il futuro ministro dello Sinn Fein Gerry Kelly e sorelle Colori e prezzo mariano. L'8 marzo questi agenti hanno piazzato quattro autobombe in giro per la città. Due delle quattro bombe sono esplose, una davanti al tribunale di Old Bailey, l'altra in un edificio governativo a Whitehall. Le esplosioni hanno ucciso una persona e ne hanno ferite più di 180. Arrestati mentre cercavano di tornare in Irlanda, gli autori del reato sono stati giudicati colpevoli e condannati a lunghe pene detentive.

“Il 7 novembre 1974 due persone furono ferite a morte da una bomba dell’IRA in un pub affollato, vicino al Royal Artillery Training Center a Woolwich, Londra. Dopo l'esplosione c'erano pozze di sangue nelle braccia del re. Ancora una volta, non c'era stato alcun avvertimento. Dieci giorni dopo, Daithi O'Connell dei Provisionals ha cercato di esporre il pensiero dell'organizzazione, dichiarando che "le conseguenze della guerra non si limiteranno esclusivamente all'Irlanda". Si faranno sentire sulla terraferma britannica. La responsabilità ricade direttamente e chiaramente sul governo britannico. L'intera situazione può essere cambiata. Il governo britannico deve semplicemente dire che non rimarremo in Irlanda, ma che ci libereremo dall’Irlanda. Possiedono la chiave, le chiavi della guerra'."
Richard inglese, storico

All'inizio del 1974, la Provisional IRA stava pianificando ulteriori attacchi in Inghilterra. Dietro questa decisione c’erano diversi fattori. Nel 1971, l’Army Council riteneva che un’insurrezione armata avrebbe cacciato gli inglesi dall’Irlanda del Nord entro tre anni. Ciò però sottovalutò la risolutezza politica del governo britannico, che all’inizio del 1974 resisteva ancora. La campagna continentale mirava ad aumentare la pressione su Westminster creando un clima di paura tra i cittadini britannici. Ha anche esposto i civili britannici alla dolorosa realtà dell’Irlanda del Nord (come ha detto un volontario dell’IRA, “dare agli inglesi un assaggio dei Troubles”). Un altro fattore nella campagna sulla terraferma è stata la riduzione della capacità dell'IRA in Irlanda del Nord. Alla fine del 1973, le forze di sicurezza britanniche avevano il sopravvento nelle Sei Contee. L'esercito britannico, l'Ulster Defense Regiment (UDR) e la Royal Ulster Constabulary (RUC) erano più numerosi, armati di una migliore intelligence e attenti alle tattiche dell'IRA. Per questo motivo, i Provisionals trovarono più difficile attaccare obiettivi militari britannici. Anche i numeri provvisori dell'IRA erano stati impoveriti da morti, defezioni e arresti, mentre le scorte di armi e munizioni del gruppo si stavano riducendo. Ciò ha costretto i comandanti dell'IRA a cercare obiettivi "più morbidi".

La maggior parte degli attacchi sulla terraferma della Provisional IRA sono stati effettuati utilizzando veicoli pieni di esplosivi. Queste autobombe sono state scaricate vicino a obiettivi militari, edifici governativi, infrastrutture o proprietà significative. Quando erano piazzati in aree frequentate da civili, i volontari della Provisional IRA di solito telefonavano per avvisare, dando alla polizia un po' di tempo per sgomberare l'area prima che la bomba esplodesse. Questi avvertimenti non erano sempre efficaci. Alcuni non furono ricevuti dalle autorità competenti fino a pochi minuti prima della detonazione, mentre altri (come le bombe nei pub di Birmingham del novembre 1974) non riuscirono a fornire la posizione esatta. L'uso degli avvisi telefonici da parte dell'IRA ha dato origine anche a migliaia di avvisi falsi, alcuni realizzati dalla stessa Provisional IRA. Di solito era impossibile per le autorità sapere quali avvertimenti fossero autentici e quali fossero falsi allarmi. Alcuni degli attacchi più significativi della campagna sulla terraferma includono:

campagna continentale
I resti dell'allenatore bombardati dall'IRA sull'autostrada M62

L'attentato al pullman M62. Il 4 febbraio 1974 la Provisional IRA fece esplodere una piccola bomba su un pullman (autobus) che viaggiava sull'autostrada M62. L'autobus trasportava soldati britannici e familiari fuori servizio, in viaggio da Manchester alle basi militari nel nord-est dell'Inghilterra. All'insaputa delle persone a bordo, un volontario dell'IRA aveva piazzato una bomba di medie dimensioni nella stiva dei bagagli. La bomba è esplosa vicino a Hartshead, nello Yorkshire, poco dopo mezzanotte, mentre la maggior parte a bordo del pullman dormiva. L'esplosione ha fatto a pezzi il pullman e ha ucciso 12 persone, tra cui nove soldati e due bambini di cinque e due anni. All'epoca fu l'attacco dell'IRA più mortale sul suolo britannico. L'attentato all'M62 ha indignato l'opinione pubblica britannica, i media e il governo, che si è affrettato ad approvare leggi antiterrorismo che consentono la detenzione e la deportazione di sospetti membri dell'IRA. Nessuna persona è stata assicurata alla giustizia per l'attentato all'M62. Judith Ward, una donna inglese con una storia di malattia mentale, confessò nel 1974 e fu incarcerata per 18 anni. È stata rilasciata nel 1992 dopo che una corte d'appello ha ritenuto non sicura la sua condanna.

Gli attentati di Londra. Il 17 giugno 1974 una bomba Provisional dell'IRA esplose nella Westminster Hall del Parlamento, rompendo un tubo del gas e provocando un incendio. Un volontario dell'IRA ha telefonato per avvisare sei minuti prima che la bomba esplodesse, consentendo lo sgombero dell'area. L'avvertimento significava che nessuno è rimasto ucciso, anche se 11 persone sono rimaste gravemente ferite. Esattamente un mese dopo l'IRA fece esplodere due bombe a Londra. Il primo è esploso vicino a un edificio governativo a Balham poco prima dell'alba; ci sono stati notevoli danni materiali ma nessuno è rimasto ferito. Più tardi nel corso della giornata, una bomba è esplosa nella Torre di Londra in una sala espositiva piena di turisti. Una persona è stata uccisa e altre 40 sono rimaste ferite, alcune hanno perso gli arti. Questi attentati hanno portato a una maggiore sicurezza e sorveglianza nei punti di riferimento di Londra, nonché a una revisione dei protocolli di polizia, emergenza e smaltimento delle bombe. La Provisional IRA continuò a colpire obiettivi di alto profilo nel 1975, bombardando Oxford Street (28 agosto, sette feriti), l'Hilton di Londra (5 settembre, due morti e 63 feriti) e Connaught Square (3 novembre, tre feriti).

campagna continentale
Gerry Conlon, un membro dei Guildford Four, dopo il suo rilascio dalla prigione

Gli attentati ai pub di Guildford e Birmingham. I pub frequentati dai soldati erano un altro obiettivo preferito della Provisional IRA. Il 5 ottobre 1974 i volontari dell'IRA fecero esplodere bombe di gelignite nel Cavallo e sposo e Seven Stars, due pub a Guildford, a circa 25 miglia a sud-ovest di Londra. La prima di queste esplosioni uccise cinque persone, quattro delle quali militari, e ne ferì altre 65. Gli attentati di Guildford sono noti per l'errore giudiziario che ne seguì. Nel dicembre 1974 la polizia britannica arrestò 11 persone, tra cui Gerry Conlon e Paul Hill, due giovani in visita a Londra da Belfast. I "Guildford Four" e i "Maguire Seven", come divennero noti, furono interrogati, accusati e condannati per gli attentati di Guildford. Sono stati condannati a pene detentive che vanno da quattro anni all'ergastolo. Un'indagine alla fine degli anni '1980 rivelò che la polizia aveva usato violenza e intimidazione per estorcere confessioni, oltre a sopprimere prove cruciali. Conlon, Hill e altri ancora in prigione furono rilasciati nel 1989, dopo aver scontato 15 anni per un crimine che non avevano commesso. Il padre di Conlon, Patrick "Giuseppe" Conlon, è morto in prigione, cinque anni dopo essere stato ingiustamente condannato. Le loro storie sono state rappresentate nel film Nel Nome del Padre, con Daniel Day-Lewis nel ruolo di Conlon.

campagna continentale
L'interno del pub Mulberry Bush a Birmingham dopo il bombardamento 1974

Mentre la polizia dava la caccia agli autori dell'attentato di Guildford, a Birmingham, la seconda città più grande dell'Inghilterra, si è verificato un attacco dell'IRA ancora più mortale. Il 21 novembre 1974 bombe attivate dal timer furono piazzate in due pub nel centro di Birmingham, il Cespuglio di gelso e la Taverna in città. Cespuglio di gelso La bomba è esplosa alle 8.17:XNUMX, uccidendo dieci persone. Dieci minuti dopo, nelle vicinanze Taverna in città è stato fatto a pezzi da un'esplosione, uccidendo altre 11 persone. Più di 180 persone sono rimaste ferite, alcune in modo grave. La maggior parte dei morti e dei feriti erano civili di età inferiore ai 30 anni. Le esplosioni furono così potenti da distruggere un autobus che passava nelle vicinanze. Il bombardamento di due pub del centro città, pieni di giovani civili estranei ai militari, è stato accolto con indignazione. La leadership provvisoria dell'IRA ha negato ogni responsabilità per gli attentati ai pub di Birmingham, sostenendo che un attacco contro un obiettivo civile con un preavviso inadeguato ha violato le sue linee guida operative. Successive indagini suggerirono che gli attentati di Birmingham fossero stati effettuati da radicali nei ranghi inferiori della Provisional IRA, all'insaputa o all'approvazione dei loro comandanti.

Come nel caso di Guildford, la polizia britannica subì forti pressioni per consegnare gli attentatori di Birmingham alla giustizia. Questa pressione ha portato a un’azione pesante della polizia, a una cattiva gestione delle prove e a un errore giudiziario. Sei uomini di origine irlandese sono stati arrestati mentre viaggiavano da Birmingham a Belfast per partecipare a un funerale dell'IRA. I "Sei di Birmingham", come furono poi conosciuti, furono detenuti per diversi giorni, interrogati, minacciati, picchiati e costretti a firmare confessioni. Nonostante prove scientifiche discutibili e accuse di brutalità da parte della polizia, i sei sono stati accusati, giudicati colpevoli e condannati a un totale di 126 ergastoli. Come i Guildford Four, i Birmingham Six furono ingiustamente imprigionati per più di 15 anni. Un appello del 1976 fu respinto da Lord Widgery, autore del rapporto ora screditato la Bloody Sunday. Nel 1980 gli uomini avviarono un'azione civile per aggressione contro la polizia di Birmingham; questo appello è stato respinto da Lord Denning, il quale ha suggerito che una causa civile accolta avrebbe reso insicure le condanne penali. Una campagna mediatica alla fine degli anni '1980, seguita dal rilascio dei Guildford Four, vide i Birmingham Six accogliere un nuovo appello nel 1991. I sei uomini furono infine rilasciati e in seguito ricevettero diversi milioni di sterline a titolo di risarcimento.

Mountbatten
Mountbatten e i suoi due nipoti, uno dei quali è stato ucciso al suo fianco

Assassinations. Oltre agli attentati con autobombe, la Provisional IRA ha compiuto omicidi e tentativi di omicidio contro individui di alto profilo. Nel novembre 1975 alcuni uomini armati uccisero Ross McWhirter fuori dalla sua casa nel Middlesex. McWhirter, co-fondatore di Guinness dei primati, era un critico schietto dell'IRA. Ad un certo punto suggerì la registrazione obbligatoria di tutti gli irlandesi che vivevano in Inghilterra. Nel marzo 1979 Esercito di liberazione nazionale irlandese (INLA) volontari hanno intrappolato un'auto di proprietà di Airey Neave, un parlamentare conservatore e consigliere di Margaret Thatcher. La bomba è esplosa mentre Neave usciva dagli edifici del parlamento a Westminster ed è morto poco dopo. L'assassinio di più alto profilo dei Troubles avvenne cinque mesi dopo, quando la Provisional IRA uccise Lord Louis Mountbatten. Ex governatore generale dell'India, Mountbatten era zio del principe Filippo, duca di Edimburgo, lontano cugino della regina Elisabetta II e mentore di Carlo, principe di Galles. Mountbatten era in vacanza nella contea di Sligo, nella Repubblica d'Irlanda, quando venne ucciso il 27 agosto da una bomba nascosta sul suo peschereccio. L'esplosione uccise anche il nipote quattordicenne di Mountbatten, un'anziana passeggera e un membro dell'equipaggio di 14 anni. Lo stesso giorno in cui Mountbatten fu assassinato, la divisione South Armagh della Provisional IRA tese un'imboscata a un plotone dell'esercito britannico vicino a Warrenpoint, nella contea di Down, uccidendo 15 uomini: l'attacco dell'IRA più mortale contro le forze britanniche dei Troubles.

Bombardamento di Hyde Park
Uomini e cavalli giacevano morti dopo l'attentato del 1982 a Hyde Park

Le 1980s. La Provisional IRA fece esplodere diverse bombe a Londra all'inizio degli anni '1980. Nell'ottobre 1981 una bomba piena di chiodi da sei pollici esplose fuori dalla Chelsea Barracks. L'esplosione e le schegge hanno ucciso due persone, entrambi civili, e ne hanno ferite altre 40, la maggior parte dei quali soldati. Due settimane dopo una bomba dell'IRA fu lasciata in Wimpy's, un famoso hamburger bar in Oxford Street; un tecnico degli esplosivi della polizia stava tentando di disinnescare la bomba quando questa è esplosa, uccidendolo sul colpo. Uno degli attacchi più devastanti della Provisional IRA avvenne il 20 luglio 1982, quando i suoi bombardieri presero di mira le parate militari a Hyde Park e Regent's Park. La bomba a scheggia di Hyde Park è esplosa durante il cambio della guardia, uccidendo quattro membri della cavalleria domestica e sette dei loro cavalli. Due ore dopo è esplosa anche una bomba nascosta sotto il palco di un'orchestra a Regent's Park, uccidendo sette membri di una banda militare e ferendone dozzine di altri. Entrambe le bombe erano programmate per esplodere durante le cerimonie, per garantire il massimo delle vittime. L'IRA colpì ancora il 17 dicembre 1983, facendo esplodere un'autobomba fuori dai famosi grandi magazzini Harrod's durante il periodo dello shopping natalizio. L'esplosione ha ucciso sei persone (tre agenti di polizia, due civili e un giornalista), ne ha ferite altre 90 e ha causato ingenti danni materiali.

bombardamento di Brighton
Danni al bagno di Margaret Thatcher, causati dalla bomba di Brighton del 1984

L'attentato di Brighton Hotel. Il 12 ottobre 1984 la Provisional IRA fece esplodere una bomba al Grand Hotel di Brighton. L'hotel ospitava una conferenza del partito conservatore alla quale partecipavano il primo ministro Margaret Thatcher, diversi ministri del governo e decine di parlamentari. La bomba, costruita con gelignite fatta esplodere da un timer avanzato, è stata piazzata sotto una vasca da bagno da un volontario dell'IRA quasi un mese prima della conferenza. L’esplosione uccise cinque persone – un deputato conservatore, due funzionari del partito e due mogli – e ne ferì altre 30. Thatcher, l'obiettivo della bomba, era sveglio quando è esplosa poco prima delle 3 del mattino. Il suo bagno è stato gravemente danneggiato ma lei non è rimasta ferita. Gran parte del Grand Hotel fu distrutta; non sarebbe stato completamente riaperto fino all'agosto 1986. La Thatcher si è rivolta ai media la mattina seguente e ha dichiarato con aria di sfida che "tutti i tentativi di distruggere la democrazia con il terrorismo falliranno". La Provisional IRA ha risposto affermando che "oggi siamo stati sfortunati, ma ricorda, dobbiamo essere fortunati solo una volta, devi essere fortunato sempre". La risposta fredda e determinata della Thatcher all'attentato alla sua vita le valse un notevole sostegno da parte dei media e del pubblico britannici. Paragonando la campagna continentale della Provisional IRA al blitz nazista del 1940-41, il governo Thatcher rimase risoluto e rifiutò di aderire alle richieste dell'IRA.

Il bombardamento della caserma Deal. Dopo l'attentato al Brighton Hotel, per cinque anni non ci furono attacchi significativi dell'IRA in Inghilterra. Il 22 settembre 1989 la Provisional IRA rilanciò la campagna sulla terraferma bombardando una scuola di musica dei Royal Marines a Deal, nel Kent. L'esplosione ha distrutto un edificio di tre piani, uccidendo 11 uomini e ferendone altri 21. Erano tutti musicisti cerimoniali e molti erano apprendisti adolescenti. La Provisional IRA ha rivendicato l'attacco, dichiarando la scuola di musica un legittimo obiettivo militare. L’omicidio di 11 giovani – senza addestramento al combattimento o nella fanteria e senza alcun ruolo militare se non quello di suonare la musica – ha provocato indignazione e condanna. Finora nessuno è stato assicurato alla giustizia per il bombardamento della caserma dei Marines a Deal. L'anno successivo, l'IRA effettuò attacchi contro il personale militare a Wembley (maggio 1990) e Lichfield (giugno 1990) che uccisero due uomini. Nel luglio 1990 i volontari dell'IRA assassinarono Ian Gow, un deputato conservatore che abbracciò una linea dura nei confronti dell'Irlanda del Nord, attaccando regolarmente la Provisional IRA in parlamento e sui media.

bombardamento di Bishopsgate
Devastazione causata dalla massiccia bomba di camion a Bishopsgate, Londra

Le 1990s. La Provisional IRA continuò i suoi attacchi in Inghilterra durante gli anni '1990, effettuando più di 20 attentati o operazioni di sabotaggio. Nel febbraio 1991 i volontari lanciarono tre colpi di mortaio al numero 10 di Downing Street, la residenza ufficiale del primo ministro John Major. I mortai sono stati mal diretti e hanno causato alcuni danni materiali ma nessun ferito grave. L'esplosione di un camionbomba davanti al Baltic Exchange di Londra nell'aprile 1992 uccise tre persone, tra cui una ragazza di 15 anni. Due giovani ragazzi furono uccisi dalle bombe dell'IRA in una strada di Warrington nel marzo 1993, un evento che ispirò il movimento Canzone di mirtilli rossi Zombie. Il mese successivo gli agenti dell'IRA fecero esplodere una bomba al nitrato di ammonio da una tonnellata, nascosta in un camion con cassone ribaltabile, a Bishopsgate, il distretto finanziario di Londra; questa esplosione ha ucciso una persona e ha causato danni alla proprietà per più di 300 sterline. La Provisional IRA ha dichiarato a cessate il fuoco ad agosto 1994 ma ripresero le ostilità 18 mesi dopo, in seguito all'espulsione dello Sinn Fein dai colloqui di pace in corso. Nel febbraio 1996 due civili morirono quando un'altra bomba dell'IRA esplose a Canary Wharf, un centro finanziario nei Docklands di Londra. L'IRA fece esplodere un altro camion bomba in Corporation Street a Manchester nel giugno 1996. Le bombe dei Docklands e di Manchester contenevano fino a 1,500 chilogrammi di esplosivo. In entrambi i casi gli allarmi telefonici anticipati hanno consentito alla polizia di sgombrare l'area e ridurre al minimo le vittime e solo una persona è rimasta uccisa. I danni materiali furono però ingenti. Diversi edifici furono completamente distrutti e il conto per la pulizia e il restauro dei due camion bomba del 1996 si avvicinerebbe al miliardo di sterline.

punti chiave della campagna sulla terraferma ira

1. La campagna continentale era una serie di bombardamenti e attacchi provvisori dell'IRA, condotti su obiettivi in ​​Inghilterra. È stato progettato per creare paura e pressione politica lì.

2. Il primo attacco significativo in Inghilterra fu l'IRA ufficiale nel febbraio 1972, in rappresaglia per Bloody Sunday. Ciò si è rivelato disastroso, uccidendo solo impiegati civili.

3. In 1973 l'IRA provvisoria ha inviato agenti 11 per far esplodere diverse autobombe a Londra. In seguito furono catturati. I loro attacchi si intensificarono con diversi attentati nei pub in 1974.

4. La campagna sulla terraferma avrebbe causato la morte di 175 e includeva attentati dinamitardi su basi militari e aree commerciali, omicidi di personaggi politici e atti di sabotaggio.

5. Gli ultimi attacchi significativi si sono verificati in 1996, dopo il crollo del cessate il fuoco di 1994, quando agenti dell'IRA hanno fatto esplodere due grandi bombe di camion a Londra e Manchester.


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Rebekah Poole e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
R. Poole e J. Llewellyn, “The Provisional IRA's mainland campaign”, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/northernireland/ira-mainland-campaign/