Bloody Sunday 1972

domenica sanguinosa
Un murale di Derry, dipinto nel 1997 per celebrare il 25 ° anniversario di Bloody Sunday

"Bloody Sunday" si riferisce alla sparatoria mortale di 14 civili da parte di paracadutisti britannici durante una marcia per i diritti civili a Derry il 30 gennaio 1972. Nessun singolo atto di violenza durante i Troubles ha acceso più controversie. Una prima inchiesta ha attribuito la colpa delle sparatorie ai piedi di manifestanti e gruppi paramilitari. Una seconda inchiesta, completata nel 2010, ha ribaltato questo risultato, attribuendo responsabilità a soldati e comandanti britannici.

sommario

Il giorno in questione, intorno a 30,000 le persone si erano radunate a Derry per marciare contro la politica di internamento. La Royal Ulster Constabulary (RUC), supportata da paracadutisti britannici, ha contenuto la marcia verso l'area di Bogside.

Lì, per motivi che rimangono controversi, un contingente di soldati ha aperto il fuoco sui manifestanti civili. Questi colpi hanno colpito 27 persone, uccidendone 13 all'istante e una morendo per le ferite settimane dopo. Tutti i morti erano civili, tutti cattolici e sette erano solo adolescenti. 

domenica sanguinosa
Croci per le vittime della Bloody Sunday, portate in cortei commemorativi annuali

Queste morti hanno scosso l'Irlanda del Nord e causato indignazione e protesta in tutto il mondo. Sia il governo britannico che l'esercito britannico hanno giustificato le sparatorie sostenendo che diverse vittime portavano armi. Hanno anche affermato che i paracadutisti britannici erano stati presi di mira dai cecchini nella folla o negli edifici vicini.

Westminster ordinò un'immediata indagine sulle sparatorie. L'indagine è stata supervisionata da Lord Widgery e completata in sole dieci settimane. Il Rapporto Widgery appoggiò l'esercito e scoprì che alcune vittime trasportavano bombe a tubo, un'affermazione smentita da testimoni.

Rabbia per l'internamento

Il contesto di queste proteste era la crescente rabbia cattolica per l'internamento britannico di sospetti volontari paramilitari nell'Irlanda del Nord.

A metà del 1971 il governo unionista dell'Irlanda del Nord, guidato dal primo ministro Brian Faulkner, ha cercato di ridurre la violenza paramilitare repubblicana arrestando i sospetti volontari dell'Irish Republican Army (IRA). Questi sospetti sarebbero stati interrogati e trattenuti senza processo fino a quando la situazione non si fosse allentata. Faulkner attuò l'internamento dopo aver ottenuto l'approvazione riluttante di Westminster.

Nell'agosto 1971, l'esercito britannico lanciò l'operazione Demetrius, arrestando e interrogando 342 sospetti volontari paramilitari repubblicani. Sono stati trattenuti senza accusa né processo e detenuti in campi improvvisati, sotto l'Irlanda del Nord Legge sui poteri speciali. Più tardi, molti internati affermarono di aver ricevuto un trattamento brutale, persino tortuoso durante il loro interrogatorio.

Proteste della NICRA

I cattolici dell'Irlanda del Nord consideravano l'internamento un atto di persecuzione settaria. No Gruppi paramilitari lealisti o gli individui sono stati internati in 1971. Molte persone internate erano attiviste vocali per i diritti civili piuttosto che agenti paramilitari.

La Northern Ireland Civil Rights Association (NICRA) ha risposto all'internamento con una serie di proteste. Nel settembre 1971, gruppi per i diritti civili a Belfast incoraggiarono le famiglie cattoliche a protestare contro l'internamento rifiutandosi di pagare l'affitto o le tariffe alle agenzie governative. Entro la fine del mese, si stima che il 90% delle famiglie cattoliche di Belfast partecipasse allo "sciopero degli affitti", costando alle autorità locali più di 100,000 sterline. 

Il 2 gennaio 1972, la NICRA organizzò una manifestazione anti-internamento a Belfast, sfidando il divieto del governo unionista di marce e parate. Diverse migliaia di persone si sono radunate nel centro della città e hanno marciato lungo la Falls Road; non sono stati ostacolati dalla polizia e la protesta si è conclusa pacificamente.

Un'altra marcia della NICRA, prevista per la fine di gennaio a Derry, ha destato maggiore preoccupazione per la polizia. Con la sua vasta popolazione di cattolici della classe operaia, Derry era un crogiolo del radicalismo repubblicano. Una marcia lì aveva il potenziale per violenze antigovernative e danni alla proprietà. Stormont e i capi della sicurezza britannici hanno permesso alla marcia di Derry di procedere, tuttavia, le barricate hanno contenuto la protesta nelle aree cattoliche della città e lontano dal centro di Derry.

Un contingente dell'esercito britannico, il 1 ° battaglione del reggimento paracadutisti, fu inviato a Derry per ordine del maggiore generale Ford, comandante delle forze britanniche in Irlanda del Nord. Ai paracadutisti fu ordinato di aiutare la RUC a contenere la marcia e ad arrestare i piantagrane.

Il fatidico giorno

domenica sanguinosa
Manifestanti della NICRA a Derry, poco prima delle sparatorie della Bloody Sunday

La marcia anti-internamento è iniziata nel primo pomeriggio del 30 gennaio, quando i manifestanti sono partiti dalla Creggan Estate, alcuni portando lo stendardo della Derry Civil Rights Association.

Le stime del numero di manifestanti variano notevolmente. Secondo la NICRA e altri gruppi per i diritti civili, tra 20,000 e 25,000 persone hanno partecipato alle proteste del 30 gennaio. Fonti governative e il rapporto Widgery hanno affermato che il numero era molto più basso, forse fino a 3,000.

Gli organizzatori della NICRA avevano programmato di marciare attraverso le aree cattoliche prima di fermarsi a Guildhall, l'edificio storico che ospitava il consiglio comunale di Derry, per ascoltare diversi discorsi anti-internamento.

Verso le 3.45:XNUMX, i manifestanti si sono avvicinati a Rossville Street nel Bogside. Lì incontrarono barricate con equipaggio dell'esercito britannico, bloccando la loro strada verso Guildhall Square. Seguendo le istruzioni degli organizzatori della NICRA, la maggior parte dei manifestanti ha proceduto su Rossville Street e Lecky Road per radunarsi al Free Derry Corner.

Iniziano le sparatorie

Un contingente di manifestanti radicali, per lo più giovani maschi, ha preso un'altra strada. Avanzarono su un posto di blocco in William Street, lanciando pietre e altri piccoli proiettili. I soldati dietro questa barricata hanno reagito con gas lacrimogeni e cannone ad acqua, mentre due osservatori sono stati feriti con proiettili di plastica.

Molti eventi da questo momento in poi rimangono controversi. Le prime sparatorie sono avvenute intorno alle 3.55, quando un plotone di soldati ha aperto il fuoco su diversi uomini in un edificio in disuso. I loro colpi hanno colpito due persone: Damien Donaghy, 15 anni, e John Johnston, 59 anni; entrambi sono stati portati in ospedale per il trattamento. Circa dieci minuti dopo, un contingente più numeroso di soldati si trasferì nel Bogside, procedendo lungo William Street e poi in Rossville Street, verso Free Derry Corner.

Secondo la testimonianza resa al tribunale di Widgery, il comando dell'esercito britannico aveva ricevuto segnalazioni di un cecchino dell'IRA attivo nell'area. Di conseguenza, il 1 ° reggimento paracadutisti ricevette il permesso di entrare nell'area.

La situazione è peggiorata rapidamente. I soldati hanno aperto il fuoco intorno alle 4.10. La prima fatalità è stata John "Jackie" Duddy, 17 anni, colpito al petto vicino a un condominio in Rossville Street. Secondo i testimoni Duddy era disarmato e stava scappando dai soldati che avanzavano. Un prete locale, padre Edward Daly, era vicino a Duddy quando è stato colpito ed è rimasto al suo fianco. Fotografie e filmati di Daly che dà a Duddy gli ultimi riti, poi guida un gruppo di uomini che trasportano il suo corpo, sono potenti reliquie visive di Bloody Sunday.

domenica sanguinosa
Padre Edward Daly dà a Jackie Duddy, un bambino di 17, gli ultimi riti

“Non sparare! Non sparare! "

Secondo le prove dell'esercito britannico, le riprese sono proseguite per quasi 30 minuti. Durante questo periodo, i soldati 21 hanno sparato colpi 108. La maggior parte delle riprese è avvenuta in quattro aree: intorno agli appartamenti di Rossville Street, sulla stessa Rossville Street e vicino a due aree residenziali, Glenfada Park e Abbey Park. 

Quando le riprese si sono concluse intorno alle 4.40:27, 13 persone erano state colpite da colpi di arma da fuoco, 22 delle quali fatalmente. Almeno sette dei morti sono stati colpiti da dietro. Una vittima, il 35enne James Wray, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a distanza ravvicinata dopo essere stato reso invalido da un colpo alle gambe; i testimoni hanno affermato che Wray stava chiedendo assistenza quando è arrivato il colpo mortale. Gerald McKinney, 17 anni, è stato ucciso andando in aiuto del ferito a morte Gerald Donaghey, XNUMX anni. Testimoni in seguito hanno testimoniato che McKinney teneva le braccia alzate e gridava: “Non sparare! Non sparare! " quando un proiettile gli ha squarciato il busto.

Un altro uomo, William McKinney, 26 anni, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco quando è andato ad assistere Gerald McKinney. Altri due uomini - William Nash, 19 anni, e Bernard McGuigan, 41 anni - sono stati uccisi mentre andavano in soccorso di feriti. McGuigan è stato colpito alla testa da dietro mentre agitava un fazzoletto bianco.

Il bilancio delle vittime di Bloody Sunday salì a 14 nel giugno 1972 quando John Johnson, il primo ad essere colpito, morì per complicazioni dovute alle ferite. Tra i feriti c'erano altri quattro adolescenti, inclusa la diciottenne Alana Burke, il cui bacino è stato schiacciato quando è stata investita da un veicolo militare britannico.

La risposta del pubblico

domenica sanguinosa
Una mappa delle sparatorie di Bloody Sunday, come determinato dal tribunale di Widgery

La notizia delle sparatorie di Derry è stata trasmessa in tutta l'Irlanda del Nord, la Gran Bretagna e il resto del mondo. The Guardian's Simon Winchester ha descritto le sparatorie come il culmine di una "tragica e inevitabile situazione di Doomsday che è stata universalmente prevista per l'Irlanda del Nord". Un editoriale in The Times ha suggerito che "la terribile giornata di lavoro" avrebbe portato l'Irlanda del Nord a "una condizione finalmente ingovernabile".

La stampa repubblicana e di sinistra ha dichiarato Bloody Sunday un atto di terrore approvato dallo stato. "Questo è stato un omicidio", gridava la prima pagina del Attivista, un giornale socialista britannico. La Repubblica d'Irlanda ha reagito con forza, richiamando il suo ambasciatore in Gran Bretagna e chiedendo la fine dell'internamento e delle “vessazioni” dei cattolici nell'Irlanda del Nord. 

La ripartizione delle colpe seguì rapidamente. Il 31 gennaio il ministro dell'Interno britannico Reginald Maudling si è rivolto al parlamento e ha affermato che i soldati avevano “risposto al fuoco diretto contro di loro con colpi mirati… su coloro che li stavano attaccando con armi da fuoco e con bombe”. La parlamentare nazionalista Bernadette Devlin - che era stata presente a Derry e aveva assistito in prima persona agli eventi - ha definito Maudling un "ipocrita assassino", ha attraversato la Camera dei Comuni e gli ha dato un pugno in faccia.

Il 2 febbraio, una folla indignata di migliaia di persone è avanzata verso l'ambasciata britannica a Dublino e l'ha rasa al suolo.

domenica sanguinosa
La deputata nazionalista Bernadette Devlin, che ha assistito alla violenza nella Bloody Sunday

Il Widgery 'whitewash'

Nonostante le sue affermazioni, le sparatorie erano giustificate, il governo britannico si è impegnato a indagare sugli eventi del 30 gennaio. Il governo ha affidato questo compito a John Widgery, un giurista di carriera che aveva supervisionato diverse indagini. La sua nomina è stata subito criticata. Alcuni hanno messo in dubbio la capacità di Widgery di agire in modo imparziale: era un inglese senza alcuna conoscenza speciale dell'Ulster, un ex ufficiale dell'esercito, un pari a vita e un conservatore politico.

domenica sanguinosa
Il barone Widgery, che ha curato la controversa prima inchiesta sulla Bloody Sunday

La maggior parte dei commentatori considera l'indagine di Widgery un fallimento, se non un imbroglio. L'indagine ha tenuto solo tre settimane di udienze a Coleraine e Widgery ha presentato il suo rapporto finale dopo sole 11 settimane.

Sebbene formulato in termini prudenti, il rapporto di 45 pagine ha esonerato i soldati da qualsiasi illecito criminale. Il fuoco dei paracadutisti aveva "rasentato gli sconsiderati", ha scoperto Widgery, ma "non c'è stato alcun fallimento generale nella disciplina". I soldati hanno agito in linea con la loro comprensione degli ordini impartiti e delle regole del combattimento, ha detto.

Widgery ha dato gran parte della colpa alla NICRA e ai partiti non identificati che credeva fossero stati licenziati o minacciati i soldati. Nonostante la mancanza di prove conclusive, il rapporto implicava che alcune delle vittime avevano usato o trasportato armi o esplosivi improvvisati.

Le relazioni andarono in frantumi

Se Bloody Sunday ha messo un paletto nel cuore delle relazioni nazionaliste britanniche, il Widgery Report, compilato in tutta fretta e unilaterale, ha fornito il colpo di martello finale.

Il rapporto tra i cattolici britannici e dell'Irlanda del Nord era ormai irrimediabilmente infranto. Il diplomatico britannico John Peck scrisse in seguito che le sparatorie "hanno scatenato un'ondata di furia ed esasperazione ... l'odio per gli inglesi era intenso". Bloody Sunday ha contribuito a trasformare i nazionalisti moderati in repubblicani, i pacifisti in militanti, i politicamente ambivalenti in intenzionalmente oltraggiati.

Secondo padre Edward Daly, "le persone che erano lì quel giorno e che hanno visto l'accaduto ne erano assolutamente infuriate e volevano solo cercare una sorta di vendetta ... molti giovani che [più tardi] ho visitato in prigione mi hanno detto abbastanza esplicitamente che loro non sarebbero mai stati coinvolti nell'IRA se non per quello che avevano assistito o sentito accadere in Bloody Sunday ”.

La migliore prova di ciò può essere trovata nel livello di violenza che ha seguito le sparatorie a Derry. Un totale di 476 persone furono uccise nel 1972, comprese le vittime di Bloody Sunday.

Le scuse britanniche

Il rapporto Widgery è rimasto la posizione ufficiale del governo britannico su Bloody Sunday per più di 25 anni. Nel 1998 primo ministro Tony Blair ordinato una seconda indagine nelle sparatorie. Questa inchiesta è stata supervisionata dal barone Saville, un giudice della Corte suprema britannica.

L'indagine di Saville è iniziata nel 2000 ed è durata quasi un decennio, in contrasto con le 11 settimane dell'indagine Widgery. Le udienze pubbliche e a porte chiuse hanno ascoltato le prove di centinaia di persone, inclusi soldati, vittime, testimoni oculari, politici e leader nazionalisti.

Il rapporto di Saville, pubblicato nel giugno 2010, ha rilevato che "la responsabilità immediata" per le morti di Bloody Sunday ricadeva sui soldati britannici e sul loro "fuoco ingiustificato". I nazionalisti dell'Irlanda del Nord hanno salutato il rapporto Saville come una rivendicazione della loro posizione, mentre unionisti e conservatori britannici hanno attaccato il rapporto come un esercizio politico.

scuse sanguinose di domenica
Le folle di Derry guardano il Primo Ministro inglese scusarsi per la Bloody Sunday

Giorni dopo la pubblicazione del rapporto, il primo ministro britannico David Cameron si è scusato con le vittime della Bloody Sunday, a nome del governo britannico.

Sanguinosa domenica punti chiave 1972

1. Bloody Sunday è un nome dato alle riprese di civili 27 da parte di soldati britannici a Derry il 30th 1972 di gennaio. Di quei colpi, 14 è stato ucciso o è morto a causa delle loro ferite.

2. Le sparatorie sono avvenute durante una marcia anti-internamento organizzata dalla NICRA. Alla marcia hanno partecipato diverse migliaia di persone e sono state sottoposte a rigide restrizioni e attività di polizia.

3. La maggior parte delle sparatorie ha avuto luogo dopo che i paracadutisti britannici sono entrati nelle aree cattoliche di Derry, in risposta a notizie di incendi da cecchino.

4. Le notizie e le immagini delle sparatorie hanno suscitato indignazione in Irlanda e nel mondo. Il governo britannico rispose affermando che i soldati avevano risposto agli attacchi.

5. Un'indagine del governo, completata in fretta nelle settimane 11 dal giudice John Widgery, ha esonerato i soldati e insinuato che le vittime trasportavano armi o esplosivi.

Sanguinosa domenica fonti 1972

BBC News: Soldati aprono il fuoco sui manifestanti a Derry, uccidendo 13 (gennaio 1972)
Un fotografo francese ricorda gli eventi di 'Bloody Sunday' (gennaio 1972)
Alana Burke ricorda gli eventi di Bloody Sunday (gennaio 1972)
Il guardianoL'editoriale post-Bloody Sunday (gennaio 1972)
The Widgery Report on the Bloody Sunday shootings (April 1972)
Di Thomas Kinsella Dozzina del macellaio: una poesia su Bloody Sunday (1972)
L'esercito britannico impartisce nuove istruzioni sull'apertura del fuoco senza preavviso (marzo 1973)
Tony Blair annuncia una nuova inchiesta su Bloody Sunday 1972 (gennaio 1998)
Il volontario della NICRA Charlie Morrison riflette sugli eventi di Bloody Sunday (2002)
Il primo ministro britannico David Cameron si scusa per la Bloody Sunday (giugno 2010)
Domenica di sangue (Film 2012)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Bloody Sunday 1972"
Autori: Rebekah Poole, Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/bloody-sunday-1972/
Data di pubblicazione: Luglio 30, 2020
Data di accesso: 25 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.