Estratti dalle leggi penali (1695-1745)

Le leggi penali erano diverse leggi introdotte in Irlanda durante l'ascesa protestante. Sono stati progettati per mantenere il controllo e il dominio protestanti negando ai cattolici irlandesi la libertà religiosa, l'istruzione e la rappresentanza politica:

Da un atto per trattenere l'istruzione straniera, 1695:

"Considerando che è stato scoperto dall'esperienza che tollerare ai papisti [cattolici] che tengono la scuola o istruiscono i giovani in letteratura è una grande ragione per cui molti nativi continuano a ignorare i principi della vera religione ... nessuna persona di religione papista [cattolicesimo] insegnerà pubblicamente a scuola o istruirà i giovani ... sotto pena di 20 sterline e la prigione per tre mesi per ogni tale reato ... "

Da un atto per prevenire l'ulteriore crescita della popolazione, 1703:

"Ogni papista sarà impossibilitato ad acquistare terre, o qualsiasi affitto o profitto di terre, o qualsiasi affitto di terre, se non per un periodo non superiore a 31 anni ... Nessun papista erediterà o prenderà altri interessi in terreni di proprietà di un protestante , a meno che il papista non si conformi alla religione protestante entro sei mesi dal momento in cui avrebbe diritto a tali terre ... Tutte le terre possedute da un papista e non vendute durante la sua vita per un corrispettivo prezioso ... discenderanno ... a tutti i suoi figli, condividete e condividete allo stesso modo, e non solo al figlio maggiore, e ai figli mancanti, a tutte le sue figlie ".

Da una legge per una migliore regolamentazione delle elezioni dei membri del Parlamento, 1745:

"Ogni freeholder prima di votare, se richiesto da uno dei candidati o da un altro elettore, deve prestare un giuramento, che include la seguente lingua:" Non sono un papista, o sposato con un papista, né istruisco, o soffro di essere istruito, uno dei miei figli di età inferiore ai 14 anni nella religione papista ".