La lunga guerra dell'Irlanda del Nord

lunga guerra
Un poster provvisorio dell'IRA, che richiama gli eventi del 1916

In 1970 l' IRA provvisorio iniziò a reclutare, addestrare e attrezzare per una guerriglia contro le truppe britanniche nell'Irlanda del Nord. Aveva tre obiettivi: rendere ingovernabile l’Irlanda del Nord; portare il governo unionista sull’orlo del collasso; e per forzare il ritiro britannico dalle Sei Contee. I comandanti militari britannici cercarono di allentare le tensioni e privare di sostegno la Provisional IRA stringendo relazioni amichevoli con le comunità cattoliche. Invece, l'uso da parte dell'esercito britannico di internamento, perquisizioni e coprifuoco hanno causato il deterioramento dei suoi rapporti con i cattolici. Con il peggioramento della situazione, la Provisional IRA ottenne più armi e reclute. Nel 1971, i Provos furono in grado di organizzare una campagna sostenuta contro obiettivi britannici e lealisti. Questa campagna, che durò fino a due cessate il fuoco a metà degli anni '1990, era conosciuta dai volontari dell'IRA provvisoria come la "Lunga Guerra".

Per scacciare gli inglesi dall'Irlanda del Nord

Questa lunga guerra iniziò con un aumento dei disordini e della violenza settaria nel gennaio 1971. Il 3 febbraio i soldati britannici fecero irruzione in diverse dozzine di case nelle zone cattoliche di Belfast, innescando rivolte e scontri a fuoco. Tre giorni dopo un cecchino dell'IRA di nome Billy Reid uccise Robert Curtis, un soldato britannico di 20 anni che pattugliava vicino a New Lodge Road a Belfast. Curtis fu il primo di quasi 300 membri dell'esercito britannico uccisi durante i Troubles. La sua morte scatenò un'ondata di violenza contro obiettivi britannici. Il 9 febbraio cinque operai della British Broadcasting Corporation (BBC) sono stati uccisi da una mina dell'IRA nella contea di Tyrone. Altri due soldati britannici sono morti a febbraio, insieme a due membri della Royal Ulster Constabulary (RUC). Gli attacchi aumentarono rapidamente nell'agosto 1971, sulla scia dell'operazione Demetrius e dell'internamento di sospetti repubblicani. Alla fine del 1971, in Irlanda del Nord erano stati uccisi un totale di 60 membri del personale di sicurezza britannico.

Il peggio doveva ancora venire. Gli attacchi della Provisional IRA si intensificarono all'inizio del 1972, in risposta alla crisi Sparatorie di domenica sanguinosa e il governo britannico è unilaterale Rapporto Widgery. I soldati britannici di pattuglia venivano regolarmente presi di mira da colpi di arma da fuoco o da cecchini nascosti nelle aree urbane. Anche la Provisional IRA ha fatto un uso prolifico di esplosivi. Le bombe sono state lanciate contro edifici, posti di blocco e altri obiettivi fissi. Le auto appartenenti a obiettivi britannici o lealisti erano dotate di trappole esplosive con cariche che esplodevano all'accensione o al movimento. Le auto abbandonate sono state caricate di esplosivo e fatte esplodere mentre venivano sorpassate o ispezionate dai soldati. Il 20 marzo la Provisional IRA ha fatto esplodere una grande autobomba in Donegall Street, Belfast. L'esplosione ha ucciso sette persone (due ufficiali della RUC, un soldato fuori servizio e quattro civili) e ne ha ferite quasi altre 150, alcune in modo grave. Gli attacchi dell’IRA continuarono e l’Irlanda del Nord precipitò nell’anarchia omicida.

1972: l'anno più mortale dei Troubles

lunga guerra
I soldati portano via un corpo dopo un attentato al ristorante nel marzo 1972

Alla disperata ricerca di una soluzione, gli agenti britannici convinsero la Provisional IRA ad annunciare un cessate il fuoco temporaneo (26 giugno) e a partecipare a colloqui di pace segreti. Il 7 luglio diversi leader della Provisional IRA e del Sinn Fein, tra cui Sean Mac Stíofáin, Gerry Adams e Martin McGuinness - si è recato a Londra per colloqui con il Segretario di Stato dell'Irlanda del Nord William Whitelaw e altri funzionari britannici. L'incontro è stato un disastro. Mac Stíofáin era un negoziatore bellicoso e intransigente che insisteva sul ritiro delle forze di sicurezza britanniche. Whitelaw ha rifiutato di fornire qualsiasi assicurazione politica contraria alla volontà della maggioranza dei nordirlandesi. L'IRA provvisoria pose fine al cessate il fuoco e nelle due settimane successive 13 soldati britannici furono uccisi nell'Ulster. Poi, il 21 luglio, la Provisional IRA ha lanciato un sorprendente attacco a Belfast, facendo esplodere 22 autobombe in meno di 90 minuti. Soprannominati "Bloody Friday", questi attacchi uccisero 11 persone, la maggior parte dei quali civili nelle aree commerciali, e ne ferirono altre 130. Dieci giorni dopo altre tre autobombe, probabilmente piazzate dalla Provisional IRA in risposta all'operazione Motorman, uccisero nove persone a Claudy. , Contea di Londonderry. Un totale di 479 persone sarebbero state uccise nel 1972, l'anno più mortale dei Troubles; più della metà (249) erano civili e più di un quarto (148) erano soldati o poliziotti britannici.

“Se li avessimo provocati abbastanza, se li avessimo attaccati abbastanza, a un certo punto non avrebbero sparato solo a noi, ma alla gente… Dovevano sparare ai civili e noi lo sapevamo. E ci siamo agitati e agitati fino ad arrivare a quella situazione. Dovevamo portare la violenza a un nuovo livello… Avevamo bisogno che l’intera situazione peggiorasse. La cosa è sempre stata pianificata.
Sean O'Hara, volontario dell'IRA

Nella prima fase dei Troubles, i leader provvisori dell'IRA credevano che gli inglesi avrebbero potuto essere costretti a lasciare l'Irlanda del Nord in tempi ragionevolmente brevi. Credevano che Westminster non avesse lo stomaco per una lunga e costosa occupazione del Vietnam del Nord simile a quella vietnamita. La frenesia mediatica seguita alle prime morti britanniche nel 1971 sembrava confermarlo. L’ottimismo della Provisional IRA si rifletteva nei suoi slogan e manifesti dei primi anni ’1970, che promettevano “Victory 1972” e “Victory 1974”. Ciò ha sottovalutato la risolutezza e la capacità di risposta del governo britannico. L'esercito britannico lanciò due missioni per sopprimere l'attività paramilitare repubblicana: l'operazione Demetrius (agosto 1971) e l'operazione Motorman (luglio 1972). Sebbene queste operazioni abbiano avuto le loro difficoltà, sono riuscite a smantellare e indebolire l'IRA, in particolare nelle sue roccaforti di Belfast e Derry. L'esercito britannico ha anche lavorato a stretto contatto con lo Special Branch, l'unità antiterrorismo della RUC, che reclutava informatori, conduceva attività di sorveglianza e raccoglieva informazioni sulle attività paramilitari repubblicane. Armate di migliori informazioni e di ampi poteri di emergenza, le forze di sicurezza potrebbero rispondere meglio alla violenza paramilitare. Migliaia di repubblicani furono arrestati, interrogati e internati o condannati. Queste perdite hanno indebolito la capacità della Provisional IRA di pianificare ed effettuare attacchi contro le forze di sicurezza, in particolare quelle che richiedono uno scontro diretto. Il calo dell'impatto della Provisional IRA si riflette nelle statistiche. Solo nel 148 furono uccisi 1972 membri del personale di sicurezza britannico, ma nel 1975 questa cifra era scesa a soli 35.

Decentramento e cessate il fuoco del 1975

lunga guerra
Quando i numeri dell'IRA furono minacciati, la necessità di segretezza divenne essenziale

La strategia provvisoria dell'IRA cambiò durante la metà degli anni '1970. Mancando i numeri e le attrezzature per grandi assalti contro soldati britannici ben equipaggiati e addestrati, le tattiche provvisorie dell'IRA divennero meno convenzionali e più simili alla guerriglia. Non volendo sostenere pesanti perdite, la Provisional IRA iniziò a decentralizzarsi. I volontari "Provo" iniziarono a operare in piccole cellule, spesso composte solo da due o tre uomini. I leader dell'IRA hanno fornito a queste cellule una quantità limitata di informazioni in modo che i volontari catturati non potessero incriminare o tradire altri. Le missioni e gli assalti furono pianificati per ridurre al minimo il pericolo e consentire una via di fuga ai volontari. Gli attacchi provvisori dell'IRA si sono spostati verso "obiettivi facili" come soldati britannici fuori servizio, ufficiali della RUC e importanti lealisti. Questo cambiamento nelle tattiche dell’IRA produsse un calo delle vittime tra militari e poliziotti, ma le morti civili aumentarono, raggiungendo 191 (1974), 174 (1975) e 207 (1976). Con le forze di sicurezza britanniche in Irlanda del Nord ora al massimo delle loro forze, la Provisional IRA ha avviato la sua azione campagna continentale: bombardamenti e attacchi terroristici contro obiettivi in ​​Inghilterra. La campagna sulla terraferma è continuata per più di 20 anni, ha causato 125 vittime e danni per miliardi di sterline.

Nonostante le sue continue operazioni, alla fine del 1974 la Provisional IRA era in uno stato precario. L'organizzazione era gravemente a corto di soldi, armi e volontari. Il problema era così grave che alcuni storici hanno affermato che i Provisional erano sull'orlo del collasso. Il gruppo dichiarò una tregua di due settimane nel periodo di Natale del 1974 che fu successivamente estesa fino al nuovo anno. Nel febbraio 1975 i leader dell'IRA Billy McKee e Ruairí Ó Brádaigh ha incontrato il Segretario di Stato dell'Irlanda del Nord Merlyn Rees. I due repubblicani accettarono un cessate il fuoco, partendo dal presupposto che gli inglesi avrebbero iniziato un ritiro su vasta scala delle truppe dall'Ulster. Londra, tuttavia, non aveva intenzione di ritirare le sue unità, ma utilizzò il cessate il fuoco per raccogliere informazioni e interrompere il movimento repubblicano. Molti all'interno della Provisional IRA considerarono il 1975 un errore tattico; le divisioni create permisero a Gerry Adams di diventare una figura di spicco all'interno dell'organizzazione. Nel maggio 1975 i volontari provvisori dell'IRA presero nuovamente di mira i soldati britannici e gli ufficiali della RUC.

punti chiave della guerra lunga ira

1. La lunga guerra era un termine provvisorio dell'IRA che descriveva la sua strategia militare durante la metà degli anni '1970. Questo era in contrasto con i primi anni dei Troubles, quando sembrava probabile una rapida vittoria.

2. Gli attacchi dell'IRA contro i soldati britannici iniziarono nel febbraio 1971 e si intensificarono successivamente. Il gruppo credeva che gli inglesi non avessero appetito per un'occupazione lunga e costosa, anche se questo si rivelò sbagliato.

3. L'interruzione dei colloqui segreti nel luglio 1972 ha visto un rapido aumento della violenza dell'IRA, a cominciare da un bombardamento di massa a Belfast (Bloody Friday) che ha ucciso 11 persone, la maggior parte delle quali civili.

4. Il sostegno per l'IRA provvisoria è esploso dopo Bloody Sunday. Un aumento dei volontari ha consentito un'intensificazione della violenza e il 1972 si è rivelato l'anno più mortale dei Troubles.

5. L'IRA provvisoria era molto più debole alla fine del 1974. Nel febbraio 1975 accettò un cessate il fuoco ingannevole e iniziò ad adeguare le sue tattiche, adottando una struttura a piccole cellule, muovendosi verso obiettivi "più morbidi" e avviando una campagna di terrorismo in Inghilterra.

ira lunghe fonti di guerra

Il Libro verde dell'IRA: sicurezza e impegno (1977)
Il Libro verde dell'IRA: il nemico (1977)
Il Libro verde dell'IRA: strategia di guerriglia (1977)
Opuscolo NORAID che chiede donazioni dagli americani (1982)


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Rebekah Poole e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
R. Poole e J. Llewellyn, “Northern Ireland's Long War”, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/northernireland/northern-ireland-long-war/