Il movimento per i diritti civili dell'Irlanda del Nord

diritti civili dell'Irlanda del Nord
Dettaglio da un murale di Derry che raffigura le marce dei diritti civili degli 1960

Le origini dei Troubles iniziano con la lotta per i diritti, l'uguaglianza e il trattamento equo in Ulster. Il movimento per i diritti civili dell'Irlanda del Nord ha preso forma negli anni '1960, ispirato da eventi all'estero e problemi con la stessa Irlanda del Nord.

Cosa sono i diritti civili?

Il termine "diritti civili" comprende una serie di diritti e libertà. Nelle società liberaldemocratiche, tutti gli individui sono considerati uguali sia davanti al governo che alla legge. I cittadini hanno diritto al diritto di voto e di essere rappresentati nel governo; il diritto alla libertà di parola, riunione e un giusto processo; e il diritto alla parità di trattamento, indipendentemente da razza, religione o convinzioni politiche.

Tuttavia, non tutte le società sostengono o proteggono questi diritti. Ciò può portare a discriminazione e segregazione nella politica del governo, nonché a notevoli disuguaglianze in termini di ricchezza, condizioni di vita e fornitura di servizi.

Gli anni '1960 furono un periodo fertile per i movimenti per i diritti civili in tutto il mondo, poiché le persone emarginate e le minoranze razziali lottavano contro il trattamento ingiusto. Questi eventi hanno ispirato la minoranza cattolica dell'Irlanda del Nord a formare il proprio movimento per i diritti civili, per chiedere la fine della discriminazione istituzionale contro i cattolici in Ulster. Le azioni dei manifestanti per i diritti civili dell'Irlanda del Nord, così come le risposte della polizia e degli unionisti ostili, hanno contribuito allo scoppio dei Troubles.

La spinta globale per i diritti

Come accennato, gli 1960 sono stati un periodo di sconvolgimenti sociali e movimenti per i diritti civili in tutto il mondo.

Il più visibile di questi movimenti si è formato negli Stati Uniti. Gli afroamericani rappresentavano circa il 10% della popolazione, ma erano soggetti a leggi discriminatorie, in particolare negli stati meridionali. Gli afroamericani hanno subito la segregazione sociale, il trattamento ingiusto dei tribunali e gli ostacoli alla partecipazione politica, come la registrazione degli elettori.

Il movimento americano per i diritti civili raggiunse l'apice in 1963 quando Martin Luther King si rivolse a un quarto di milione di persone a Washington DC e parlò del suo sogno di uguaglianza razziale. Gli attivisti per i diritti civili negli Stati Uniti hanno adottato una serie di tattiche per forzare le riforme, tra cui istruzione, campagne mediatiche, azioni legali e pressioni, nonché proteste pacifiche come marce e sit-in. La lotta per i diritti civili afroamericani è stata lunga e ardua, ma ha prodotto importanti riforme legislative e ha contribuito a ridurre la discriminazione razziale.

Gli 1960 hanno anche prodotto un crescente movimento per i diritti civili in Sudafrica, dove gli africani neri hanno subito discriminazioni da parte del governo della minoranza bianca e della sua politica di apartheid. Anche gli indigeni in Australia hanno lottato per porre fine alla discriminazione e alla segregazione con una serie di proteste e sfide legali.

Il successo di questi movimenti ha attirato l'attenzione dei cattolici dell'Irlanda del Nord, che da tempo hanno affrontato discriminazioni in molti settori della vita.

Discriminazione sul posto di lavoro

diritti civili dell'Irlanda del Nord
Lavoratori, la maggior parte dei quali protestanti, ad Harland e Wolff, 1911

Uno dei più significativi teatri di disuguaglianza nell'Irlanda del Nord erano i suoi luoghi di lavoro. I cattolici avevano subito politiche di assunzione discriminatorie e condizioni di lavoro sin dai tempi del Partizione. La maggior parte dei grandi datori di lavoro nell'Irlanda del Nord erano di proprietà o controllati da sindacalisti protestanti, che si rifiutavano di assumere cattolici o preferivano altri protestanti.

Questo atteggiamento si basava non solo sul settarismo ma su un senso di proprietà e diritto. Poiché l'Irlanda del Nord aveva industrializzato e approfittato dei suoi legami commerciali con la Gran Bretagna, secondo gli unionisti, i posti di lavoro dovrebbero essere riservati a coloro che sono fedeli alla Gran Bretagna. In 1934, un giornale pro-sindacalista, il Sentinella di Londonderry, ha invitato i lealisti a evitare di impiegare i cattolici, per garantire la perpetuazione del controllo lealista dell'Irlanda del Nord.

Non c'era miglior esempio di discriminazione anti-cattolica del cantiere navale Harland e Wolff, il luogo di nascita del condannato RMS Titanic e uno dei più grandi datori di lavoro di Belfast. Prima del lancio del Titanic nel 1912, solo 400 dei 10,000 dipendenti di Harland e Wolff erano cattolici. Questo rapporto è migliorato dopo la prima guerra mondiale e la partizione, anche se solo leggermente.

La discriminazione si è verificata anche a livelli più alti. Secondo lo storico Tony McAleavy, le posizioni manageriali venivano spesso offerte attraverso l'Orange Protestant Orange o gruppi simili; il risultato fu una mancanza di cattolici irlandesi in posizioni retribuite più alte.

Discriminazione abitativa

diritti civili dell'Irlanda del Nord
Austin Currie (al centro) il giovane deputato che ha protestato contro le allocazioni degli alloggi in 1968

C'era anche una discriminazione anti-cattolica nell'assegnazione degli alloggi. L'Irlanda del Nord del dopoguerra soffrì di gravi carenze di alloggi pubblici. Molte delle case del paese erano state costruite nel secolo precedente e avevano urgente bisogno di ristrutturazione o sostituzione; migliaia di case erano state anche distrutte dai bombardamenti tedeschi durante la seconda guerra mondiale.

La carenza cronica di abitazioni del dopoguerra fu avvertita soprattutto dalle classi lavoratrici in città come Belfast e Derry. Quando sono stati resi disponibili alloggi liberi, questi sono stati assegnati dalle autorità locali. Queste autorità erano quasi sempre dominate dagli unionisti. Di conseguenza, i protestanti hanno spesso ricevuto la preferenza rispetto ai cattolici nell'assegnazione degli alloggi, indipendentemente da altri fattori come le dimensioni della famiglia, le necessità economiche o le posizioni nelle liste di attesa.

Nel giugno 1968, le controversie sull'assegnazione degli alloggi raggiunsero un punto critico quando fu rivelato che una casa a Caledon, nella contea di Tyrone, era stata data a una sola donna protestante alle dipendenze di un politico unionista, prima di diverse grandi famiglie cattoliche. Diversi nazionalisti, tra cui parlamentare dell'Irlanda del Nord Austin Currie, occupò la casa e organizzò un sit-in fino a quando non furono espulsi dal Royal Ulster Constabulary (RUC).

Questa protesta e la copertura mediatica hanno attirato l'attenzione su assegnazioni di alloggi discriminatorie. Ha anche contribuito a galvanizzare gli attivisti per i diritti civili dell'Irlanda del Nord in un movimento coeso.

Segregazione educativa

Anche il sistema educativo dell'Irlanda del Nord era segregato secondo linee religiose. La maggior parte delle scuole statali del paese erano protestanti, mentre i bambini cattolici frequentavano scuole finanziate e gestite dalla chiesa cattolica.

Negli anni '1960, più del 97% degli studenti dell'Irlanda del Nord frequentava scuole segregate (anche oggi questa cifra supera ancora il 90%). Una conseguenza della segregazione nella scuola, nella casa e nel lavoro era che i giovani protestanti e cattolici raramente si mescolavano, socializzavano o si sposavano. Sebbene ci fossero variazioni da luogo a luogo, le scuole protestanti erano generalmente meglio finanziate e attrezzate rispetto alle scuole cattoliche.

La discriminazione educativa si è estesa anche al settore terziario. Nel 1965, il governo dell'Irlanda del Nord annunciò la costruzione della seconda università del paese a Coleraine, in gran parte protestante, piuttosto che nella città più grande ma più cattolica di Derry.

Questi ostacoli all'istruzione superiore significavano che i cattolici erano sottorappresentati in posizioni da colletti bianchi come il servizio civile, la finanza e la legge. Sia la polizia che la magistratura erano anche in larga parte protestanti. Una lamentela comune nella comunità cattolica era che molti ufficiali RUC erano anche membri dell'Orange Order.

Gerrymanders unionisti

diritti civili dell'Irlanda del Nord
Una mappa che mostra il dominio unionista delle elezioni 1965. Per gentile concessione di irishpoliticalmaps.blogspot.com

La discriminazione anti-cattolica si è estesa all'arena politica. Gli unionisti hanno rafforzato la loro presa sul governo nazionale e locale manipolando il modo in cui è stato eletto. Gerrymandering - il tracciamento dei confini elettorali per dividere e ridurre deliberatamente il potere di voto cattolico - era un luogo comune. La legislazione unionista ha anche truccato la franchigia ed escluso i cattolici.

A livello comunale, il franchising (diritto di voto) era legato alla proprietà. Coloro che pagavano i tassi (proprietari di case) avevano il diritto di votare alle elezioni del consiglio locale. Le persone che possedevano più case (proprietari) potevano avere fino a sei voti, mentre a coloro che occupavano abitazioni pubbliche o in affitto (inquilini) non era permesso votare.

Queste restrizioni elettorali favorirono la comunità protestante più ricca e più pagata.

Sottorappresentazione cattolica

I risultati di ciò furono una successione di governi non rappresentativi che erano dominati da unionisti o lealisti, con solo un piccolo numero di parlamentari o consiglieri cattolici.

Negli anni '1960, i cattolici rappresentavano poco più del 35% della popolazione ma occupavano solo il 1968% dei seggi dei consigli locali. Le elezioni municipali del 12 a Derry restituirono 50 consiglieri protestanti e otto consiglieri cattolici, anche se gli elettori cattolici erano più numerosi di quelli protestanti di oltre il 97%. A Belfast, oltre il XNUMX% di tutti i dipendenti del consiglio era protestante.

Questa dominazione unionista del governo ha portato a un trattamento preferenziale per le comunità protestanti. Delle fabbriche sotto contratto con il governo 111 costruite dopo la seconda guerra mondiale, 95 si trovava nelle aree protestanti.

Le riforme di O'Neill

Nel mese di marzo 1963 Terence O'Neill divenne il primo ministro dell'Irlanda del Nord, in sostituzione del visconte Brookeborough di lunga data. O'Neill era un protestante e un unionista per tutta la vita, ma era anche un pragmatico che riconosceva che il settarismo minacciava la sicurezza e il futuro dell'Irlanda del Nord.

Nei primi due anni del suo governo, O'Neill ha cercato di migliorare le relazioni con la Repubblica d'Irlanda, incontrando il Taoiseach. Si è anche mosso verso la riconciliazione con i cattolici dell'Irlanda del Nord, compiendo gesti controversi come visitare un convento. Gli unionisti della linea dura hanno condannato le azioni di O'Neill come traditrici, mentre i nazionalisti hanno condannato O'Neill per non essere andato abbastanza lontano.

Verso la fine degli anni '1960, mentre O'Neill stava lottando su come attuare le riforme in mezzo a queste divisioni politiche, la Gran Bretagna fu immersa in una terribile recessione economica. La recessione ha colpito duramente le industrie dell'Irlanda del Nord; la disoccupazione crebbe rapidamente e la rivalità per i posti di lavoro disponibili divenne feroce.

I cattolici, ovviamente, furono i più colpiti. Costituivano meno del 40 per cento della popolazione ma più del 60 per cento dei disoccupati.

Prendono forma gruppi di diritti civili

In mezzo a questo tumulto, diversi gruppi sono emersi per sfidare l'egemonia unionista e chiedere la fine della discriminazione anticattolica. Tra questi c'erano la Campagna per la giustizia sociale (costituita nel 1964), il Derry Housing Action Committee e il People's Democracy (entrambi formati nel 1968).

L'organizzazione più nota e più visibile, tuttavia, era l'Associazione per i diritti civili dell'Irlanda del Nord. NICRA è stata ufficialmente costituita nel gennaio 1967 come organizzazione ombrello, in rappresentanza di diversi gruppi più piccoli. La NICRA non aveva obiettivi politici espliciti, a parte "un uomo un voto" e l'abrogazione della legislazione discriminatoria. Non ha cercato di porre fine alla partizione o di promuovere un'agenda repubblicana.

All'inizio della sua vita, i membri della NICRA erano principalmente cattolici, anche se non del tutto. La maggior parte dei suoi leader proveniva dalla piccola ma ambiziosa classe media cattolica, tuttavia, i ranghi della NICRA contenevano anche molti protestanti di mentalità liberale che cercavano di porre fine al settarismo e alla discriminazione.

Molti in NICRA hanno tratto ispirazione da attivisti per i diritti civili americani come Martin Luther King. Speravano di provocare un cambiamento attraverso una protesta non violenta. Alcuni membri della NICRA erano tuttavia più radicali e alcuni erano agenti repubblicani. In 1967, l'Irish Republican Army (IRA) ha deciso di infiltrarsi e sfruttare la NICRA per i propri fini. Le connessioni tra i due gruppi non sono chiare e sono oggetto di un ampio dibattito.

Il punto di vista di uno storico:
"Diversi attori nel movimento per i diritti civili dell'Irlanda del Nord sembrano avere empatia con particolari individui nel movimento americano ... Michael Farrell aveva 'un po' di simpatia per John Lewis" e leader più moderati come Austin Currie hanno sottolineato che "per tutti coloro che disegnavano parallelamente a Che Guevara, ce ne furono centinaia che si identificarono con Martin Luther King ». Il radicale Fionnbarra O Dochartaigh di Derry ha ricordato: "Eravamo la sottoclasse… la classe media cattolica potrebbe non essersi identificata con i neri, ma lo abbiamo fatto". Bernadette Devlin McAliskey non solo ha letto del Black Panther Party, è andata negli Stati Uniti e ha incontrato i suoi membri principali ".
Brian Dooley

punti chiave per i diritti civili dell'Irlanda del Nord

1. Dopo la divisione, e in particolare dopo la seconda guerra mondiale, i cattolici nell'Irlanda del Nord hanno subito generazioni di discriminazioni, in particolare in materia di alloggi, voto, rappresentanza politica e occupazione.

2. Questa discriminazione è stata perpetuata dai sindacalisti protestanti, che hanno mantenuto il controllo del governo attraverso diritti di voto ristretti e gerrymandering, nonché consigli locali e luoghi di lavoro.

3. Negli 1960 molti gruppi, ispirati ai leader dei diritti civili e ai movimenti all'estero, come Martin Luther King negli Stati Uniti, chiedevano uguaglianza ed equità per i cattolici nell'Irlanda del Nord.

4. L'elezione di Terence O'Neill nel 1963 prometteva pragmatismo e riconciliazione, ma le disuguaglianze cattolico-protestanti divennero evidenti quando l'Irlanda del Nord fu colpita da una grave recessione economica.

5. Vari gruppi di riforme si sono allineati in 1967 per formare l'Associazione per i diritti civili dell'Irlanda del Nord. NICRA ha guidato la lotta contro la discriminazione alla fine degli 1960. I suoi membri erano per lo più nazionalisti moderati, ma includevano anche protestanti liberali e piante radicali dell'IRA.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il movimento per i diritti civili dell'Irlanda del Nord"
Autori: Rebekah Poole, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/northernireland/northern-ireland-civil-rights-movement/
Data di pubblicazione: 13 Agosto 2020
Data di accesso: October 17, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.