Paramilitari lealisti: UVF e UDA

paramilitari lealisti
Una parata di volontari paramilitari lealisti a Derry

Repubblicani e nazionalisti non avevano il monopolio sull'attività paramilitare durante i Troubles. I lealisti formarono anche gruppi paramilitari per difendere l'unionismo, proteggere le comunità protestanti e rispondere alla violenza repubblicana. Come i repubblicani, gli unionisti dell'Ulster avevano una storia di imbracciare le armi per cause politiche. L'attività paramilitare lealista risale all'inizio del XX secolo, quando i protestanti dell'Ulster minacciarono una guerra civile contro un governo con sede a Dublino. I gruppi paramilitari lealisti si riformarono negli anni '20, in risposta al movimento per i diritti civili e ai crescenti disordini nell'Irlanda del Nord. I due gruppi lealisti più grandi erano l'Ulster Volunteer Force (costituita nel 1960) e l'Ulster Defense Association (costituita nel 1966). Per tre decenni questi gruppi hanno combattuto con Esercito repubblicano irlandese (IRA) e comunità cattoliche – e occasionalmente tra loro. I paramilitari lealisti impiegarono metodi simili all'IRA; i loro membri mostravano livelli comparabili di fanatismo politico, violenza e segretezza. E come nel caso dell’IRA, molte vittime dei gruppi lealisti erano spesso civili coinvolti nel fuoco incrociato o nel momento e nel luogo sbagliati.

I primi volontari dell'Ulster

Il lealismo militante risale al 1912 e all’introduzione dell’Home Rule Bill nel parlamento britannico. L'Home Rule inorridì i protestanti dell'Ulster, che temevano un governo con sede a Dublino dominato da cattolici e nazionalisti. Le comunità protestanti nelle Sei Contee iniziarono a organizzare le proprie milizie civili. Nel 1913 queste milizie si unirono per formare l'Ulster Volunteer Force (UVF). Sotto la guida di Edward Carson e James Craig, l'UVF minacciò la guerra civile se all'Ulster fosse stato imposto un Home Rule dominato dai cattolici. Nell'aprile 1914 l'UVF contrabbandò circa 20,000 fucili tedeschi e milioni di munizioni nell'Irlanda del Nord. L’Home Rule Bill fu approvato nel maggio 1914, infiammando ulteriormente la situazione, ma l’attuazione dell’Home Rule fu accantonata a causa dello scoppio del prima guerra mondiale in agosto. Invece di prendere le armi contro Dublino, migliaia di volontari dell’Ulster si arruolarono per il servizio militare in Europa. Diminuendo il suo numero, l'UVF svanì e alla fine fu smobilitato nel 1919. L'UVF fu rianimato brevemente durante il Guerra d'indipendenza irlandese (1920-22) per rispondere alla violenza dell'IRA nell'Ulster. Molti dei suoi membri entrarono a far parte dell'Ulster Special Constabulary (USC) o "B-Specials".

Gusty Spence, il carismatico comandante militare dell'UVF negli anni '1960
Gusty Spence, il carismatico comandante militare dell'UVF negli anni '1960

La crescita del Movimento cattolico per i diritti civili a metà degli anni '1960 fece rivivere il lealismo militante nell'Irlanda del Nord. Nel 1966 furono formati due gruppi paramilitari: gli Ulster Protestant Volunteers (UPV) e l'Ulster Volunteer Force (UVF). L'UPV era un piccolo gruppo fondamentalista cristiano, guidato dal reverendo Ian Paisley. L'UPV è ricordato soprattutto per aver bombardato diverse centrali elettriche e impianti di approvvigionamento idrico nel marzo e nell'aprile 1969, come protesta contro le politiche riformiste del governo unionista. L'UVF era di maggiore importanza. Questo gruppo si formò nel maggio del 1966, 50 anni dopo Aumento di Pasqua. I lealisti sono stati oltraggiati dalle celebrazioni nazionaliste di questo anniversario e temevano di poter provocare una ripresa dell'attività dell'IRA.

L'UVF è rinata

Una banda di lealisti militanti, a questo punto appena una dozzina, ha deciso di agire. Nell'aprile del 1966 hanno bombardato con il fuoco la Holy Cross Girls 'School, una scuola elementare cattolica di Belfast. Primo ministro dell'Irlanda del Nord Terence O'Neill avrebbe dovuto partecipare a un incontro di riconciliazione cattolico-protestante presso la scuola il giorno successivo. Il 7 maggio i lealisti hanno anche attaccato un pub cattolico in Upper Charleville Street. Il conseguente incendio si è propagato a un edificio vicino e ha ucciso uno dei suoi residenti, un'anziana donna protestante. Il leader di questi attacchi era Gusty Spence, un ex sergente dell'esercito britannico ed eminente uomo duro di Shankill Road. A maggio i leader di 21st UVF hanno rilasciato una dichiarazione:

“Da questo giorno dichiariamo guerra all'esercito repubblicano irlandese e ai suoi gruppi scissionisti. Gli uomini conosciuti dell'IRA saranno giustiziati senza pietà e senza esitazione. Verranno prese misure meno estreme contro chiunque li protegga o li aiuti, ma se persistono nel fornire loro aiuto, verranno adottati metodi più estremi. Avvertiamo solennemente le autorità di non fare più discorsi di pacificazione. Siamo protestanti pesantemente armati dediti a questa causa ".

John Scullion vittima UVF
John Scullion, una delle prime vittime della UVF

Una settimana dopo i membri dell'UVF furono inviati per assassinare Leo Martin, un volontario dell'IRA di Belfast. Quando Martin non fu trovato, uccisero un civile cattolico, John Scullion, che tornava a casa dopo una serata fuori. A giugno l'UVF ha ucciso a colpi di arma da fuoco tre uomini che uscivano da un pub cattolico a Belfast, uccidendone uno. Questi omicidi finirono per definire il settarismo dell'UVF, che troppo spesso non riusciva a distinguere tra paramilitari repubblicani e civili. Come John Scullion, molte vittime furono selezionate a caso perché erano cattoliche o vivevano in zone cattoliche. Nel giugno 1966 il governo dell'Irlanda del Nord dichiarò l'UVF un'organizzazione illegale e arrestò Spence e altri tre. Spence è stato giudicato colpevole di omicidio e condannato all'ergastolo. Vi rimase fino al 1984, salvo una breve fuga nel 1972.

L'UVF riavviò le sue attività militari all'inizio del 1969, sostenendo l'UPV con la sua campagna di bombardamenti. Entrambi cercarono di indebolire il governo O'Neill, che i lealisti più intransigenti consideravano troppo conciliante e amichevole sia con i cattolici che con Dublino. L'UVF era attivo durante il disordini e violenza di agosto 1969, attaccando le comunità cattoliche e distruggendo proprietà. A ottobre un uomo armato lealista ha ucciso a colpi di arma da fuoco un ufficiale della Royal Ulster Constabulary (RUC). Tra agosto e dicembre 1969, i membri dell'UVF organizzarono un'ondata di attentati nella Repubblica d'Irlanda. Questi attacchi includevano il bombardamento di uno studio televisivo, di una stazione di polizia e di infrastrutture.

Alcune delle azioni più mortali e più significative dell'UVF includono:

[espandi titolo=”Attentato al McGurk's Bar”]

paramilitari lealisti
Le vittime vengono aiutate dalle rovine del McGurk's Bar dopo che è stato bombardato dall'UVF

Poco dopo le 8.30:4 del 1971 dicembre 15 una bomba avvolta in carta marrone fu piazzata vicino alla porta del McGurk's Bar, un pub cattolico nel centro di Belfast. La bomba è esplosa poco dopo, indebolendo le fondamenta dell'edificio e provocandone il crollo. L'esplosione e la caduta di detriti hanno ucciso 17 persone e ne hanno ferite altre 50, tutte cattoliche. Tra le vittime c'erano Philomena e Maria McGurk, la moglie e la figlia adolescente del proprietario del bar Patrick McGurk. Rivolgendosi più tardi ai media, Patrick McGurk ha chiesto ai gruppi repubblicani di non reagire. Successivamente è emerso che gli attentatori UVF avevano preso di mira il McGurk's Bar dopo non essere riusciti a ottenere l'accesso a un pub dell'IRA, il loro obiettivo originale. Fu scelto McGurk's, suggerì uno degli attentatori, perché era il pub cattolico più vicino. Questo attentato avvenne in un momento di gravi disordini e violenze settarie nell'Irlanda del Nord: solo nel dicembre 1971 vi furono più di 1977 attentati. L'indagine iniziale della polizia ha rilevato che l'esplosione è stata causata da una bomba provvisoria dell'IRA che è esplosa accidentalmente; questo è stato negato con veemenza dall'IRA e successivamente ritenuto errato. Nel XNUMX il membro dell'UVF Robert Campbell fu accusato e condannato per l'attentato e condannato all'ergastolo.

Fare clic per ascoltare un notiziario della BBC Radio sull'attentato al McGurk's Bar

[/espandere]

[espandi titolo = "Il massacro della band dello show di Miami"]

paramilitari lealisti
La band di Miami

Il 31 luglio 1975 i membri dell'UVF compirono uno degli omicidi più famosi dei Troubles quando attaccarono un minibus vicino a Bushkill, nella contea di Down. All'interno del minibus c'erano membri della Miami Showband, una popolare band di cabaret della Repubblica. Il gruppo stava tornando a casa a Dublino dopo essersi esibito a Banbridge, nella contea di Down. Il loro minibus è stato fermato a un falso posto di blocco allestito dai membri dell'UVF e i membri della band sono stati costretti a stare sul ciglio della strada mentre il "personale militare" controllava il loro veicolo. I due uomini che esaminavano il minibus stavano infatti piazzando una bomba, ma l'ordigno mal preparato è esploso, uccidendo entrambi i volontari. I lealisti sopravvissuti hanno aperto il fuoco sui membri della banda, uccidendo tre uomini. La Miami Showband aveva membri sia cattolici che protestanti, nessuna affiliazione politica e nessun collegamento con i Troubles. Lo storico Martin Dillon afferma che mentre gli uomini armati erano tutti membri dell'UVF, almeno tre appartenevano all'Ulster Defense Regiment (UDR).

[/espandere]

[expand title=”The Shankill Butchers”]Gli Shankill Butchers erano un contingente di serial killer a Belfast negli anni '1970. Sebbene non fossero ufficialmente un'unità dell'UVF, i Macellai erano devoti lealisti e la maggior parte erano membri dell'UVF. Il gruppo è stato reclutato e organizzato da Lenny Murphy, probabilmente nel 1975. Murphy era un piccolo criminale e famigerato delinquente della zona di Shankill Road a Belfast. Cresciuto con un odio patologico verso i cattolici, Murphy usò i Troubles come scusa per la violenza settaria e l'omicidio. Sotto la sua guida, i Macellai uccisero quattro baristi cattolici nel 1975. Probabilmente erano responsabili di altri omicidi irrisolti e atti di violenza. Nel novembre 1975 Murphy e la sua banda rapirono Francis Crossen, 34 anni, dalle strade di Belfast. Crossen fu ricacciato a Shankill, picchiato senza sosta e gli fu tagliata la gola. Tra la fine del 1975 e il 1979, la banda di Murphy uccise almeno 30 persone. La maggior parte erano volontari paramilitari repubblicani o cattolici scelti a caso, anche se alcuni erano protestanti accusati di comportamento traditore. Lo stesso Murphy fu assassinato dalla Provisional IRA nel 1982, non lontano da dove furono gettati i corpi di molte delle sue vittime.

[/espandere]

[espandi titolo = "Il commando della mano rossa"]

paramilitari lealisti
Un murale che commemora il Commando della Mano Rossa

Il Red Hand Commando (RHC) era un gruppo satellite UVF. Esisteva separatamente dall'UVF ma svolgeva spesso missioni per suo conto. Il fondatore di RHC Johnny McKeague era un famigerato odio cattolico, una volta allineato con Ian Paisley. Notoriamente irregolare e segretamente omosessuale, McKeague reclutò giovani lealisti da East Belfast per formare la RHC. Il gruppo deriva il suo nome dal simbolo araldico dell'Ulster. A partire dall'inizio del 1972, la RHC effettuò numerosi attentati e sparatorie nelle aree cattoliche. Ufficialmente l'RHC è stato responsabile di 13 morti, anche se il numero reale è senza dubbio più alto. La maggior parte delle vittime erano civili. Nell'ottobre 1976 i volontari della RHC entrarono in un ospedale di Belfast vestiti da medici e assassinarono il politico dello Sinn Fein Maire Drumm, sparandole mentre giaceva riprendendosi da un intervento chirurgico. L'RHC ha compiuto omicidi di alcuni membri di gruppi lealisti rivali.

[/espandere]

The Ulster Defence Association

“L’UDA si è formata dall’unione di varie associazioni locali nell’estate del 1971 ed è cresciuta rapidamente tanto da poter presto portare nelle strade tre o quattromila uomini in uniforme e in marcia. Sebbene i suoi leader pubblici sostenessero che l’UDA era sulla difensiva, ci furono fin dall’inizio membri che pensarono che la migliore forma di difesa fosse l’attacco. Il pensiero era semplice. I "Taig" avevano già conquistato tre quarti dell'isola nel 1920 e non avrebbero conquistato l'Ulster. L'IRA sta uccidendo i "Prods"; uccideremo i repubblicani; se non riusciamo a trovare i repubblicani uccideremo i cattolici”.
Steve Bruce, storico

L'Ulster Defense Association (UDA) è stata costituita nel 1971 al culmine dei Troubles. Le origini dell'UDA possono essere fatte risalire a un gruppo di allevatori di piccioni della zona di Shankill Road. Arrabbiati per la crescente violenza nazionalista e per lo scioglimento dei "B Specials" nel 1970, questi uomini si unirono per formare una "associazione di difesa" locale. Verso la fine del 1971 molte di queste associazioni si erano unite per formare l'UDA. Nei suoi primi anni, l'UDA era comandata da Charles Harding Smith (come Gusty Spence, un ex soldato britannico). L'UDA crebbe rapidamente e nel 1972 vantava circa 30,000 membri. L'UDA si è presentata come un'organizzazione legittima dedita ad azioni legali (il suo motto era "la legge prima della violenza"). Nonostante ciò, c'erano decine di volontari paramilitari attivi nei ranghi dell'UDA.

A metà del 1972 l'UDA formò un gruppo paramilitare lealista chiamato Ulster Freedom Fighters (UFF). L'UFF era apparentemente un gruppo separato con una propria leadership e organizzazione. In realtà, l'UFF era una copertura per i membri dell'UDA durante operazioni paramilitari o terroristiche. Questa struttura separata ha permesso all'UDA di rimanere legale, sebbene l'UFF sia stata bandita come organizzazione terroristica nel novembre 1973. L'UDA/UFF è stata responsabile di molti incidenti brutali durante i Troubles, tra cui:

[expand title=”Attentato al Benny's Bar”]

Paramilitari lealisti nell'Irlanda del Nord
Benny's Bar dopo l'attacco che ha ucciso due giovani ragazze

Il 31 ottobre 1972 i volontari dell'UFF fecero esplodere un'autobomba fuori dal Benny's Bar, un pub di proprietà cattolica a Sailortown, la zona portuale non settaria di Belfast. L'auto era carica di 45 chilogrammi di esplosivo, parcheggiata davanti al bar e fatta esplodere in prima serata. L'esplosione ha ucciso due ragazze cattoliche, Clare Hughes di quattro anni e Paula Strong di sei anni, che erano vestite da streghe e facevano "dolcetto o scherzetto" lungo Ship Street. Altre 12 persone sono rimaste gravemente ferite, compresi altri bambini che giocavano nelle vicinanze. La bomba ha distrutto anche gran parte del pub e danneggiato diverse case lungo la strada. La morte di due bambini innocenti ha causato orrore e indignazione, eppure l'UDA/UFF ha continuato ad attaccare pub e attività commerciali cattoliche. Solo tre giorni dopo l'attacco al Benny's Bar, i membri dell'UFF hanno attraversato il confine con la Repubblica d'Irlanda e lì hanno bombardato un pub. Il 20 dicembre uomini armati dell'UFF hanno attaccato un altro pub di proprietà cattolica, questa volta a Derry, uccidendo cinque civili.

[/espandere]

[expand title="L'attacco al cimitero di Milltown"]

Paramilitare lealista
Persone in lutto cercano riparo durante l'attacco al cimitero di Milltown

Nel marzo 1988 tre volontari dell'IRA provvisoria furono uccisi da commando britannici a Gibilterra mentre pianificavano un attentato contro il personale britannico lì. Otto giorni dopo si tenne un funerale per i tre a Belfast. Con la tensione già alta, centinaia di persone in lutto, inclusi importanti leader repubblicani Gerry Adams e della gestione della Martin McGuinness – ha seguito il corteo funebre fino al cimitero di Milltown, nel quartiere di Falls Road a Belfast. Mentre le bare venivano abbassate, due granate furono lanciate sulla folla da Michael Stone, un membro dell'UDA che si era infiltrato al funerale. Stone è fuggito verso una vicina autostrada, inseguito da un gruppo di persone in lutto. Mentre correva, Stone lanciò granate e sparò proiettili contro i suoi inseguitori, uccidendone tre. La folla alla fine ha catturato Stone e lo ha picchiato fino a fargli perdere i sensi, prima che gli agenti della Royal Ulster Constabulary (RUC) arrivassero e lo arrestassero. Stone è stato giudicato colpevole degli omicidi di Milltown e di altri tre omicidi e condannato a 684 anni di prigione. Si è discusso molto sul fatto se Stone, un operatore UDA fidato e di successo, abbia effettuato l'attacco come agente libero o con il sostegno dell'UDA. Tre giorni dopo, due caporali dell'esercito britannico furono catturati, picchiati e assassinati dalla Provisional IRA, dopo aver erroneamente attraversato un corteo funebre per una delle vittime di Milltown.

[/espandere]

[expand title="Il massacro dei bookmaker"]

massacro lealista
La scena del massacro dei bookmaker in Ormeau Road

Nel febbraio 1992 due volontari dell'UFF che indossavano passamontagna entrarono nel negozio di scommesse di Sean Graham in Ormeau Road, Belfast. Hanno aperto il fuoco sul negozio affollato, sparando 44 colpi con un fucile d'assalto e una pistola. Cinque persone sono state uccise e altre nove sono rimaste ferite. Erano tutti civili cattolici senza legami noti con l'IRA; la vittima più giovane, James Kennedy, aveva solo 15 anni. I membri dell'UDA in seguito suggerirono che l'attacco fosse una ritorsione per l' attentato a Teebane dell'IRA due settimane prima, che aveva ucciso otto operai edili protestanti. Nessuno è stato arrestato o condannato per l'attacco al negozio di scommesse, anche se due importanti sospettati sono stati uccisi dall'IRA due anni dopo. Nel novembre 1992 l'UFF attaccò un altro negozio di scommesse in una zona cattolica, questa volta in Oldpark Road. Tre persone sono state uccise in questo attacco.

[/espandere]
 

Altri gruppi lealisti

murale lealista
Un murale lealista a Bangor, un'area protestante a nord-est di Belfast

C'erano numerosi gruppi lealisti più piccoli attivi durante i Troubles, alcuni dei quali gruppi frammentati o rami giovani. L'Ulster Resistance si formò alla fine del 1986, alimentata dall'opposizione protestante all'accordo anglo-irlandese. Sostenuta da Ian Paisley e vantando diverse migliaia di membri, la Resistenza dell'Ulster compì rapine in banca e utilizzò i fondi per acquisire un grande deposito di armi dal Medio Oriente e dal Sud Africa. Ha utilizzato queste armi per rifornire l’UVF e l’UFF, piuttosto che svolgere le proprie operazioni. Gli Young Citizen Volunteers (formati nel 1972) e gli Ulster Young Militants (formati nel 1974) erano rispettivamente le ali giovanili dell'UVF e dell'UDA. Entrambi si sono impegnati in atti di vandalismo, sabotaggio e violenza contro i cattolici e le loro proprietà. Secondo le statistiche compilate da Malcolm Sutton, i gruppi paramilitari lealisti furono responsabili di oltre 740 morti durante i tre decenni dei Troubles. L'UVF è stato il gruppo più sanguinoso, effettuando 481 omicidi, mentre l'UDA/UFF è stato responsabile di 260 morti.

punti chiave gruppi paramilitari lealisti

1. La formazione di gruppi paramilitari lealisti risale agli Ulster Volunteers, una milizia armata che resistette al passaggio all'Home Rule nel 1913-14.

2. I paramilitari lealisti sono riemersi nella metà degli 1960 dopo il 50 anniversario della nascita di Pasqua e l'emergere del movimento per i diritti civili.

3. L'Ulster Volunteer Force era guidata da Gusty Spence e si formò nella primavera di 1966 quando lanciò attacchi indiscriminati contro i cattolici.

4. L'Associazione per la difesa dell'Ulster e la sua ala militare, l'Ulster Freedom Fighters, sono emerse nei primi 1970.

5. Questi gruppi hanno attaccato sospetti paramilitari repubblicani, illustri nazionalisti, civili cattolici scelti a caso e occasionalmente a vicenda. I gruppi paramilitari lealisti hanno ucciso più di 740 durante i problemi.

fonti di gruppi paramilitari lealisti

L'UVF richiede la formazione di plotoni volontari (1971)
Lo Sash indossava mio padre (Canzone lealista)
Gli uomini dietro il filo (Canzone lealista, 1972)


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Rebekah Poole e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
R. Poole e J. Llewellyn, “Loyalist paramilitaries: the UVF and UDA”, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/northernireland/loyalist-paramilitaries/