La spartizione dell'Irlanda

spartizione dell'Irlanda
Una vignetta del 1914 del leader unionista Sir Edward Carson che "rapisce" l'Ulster

Per capire i problemi, bisogna capire come l'Irlanda del Nord è diventata un'entità politica separata. Ciò deriva dalla partizione dell'Irlanda in 1920.

La spartizione dell'Irlanda si riferisce alla divisione dell'Irlanda in due parti: una uno stato autonomo e uno uno stato membro della Gran Bretagna. Ciò si è verificato in 1920, dopo anni di pressioni per la Regola interna e il dibattito su come l'Irlanda dovrebbe essere organizzata e governata. A dicembre 1920, quasi due anni dopo Guerra d'indipendenza irlandese, il parlamento britannico ha approvato il Government of Ireland Act. Questa legislazione ha introdotto Home Rule e formalizzato la divisione dell'Irlanda. Home Rule è stata accolta favorevolmente da moderati nazionalisti irlandesi, che hanno cercato il ripristino dell'autogoverno in Irlanda. La regola domestica non è andata abbastanza lontano per i repubblicani più radicali, tuttavia, che volevano l'indipendenza e la libertà dalla sovranità britannica. L'opposizione a Home Rule è stata forte anche in Ulster, in particolare nelle sue sei contee nord-orientali. I sindacalisti protestanti in queste contee si rifiutarono di essere governati da un parlamento nazionalista a Dublino; temevano una nuova ascesa cattolica in cui i protestanti sarebbero stati emarginati, discriminati e forse perseguitati.

Tensioni sulle regole di casa

L'opposizione all'Home Rule si intensificò negli anni prima della prima guerra mondiale. Quando il parlamento britannico iniziò a discutere il terzo Home Rule Bill nel 1912, gli unionisti dell'Ulster minacciarono di prendere le armi piuttosto che sottomettersi al governo di Dublino. Cominciarono a formare e addestrare gruppi paramilitari come i Volontari dell'Ulster e nel marzo 1914 importarono 25,000 fucili, acquistati da intermediari di armi tedeschi. I nazionalisti risposero formando il proprio gruppo paramilitare, i Volontari irlandesi, per proteggere il nuovo governo da una rivolta lealista. L'introduzione dell'Home Rule, a quanto pare, potrebbe portare l'Irlanda in uno stato di guerra civile. L'ultimo Home Rule Act, approvato nel settembre 1914, includeva una valvola di sicurezza. Secondo i suoi termini, le sei contee dominate dai lealisti nell'Ulster dovevano rimanere sotto il dominio britannico per altri sei anni. L'attuazione dell'Home Rule è stata sospesa a causa dello scoppio della prima guerra mondiale. Le tensioni in Irlanda sono state rinviate, ma non allentate. Quando i politici lealisti e nazionalisti si riunirono a Dublino nel 1917-18 per discutere l'Home Rule e il futuro del governo irlandese, le vecchie divisioni riaffiorarono.

spartizione dell'Irlanda
Un cartone animato del primo ministro britannico David Lloyd George e la spartizione dell'Irlanda

Nel dicembre 1920 la Gran Bretagna approvò il quarto Home Rule Bill, formalmente intitolato Government of Ireland Act. Questa legislazione divideva l'Irlanda in due parti costitutive: l'Irlanda del Sud (26 contee) e l'Irlanda del Nord (sei contee). Entrambe le regioni sarebbero domini autonomi della Gran Bretagna, Londra mantenendo il controllo di importanti aree politiche come la difesa, la valuta, gli affari esteri e il commercio. La partizione era sia un compromesso che un'opportunità. Si intendeva implementare l'Home Rule senza incitare gruppi paramilitari lealisti ben armati nell'Ulster. Era considerata una misura temporanea: i termini dell'atto prevedevano la cooperazione, l'unità e, nel tempo, il ricongiungimento. La spartizione dell'Irlanda ha suscitato divisioni e controversie, anche se veniva dibattuta e finalizzata da Westminster. Alcuni politici hanno sostenuto la partizione come un modo per risolvere la crisi settaria irlandese. Altri hanno criticato la partizione per la sua convenienza o inattuabilità. Il ministro del governo britannico Austen Chamberlain lo ha condannato come "un compromesso - e come tutti i compromessi, è illogico e indifendibile".

Una divisione temporanea diventa permanente

La divisione fu implementata ma la riunificazione dell'Irlanda divenne presto un sogno irrealizzabile. Gli eventi degli anni '1920 non fecero che irrigidire i confini e allargare il golfo tra nord e sud. La divisione è stata rifiutata dai repubblicani radicali come lo Sinn Fein e l'Esercito repubblicano irlandese (IRA), che hanno promesso di continuare la sua campagna di violenza contro il dominio britannico. La guerra d'indipendenza irlandese in corso ha assicurato che l'Home Rule non fosse mai implementato nel sud. L'Home Rule Act ha ordinato la formazione di una nuova entità politica chiamata Southern Ireland; avrebbe il proprio parlamento, governo esecutivo e magistratura. Ma l'interruzione della guerra e dell'opposizione da parte dello Sinn Fein e di altri repubblicani significava che questo parlamento non ha mai preparato o approvato leggi. Un'altra creazione dell'Home Rule Act, il Consiglio d'Irlanda, un comitato congiunto per consentire la cooperazione tra Dublino e Belfast, non ha mai visto la luce. L'Home Rule è stato accettato e implementato dagli unionisti dell'Irlanda del Nord. Nel sud, invece, l'Home Rule è morto sulla vite, ignorato e sabotato dai nazionalisti.

spartizione dell'Irlanda
Michael Collins (seduto) firma il Trattato anglo-irlandese, 1922 di dicembre

A luglio 1921 il governo britannico, desideroso di porre fine alla violenza nell'Irlanda del sud, offrì ai nazionalisti una tregua. Una delegazione nazionalista, guidata da Dail Eireann il membro Arthur Griffith e il comandante dell'IRA Michael Collins, si recarono a Londra per negoziare un trattato. Il presidente dell'autoproclamata repubblica irlandese, Eamon de Valera, non ha partecipato ma ha fornito istruzioni alla delegazione. A dicembre 6 1921 Griffith, Collins e gli altri delegati hanno firmato il Trattato anglo-irlandese. Questo accordo ha creato uno Stato libero irlandese nel sud. Ha anche dato alle sei contee dell'Ulster un'opzione per ritirarsi dal trattato. Ma mentre lo Stato libero irlandese ora esisteva legalmente, creava un cuneo tra i nazionalisti irlandesi. Repubblicani come Eamon de Valera vedevano il Trattato come un tradimento, un fallimento nel liberare e unificare tutto il popolo irlandese. Michael Collins, al contrario, lo considerava il primo di diversi passi verso il raggiungimento di tale obiettivo. Quando il Trattato è stato presentato al Dail Eireann scatenò accesi dibattiti e scatenò una divisione nel movimento nazionalista.

La guerra civile irlandese

I dail Ha ratificato in modo restrittivo il Trattato anglo-irlandese, 64 voti contro 57, e ha deciso di formare un nuovo governo provvisorio d'Irlanda. Infuriato, de Valera si è dimesso da presidente. De Valera ha promesso di "continuare a negare il diritto di qualsiasi autorità straniera in Irlanda [o] ammettere che il nostro paese potrebbe essere diviso da tale autorità". I dibattiti sul Trattato hanno anche provocato una scissione sia nello Sinn Fein che nell'IRA. Il 14 aprile 1922 circa 200 membri dell'IRA anti-trattato occuparono Four Courts a Dublino, sperando di incitare uno scontro con la Gran Bretagna che potesse riunire le forze nazionaliste irlandesi. Collins, tuttavia, ha rifiutato di ordinare qualsiasi azione militare contro i manifestanti. La situazione di stallo durò dieci settimane fino a quando Collins, sotto la pressione di Londra, bombardò i tribunali con l'artiglieria. Gli uomini dell'IRA si sono arresi dopo due giorni.

Questo incidente ha innescato combattimenti tra forze anti-trattato e favorevoli in tutta l'Irlanda. Questo conflitto, noto come guerra civile irlandese, durerà dieci mesi. L'IRA ha lanciato una campagna di guerriglia contro le truppe del Free State. Alla fine del 1922 era ovvio che il movimento anti-trattato non avrebbe vinto il conflitto. Ad agosto, lo stesso Michael Collins è morto per mano di assassini anti-Trattato quando la sua auto è stata colpita da un'imboscata e colpita da armi da fuoco nella contea di Cork. Nel gennaio 1923 lo Stato Libero ha eseguito più di 30 IRA anti-Trattato. La cattura o l'uccisione di leader dell'IRA come Todd Andrews, Frank Barrett e Liam Lynch demoralizzò tutte le forze anti-Trattato e portò a un cessate il fuoco il 30 aprile 1923.

Nasce l'Irlanda del Nord

spartizione dell'Irlanda
Un dipinto dell'apertura del parlamento di Stormont, giugno 1921

Anche gli eventi oltre confine nell'Irlanda del Nord hanno contribuito alla permanenza della divisione. Il parlamento dell'Irlanda del Nord è stato convocato per la prima volta a giugno 1921. Fu aperto dal re Giorgio V, che consegnò a fascino accattivante per la riconciliazione tra Londra, Belfast e Dublino. James Craig, un protestante nato a Belfast e membro dell'Orange Order, divenne il primo primo ministro dell'Irlanda del Nord. Il governo di Craig, dominato dagli unionisti, dovette affrontare molti problemi suoi. Le incerte allocazioni finanziarie da parte di Westminster hanno significato che il governo dell'Irlanda del Nord era sempre a corto di denaro, mentre il crollo delle industrie a Belfast e Derry ha spinto la disoccupazione dell'Irlanda del Nord fino a quasi il 20%. Le Sei Contee dovettero anche fare i conti con la crescente violenza settaria, alimentata in larga misura dalla guerra civile nell'Irlanda meridionale. I disordini a Belfast nel 1920-22 uccisero più di 450 persone, mentre più di 20,000 cattolici furono costretti a lasciare le loro case.

Gli eventi nel sud destarono ancora più preoccupazione per Craig e il suo governo. In 1922 l'Irlanda del Sud si è riformata come Free State irlandese, la sua costituzione è stata approvata dal parlamento britannico il 6th di dicembre. Il giorno seguente Belfast ha risposto invocando i suoi diritti ai sensi del Trattato anglo-irlandese. Questa dichiarazione formalizzava la separazione dell'Irlanda del Nord dallo Stato libero irlandese e la nascita dell'Irlanda del Nord:

"Gentilissimo Sovrano, i sudditi più rispettosi e leali di Vostra Maestà, i Senatori e i Comuni dell'Irlanda del Nord si sono riuniti in Parlamento, dopo aver appreso dell'approvazione della Legge sulla costituzione irlandese dello Stato libero (1922), che è l'atto del Parlamento per la ratifica della Articoli dell'Accordo per un Trattato tra Gran Bretagna e Irlanda, fate con questo umile discorso, pregate Vostra Maestà che i poteri del Parlamento e del governo dello Stato libero irlandese non si estendano più all'Irlanda del Nord ".

Il punto di vista di uno storico:
"L'Irlanda del Nord è emersa alla fine del 1920 come un incidente politico - l'opzione meno peggiore di tutti, amata da nessuno ma accettata da un numero sufficiente da entrambe le parti ... Aveva un carattere politico particolare: gli unionisti non erano britannici come gli altri del Regno Unito, ei nazionalisti del Nord non erano irlandesi come nel resto dell'Irlanda… L'insicurezza è impressa in modo indelebile nella psiche politica di entrambe le comunità. Alla fine, siamo soli, uniti alla pari con le stesse persone di cui diffidiamo di più, e innamorati e innamorati dei nostri aspiranti corteggiatori in Gran Bretagna e Repubblica d'Irlanda ".
Feargal Cochrane

partizione dei punti chiave dell'Irlanda

1. La spartizione dell'Irlanda divise l'Irlanda in due parti: l'Irlanda del Sud o lo Stato libero d'Irlanda e l'Irlanda del Nord. È stato ideato dal governo britannico e finalizzato a dicembre 1920.

2. La partizione aveva lo scopo di realizzare l'implementazione pacifica della regola interna in Irlanda. I paramilitari unionisti armati nell'Ulster stavano minacciando di resistere a un governo con sede a Dublino.

3. La partizione creò due domini autonomi: l'Irlanda del Nord (sei contee) e il Sud (contee 26). Doveva essere temporaneo, consentendo una futura riunificazione dell'Irlanda.

4. Il trattato anglo-irlandese, la guerra d'indipendenza irlandese e la guerra civile irlandese hanno solo rafforzato la spartizione e hanno contribuito allo sviluppo separato dell'Irlanda del Nord e del sud.

5. Quando l'Irlanda del Sud si è riformata come Stato libero irlandese nel dicembre 1922, il governo dell'Irlanda del Nord ha esercitato il diritto di separarsi da Dublino ai sensi del Trattato anglo-irlandese.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Partition of Ireland"
Autori: Rebekah Poole, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/northernireland/partition-of-ireland/
Data di pubblicazione: 15 Agosto 2018
Data di accesso: October 07, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.