Alexander Kerensky

Alessandro Kerensky

Alexander Kerensky (1881-1970) è stato un rivoluzionario russo e un politico di convinzioni liberal-socialiste. Negli otto mesi tra febbraio e ottobre 1917, Kerensky fu il leader nazionale più significativo della Russia, servendo come ministro della giustizia, ministro della guerra e Governo provvisorio. Rivoluzione d'ottobre spostò Kerensky dal potere e visse il resto della sua vita in esilio.

vita in anticipo

Kerensky è nato da una famiglia della classe media a Simbirsk, una città sul fiume Volga 600 miglia a est di Mosca. Suo padre, Fyodor, era un insegnante e un amministratore scolastico che avrebbe conosciuto Ilya Ulyanov, il padre di Vladimir Lenin.

In 1900, Kerensky si è trasferito nella capitale per studiare storia e diritto all'Università di San Pietroburgo. Mentre era lì, Kerensky subì l'influenza dei riformisti politici, sia liberali che socialisti. Si laureò in 1904 e sposò Olga Baranovsky, la cui famiglia includeva diversi notabili Socialisti-rivoluzionari

Kerensky si unì agli SR durante la rivoluzione del 1905 e divenne editore del giornale ufficiale del partito. Fu arrestato per aver prodotto letteratura antizarista ed esiliato da San Pietroburgo per diversi mesi.

Avvocato e radicale

Dopo essere tornato nella capitale nel 1906, Kerensky iniziò la pratica legale. Una buona parte della sua attività consisteva nel rappresentare rivoluzionari accusati o vittime della violenza della polizia. L'abilità di Kerensky come avvocato, insieme alle sue simpatie liberal-socialiste, gli hanno portato sia l'attenzione della stampa che l'ammirazione del pubblico.

In 1912, Kerensky è stato coinvolto nelle conseguenze di Massacro del fiume Lena. Ha viaggiato in Siberia per visitare la scena delle sparatorie, intervistare le persone coinvolte e pubblicato condanne per l'incidente. Ciò lo catapultò ulteriormente sotto gli occhi del pubblico. Più tardi quello stesso anno, Kerensky fu eletto alla Quarta Duma, candidandosi al partito socialista moderato Trudovik.

Kerensky divenne uno dei leader de facto del cosiddetto blocco progressista della Duma, usando la sua potente oratoria e la sua acuta conoscenza giuridica per criticare regolarmente il governo. Lo scoppio di prima guerra mondiale intensificato ulteriormente i suoi attacchi alla competenza dello zarismo.

Politico popolare

Kerensky
Kerensky in tournée sul fronte durante il suo periodo come ministro della guerra.

All'inizio di 1917, Kerensky era uno dei membri di più alto profilo della Duma. Le sue potenti visioni liberali, il socialismo liberista e le forti critiche al governo zarista e ai suoi fallimenti lo hanno visto acquisire un grande seguito della classe operaia.

Nel marzo 1917, Kerensky è stato eletto vicepresidente del neo-formato sovietico Pietrogrado, rendendolo l'unico individuo a ricoprire posizioni di alto rango sia nel governo sovietico che in quello provvisorio. Quando i membri del Soviet si lamentarono di un possibile conflitto di interessi, Kerensky pronunciò due discorsi convincenti che discutevano a favore dei legami tra i due corpi; ha vinto il dibattito.

A marzo Kerensky è entrato a far parte del governo provvisorio, diventando il suo primo ministro della giustizia. Era solo socialista a ricoprire una posizione di governo in questo primo governo. In qualità di ministro della giustizia, Kerensky ha sostenuto la liberalizzazione del codice legale russo. La pena di morte è stata abolita, i diritti civili sono stati migliorati, le discriminazioni etniche e religiose sono state rimosse e i prigionieri politici, tra cui numerosi bolscevichi, furono liberati dalla prigione o dall'esilio.

Ministro della guerra

Il destino di Kerensky cambiò irrevocabilmente nel maggio 1917 quando le divisioni sulla politica di guerra del governo provvisorio portarono diversi ministri a dimettersi dal governo. Kerensky fu nominato ministro della Guerra e fu raggiunto nel nuovo governo da altri sei socialisti.

Come i suoi predecessori, Kerensky sostenne il continuo coinvolgimento della Russia nella prima guerra mondiale. Nel giugno 1917, Kerensky ordinò una disastrosa offensiva contro austriaci e tedeschi in Galizia. La leadership incompetente, la mancanza di rifornimenti e il morale povero hanno tutti giocato il caos con l'offensiva, che ha prodotto più di 400,000 vittime russe.

Nonostante questi fallimenti militari, Kerenskij in qualche modo rimase popolare e fidato, forse a causa della sua oratoria. Quando il governo provvisorio è crollato di nuovo in seguito al 'Giorni di luglio', Kerensky è stato scelto per sostituire Georgy Lvov come primo ministro.

Leader nazionale

Ora, tenendo le redini del governo, la risposta di Kerenskij ai disordini di Pietrogrado fu ferma e immediata. Ordinò l'arresto dei leader e degli organizzatori bolscevichi mentre altri, incluso Lenin, furono cacciati in esilio. La retorica e la propaganda anti-bolscevica iniziarono a fluire da Kerenskij e dai suoi colleghi ministri. Ha anche ordinato la reintroduzione della pena di morte nei militari.

Ad agosto, l'autorità di Kerensky è stata contestata dalle azioni di Generale Lavr Kornilov, che Kerensky aveva nominato comandante in capo dell'esercito solo poche settimane prima. Di fronte allo spettro di essere sostituito da una dittatura militare, Kerensky chiese sostegno ai sovietici. Sebbene questo supporto non fosse necessario, ha rivelato la debolezza della posizione di Kerensky, dal momento che non era in grado di chiamare i suoi generali per difendere il governo.

Kerensky ha tentato di ripristinare la sua autorità e ottenere il sostegno popolare con le politiche di sinistra. Nel settembre 1917 dichiarò che la Russia era una repubblica socialista. Giorni dopo, ha riempito il suo gabinetto di ministri socialisti. Tuttavia, rifiutò di dare agli operai di Pietrogrado ciò che volevano veramente, ovvero il ritiro della Russia dalla guerra.

Rivoluzione e rovesciamento

All'inizio di ottobre 1917, Kerensky passò al corto circuito di una rivolta imminente ordinando incursioni negli edifici bolscevichi, per distruggere le loro macchine da stampa e arrestare i loro leader. Questo attacco ha scatenato la formazione del Comitato rivoluzionario militare bolscevico (Milrevcom) e il rovesciamento del governo provvisorio in ottobre 26th.

Kerensky fuggì dal Palazzo d'Inverno poche ore prima che fosse preso d'assalto dalle Guardie Rosse. Il suo governo fu rovesciato con uno spargimento di sangue minimo.

Alexander Kerensky lasciò Pietrogrado e tentò di provocare una controrivoluzione. Ciò si rivelò inutile, tuttavia, e fu costretto a lasciare la Russia. Ha vissuto in Francia fino a 1940, poi brevemente in Australia, prima di emigrare negli Stati Uniti. Ha trascorso i suoi ultimi anni a scrivere, insegnare e tenere lezioni alla Stanford University.

Kerensky

1. Alexander Kerensky è nato nella stessa città di Vladimir Lenin. In seguito ha studiato legge a San Pietroburgo, dove è stato esposto a movimenti politici radicali.

2. Kerensky si unì ai socialisti-rivoluzionari in 1905 e curò il loro giornale. In seguito ha ottenuto l'attenzione pubblica attraverso le sue indagini sul massacro del fiume Lena.

2. Kerensky è stato eletto alla Duma in 1912. Allo scoppio della prima guerra mondiale, era ben noto per i suoi potenti discorsi alla Duma che erano spesso critici dello zarismo.

3. Kerensky è stato ministro della giustizia e poi ministro della guerra nel primo gabinetto del governo provvisorio. È diventato primo ministro quando il governo è crollato nel luglio 1917.

4. Ad agosto, l'autorità di Kerensky è stata contestata da una possibile controrivoluzione militare guidata dal generale Kornilov. Ciò ha rivelato l'impotenza della sua posizione.

5. Kerensky tentò di salvare il governo provvisorio dichiarandolo un governo socialista e reprimendo l'attività bolscevica, tuttavia, ciò servì solo a istigare la rivoluzione di ottobre.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Alexander Kerensky"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/alexander-kerensky/
Data di pubblicazione: 22 Maggio 2016
Data di accesso: 03 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.