The Cheka

Cheka
Un distintivo Cheka, che mostra la "spada e lo scudo" della rivoluzione.

Il Cheka (a volte chiamato Vecheka) era il tanto temuto bolscevico agenzia di sicurezza, costituita per identificare e sradicare le attività controrivoluzionarie. La Cheka viene talvolta definita la "polizia segreta" bolscevica, sebbene la maggior parte dei russi fosse ben consapevole della sua esistenza e delle sue attività.

sommario

Il Cheka si è formato sulla scia del Rivoluzione 1917 di ottobre, come una piccola agenzia per indagare e affrontare le minacce al nuovo regime. Doveva essere la "spada e lo scudo della rivoluzione", difendendo il nuovo regime contro i suoi nemici interni. Il suo primo leader è stato Félix Dzerzinskij.

Mentre l'opposizione al regime bolscevico cresceva attraverso 1918, così pure le dimensioni e il potere della Cheka. Tra 1918 e 1920, la Cheka è passata da un paio di centinaia di investigatori a un colosso burocratico e paramilitare contenente più di agenti 100,000.

Più significativamente, la Cheka operava al di fuori dello stato di diritto. Ha agito di propria iniziativa, ha indagato e arrestato chiunque avesse scelto e non avesse risposto a nessuno. Il Cheka divenne un modello per le agenzie di polizia segrete del 20 secolo negli stati totalitari, incluso il Gestapo (Germania nazista), il Stasi (Germania orientale) e il KGB (Russia sovietica).

Formazione e primi anni

Come gli aspetti più significativi del nuovo regime, la Cheka iniziò con un decreto da Vladimir Lenin e Sovnarkom, datato 19 dicembre 1917. Il decreto ordinava la formazione della "Commissione straordinaria panrussa per la lotta alla controrivoluzione e al sabotaggio". Il nome "Cheka" era una forma abbreviata di Chrezvychainaia Komissiia, il russo per "Commissione straordinaria".

La direttiva della Cheka era di "perseguitare e rompere tutti gli atti di controrivoluzione e sabotaggio in tutta la Russia, non importa quale fosse la loro origine", di "portare davanti al Tribunale Rivoluzionario tutti i controrivoluzionari e sabotatori e di elaborare un piano per combattere loro ", e per" fare solo indagini preliminari, quanto basta per smantellare [atti controrivoluzionari] ". Una settimana dopo, al titolo formale della Cheka fu aggiunta anche la frase "combattere il profitto". 

Il decreto che formava la Cheka era formulato in modo ampio e conteneva poche istruzioni specifiche su come avrebbe dovuto funzionare. Lenin preferì lasciare i dettagli e i metodi operativi della Cheka all'uomo che scelse di guidarla: Felix Dzerzhinksy.

Dzerzhinsky il 'Conte di ferro'

Cheka
Felix Dzerzhinsky, lo spietato bolscevico polacco incaricato della CHEKA

Dzerzhinksy aveva dedicato la sua vita alla causa bolscevica. La sua spietatezza e il suo fanatismo arrivarono a competere con quello di Lenin.

Nata in Polonia nel 1877, la famiglia di Dzerzhinsky era una ricca nobiltà terriera con diritti a un titolo nobiliare. Era un radicale molto improbabile, ma a metà degli anni 1890 Dzerzhinsky era coinvolto marxista gruppi politici nel Baltico. Alla fine si unì alla fazione bolscevica di Lenin nel 1906.

Dzerzhinksy ha trascorso più di un decennio in prigioni e campi di lavoro prima della sua liberazione durante l'amnistia 1917. In testa al Rivoluzione d'ottobre, divenne uno dei luogotenenti più fidati di Lenin.

Secondo Louise Bryant, Dzerzhinsky adorava Lenin ed era "timido, distaccato e profondamente puritano" - ma era anche spietato e spassionato, indurito da anni di abusi e persecuzioni. "Uno sente di non poter né capire né perdonare le debolezze morali degli altri, poiché egli stesso possiede quella devozione fanatica che gli ha permesso di percorrere la strada dura e amara dove portano i suoi ideali", ha scritto Bryant.

Il fanatismo incorruttibile e la durezza di cuore di Dzerzhinsky gli valsero gli epiteti "Iron Felix" e "Iron Count".

L'agenzia cresce

Cheka
Vittime ucraine di CHEKA, 1918 o 1919.

La Cheka divenne l'incarnazione della spietatezza di Dzerzinskij. Dopo aver ricevuto il decreto, Dzerzhinsky iniziò a reclutare agenti della Cheka. Scelse bolscevichi di cui poteva fidarsi per il difficile compito di assicurare la rivoluzione, uomini che non erano né corruttibili né schizzinosi.

All'inizio, la Cheka era piccola e le sue operazioni erano limitate. All'inizio di marzo 1918 c'erano solo 120 Chekisti (agenti Cheka). Aumenta l'attività anti-bolscevica, l'inizio della guerra civile, il fallimento SR a sinistra la rivolta di luglio 1918 e il tentativo di assassinio di Lenin il mese seguente hanno visto crescere esponenzialmente i ranghi della Cheka.

Dato un assegno in bianco virtuale, Dzerzhinsky ha ordinato il reclutamento di migliaia di nuovi agenti. Ha anche organizzato unità paramilitari Cheka. Entro l'autunno di 1918, queste unità contavano i battaglioni 33 e più degli uomini 20,000. Con 1919, la Cheka impiegava più di 100,000 persone ed era una delle agenzie più grandi e meglio finanziate dello stato sovietico.

Senza restrizioni per legge

Durante la sua durata di quattro anni, la Cheka ha effettuato arresti, interrogatori, esecuzioni e campagne interamente di sua iniziativa. Dzerzhinsky era tecnicamente responsabile nei confronti di Sovnarkom ma ha riferito di operazioni Cheka solo dopo che avevano avuto luogo.

Nel 1918 la Cheka entrò in conflitto con il Commissariato di Giustizia, che chiedeva di essere avvisato prima dell'arresto dei sospetti. Questo fece infuriare Dzerzhinsky, che si chiedeva come fosse possibile per lui "schiacciare la controrivoluzione con sottigliezze legali". Lenin modificò successivamente i regolamenti sovietici in modo che la Cheka fosse tenuta a notificare al Commissariato un arresto o un'esecuzione dopo dopo che era successo, piuttosto che prima.

Da quel momento, il Cheka non fu mai limitato dallo stato di diritto o da alcun obbligo di giusto processo o dai diritti degli indagati. I chekisti operavano come investigatori, autorità di arresto, interrogatori, pubblici ministeri, giudici, giurie e carnefici. Con questo libero controllo, gli agenti Cheka sono stati in grado di perseguitare, detenere, torturare ed eseguire sommariamente migliaia di sospetti spie, zaristi, controrivoluzionari, kulaki, commercianti neri e altri "nemici dello stato".

Metodologia brutale

Sebbene i metodi della Cheka si ispirassero a quelli usati dagli Okhrana, le sue dimensioni e la volontà di usare l'omicidio extra-legale superarono entrambe le attività della polizia di sicurezza zarista. Nei suoi primi due anni, la Cheka ha giustiziato 900 persone sospettate di operare sul mercato nero. Altri 600 burocrati sono stati giustiziati per "crimini economici", per lo più accettando tangenti. 

I dati ufficiali del governo suggeriscono che poco più di 12,000 persone furono uccise dai Chekisti nel 1918-20. Alcuni storici suggeriscono che 200,000 o più sono figure più realistiche.

Dzerzhinsky non ha negato né si è ritirato dal ruolo brutale della Cheka, dichiarando che "noi siamo per il terrore organizzato, essendo il terrore assolutamente indispensabile nelle attuali condizioni rivoluzionarie".

Metodi creativi di tortura

Gli agenti CHEKA hanno anche sviluppato mezzi inventivi ma orribili di tortura e tormento psicologico. Li hanno usati per estrarre informazioni o occasionalmente per creare un deterrente pubblico.

I registri scritti di questi metodi non sono stati conservati, quindi sono basati su aneddoti e possono essere soggetti a esagerazione o falsificazione. Secondo lo storico Edward Peters, alcuni dei metodi di tortura impiegati dal CHEKA includevano percosse, bruciature, marchiatura e scalping. Alexander Solzhenitsyn scrive che alcune vittime della Cheka sono state alimentate forzatamente con grandi quantità di pesce salato, ma gli è stato impedito di bere acqua.

Alcuni dei metodi più spaventosi di Cheka sono descritti dallo storico Orlando Figes nel suo libro Una tragedia popolare:

L'ingegnosità dei metodi di tortura della Cheka fu eguagliata solo dall'Inquisizione spagnola. Ogni Cheka locale aveva la sua specialità. A Kharkov, sono entrati per il "trucco del guanto" - bruciando le mani della vittima in acqua bollente fino a quando la pelle coperta di vesciche non poteva essere staccata: questo ha lasciato le vittime con mani sanguinanti e sanguinanti e i loro aguzzini con "guanti umani". La Tsaritsyn Cheka ha segato a metà le ossa delle sue vittime. A Voronezh, hanno fatto rotolare le loro vittime nude in barili tempestati di chiodi. Ad Armavir, hanno schiacciato i loro crani stringendo una cinghia di cuoio con un bullone di ferro intorno alla testa. A Kiev, hanno apposto una gabbia con i topi al busto della vittima e l'hanno riscaldata in modo che i topi infuriati si facessero strada attraverso le budella della vittima nel tentativo di scappare. A Odessa, hanno incatenato le loro vittime su assi e le hanno spinte lentamente in una fornace o in un serbatoio di acqua bollente. Una delle torture invernali preferite era quella di versare acqua sulle vittime nude finché non diventavano statue di ghiaccio viventi.

Polizia non così segreta

La Cheka è spesso descritta come la "polizia segreta bolscevica". In realtà, non tutte le sue operazioni erano segrete o nascoste. L'esistenza e le attività del CHEKA erano ampiamente conosciute e molte delle sue operazioni sono state condotte apertamente e pubblicamente.

Sebbene gli agenti Cheka non avessero un'uniforme standard, molti indossavano lunghi cappotti di pelle e potevano essere facilmente identificati. Tutto ciò fu fatto di proposito: mostrare ai russi che la CHEKA era ovunque e si occupava rapidamente di coloro che tradivano o si opponevano al regime bolscevico.

Alcuni omicidi di Cheka furono eseguiti più per effetto pubblico che per qualsiasi scopo politico. Nel 1918, gli agenti CHEKA apparvero tra il pubblico di un circo di Mosca e iniziarono a sparare dopo che uno dei suoi pagliacci, Bim Bom, si prendeva gioco dei bolscevichi e dei loro leader. Un altro esempio di questo gesto pubblico è stato il famoso ordine di Lenin al Penza Cheka di impiccare almeno 100 uomini, "e di assicurarsi che l'impiccagione avvenga sotto gli occhi del popolo".

Il punto di vista di uno storico:
“Il suo mandato originale era di sradicare i nemici del regime: i controrivoluzionari e sabotatori, agenti nemici e speculatori. In tal modo, spinto dal fervore rivoluzionario e senza restrizioni dalla legge, nel 1922 la Cheka era penetrata praticamente in ogni area della vita nella Russia sovietica. È stato attivo nell'assicurare l'approvvigionamento alimentare, nel mantenimento dei trasporti, nel controllo dell'Armata Rossa e della Marina, nel monitoraggio delle scuole e nel garantire che le industrie continuassero a funzionare e fornire materiale essenziale allo stato. Ha dato la caccia a speculatori e accaparratori, a volte isolando interi quartieri durante le sue massicce operazioni. Circondava villaggi e piccoli contadini che resistevano alle requisizioni forzate di grano, lasciando spesso i contadini rimasti in vita senza abbastanza da mangiare. Ha persino soppresso gli scioperi degli operai, i presunti governanti dello "stato operaio". "
Michele Kort

Cheka

1. Il Cheka era la forza di sicurezza bolscevica o polizia segreta. Fu formato da Vladimir Lenin in un decreto 1917 di dicembre e accusato di identificare e trattare potenziali controrivoluzionari.

2. Il Cheka era guidato da Feliz Dzerzhinsky, un bolscevico di estrazione polacca. Dzerzhinsky era fedele al punto di fanatismo ed era stato indurito da anni di prigionia.

3. Inizialmente molto piccolo con solo un paio di centinaia di agenti, il Cheka è cresciuto rapidamente durante le turbolenze e la crescente opposizione di 1918. In due anni aveva più di dipendenti 100,000.

4. Gli agenti Cheka hanno operato da soli, eseguendo arresti, detenzione ed esecuzioni. Il Cheka non era responsabile nei confronti di giudici o tribunali e non vi era alcuna supervisione legale delle sue operazioni.

5. I Cheka usavano abitualmente violenza e torture extra-legali. Talvolta ciò veniva fatto pubblicamente, al fine di fornire un deterrente a coloro che potevano opporsi al regime.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Cheka"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/cheka/
Data di pubblicazione: 10 Agosto 2019
Data di accesso: 15 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.