Zar Nicola II

Nicholas II

Nicola II (1868-1918) è stato l'ultimo zar della Russia, regnante da novembre 1894 fino al suo rovesciamento a marzo 1917. Insieme alla sua famiglia, è stato arrestato dal Governo provvisorio e poi l' bolscevichi, prima di essere giustiziato a Ekaterinburg nel luglio 1918. Molti storici concordano sul fatto che a Nicholas mancava la capacità o la visione di governare la Russia attraverso le sfide dell'inizio del X secolo X.

Nato a Tsarskoye Selo in 1868, Nicholas era il figlio maggiore di Alessandro III e Maria Feodorovna, una principessa danese. Il padre di Nicholas avrebbe successivamente reimpostato l'autocrazia e l'oppressione politica in Russia dopo l'assassinio di Alessandro II.

In netto contrasto con suo padre, Nicholas era basso, timido e pacato. Era, a tutti gli effetti, un bravo studente di intelligenza superiore alla media ma mancava del portamento, della fiducia e dell'assertività che ci si aspettava dagli zar autocratici. Coloro che hanno incontrato il giovane Tsarevich lo hanno descritto come piacevole e simpatico, ma per il resto irrilevante. 

Nella sua giovinezza, Nicola prestò servizio nella cavalleria imperiale e raggiunse il grado di colonnello. Ha anche avuto l'opportunità di viaggiare ampiamente attraverso l'Europa e l'Asia. In 1891, mentre visitava la città giapponese di Otsu, Nicholas fu attaccato da una guardia del corpo giapponese, che lo colpì alla testa con una sciabola. Questo incidente ha lasciato Nicholas con una visione meno favorevole del Giappone e della sua gente.

Come Tsarevich, Nicholas espresse notoriamente riluttanza a diventare zar, dichiarando che "non ha mai voluto governare". Tuttavia pose la tradizione al di sopra delle sue preoccupazioni personali e salì al trono dopo la morte di Alessandro III nel 1894. In seguito si impegnò a sostenere l'autocrazia lasciata in eredità da suo padre ea preservare la monarchia per suo figlio.

Nicholas aveva diverse qualità ammirevoli. Era un nazionalista che professava un amore per la Russia e la sua gente; aveva un forte senso del dovere e un affetto severo per i contadini. Ma era anche un cieco conservatore, si basava eccessivamente sul consiglio delle élite aristocratiche e dei prelati religiosi e mostrava alcuni oscuri pregiudizi. Probabilmente il peggio di questi era il suo antisemitismo.

Nicholas sostenne che le idee rivoluzionarie erano il prodotto di forze oscure. Nella maggior parte dei casi, ha attribuito un'attività rivoluzionaria agli studenti universitari o ai plotter ebrei. Nicholas era almeno indirettamente responsabile del I protocolli degli Anziani di Sion, la bufala anti-ebraica prodotta e distribuita da agenti dell'Okhrana russa. Nicholas ha anche fornito supporto morale e finanziario a gruppi reazionari e antisemiti come i Black Hundreds.

Nicholas era anche un imperialista che associava l'espansione territoriale al successo e alla gloria. Le sfortunate incursioni in Corea che hanno innescato il Guerra russo-giapponese erano in gran parte le sue azioni, ordinate contro il parere dei suoi ministri e generali.

zar nicola ii

La storiografia convenzionale, impregnata di animosità liberale nei confronti del comunismo, ha spesso descritto Nicholas come una figura patetica: una vittima piuttosto che un fallimento. Era un sovrano debole e miope che è stato minato da una moglie prepotente, una società in transizione e una guerra mondiale che ha fratturato i pilastri dello zarismo.

Uno studio più realistico suggerisce che Nicholas era un leader che era più responsabile del proprio destino di quanto si pensi spesso. Non era in contatto con il suo popolo, ma non più di altri monarchi della sua epoca. All'inizio del suo regno, decise di seguire il padre morto sostenendo e rafforzando la monarchia autocratica. Il suo impegno per questo alla fine ha prodotto il suo destino.

Di fronte ad alcuni lampanti segnali di avvertimento nel 1905 - un'umiliante sconfitta militare, un'economia congelata, violenza politica e un popolo indignato - Nicholas li ignorò tutti, promettendo una riforma nel Manifesto di ottobre ma farlo senza sincerità. Quando ha firmato le leggi fondamentali di aprile 1906, Nicholas avrebbe potuto anche firmare il proprio mandato di morte.

Nicholas II
Alexandra Feodorovna, la zarina russa

Il governo di Nicola fu anche messo in pericolo dalla sua scelta di moglie. Lui e Alexandra erano senza dubbio innamorati, ma le sue opinioni politiche rispecchiavano e rafforzavano solo le sue. Sebbene non avesse esperienza diretta di governo o politica, Alexandra era anche schietta su questioni di stato e i suoi suggerimenti avevano più influenza su Nicholas di quanto avrebbero dovuto.

Inoltre, l'amicizia di Alexandra con Grigori Rasputin sconvolse e minò solo il regime zarista, in particolare nel suo ultimo anno. Sebbene Nicholas fosse più sospettoso di Rasputin e del suo comportamento, permise la presenza continua del guaritore della fede siberiana nella corte reale per placare sua moglie.

Il punto di vista di uno storico:
"[Nicholas] era bello e con gli occhi azzurri ma minuscolo e difficilmente maestoso, e il suo aspetto e le sue maniere immacolate nascondevano un'arroganza sorprendente, il disprezzo per le classi politiche istruite, il feroce antisemitismo e una fede incrollabile nel suo diritto di governare come un sacro autocrate. Era geloso dei suoi ministri e possedeva la sfortunata capacità di rendersi totalmente diffidente dal suo stesso governo. Il suo matrimonio con la principessa Alexandra d'Assia ha solo esacerbato queste qualità ".
Simon Sebag Montefiore

Zar Nicola

1. Nicola II, l'ultimo zar di Russia e figlio di Alessandro III, prese il trono giurando di preservare l'autocrazia.

2. Era intelligente e ben viaggiato, ma mancava sia il comportamento che la lungimiranza per governare in un momento di cambiamento in evoluzione.

3. Era anche religioso, conservatore e pensava che i problemi nel suo regime fossero opera dei cospiratori.

4. La moglie di Nicholas, Alexandra, era una principessa di lingua tedesca. Si sono sposati contro la volontà e il consiglio degli altri.

5. Alexandra era devotamente religiosa e volitiva: la sua associazione con Rasputin e il suo consiglio politico e influenza su Nicholas durante i periodi di crisi contribuirono alla caduta dello zarismo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Tsar Nicholas II"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/nicholas-ii/
Data di pubblicazione: 15 Maggio 2016
Data di accesso: Luglio 01, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.