Nikolai Yudenich

Nikolai Yudenich

Nikolai Yudenich (1862-1933) era un comandante militare zarista prima guerra mondiale. È diventato un importante leader controrivoluzionario durante il Guerra civile russa, comandante Eserciti bianchi nelle regioni nord-occidentali della Russia.

Nato a 1862, Yudenich entrò nell'esercito imperiale subito dopo aver girato 17. Ha ottenuto una commissione e si è laureato presso la General Staff Academy in 1887.

Yudenich fu comandante del reggimento durante la guerra russo-giapponese (1904-5). Fu ferito due volte ma prestò servizio con distinzione in quello che alla fine fu un disastroso conflitto e fu promosso al rango generale in 1905.

Allo scoppio della prima guerra mondiale, Yudenich fu inviato nella regione del Caucaso e incaricato delle operazioni contro l'Impero Ottomano. Dopo un periodo di stallo, le forze di Yudenich sconfissero la Terza Armata ottomana nella battaglia di Erzurum nel luglio 1916.

Yudenich era ancora al comando nel Caucus quando il Rivoluzione di febbraio scoppiato in 1917. Ha avuto un difficile rapporto di lavoro con il Governo provvisorio e il suo ministro della guerra, Alexander Kerensky, che lo ha licenziato a maggio.

Dopo il Rivoluzione d'ottobre, Yudenich fuggì in Finlandia dove si collegò con gruppi controrivoluzionari lì. Alla fine del 1917, era stato scelto per comandare le forze anti-bolsceviche nella Russia nord-occidentale. Ha anche fatto pressioni su delegati di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti per ottenere aiuti militari e finanziari, sebbene con scarso successo.

La grande ambizione di Yudenich era marciare su Pietrogrado, espellere il bolscevichi e riconquistare la città. Con gran parte del Red Army occupata in Siberia e nella Russia meridionale, l'ex capitale era vista come un obiettivo morbido. Yudenich trascorse la maggior parte degli ultimi 1918 e 1919 riunendo un esercito di uomini attorno a 18,000 e ottenendo rifornimenti militari dagli Alleati e Ammiraglio Kolchakle forze di a est.

Yudenich ha lanciato il suo attacco dall'Estonia all'inizio di ottobre. Avanzò rapidamente, conquistando tre importanti città, e arrivò fino alle regioni periferiche di Pietrogrado. Le sue forze non sono riuscite a catturare le ferrovie chiave, tuttavia, il che ha permesso ai bolscevichi di tornare indietro con i rinforzi. Entro la fine di ottobre, l'esercito di Yudenich era stato respinto verso l'Estonia.

Quando i bolscevichi hanno negoziato un trattato con l'Estonia a gennaio 1920, Yudenich ha cercato di fuggire con il paese con ingenti somme di denaro. Fu arrestato ma in seguito rilasciato e gli fu permesso di lasciare il paese. Ha vissuto i suoi giorni in esilio, morendo sulla Costa Azzurra.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Nikolai Yudenich"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/nikolai-yudenich/
Data di pubblicazione: 3 Maggio 2019
Data di accesso: 09 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.