La rivoluzione 1905

The sparatorie di operai che protestavano a San Pietroburgo nel gennaio 1905 scatenò quella che divenne nota come la Rivoluzione del 1905, la prima grande sfida del XX secolo all'autocrazia zarista. Per diversi mesi, lo zarismo si trovò sotto assedio e sotto pressione per introdurre riforme sociali e politiche liberali.

Una rivoluzione spontanea

A differenza di altre rivoluzioni, la rivoluzione 1905 era spontanea, non coordinata e mancava di un singolo movimento o obiettivo guida. Era una serie di azioni rivoluzionarie di diversi gruppi e classi non collegati, ognuno con i propri motivi politici e il proprio insieme di rimostranze.

Sebbene la rivoluzione 1905 abbia avuto inizio nelle città, si diffuse rapidamente in tutto l'impero. Comprendeva ammutinamenti in remote basi navali, rivolte contadine nelle province e disordini per i lavoratori in Siberia.

A metà 1905, questo fervore rivoluzionario aveva raggiunto una tale intensità che il rovesciamento dello zarismo sembrava più probabile che no. Tuttavia lo zarismo è stato in grado di sopravvivere, in parte a causa delle promesse di riforma liberale e in parte perché le forze rivoluzionarie mancavano di leadership, coesione e un obiettivo comune.

"Bloody Nicholas"

Nicola II non era nel Palazzo d'Inverno quando i lavoratori di Putilov furono fucilati sul cortile esterno. Nonostante ciò, ha sostenuto le azioni delle sue truppe e ha rifiutato di sanzionarle. Questo intensificò il sentimento anti-zarista e alimentò più disordini, con molti che condannarono lo zar come "Bloody Nicholas".

C'erano preoccupazioni significative riguardo alla sicurezza personale della famiglia reale. Queste paure erano giustificate il 17 di febbraio quando Granduca Sergei Alexandrovich, zio e cognato dello zar e ex governatore di Mosca, è stato assassinato al Cremlino. L'omicidio è stato compiuto da un membro del Socialista-Rivoluzionario (SR) braccio terrorista del partito. Una potente bomba fu lanciata in grembo ad Alexandrovich e fu letteralmente fatto a pezzi.

Nicholas cancellò immediatamente quasi tutte le sue apparizioni pubbliche. La famiglia reale rimarrebbe nella relativa sicurezza dei suoi palazzi per la maggior parte di 1905.

Scioperi e Soviet

Gli scioperi generali sono stati la risposta più immediata a "Bloody Sunday". Migliaia di lavoratori nelle città russe hanno eletto a cessare il lavoro in segno di solidarietà con i loro compagni assassinati a San Pietroburgo. Entro un mese, circa 800,000 lavoratori dell'industria stavano scioperando in tutta la Russia, circa la metà di questi solo a San Pietroburgo.

Questi scioperi richiedevano coordinamento e leadership, molti dei quali provenivano da comitati di fabbrica o individui influenti.

Mentre la rivoluzione si trascinava per tutta l'estate, c'erano chiamate per un consiglio di delegati per rappresentare tutti i lavoratori dell'industria. Questo organo, il Soviet di San Pietroburgo, fu formato nell'ottobre 1905. Conteneva circa 500 delegati eletti da 200,000 lavoratori in quasi un centinaio di fabbriche diverse. I menscevichi erano il gruppo politico dominante in questo nuovo corpo, sebbene il bolscevichi e anche gli SR erano ben rappresentati.

The Potemkin ammutinamento

Un altro segno preoccupante per lo zarismo era una serie di ammutinamenti scoppiati in unità militari attraverso la metà e la fine di 1905. Il più famoso di questi avvenne a bordo della corazzata Potemkin sul Mar Nero.

L'ammutinamento di Potëmkin fu innescato da ufficiali con una predilezione per le punizioni corporali e il servizio di carne crivellata di larve ai marinai maltrattati. Nel giugno 1905 i marinai, ispirati dalle rivolte civili nelle città, si ribellarono e uccisero o cacciarono gli ufficiali della nave. Ora al comando del Potëmkin, lo navigarono prima a Odessa (ormai sotto sciopero generale) e poi in Romania, dove sbarcò la maggior parte di loro.

Un altro ammutinamento si è rotto a novembre presso il deposito navale di Sebastopoli. Lì, diverse migliaia di marinai formarono il loro stesso Soviet e chiesero l'abolizione dello zarismo, un'assemblea costituente e miglioramenti delle loro condizioni.

Il piano Bulygan

Rivoluzione 1905
Il punto di vista di un fumettista statunitense sulla rivoluzione del 1905.

Lo zar reagì agli eventi del 1905 promettendo riforme, ma equivoco su ciò che dovrebbero essere.

Il giorno dopo l'assassinio di Sergei Alexandrovich, Nicholas annunciò che i suoi ministri avrebbero indagato sui piani per una Duma (assemblea) rappresentativa. Questo compito è stato in gran parte lasciato ad Alexander Bulygin, il nuovo ministro degli interni dello zar.

A Bulygin fu affidato il difficile compito di convocare una Duma eletta che non indebolisse il potere autocratico dello zar. Il piano Bulygin prometteva un'assemblea di "uomini più affidabili, con la fiducia del popolo ed eletti da loro, per intraprendere l'esame preliminare e l'esame delle misure legislative". Il promemoria di Bulygin discuteva anche i diritti linguistici per i polacchi e una riduzione dei pagamenti di riscatto dei contadini.

La vaga proposta di Bulygin non è riuscita a ottenere sostegno ed è stata fortemente criticata dai socialisti e da alcuni liberali. Inoltre non è riuscito ad alleviare disordini e scioperi nelle città russe.

Interviene Witte

La tensione si allentò solo quando Sergei Witte tornò in ottobre, dopo aver concluso i negoziati di pace con i giapponesi. Sparò un appunto a Nicola II, esortando lo zar ad approvare l'immediata elezione di una Duma rappresentativa.

La risposta di Nicholas, spiegata qui in una lettera a sua madre, rivela non solo la sua stessa indecisione, ma l'importanza di Witte nel realizzare un qualche tipo di soluzione:

“In tutti questi orribili giorni, ho incontrato costantemente Witte. Ci siamo incontrati molto spesso la mattina presto per separarci solo la sera quando scendeva la notte. C'erano solo due vie aperte; per trovare un soldato energico e schiacciare la ribellione con la pura forza. Ciò significherebbe fiumi di sangue e, alla fine, saremmo da dove avevamo iniziato. L'altra via d'uscita sarebbe quella di dare al popolo i diritti civili, la libertà di parola e di stampa, anche di far confermare le leggi da una Duma di Stato - quella, ovviamente, sarebbe una costituzione. Witte lo difende molto energicamente. Quasi tutti quelli che ho avuto l'opportunità di consultare sono della stessa opinione. Witte mi ha detto chiaramente che avrebbe accettato la Presidenza del Consiglio dei Ministri solo a condizione che il suo programma fosse approvato e le sue azioni non interferissero ".

Il punto di vista di uno storico:
“Il 1905 è stato un evento notevole nella vita di Trotsky per altri motivi, in quanto ha offerto una prima opportunità di partecipare a una situazione rivoluzionaria reale. Nel 1905 agì come giornalista e oratore rivoluzionario, entrò a far parte del Soviet di San Pietroburgo e, per breve tempo (per una settimana), divenne uno dei tre co-presidenti del Comitato esecutivo del Soviet. Durante il processo ai leader sovietici, fece una caratteristica denuncia dello zarismo dal banco dei testimoni ... Trotsky emerse dal 1905 con la reputazione di un uomo d'azione e di un rivoluzionario di grande coraggio e audacia ".
Ian D. Thatcher

rivoluzione 1905

1. La Rivoluzione del 1905 non fu una rivoluzione coordinata con un unico leader, ma una serie abbastanza spontanea di scioperi, proteste e azioni anti-zariste.

2. Innescata dalle sparatorie di gennaio contro i lavoratori in protesta a San Pietroburgo, la Rivoluzione del 1905 iniziò come una serie di scioperi generali imposti dai lavoratori dell'industria.

3. La rivoluzione del 1905 fu anche segnata dalla violenza politica contro i funzionari zaristi, come l'assassinio in febbraio dello zio dello zar, il granduca Sergei.

4. Altre caratteristiche della rivoluzione del 1905 furono ammutinamenti militari, come quello a bordo del "Potemkin", e la formazione di consigli operai chiamati soviet.

5. Lo zar rispose alle minacce del 1905 promettendo una costituzione e una Duma rappresentativa, ma nessuna delle due fu prontamente o sinceramente.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La rivoluzione del 1905"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/1905-revolution/
Data di pubblicazione: Luglio 25, 2019
Data di accesso: Giugno 24, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.