L'affare Kornilov

Kornilov
Generale Kornilov (fronte) e altri ufficiali dell'esercito.

L'affare Kornilov fu un episodio confuso dell'agosto 1917, in cui per un certo periodo il governo provvisorio sembrò minacciato dal proprio esercito. Per diversi giorni il generale Lavr Kornilov, un ufficiale di carriera fedele allo zarismo, tentò di raccogliere truppe e sostegno finanziario per poter occupare Pietrogrado e ristabilirvi l'ordine. Kornilov affermò di agire secondo le istruzioni di Kerenskij; Kerenskij dipinse Kornilov come un controrivoluzionario che voleva insediarsi come dittatore militare. Quasi un secolo dopo, non è emersa alcuna prova che difenda nessuno dei due. Ciò che è certamente noto è che il fiasco di Kornilov ha messo in luce le fratture del governo provvisorio, pur evidenziando la debolezza della sua posizione. Il governo provvisorio era incapace di resistere a qualsiasi minaccia concertata per rimuoverlo.

Figlio di un ufficiale cosacco dell'esercito zarista, Kornilov si arruolò in giovane età e prestò servizio con distinzione sia nella guerra russo-giapponese che nella prima guerra mondiale. Come altri della sua specie, il generale era taciturno, conservatore e autoritario; era rispettato ma anche temuto dagli uomini al suo comando. Le opinioni politiche di Kornilov non sono ampiamente documentate, ma sembra che fosse un leale zarista che accettò con riluttanza la Rivoluzione di febbraio e tollerò a malapena il governo provvisorio. Disprezzava il socialismo e i socialisti, considerandoli più che criminali; credeva che il Soviet di Pietrogrado fosse un raduno illegale e che Lenin fosse un agente tedesco che lavorava per distruggere la Russia dall'interno. In sintesi, Kornilov era una figura del vecchio ordine piuttosto che di quello nuovo. Eppure era probabilmente il miglior generale dell'esercito russo, il che lo rendeva indispensabile al governo. In luglio, dopo la disastrosa offensiva in Galizia e il licenziamento del generale Brusilov, Kerenskij nominò Kornilov comandante in capo dell'esercito.

Kornilov è salutato dai suoi ufficiali dopo essere stato nominato capo dell'esercito, luglio 1917.
Kornilov è salutato dai suoi ufficiali dopo essere stato nominato capo dell'esercito, luglio 1917.

Kornilov era un tradizionalista che credeva che sia la pena capitale che quella corporale fossero essenziali per far rispettare l'ordine e la disciplina. Kornilov disprezzava chiunque criticasse questi metodi o ne impedisse l'impiego. L'animosità tra Kornilov e il governo provvisorio risale ad aprile, quando era comandante della guarnigione di Pietrogrado. Quando il 21 aprile scoppiarono le dirompenti proteste contro la guerra, Kornilov chiese il permesso di mandare i cosacchi nelle strade, con fruste schioccate e pistole in fiamme. Ma il governo, sotto la pressione del Soviet di Pietrogrado, rifiutò questa richiesta. Kornilov si dimise dalla carica di comandante della guarnigione e tornò sul campo di battaglia. Una volta lì, ha tormentato il governo con telegrammi chiedendo l’annullamento dell’ordine di marzo che vietava la pena capitale nell’esercito. Senza la minaccia di un plotone di esecuzione, sosteneva Kornilov, era quasi impossibile controllare la diserzione e la fraternizzazione. Kerensky alla fine cedette il 12 luglio, concedendo a Kornilov l'autorità di ordinare esecuzioni sommarie.

Ciò che accadde tra Kornilov e Kerenskij in agosto ha dato luogo a diverse interpretazioni, nessuna delle quali pienamente supportata da prove. Entrambi gli uomini hanno partecipato e sono intervenuti a una conferenza di stato, tenutasi a Mosca il 12 agosto. Dopo la conferenza, Kornilov fu coinvolto in discussioni dietro le quinte su come rafforzare l’autorità governativa e schiacciare il socialismo radicale. Il generale incontrò diversi ricchi russi a bordo di un treno, dove cercò il loro sostegno morale e finanziario per l'occupazione militare di Pietrogrado. Affermando di avere l'approvazione di Kerenskij, Kornilov disse che era sua intenzione far marciare le truppe nella capitale, arrestare i bolscevichi, disperdere i sovietici e ristabilire l'ordine. Ha anche promesso la sua fedeltà alla futura Assemblea Costituente. “Finché i bolscevichi sono seduti allo Smolny non si può fare nulla” Kornilov disse loro. È probabile che Kornilov si sia incontrato anche con altri gruppi, compresi i suoi colleghi ufficiali militari, per raccogliere sostegno alla sua mossa contro Pietrogrado.

Kornilov
Guardie rosse bolsceviche di una fabbrica elettrica di Pietrogrado, 1917.

È improbabile che Kerenskij abbia dato a Kornilov istruzioni esplicite di far marciare le truppe su Pietrogrado. Anche se Kerenskij avrebbe voluto liberarsi del soviet di Pietrogrado e degli agitatori bolscevichi, probabilmente non si fidava più di Kornilov, che in precedenza aveva avanzato il suggerimento di imporre la legge marziale. L'accettazione dell'esercito di Kornilov nella città comportava il rischio di una controrivoluzione militare. Quando Kerenskij venne a conoscenza delle voci sui piani di Kornilov, telegrafò immediatamente al suo generale per chiedere conferma delle sue intenzioni. Kornilov rispose ma la sua risposta non soddisfò Kerenskij, il quale ormai era convinto che un colpo di stato militare fosse imminente. Immediatamente licenziò Kornilov e invitò il Soviet di Pietrogrado a proteggere il governo, nel caso in cui Kornilov avesse proceduto a muoversi contro la città. Il sovietico riuscì a cortocircuitare ogni possibilità di attacco informando i delegati e gli organizzatori delle unità militari sotto il comando di Kornilov. Nel frattempo, a Pietrogrado, le truppe sovietiche – molte delle quali guardie rosse bolsceviche – ricevettero armi e munizioni per proteggere i confini della città da un possibile assalto. Su insistenza del Soviet, diversi organizzatori bolscevichi, tra cui Trotsky, furono rilasciati dal carcere.

“Il fatto che Kornilov abbia rifiutato di sottomettersi al governo provvisorio significa che l'affare Kornilov deve essere considerato un caso di intervento militare. Non c'è dubbio che Kornilov fosse insubordinato e abbia preso provvedimenti per cambiare la leadership esecutiva dello stato. Questa, tuttavia, non è la prova di un precedente complotto per rovesciare il governo; le prove di una cospirazione di Kornilov sono deboli. Tutti a Stavka credevano che Kornilov e Kerensky lavorassero insieme. L'unico testimone che ha affermato di avere prove dirette dell'esistenza di un complotto è stato L'vov, e la sua testimonianza è stata contraddetta da altri tre testimoni ".
Brian D. Taylor, storico

Gli esiti politici del caso Kornilov furono significativi. Kerensky era ora odiato da entrambi i lati della divisione politica: i seguaci di Kornilov lo consideravano un traditore che aveva abbandonato Pietrogrado ai sovietici, mentre la sinistra credeva che Kerensky fosse stato in combutta con Kornilov, almeno inizialmente. La debacle di agosto dimostrò anche quanto nervoso fosse Kerenskij e quanto impotente fosse diventato il governo provvisorio. L'atto finale di Kerenskij – una richiesta di aiuto ai sovietici – dimostrò dove risiedeva veramente il potere nella capitale. Armando le truppe sovietiche e le guardie rosse, il governo provvisorio aveva fornito loro gli strumenti per la propria distruzione. Autorizzare il rilascio dei socialisti radicali rianimò il movimento bolscevico e inserì i leader rivoluzionari in un ambiente politico già ostile. Agendo per salvarsi, il governo provvisorio aveva di fatto firmato la propria condanna a morte.

Nel settembre 1917, Kerenskij e i suoi ministri cercarono di consolidare la loro posizione dichiarando la Russia una repubblica e nominando un “direttorio” di cinque uomini per governare il paese. Ma hanno anche preso un impegno pubblico a favore della guerra, decisione che ha scatenato uno sciopero generale delle ferrovie russe che ha paralizzato il Paese per tre giorni. A metà settembre l'esercito tedesco aveva conquistato Riga nel Baltico e si era avvicinato a Pietrogrado come in qualsiasi fase della guerra. I bolscevichi rinnovarono la loro campagna di propaganda contro la guerra e iniziarono ad attirare livelli di sostegno molto maggiori. All'inizio del 1917 i bolscevichi contavano appena 24,000 tesserati; alla fine di settembre il numero era arrivato a più di 400,000 membri. Questa crescita del sostegno si rifletteva nei sovietici, dove i bolscevichi ora detenevano la maggioranza elettorale sia a Pietrogrado che a Mosca. Anche le Guardie Rosse, la milizia bolscevica, contavano circa 100,000 uomini, per lo più operai e soldati attuali o ex. Alcune settimane prima, le truppe fedeli al governo provvisorio avevano disperso gli agitatori bolscevichi durante la rivolta dei “Giorni di luglio”. Ma alla fine di settembre la situazione era cambiata e la strada era stata spianata per un’altra rivoluzione russa.

1. Il generale Kornilov era un ufficiale zarista conservatore nominato al comando dell'esercito nel luglio 1917.
2. Disgustato dall'influenza dei socialisti e dai disordini a Pietrogrado, cercò di imporvi la legge marziale.
3. Kornilov fu licenziato da Kerenskij, che invitò i sovietici e le guardie rosse a proteggere la capitale.
4. L’affare Kornilov isolò ulteriormente il governo provvisorio, consentendo al tempo stesso una rinascita delle fortune bolsceviche.
5. Nel settembre 1917 i bolscevichi avevano sfruttato le sfortune del governo per aumentare il suo numero di membri e ottenere maggioranze significative nei Soviet di Pietrogrado e di Mosca.


© Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, John Rae e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “L'affare Kornilov” a Alpha History, https://alphahistory.com/russianrevolution/kornilov-affair/, 2014, visitato [data dell'ultimo accesso].