L'affare Kornilov

Kornilov
Generale Kornilov (fronte) e altri ufficiali dell'esercito.

L'affare Kornilov fu un episodio confuso nell'agosto del 1917 quando, per un breve periodo, il governo provvisorio sembrò minacciato da una controrivoluzione guidata dal proprio esercito. Alexander Kerensky e il suo governo sopravvisse, in parte grazie al sostegno delle truppe bolsceviche, ma la loro debolezza era stata fatalmente esposta.

Generale Kornilov

Figlio di un ufficiale cosacco dell'esercito zarista, Lavr Kornilov si arruolò in giovane età e prestò servizio con distinzione sia nella guerra russo-giapponese che nella prima guerra mondiale.

Come altri della sua specie, il generale era taciturno, conservatore e autoritario. Era rispettato ma anche temuto dagli uomini al suo comando. Kornilov era un fedele zarista che con riluttanza accettò il Rivoluzione di febbraio e tollerava a malapena il governo provvisorio. Disprezzava il socialismo e i socialisti e considerava il Soviet di Pietrogrado un raduno illegale e Lenin un agente tedesco che lavora per distruggere la Russia.

In sintesi, Kornilov era una figura del vecchio ordine piuttosto che del nuovo. Tuttavia, era uno dei migliori generali dell'esercito russo, il che lo rendeva indispensabile per il governo.

Il nuovo comandante

Kornilov è salutato dai suoi ufficiali dopo essere stato nominato capo dell'esercito, luglio 1917.

A luglio, a seguito della disastrosa offensiva in Galizia, Kerensky ha licenziato il comandante in capo Aleksei Brusilov e lo ha sostituito con il generale Kornilov.

Kornilov era un tradizionalista che credeva che le punizioni capitali e corporali fossero essenziali per far rispettare l'ordine e la disciplina. Kornilov disprezzava chiunque criticava quei metodi o ne impediva l'impiego.

L'animosità tra Kornilov ei membri del governo provvisorio risaliva ad aprile, quando Kornilov era al comando della guarnigione di Pietrogrado. Quando il 21 aprile scoppiarono le proteste contro la guerra, Kornilov chiese l'approvazione per mandare i cosacchi nelle strade. Il governo, sotto la pressione del Soviet di Pietrogrado, ha rifiutato la sua richiesta.

Kornilov si dimise da comandante della guarnigione e tornò sul campo di battaglia. Una volta lì, ha tormentato il governo con telegrammi che chiedevano l'annullamento del suo ordine di marzo che vietava la pena capitale nell'esercito. Senza la minaccia di un plotone d'esecuzione, ha sostenuto Kornilov, era impossibile fermare la diserzione e la fraternizzazione.

Kerensky alla fine cedette il 12 luglio, concedendo a Kornilov l'autorità di ordinare esecuzioni sommarie.

Trama a Mosca

La situazione di stallo dell'agosto 1917 tra Kornilov e Kerensky è oggetto di dibattito e interpretazione. Ci sono alcune prove documentali ma non conclusive.

Entrambi gli uomini hanno partecipato e parlato a una conferenza di stato a Mosca il 12 agosto. Dopo la conferenza, Kornilov si è impegnato in discussioni dietro le quinte su come l'autorità del governo potrebbe essere rafforzata e il socialismo radicale schiacciato. Ha incontrato diversi ricchi russi a bordo di un treno, apparentemente alla ricerca del loro sostegno morale e finanziario per l'azione militare a Pietrogrado.

Affermando di avere l'approvazione di Kerenskij, Kornilov ha detto che era sua intenzione marciare le truppe nella capitale, arrestare i bolscevichi, disperdere il Soviet e ristabilire l'ordine. Ha promesso la sua fedeltà alla futura Assemblea Costituente. "Finché i bolscevichi sono seduti nello Smolny, non si può fare nulla" Kornilov disse loro.

È anche probabile che Kornilov abbia incontrato altri gruppi, compresi i suoi colleghi ufficiali militari, per raccogliere consensi.

Kerensky contro Kornilov

Kornilov
Guardie rosse bolsceviche di una fabbrica elettrica di Pietrogrado, 1917.

Ciò che non è chiaro sono le intenzioni di Kornilov riguardo al governo provvisorio. È stato suggerito da alcuni che Kerenskij abbia dato a Kornilov istruzioni esplicite di marciare le truppe su Pietrogrado, al fine di schiacciare il potere sovietico.

Sembra improbabile. Anche se Kerenskij avrebbe voluto sbarazzarsi dei sovietici e dei bolscevichi, le prove confermano che non si fidava completamente di Kornilov, un noto sostenitore della legge marziale. Accettare Kornilov e il suo esercito a Pietrogrado potrebbe causare disordini e, nel peggiore dei casi, mettere il governo provvisorio a rischio di un colpo di stato o controrivoluzione.

Quando Kerensky ha sentito delle voci sul complotto di Kornilov a Mosca, ha contattato il generale tramite telegramma per confermare le sue intenzioni. Kornilov ha risposto ma la sua risposta non ha soddisfatto Kerensky, che ormai era convinto di un imminente colpo di stato.

Kornilov ha respinto

Kerensky ha immediatamente licenziato Kornilov. Quindi, temendo che Kornilov potesse ancora procedere, Kerenskij chiese al Soviet di Pietrogrado di proteggere la città.

Il Soviet è stato in grado di cortocircuitare qualsiasi avanzamento pianificato tramite i suoi delegati e organizzatori in unità militari sotto il comando di Kornilov. Nel frattempo a Pietrogrado, le truppe sovietiche - molte delle quali guardie rosse bolsceviche - ricevettero armi e munizioni, al fine di proteggere i confini della città da un assalto kornilovista.

Su insistenza del Soviet, anche diversi organizzatori bolscevichi, compreso Leon Trotsky, furono rilasciati dalla prigione.

Risultati politici

I risultati politici dell'affare Kornilov erano significativi. La debacle di agosto ha messo in imbarazzo il governo provvisorio, dimostrando la sua impotenza e indecisione in un momento di crisi. L'atto finale di Kerensky, la sua richiesta di assistenza al Soviet, ha mostrato dove si trovava veramente il potere nella capitale.

Kerensky si trovava ora odiato da entrambi i lati della divisione politica. I seguaci di Kornilov lo consideravano un traditore che aveva abbandonato Pietrogrado al Soviet. La sinistra credeva che Kerensky fosse in combutta con Kornilov o incapace di controllarlo.

Armando le truppe sovietiche e le guardie rosse, il governo provvisorio fornì loro gli strumenti della propria distruzione. L'autorizzazione alla liberazione dei socialisti radicali ha fatto rivivere il movimento bolscevico e reintrodotto i leader rivoluzionari in un ambiente politico pericoloso. Agendo per salvarsi, il governo provvisorio aveva firmato la propria condanna a morte.

La situazione cambiò

Nel settembre 1917, Kerensky ei suoi ministri cercarono di consolidare la loro posizione dichiarando la Russia una repubblica e nominando un "direttorio" di cinque uomini per dirigere il paese. Hanno anche preso un impegno pubblico per la guerra, una decisione che ha innescato uno sciopero generale sulle ferrovie russe che ha paralizzato il paese per tre giorni.

A metà settembre, l'esercito tedesco aveva conquistato Riga nel Baltico e stava avanzando verso Pietrogrado. I bolscevichi hanno rinnovato la loro campagna di propaganda contro la guerra e hanno attirato livelli di sostegno molto maggiori. All'inizio del 1917, i bolscevichi avevano solo 24,000 membri con la tessera. Alla fine di settembre, questo era arrivato a più di 400,000 membri.

Questa crescita del sostegno si rifletteva nei soviet, dove i bolscevichi ora detenevano la maggioranza dei voti sia a Pietrogrado che a Mosca. Le Guardie Rosse vantavano anche circa 100,000 uomini, per lo più operai e soldati attuali o ex.

Poche settimane prima, gli agitatori bolscevichi erano stati dispersi all'indomani della rivolta dei "giorni di luglio". L'affare Kornilov ha ribaltato la situazione, facendo rivivere le fortune dei bolscevichi e aprendo la strada a un'altra rivoluzione russa.

Il punto di vista di uno storico:
“Il fatto che Kornilov abbia rifiutato di sottomettersi al governo provvisorio significa che l'affare Kornilov deve essere considerato un caso di intervento militare. Non c'è dubbio che Kornilov fosse insubordinato e abbia preso provvedimenti per cambiare la leadership esecutiva dello stato. Questa, tuttavia, non è la prova di un precedente complotto per rovesciare il governo; le prove di una cospirazione di Kornilov sono deboli. Tutti a Stavka credevano che Kornilov e Kerensky lavorassero insieme. L'unico testimone che ha affermato di avere prove dirette dell'esistenza di un complotto è stato L'vov, e la sua testimonianza è stata contraddetta da altri tre testimoni ".
Brian D. Taylor

1. Il generale Kornilov era un ufficiale militare zarista, noto per la sua lealtà e competenza. È stato nominato comandante in capo dell'esercito russo nel luglio 1917.

2. Disgustato dall'attività del Soviet di Pietrogrado e dall'influenza dei socialisti, cercò di imporre la legge marziale nella capitale russa.

3. In agosto Kornilov iniziò a tramare un'occupazione militare di Pietrogrado. Fu licenziato da Kerensky, che invitò i sovietici e le guardie rosse a proteggere la capitale.

4. L'avanzata di Pietrogrado non procedette, ma l'affare di Kornilov umiliò il governo provvisorio e favorì una rinascita delle fortune bolsceviche.

5. Nel settembre 1917, i bolscevichi avevano sfruttato la situazione per aumentare i propri membri e ottenere maggioranze significative nei Soviet di Pietrogrado e Mosca.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'affare Kornilov"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/kornilov-affair/
Data di pubblicazione: 3 Agosto 2019
Data di accesso: Febbraio 01, 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.