Alexander Kolchak

alexander kolchak

Alexander Kolchak (1874-1920) ha servito come ammiraglio nella Marina imperiale. È diventato un importante Esercito bianco comandante durante il Guerra civile russa, dichiarandosi comandante supremo di tutta la Russia non bolscevica nel novembre 1918. Kolchak non fu in grado di unire le disparate forze bianche, tuttavia, a causa dei suoi metodi brutali e della riluttanza a tollerare altri gruppi politici.

Kolchak è nato a San Pietroburgo, figlio di un ufficiale di marina in pensione di nobile estrazione. Ha studiato al Liceo di San Pietroburgo prima di entrare a far parte del corpo dei cadetti della marina, intento a diventare un ufficiale di carriera come suo padre.

Kolchak si laureò con una commissione da ufficiale nel 1894. Nel 1900 partecipò a due spedizioni al Circolo Polare Artico. Le difficoltà sopportate in queste spedizioni polari hanno lasciato a Kolchak reumatismi e occasionali cattive condizioni di salute per gran parte della sua vita.

In 1904-5, Kolchak ha visto il combattimento nel Guerra russo-giapponese, comandando il suo distruttore con una certa distinzione. Fu catturato durante la battaglia per Port Arthur e rilasciato dai giapponesi in 1905. Durante prima guerra mondiale, Kolchak fu promosso vice-ammiraglio a comando della flotta del Mar Nero. 

Kolchak ha supportato il Rivoluzione di febbraio e Governo provvisorio ma si è opposto alle riforme militari del governo, credendo che indebolissero la disciplina e la struttura.

Nella primavera di 1917, Kolchak fu invitato dalle élite conservatrici a prendere il controllo del governo, governare come quasi-dittatore e schiacciare i bolscevichi e il Soviet di Pietrogrado. quando Alexander Kerensky preso coscienza di questi complotti, Kolchak si è dimesso dalla sua commissione e ha intrapreso un tour di studio negli Stati Uniti.

Kolchak era molto ammirato dagli inglesi e dai francesi, che lo consideravano il russo più capace di unire gli eserciti bianchi disarticolati. Su loro richiesta, Kolchak è tornato in Russia dopo il Rivoluzione d'ottobre per guidare la lotta contro i bolscevichi.

Al suo arrivo, Kolchak divenne un membro del gabinetto del governo controrivoluzionario con sede a Omsk. Nel novembre 1918, divenne il suo leader supremo in seguito a un colpo di stato effettuato da ufficiali cosacchi e sostenuto dagli inglesi. La sua prima mossa è stata quella di sostituire il governo provvisorio panrusso con una dittatura militare.

Le politiche interne di Kolchak includevano un giro di vite sui soviet, la persecuzione dei socialisti e delle fazioni rivali, il riconoscimento dei debiti esteri e la restituzione della proprietà privata come la terra e le fabbriche. In cambio, gli alleati fornirono al regime di Kolchak enormi quantità di cibo e rifornimenti militari.

Sotto la guida di Kolchak, le forze bianche ottennero alcuni notevoli guadagni militari, in particolare nei primi mesi del 1919. Questi guadagni furono però annullati a metà anno, quando il Red Army riorganizzato e l'opposizione a Kolchak è aumentata. 

Nel gennaio 1920, Kolchak è stato tradito da ufficiali cechi mentre viaggiava nel quartier generale britannico a Irkutsk. Fu arrestato e consegnato a un contingente di sinistra SR. Entro due settimane, Kolchak era stato condannato a morte. Fu giustiziato da una squadra di fuoco e il suo corpo scaricato in un fiume ghiacciato.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Alexander Kolchak"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/alexander-kolchak/
Data di pubblicazione: 1 Maggio 2019
Data di accesso: 04 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.