Tsarina Alexandra

alexandra

Alexandra (1872-1918) era la Tsarina (regina consorte) della Russia imperiale durante il regno di suo marito, Nicola IIe la madre Tsarevich, Alexeie Olga, Tatiana, Maria e Anastasia.

Molti resoconti accusano Alexandra di screditare la dinastia dei Romanov con i suoi interventi politici, la sua dubbia amicizia con Grigori Rasputin e il suo rafforzamento delle opinioni conservatrici di Nicholas. Gli storici sono divisi sulla portata della sua influenza.

Vita precoce e matrimonio

Alexandra Feodorovna nacque nello stato tedesco dell'Assia nel giugno 1872. Era figlia di un granduca dell'Assia e nipote, per discendenza di sua madre, della regina Vittoria di Gran Bretagna. Nel corso della sua vita, la famiglia e gli amici si sono riferiti a lei come Alix.

Alexandra ha incontrato il suo secondo cugino, Tsarevich Nicholas Romanov, in 1884. Trascorsero diverse settimane insieme nell'estate di 1889 e si innamorarono. Nicholas era ansioso di sposarsi ma sia suo padre che la regina Victoria si opposero al sindacato. Lo zar cedette a causa della sua stessa salute e Nicholas propose nell'aprile 1894.

Qualsiasi matrimonio richiedeva ad Alexandra di entrare nella fede ortodossa russa. Riluttante ad abbandonare il suo luteranesimo, inizialmente rifiutò prima di accettare una seconda proposta. Alexandra divenne una devota aderente alla sua nuova religione e la coppia si sposò nel novembre 1894, appena tre settimane dopo la morte di Alessandro III.

A differenza di altre unioni reali del 19 ° secolo, il matrimonio di Nicholas e Alexandra era basato sull'amore e l'affetto piuttosto che sull'opportunità politica. Hanno scritto lettere sincere e appassionate, indirizzandosi l'un l'altro con una lista di soprannomi tra cui "Sunny", "Lovey", "Spitsbub" o "Pussy-Mine".

Famiglia e immagine pubblica

Nel novembre 1895, un anno dopo il loro matrimonio, Alexandra diede alla luce il primo figlio della coppia, la granduchessa Olga. La coppia fu incoronata zar e zarina nel maggio 1896. Alexandra avrebbe avuto altri quattro figli: Tatiana (giugno 1897), Maria (giugno 1899), Anastasia (giugno 1901) e un figlio tanto atteso, Alessio (agosto 1904).

Alexandra era impopolare tra il popolo russo e la sua nobile élite. Era nervosa e distaccata in pubblico, comportamento che veniva spesso scambiato per freddezza o arroganza. In privato, era incline ad attacchi di collera, malinconia o persino depressione. Potrebbe anche essere volitiva e ostinata, in particolare in materia di politica o governo.

Alexandra è forse meglio conosciuta per la sua amicizia con Grigori Rasputin, la guaritrice della fede siberiana che si è ingraziata nella famiglia reale intorno al 1911. La sua accettazione di Rasputin non è sorprendente: la zarina era alla disperata ricerca di soluzioni all'emofilia di Alexei, i medici convenzionali non avevano ottenuto nulla e Rasputin ha saputo sfruttare la sua profonda fede religiosa.

Interventi politici

È improbabile che Alexandra e Rasputin fossero sempre amanti, come suggerito dalla propaganda contemporanea, ma era convinta della sua pietà e accettò volentieri il suo consiglio. Di conseguenza, Rasputin è stato in grado di manipolarla e sfruttarla. Ciò era particolarmente evidente dalla fine degli 1915 ai primi 1917, quando Nicholas trascorse lunghi periodi davanti e Alexandra al suo posto regnò.

La relazione di Alexandra con suo marito ha avuto anche ramificazioni politiche. La zarina era stridente nel suo sostegno a Nicola, ma alimentava anche i suoi istinti conservatori e reazionari.

Oltre alle raccomandazioni egoistiche di Rasputin, Alexandra incoraggiò lo zar a ignorare i consigli di statisti competenti e suggerì che altri stavano complottando contro di lui. Inoltre non è riuscita a identificare i pericolosi disordini popolari che alla fine sono diventati la Rivoluzione di febbraio.

Arresto ed esecuzione

Dopo il Rivoluzione di febbraio e l'abdicazione di Nicholas, Alexandra e la loro famiglia furono tenuti agli arresti domiciliari nei loro palazzi, poi si trasferirono a Tobolsk, in Siberia. Gli sforzi per trovare una casa in esilio si sono rivelati infruttuosi, in parte a causa dell'eredità tedesca di Alexandra e di notizie false ma diffuse sulla stampa secondo cui era una spia tedesca.

Dopo il Rivoluzione d'ottobre, passarono sotto il controllo dei bolscevichi, che in aprile 1918 trasferì la famiglia a Ekaterinburg. Nelle prime ore di luglio 17th, Nicholas, Alexandra, i loro figli e i loro servitori furono uccisi a colpi di arma da fuoco nel seminterrato della casa di Ipatiev. L'esame dei suoi resti decenni dopo suggerisce che la zarina è morta per una singola ferita da arma da fuoco attraverso la testa.

Il punto di vista di uno storico:
“Come zarina, Alexandra ha fatto una figura imbarazzante. Le sue caratteristiche principali erano la sua insistenza vittoriana sulle "buone opere" e la sua religiosità. Era stata istruita secondo i rigidi valori di abnegazione di sua nonna [la regina Vittoria]. Il suo tentativo di introdurre i circoli di cucito tra le signore dell'alta aristocrazia russa ha sottolineato la sua eccentricità. Alexandra ha bilanciato le sue caratteristiche aliene con una mania per la Chiesa ortodossa russa. Aveva l'entusiasmo del convertito (nel suo caso, dal protestantesimo). La sua tendenza al misticismo e allo spiritualismo non era insolita per l'epoca ... San Pietroburgo era una calamita per i fanatici religiosi e per i guaritori della fede, alcuni dei quali furono presi dall'alta società ".
Jonathan Bromley

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Zarina Alexandra"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/alexandra/
Data di pubblicazione: 14 Marzo 2019
Data di accesso: 05 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.