L'Assemblea Costituente

assemblea costituente
La rappresentazione dell'artista bolscevico Boris Zvykorin delle Guardie Rosse nell'Assemblea Costituente

Negli ultimi anni di zarismo, molti russi desideravano una riforma politica sopra tutte le altre: un'assemblea costituente. Una legislatura eletta con il potere di approvare o modificare le leggi era un punto di raccolta per riformisti e radicali allo stesso modo. Un'assemblea costituente è stata sostenuta da un ampio spettro di gruppi rivoluzionari, incluso Cadetti, SRs, menscevichi e anche moderato bolscevichi.

Un faro di speranza

La formazione della Duma nel 1906 sembrò soddisfare questo desiderio, ma la determinazione di Nicola II di aggrapparsi al potere autocratico gli negò ogni reale potere legislativo. Il rovesciamento dello zarismo nel febbraio e marzo 1917 ravvivò la spinta per un'assemblea eletta.

Durante le turbolenze di 1917, l'assemblea costituente pianificata divenne un faro di speranza per il futuro. Il Rivoluzione bolscevica ad ottobre 1917 ha sollevato diverse domande. I bolscevichi sarebbero disposti a condividere il potere con una legislatura eletta contenente voci non bolsceviche?

A queste domande fu risposto rapidamente nel gennaio 1918, quando Lenin chiuse l'Assemblea costituente dopo un solo giorno. In un istante, le speranze della Russia di un governo democratico furono gettate nell'oblio.

Lo Governo provvisorio è stato formato a marzo 1917 con due funzioni principali: organizzare le elezioni per l'Assemblea costituente e fornire un governo temporaneo fino a quando questa assemblea non fosse operativa.

Il governo provvisorio si equivale

Il governo provvisorio ha impiegato diversi mesi per convocare le elezioni, anche se non è stata interamente colpa sua. La Russia non aveva il quadro elettorale per lo svolgimento delle elezioni nazionali basate sul suffragio universale e sul voto segreto. Questi processi dovevano essere costruiti da zero, in un momento in cui l'impero era sconvolto dalla guerra e dai disordini.

Nel marzo 1917, i membri del governo promisero di organizzare le elezioni "il prima possibile", ma a maggio si era ottenuto molto poco. Una commissione elettorale ha finalmente iniziato a riunirsi a giugno. Il mese successivo, Alexander Kerensky ha annunciato che le elezioni si terranno a fine settembre. Questo è stato successivamente rinviato a novembre 25th perché le aree provinciali non erano ancora pronte.

Questo ritardo ha solo contribuito alla crescente impopolarità del governo provvisorio. È stato anche assalito da voci e teorie del complotto secondo cui il governo intendeva annullare o "manipolare" l'Assemblea costituente.

L'ala radicale del movimento bolscevico ha accusato Kerensky di sabotare le elezioni e ha chiesto che il processo elettorale sia consegnato ai sovietici. Da parte loro, i bolscevichi hanno promesso di sostenere l'assemblea, a condizione che agisse con decisione sulle questioni chiave. "L'Assemblea costituente ... deve decidere le questioni della riforma agraria, della guerra e di tutta la ricchezza della nazione", ha affermato un rapporto bolscevico. "L'Assemblea Costituente deve correggere i torti storici ... e proteggere la classe operaia dallo sfruttamento". 

I bolscevichi sostengono le elezioni

Il 27 ottobre, due giorni dopo la presa del potere, Lenin annunciò che le elezioni per l'Assemblea costituente sarebbero state anticipate al 12 novembre.

Nonostante questa concessione, il leader bolscevico era diffidente nei confronti delle “illusioni costituzionali” dell'assemblea. Ha avvertito che riporre troppa fiducia in un parlamento eletto rappresentava il rischio di una controrivoluzione liberal-borghese.

Un leader bolscevico, Volodarsky, minacciò una nuova rivoluzione se l'assemblea non proteggesse gli interessi di classe:

“Poniamo l'intera questione [dell'Assemblea costituente] su una piattaforma di classe rivoluzionaria. I soldati e i contadini devono percepire che la vita può essere data alla rivoluzione solo se il nostro partito ottiene la maggioranza. Le masse non hanno mai sofferto di cretinismo parlamentare. Se l'Assemblea Costituente si opporrà alla volontà del popolo, sorgerà la questione di una nuova rivolta. Non abbiamo un feticcio dell'Assemblea costituente. Potrebbe sorgere una situazione in cui ci opporremmo all'Assemblea Costituente, insieme ai Soviet ".

Risultati delle elezioni shock

assemblea costituente
Grafici che mostrano i risultati delle elezioni dell'Assemblea costituente 1917 di novembre

Le elezioni per l'Assemblea costituente si sono svolte alla fine di novembre e non sono riuscite a produrre una maggioranza bolscevica. I socialisti-rivoluzionari - il partito della riforma agraria e dei contadini - ottennero una piccola maggioranza, conquistando 370 dei 715 seggi. Al contrario, i bolscevichi hanno vinto 175 seggi, poco meno di un quarto dell'assemblea.

Le suddivisioni delle modalità di voto forniscono un chiaro quadro del sostegno elettorale bolscevico. Erano il partito più popolare nelle città industriali come Petrograd (vincendo 43 per cento dei voti) e Mosca (46 per cento). Anche i bolscevichi scrutarono bene tra i soldati, vincendo oltre i tre quinti dei voti nella maggior parte delle divisioni dell'esercito.

Fuori dai militari e dalle grandi città industriali, tuttavia, il sostegno ai bolscevichi diminuì. In alcune aree rurali e provinciali, la loro percentuale di voti non è riuscita a raggiungere cifre doppie.

Lenin cambia virata

assemblea costituente
Manifesto di propaganda di Viktor Deni, "Assemblea costituente", che suggerisce la corruzione borghese

Qualunque sia la ragione, questi risultati hanno prodotto uno spostamento fondamentale negli atteggiamenti bolscevichi nei confronti dell'Assemblea costituente.

Dopo aver trascorso settimane a difendere provvisoriamente l'assemblea, i bolscevichi iniziarono ora a mettere in discussione la sua legittimità e ad attaccare i suoi deputati eletti. Vladimir Lenin ha condannato l'assemblea come non rappresentativa e distorta; ha affermato che il partito SR si era diviso e pertanto non era in grado di formare una maggioranza votante.

Le due settimane tra le elezioni e la convocazione programmata dell'assemblea (novembre 28th) sono state piene di voci su ciò che i bolscevichi potrebbero fare. Hanno arrestato i membri della commissione elettorale e li hanno sostituiti con Uritsky, un fedele bolscevico e futuro capo della CHEKA. 

Alcuni giorni prima dell'apertura programmata, i bolscevichi misero in allerta la guarnigione navale di Kronstadt. Ciò ha suggerito che una soppressione militare dell'assemblea potrebbe essere imminente. La mattina del 28 novembre, il Sovnarkom ordinò l'arresto dei deputati di Kadet nell'assemblea e ne rinviò la prima seduta all'inizio del 1918, adducendo "impreparazione".

L'Assemblea si riunisce - per un giorno

L'Assemblea Costituente si riunì il 5 gennaio 1918, nonostante l'agitazione bolscevica e una considerevole protesta davanti al Palazzo Tauride. Gran parte dei suoi lavori del giorno di apertura sono stati dominati dall'ala destra dei socialisti-rivoluzionari. Il loro primo ordine del giorno era eleggere un presidente, un leader moderato della SR Viktor Chernov, un convinto avversario di Lenin.

L'assemblea ha anche valutato se ratificare i decreti sovietici su pace e terra. Alla fine, si è rifiutato di farlo, optando invece per sostituirli con le politiche SR. Bolscevichi disgustati e deputati SR di sinistra uscirono dall'assemblea. Così ha fatto Lenin, che ha ordinato alle guardie bolsceviche di lasciare che la riunione continuasse fino a quando non si fosse aggiornata di propria iniziativa; se ne sarebbe occupato domani.

L'assemblea alla fine si sciolse poco prima dell'alba. Quando i suoi deputati tornarono al Tauride Palace il pomeriggio seguente, trovarono gli ingressi chiusi e barricati dalle Guardie Rosse. L'assemblea, si disse, era stata sciolta per ordine del Congresso dei Soviet. 

In un discorso tenuto più tardi quel giorno, Lenin affermò che i sovietici avevano “preso tutto il potere e i diritti nelle loro mani. L'Assemblea Costituente è la massima espressione degli ideali politici della società borghese, che non sono più necessari in uno stato socialista ".

Risposte alla chiusura

La risposta pubblica alla chiusura dell'Assemblea costituente è stata relativamente contenuta. Alcuni dei deputati espulsi hanno invitato il popolo di Pietrogrado a sollevarsi e difendere l'assemblea. Sembrava che gli operai fossero abbastanza contenti da permettere al governo di rimanere nelle mani dei sovietici. Anche i contadini rimasero in gran parte indifferenti.

Poche in città sembravano sorprese dai bolscevichi che avevano seguito questo corso. Era più sorprendente che avevano permesso all'assemblea di convocare in primo luogo. In Gran Bretagna e negli Stati Uniti, dove Lenin fu ampiamente condannato come agente tedesco, lo scioglimento dell'Assemblea costituente fu descritto come un complotto nato a Berlino.

Nel frattempo, diversi membri dell'assemblea sciolta cercarono di mantenerla in vita riunendosi in segreto nei sobborghi di Pietrogrado. Questo divenne presto troppo pericoloso e cessò. Il primo vero tentativo della Russia di un governo democratico rappresentativo è passato alla storia e con esso è arrivata l'ascesa della dittatura bolscevica.

Il punto di vista di uno storico:
“Nei giorni precedenti [la Rivoluzione d'Ottobre], i bolscevichi lanciarono molti attacchi contro il governo provvisorio per il suo ritardo nel convocare un'Assemblea costituente. Hanno riconosciuto l'ampia popolarità di questo progetto di un parlamento democratico nazionale per risolvere la forma di governo e anche i molti problemi politici e sociali di cui la rivoluzione era un'espressione. Sostenevano l'assemblea principalmente per una questione di tattica.,. Ma dopo la presa del potere da parte dei bolscevichi e la formazione di un governo sovietico con i bolscevichi al controllo, la situazione tattica fu radicalmente modificata. L'Assemblea Costituente non poteva più essere usata contro i loro oppositori; al contrario, è diventato il grido di battaglia di coloro che miravano a porre fine alla dittatura ".
Giacomo Bunyan

assemblea costituente russia

1. L'Assemblea costituente era un organo rappresentativo eletto democraticamente a seguito della rivoluzione di febbraio. L'idea di un'assemblea costituente era stata a lungo sostenuta dai riformisti russi.

2. Il compito di organizzare le elezioni per l'Assemblea costituente è spettato al governo provvisorio, tuttavia, queste elezioni sono state ritardate dalla guerra e dalle interruzioni di 1917.

3. Dopo aver preso il potere nell'ottobre 1917, i bolscevichi permisero alle elezioni dell'Assemblea Costituente di procedere. Queste elezioni, tenutesi a novembre 1917, hanno prodotto una notevole maggioranza per i socialisti rivoluzionari (SR).

4. Con i bolscevichi ora affrontati da un legislatore eletto dominato da un partito non bolscevico, Lenin ha condannato l'assemblea come non rappresentativa e controrivoluzionaria e ha minacciato di scioglierlo.

5. L'Assemblea Costituente si riunì nel gennaio 1918. Le sue prime azioni furono di eleggere un presidente della SR e rifiutare la ratifica per i precedenti decreti bolscevichi. L'assemblea rimase seduta solo per un giorno prima che le guardie rosse di Lenin lo sciogliessero, su suo ordine.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'Assemblea costituente"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/constituent-assembly/
Data di pubblicazione: 8 Agosto 2019
Data di accesso: 28 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.