Citazioni: Russia imperiale e zarismo

Questa selezione di citazioni della Rivoluzione Russa riguarda lo zarismo e la Russia imperiale prima della rivoluzione. Queste citazioni sono state fornite e selezionate dagli autori di Alpha History. Se desideri contribuire con un preventivo per l'inclusione in questa pagina, per favore CONTATTARCI.

Zarismo russo

“L'autocrazia è una forma di governo superata che può soddisfare le esigenze di una tribù dell'Africa centrale, ma non quelle del popolo russo, che sta assimilando sempre più la cultura del resto del mondo. Ecco perché è impossibile mantenere questa forma di governo se non con la violenza ".
Lev Tolstoj

Nicola II

“Cosa succederà a me ea tutta la Russia? Non sono preparato per essere uno zar. Non ho mai voluto diventarlo. Non so nulla della faccenda del governo. "
Nicola II

"Sii più autocratico di Pietro il Grande e più severo di Ivan il Terribile."
Tsarina Alexandra, a suo marito 

"Manterrò il principio dell'autocrazia con la stessa fermezza e fermezza del mio defunto padre."
Nicola II

“Ho pietà dello zar. Ho pietà della Russia. È un sovrano povero e infelice. Cosa ha ereditato e cosa lascerà? È ovviamente un uomo buono e abbastanza intelligente, ma gli manca la forza di volontà, ed è da quel carattere che si sono sviluppati i suoi difetti di stato, cioè i suoi difetti di governante, specialmente un sovrano autocratico e assoluto ".
Sergei Witte, ministro russo 

"Sono pienamente convinto che tempi grandi e belli stanno arrivando per il tuo regno e la Russia ... dobbiamo dare un paese forte a Baby e non osare essere debole per il suo bene ... Non lasciare che le cose scivolino tra le tue dita e lascia che sia lui ricostruisci tutto da capo. Sii fermo ... come vorrei poter riversare la mia volontà nelle tue vene. "
Tsarina Alexandra, a suo marito

"Non accetterò mai, in nessun caso, una forma rappresentativa di governo perché la considero dannosa per le persone a cui Dio ha affidato le mie cure".
Nicola II

La rivoluzione 1905

"Compagni operai, strappate tutti i ritratti dello zar succhiasangue e ditegli: siate dannati con tutta la vostra augusta progenie rettiliana!"
Georgi Gapon durante 1905

“Rivolte e disordini nelle capitali e in molte località del Nostro Impero riempiono il nostro cuore di grande e grave dolore. Il benessere del sovrano russo è inseparabile dal benessere nazionale; il dolore nazionale è il suo dolore ".
Nicola II, scrivendo in ottobre 1905

“Maledizione alla Duma. È tutta colpa di Witte. "
Nicola II

"L'aspetto tragico della situazione è che lo zar sta vivendo nel paradiso degli sciocchi, pensando di essere forte e onnipotente come prima."
Sergei Witte nel 1905

“Finché vivrò, non mi fiderò mai più di quell'uomo (Witte) con la più piccola cosa. Ne ho abbastanza dell'esperimento dell'anno scorso. È ancora come un incubo per me. "
Nicola II, scrivendo in 1906

"Devo attuare misure efficaci di riforma e allo stesso tempo devo affrontare la rivoluzione, resistere e fermarla".
Petr Stolypin, 1906

“Non c'è limite all'assistenza che sono pronto a dare e alle concessioni che sono disposto a fare per mettere i contadini sulla via dello sviluppo culturale. Se non riusciremo a portare avanti questa riforma saremmo tutti spazzati via nel mucchio della spazzatura… Il governo ha scommesso non sui bisognosi e sugli ubriachi, ma sui robusti e sui forti ”.
Petr Stolypin nel 1908

Rasputin

“Rasputin ha conquistato l'impero fermando l'emorragia dello Tsarevich. Forse è stata un'impostura ma è anche possibile che con l'ipnosi o un metodo simile sia riuscito a produrre una contrazione delle piccole arterie ... La loro contrazione può essere provocata nel corpo di un soggetto ipnotizzato. "
JBS Haldane, scienziato britannico

"Il potere, la forza nervosa che emanava dagli occhi di mio padre, dalle sue mani eccezionalmente lunghe e belle, da tutto il suo essere impregnato di forza di volontà, dalla sua mente concentrata su un desiderio [furono] trasmesse al bambino - un particolarmente nervoso e impressionabile soggetto - e in qualche modo lo ha galvanizzato. "
Maria, figlia di Rasputin

“Lui [Rasputin] è solo un bravo, religioso, semplice russo. Quando sono nei guai o sono assalito dai dubbi, mi piace parlare con lui e dopo mi sento invariabilmente in pace con me stesso ".
Nicola II

“Le opinioni del nostro amico [di Rasputin] sulle persone a volte sono molto strane, come tu stesso conosci; quindi bisogna stare attenti. "
Nicola II

"L'apparizione nella corte [reale] di Grigory Rasputin e l'influenza che esercitò lì, segnano l'inizio del decadimento della società russa e la perdita di prestigio per il trono e per la persona dello zar stesso."
Rodzianko, presidente della Duma

"Sono obbligato a riferire che, al momento, l'Impero russo è governato da pazzi".
Maurice Paleologue, ambasciatore francese

“Desidero far conoscere al popolo russo, a papà [Nicola II] la madre russa e ai bambini, alla terra di Russia, ciò che devono capire. Se vengo ucciso da comuni assassini, e soprattutto dai miei fratelli contadini russi, tu, Zar di Russia, non hai nulla da temere, rimani sul tuo trono e governa ... Ma se io sono assassinato dai nobili e se versano il mio sangue, il loro le mani rimarranno sporche del mio sangue, per venticinque anni non si laveranno le mani dal mio sangue. Lasceranno la Russia. I fratelli uccideranno i fratelli ... se sono stati i tuoi parenti a causare la mia morte, nessuno della tua famiglia, vale a dire, nessuno dei tuoi figli o parenti, rimarrà in vita per più di due anni ".
Grigori Rasputin, in una lettera 1916 alla zarina