L'Armata Rossa

esercito rosso
Uniformi dell'Armata Rossa del periodo della guerra civile

L'Armata Rossa era la forza militare del bolscevico regime e la repubblica sovietica. Fu formato in 1918 per difendere il nuovo regime durante il Guerra civile russa. Nei suoi anni formativi, l'Armata Rossa è stata assemblata e organizzata da Leon Trotsky, il commissario sovietico per gli affari militari tra marzo 1918 e gennaio 1925.

Formare un esercito sovietico

Quando i bolscevichi presero il potere nell'ottobre 1917, le Guardie rosse costituirono la loro unica forza militare. Composto principalmente da operai industriali armati ed ex soldati, le Guardie Rosse contenevano fino a 200,000 uomini con un sesto di questo numero situato a Pietrogrado.

Sebbene fedeli alla causa bolscevica, le Guardie Rosse non erano addestrate e mancavano di disciplina militare ed esperienza di combattimento. La minaccia di continuare la guerra con la Germania, unita alla crescente opposizione al nuovo regime, richiedeva un esercito permanente più grande e più professionale. Il Sovnarkom ha risposto da decretando la formazione dell'Armata Rossa nel mese di gennaio 1918.

Nelle sue prime settimane, la nuova Armata Rossa era una forza di volontariato organizzata secondo linee socialiste. I suoi membri non indossavano gradi o insegne e i suoi ufficiali venivano eletti democraticamente. Inutile dire che questo ha fatto poco per migliorare il controllo, l'organizzazione o la disciplina.

Trotsky prende in carico

esercito rosso
Un poster che raffigura Trotsky a guardia della Russia sovietica dagli eserciti bianchi

La trasformazione dell'Armata Rossa iniziò nel marzo 1918 con la nomina di Leon Trotsky a commissario di guerra. La maggior parte degli storici concorda sul fatto che la leadership di Trotsky è stata determinante nel trasformare l'Armata Rossa in una forza militare professionale. Questa trasformazione includeva alcune misure che, all'epoca, sembravano rischiose o potenzialmente pericolose.

Una delle strategie più controverse di Trotsky era quella di sfruttare le scorte militari del vecchio regime zarista. Poco dopo aver assunto la carica di commissario di guerra, Trotsky arruolò migliaia di ex ufficiali ed ex sottufficiali (sottufficiali) dell'esercito imperiale. La nuova nazione non aveva tempo per addestrare e istruire nuovi ufficiali, sosteneva Trotsky. Aveva bisogno immediatamente dell'esperienza e della competenza di specialisti militari, indipendentemente dalle loro origini. Questi ufficiali zaristi, ha detto, sarebbero stati “spremuti come limoni, poi gettati via”.

Con 1920, più di 250,000 veterani dell'Armata Imperiale erano stati arruolati nell'Armata Rossa. Inutile dire che la maggior parte di questi soldati erano lealisti zaristi senza fedeltà o affetto per i bolscevichi. Mentre la guerra civile si svolgeva, i pericoli della diserzione, della defezione per i bianchi o dello spionaggio anti-bolscevico divennero evidenti.

Garantire lealtà

Trotsky assicurò l'obbedienza e la buona condotta degli ufficiali di grado superiore ordinando che i commissari di partito fossero assegnati a ogni unità militare.

Questi commissari erano poco più che cani da guardia bolscevichi. Hanno seguito gli ufficiali in posizioni di autorità, dai generali di alto rango fino ai comandanti di livello aziendale, quindi hanno riferito al partito sulla loro lealtà, efficienza ed entusiasmo.

L'obbedienza è stata garantita anche dal sinistro Cheka e, in alcuni casi individuali, minacce alle famiglie se gli ufficiali mostravano segni di slealtà.

Nel dicembre 1918, Trotsky ordinò a un gruppo di commissari di "stabilire lo stato di famiglia degli ex ufficiali tra il personale di comando e informare ciascuno di loro, mediante un ordine firmato, che qualsiasi tradimento o tradimento causerà l'arresto delle loro famiglie ... loro stessi la responsabilità per le loro famiglie ”.

Come nell'esercito imperiale zarista, il grado e il dossier dell'Armata Rossa erano costituiti principalmente da contadini arruolati. La coscrizione fu introdotta dal Sovnarkom nel maggio 1918 mentre la guerra civile stava iniziando a intensificarsi. I numeri dell'Armata Rossa aumentarono vertiginosamente, passando da 800,000 nel 1918 a più di tre milioni nel 1920, a quel punto l'esercito fu impegnato in battaglia su sedici diversi fronti.

Una forza di propaganda

esercito rosso
Trotsky si rivolge ai soldati dell'Armata Rossa durante la guerra civile

Rendendosi conto che le enormi dimensioni dell'Armata Rossa e la dipendenza dai coscritti potevano creare problemi disciplinari, Trotsky implementò strategie per mantenere la disciplina e aumentare il morale.

La propaganda fu distribuita nei ranghi dell'Armata Rossa; ai suoi soldati veniva costantemente ricordata la loro importanza per la rivoluzione e le conseguenze in caso di fallimento. Il Komsomol, la lega della gioventù del partito bolscevico, è stata anche designata come fonte di giovani reclute idealiste.  

Durante la guerra civile, Trotsky stesso visse quasi permanentemente su un treno blindato, viaggiando da un fronte all'altro, supervisionando i progressi, incontrando gli ufficiali e tenendo discorsi avvincenti ai soldati dell'Armata Rossa. Il treno trasportava anche un trasmettitore radio, una macchina da stampa per la produzione in loco di propaganda, una generosa scorta di tabacco e persino una banda di ottoni, il tutto per aumentare il morale.

"Unità di blocco"

Per tutto questo, Trotsky potrebbe essere brutale quanto motivante ed edificante. A seguito di una serie di sconfitte a metà 1918, quando l'Armata Rossa era ancora sottovalutata e inesperta, Trotsky si trovò di fronte a notizie di diserzione, codardia e ritirata tra le unità dell'Armata Rossa.

La sua risposta è stata la formazione di "unità di blocco". Queste squadre speciali erano collocate in fondo alla linea del fronte e avevano l'ordine di sparare a tutti i disertori o soldati visti in ritirata senza autorizzazione. Era una tattica usata in seguito dal nemico di Trotsky, Stalin, durante la seconda guerra mondiale.

La spietatezza di Trotsky, combinata con la sua pianificazione, la sua attenzione ai dettagli e la sua capacità di unificare forze disparate, ha contribuito a rafforzare l'Armata Rossa in una formidabile forza militare.

"Con tutta la sua genialità nell'organizzazione e il suo genio per gli uomini di spicco, Trotsky capì che l'embrionale Armata Rossa russa non avrebbe potuto svilupparsi senza un grande corpo di ufficiali addestrati ai metodi della guerra moderna".
W. Bruce Lincoln, storico

bolscevichi dell'esercito rosso

1. L'Armata Rossa era la forza militare organizzata del nuovo regime sovietico. È stato formato con decreto del 1918 di gennaio.

2. Trotsky è stato nominato commissario di guerra nel marzo 1918 e ha svolto un ruolo fondamentale nella riorganizzazione, modellatura e rafforzamento dell'Armata Rossa.

3. Trotsky riempì i ranghi dell'Armata Rossa di coscritti. Ciò includeva migliaia di ex ufficiali zaristi, chiamati per la loro esperienza e competenza.

4. Era notoriamente spietato nel far rispettare la lealtà e la disciplina, usando minacce contro le famiglie e schierando commissari di partito e "unità di blocco".

5. Trotsky lavorò anche per sollevare il morale nell'Armata Rossa, ricordando ai soldati la loro importanza nella storia, usando la propaganda e viaggiando personalmente in Russia per supervisionare e parlare.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'Armata Rossa"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/red-army/
Data di pubblicazione: 16 Agosto 2019
Data di accesso: Luglio 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.