Georgy Gapon

gapon georgy

Georgy Gapon (1870-1906) era un sacerdote ortodosso russo e un agitatore politico che contribuì ai disordini politici nel 1904-5. È meglio conosciuto per aver redatto una petizione dei lavoratori e per aver guidato il 'Domenica di sangue'protesta nel gennaio 1905.

Gapon è nato da una famiglia cosacca povera nella provincia di Poltava, in Ucraina. Ha studiato in un seminario prima di lavorare come impiegato contabile nel locale zemstvo. Sebbene principalmente interessato al benessere sociale, Gapon entrò nel sacerdozio per volere di sua moglie.

Gapon si è trasferito a San Pietroburgo, dove ha lavorato come insegnante e cappellano della prigione organizzando aiuti di beneficenza per i poveri della città. Ciò includeva i lavoratori industriali e le loro famiglie. Fu incoraggiato dall'Okhrana a organizzare un zubatovshchina (associazione dei lavoratori statali) ma le sue vere lealtà erano con i lavoratori sofferenti.

Carismatico, dall'aspetto sorprendente e da un oratore irresistibile, di 1904 Gapon stava organizzando gli operai in sezioni militanti. A gennaio 1905 ha avuto un seguito significativo tra i carpentieri dello stabilimento di Putilov a San Pietroburgo. Gapon ha redatto una petizione a Zar Nicola II ciò ha richiesto miglioramenti delle condizioni di lavoro ma anche riforme politiche.

Il 21 gennaio, il giorno prima della sparatoria della "Bloody Sunday", Gapon scrisse allo zar:

"Sire! Non credere ai ministri. Ti stanno ingannando riguardo al vero stato delle cose. La gente crede in te. Hanno deciso di riunirsi domani al Palazzo d'Inverno per esporre i loro bisogni davanti a te ".

La petizione di Gapon è stata accolta dai manifestanti quando hanno marciato per San Pietroburgo il giorno successivo. Centinaia sono stati uccisi dalle truppe imperiali mentre si avvicinavano al Palazzo d'Inverno. Gapon fuggì dalla scena e sfuggì all'arresto nascondendosi nella casa di Maxim Gorky. In seguito è fuggito attraverso il confine in Finlandia.

Mentre era clandestino e in esilio, Gapon ha condannato la violenza di "Bloody Sunday" e ha condannato lo zar per la sua mancanza di simpatia. Ha apertamente chiesto la rivoluzione, esortando gruppi rivali come gli SR, menscevichi e bolscevichi unirsi per rovesciare lo zarismo.

Gapon è tornato in Russia dopo il Manifesto di ottobre. Fu ucciso da Pinhas Rutenberg, un membro degli SR, nel marzo 1906, dopo aver rivelato i suoi legami con l'Okhrana.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Georgy Gapon"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/georgy-gapon/
Data di pubblicazione: 27 Marzo 2019
Data di accesso: 20 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.