I giorni di luglio

giorni di luglio
Una famosa fotografia di combattimenti di strada a Pietrogrado durante i giorni di luglio

Nei primi giorni di luglio 1917 a Pietrogrado scoppiò una rivolta spontanea. Le Giornate di Luglio, come divenne nota questa rivolta, furono alimentate da diversi fattori: il tentativo del governo provvisorio di intensificare lo sforzo bellico, il crollo del ministero governativo e un flusso costante di propaganda bolscevica che condannava il governo e chiedeva un trasferimento del potere al governo. i sovietici. All’inizio di luglio, migliaia di persone nelle strade di Pietrogrado pensavano che fosse giunto il momento della rivoluzione sovietica. La maggior parte erano operai, soldati e marinai scontenti; molti erano tesserati del partito bolscevico. Ma quando fecero la loro mossa il 3 luglio, né la gerarchia sovietica né quella bolscevica erano disposte a prendere il comando della rivolta. Privata di leadership, la rivolta di luglio si indebolì e fallì. Giustamente o no, i bolscevichi furono ritenuti responsabili della rivolta, i loro leader arrestati, costretti all’esilio e presi di mira dalla propaganda governativa ostile. Alla fine di luglio 1917 il movimento bolscevico sembrava essere stato sconfitto.

Tra aprile e giugno 1917, il partito bolscevico fu impegnato a consolidare la propria posizione, reclutando nuovi membri e costruendo consensi. Di particolare importanza fu l’estensione dell’influenza bolscevica nel Soviet di Pietrogrado, dove la maggioranza era ancora detenuta da delegati menscevichi e SR. La tattica preferita di Lenin era quella di aspettare pazientemente che il partito crescesse in forza, continuando allo stesso tempo ad attaccare il governo con la propaganda e la retorica e a promuovere i Soviet come governo alternativo. Ma gli eventi della metà del 1917 stavano alimentando la polveriera della rivoluzione popolare più velocemente di quanto Lenin avrebbe preferito. L'adesione del governo provvisorio alla guerra radicalizzò migliaia di soldati e aumentò le richieste di una rivoluzione sovietica. Il 18 giugno, un'unità militare, la 1a riserva di fanteria, ha redatto risoluzioni che chiedevano il rovesciamento del governo:

Il massacro continua ed è in atto un collasso industriale. Vediamo i ricchi che si riempiono le tasche a causa di questa guerra criminale e sentiamo e sappiamo che una sinistra e terribile carestia si sta avvicinando. Vediamo anche gli sciacalli della Duma di Stato e del Consiglio di Stato che con le loro zampe sporche tendono a strangolare la libertà. I diritti del soldato stanno cadendo nel dimenticatoio; lo stesso vale per il rafforzamento dei diritti di libertà... Protestiamo aspramente ogni tipo di ministero borghese e chiediamo che i dieci [ministri] borghesi facciano posto. Noi esigiamo che il Soviet panrusso dei deputati dei soldati, degli operai e dei contadini prenda tutto il potere.

giorni di luglio
Alexander Kerensky saluta le truppe poco prima della sua disastrosa offensiva 1917

Una situazione pericolosa è stata aggravata da una disastrosa offensiva militare. L'autorizzazione venne autorizzata a metà giugno da Aleksandr Kerenskij, che nel frattempo era stato «promosso» a ministro della guerra del governo provvisorio. A metà giugno Kerenskij approvò un massiccio assalto alle difese austro-ungariche in Galizia. La decisione di Kerenskij di attaccare sembra essere stata motivata dall'arrivo di dozzine di pezzi di artiglieria pesante dalla Gran Bretagna e dal Giappone; sperava anche di migliorare il morale, sia nei ranghi dell'esercito che in Russia in generale. I primi due giorni dell'offensiva Kerensky, come divenne nota, ebbero più successo che no, poiché i cannoni alleati aprirono aperture nelle difese austro-ungariche che consentirono ai fanti russi di fare i primi avanzamenti. Ma l'offensiva incontrò presto una resistenza più forte da parte delle unità tedesche e cominciò a crollare. A metà luglio i russi avevano subito 400,000 vittime e furono costretti a ritirarsi, arrendendosi per più di 200 chilometri.

La notizia dell'offensiva è stata accolta con rabbia e ostilità nelle città. Forse consapevole della crisi imminente, il ministero della coalizione del governo provvisorio è crollato, innescato dalle dimissioni del primo ministro Lvov e di tutti e quattro i ministri Kadet. La notizia della disastrosa offensiva, insieme all'implosione del governo, scatenò a Pietrogrado disordini non dissimili dagli eventi di febbraio. La sera del 3 luglio nella capitale sono scoppiate manifestazioni di piazza e disordini che hanno coinvolto migliaia di operai. Il giorno seguente furono raggiunti dai soldati ammutinati della guarnigione di Pietrogrado, nonché dai marinai della vicina isola-fortezza di Kronstadt (avevano precedentemente preso il controllo della loro base, uccidendo più di 40 ufficiali e stabilendo la propria forma di democrazia diretta). Le stime sul loro numero variano: alcune fonti suggeriscono che fossero coinvolte 100,000 persone, altre più di mezzo milione. Con un’altra rivoluzione apparentemente in atto, sorse la domanda su chi l’avrebbe guidata. Un folto gruppo si riunì fuori dal Palazzo Tauride, il luogo di incontro del Soviet di Pietrogrado, aspettando una dichiarazione che il Soviet aveva preso il potere. Tutto ciò che ottennero, tuttavia, fu il leader moderato dell’SR Victor Chernov, che fornì una serie di scuse per cui il governo provvisorio avrebbe dovuto riformarsi e continuare. L'equivoco di Chernov fece arrabbiare la folla, incluso un disturbatore, che notoriamente gridò: "Prendi il potere, figlio di puttana, quando ti sarà consegnato!"

“Una delle accuse ai bolscevichi più diffuse dopo la Giornata di luglio è stata scritta dal famoso populista Vladimir Burtsev. Il 6 luglio, in una lettera aperta stampata su molti giornali a Pietrogrado, si unì all'assalto: “Tra i bolscevichi, i provocatori e gli agenti tedeschi hanno giocato e continuano a svolgere un ruolo importante. Riguardo ai leader bolscevichi ... grazie a loro - a Lenin, Zinoviev, Trotsky, ecc. [Kaiser] Wilhelm ha ottenuto ciò che prima aveva solo sognato ... In quei giorni Lenin ei suoi compagni ci costarono non meno di una grande piaga o epidemia di colera. "
Alexander Rabinowitch, storico

Nel frattempo, altri cercavano altrove una leadership rivoluzionaria. Un altro folto gruppo composto da operai radicali, soldati e marinai di Kronstadt marciarono verso il Palazzo Kseshinskaya, quartier generale temporaneo della leadership bolscevica. Fuori, applaudirono e cantarono per Lenin, aspettandosi che il leader bolscevico pronunciasse un discorso entusiasmante chiedendo il rovesciamento del governo. Alla fine Lenin apparve davanti a loro, ma i suoi commenti furono brevi, sobri e deludenti. Il leader bolscevico non offrì alla folla né ispirazione, né istruzioni, né il suo pieno sostegno. Dopo che Lenin finì di parlare e si ritirò, la folla sgonfiata si sciolse presto e si disperse per la città, molti di loro ricorsero a forti bevute, saccheggi e atti di vandalismo. Quando il giorno dopo le forze governative arrivarono dal fronte, riuscirono a reprimere la rivolta senza molta opposizione. Furono uccise circa 700 persone, la maggior parte delle quali bolscevichi o simpatizzanti bolscevichi; furono arrestati più di mille bolscevichi.

giorni di luglio
Lenin travestito da pescatore sulla scia dei giorni di luglio

La gerarchia bolscevica diede un tacito sostegno alle manifestazioni di luglio, ma si rifiutò di sostenere una sfida diretta al governo provvisorio. Sembra che questo sia stato guidato da Lenin, il quale era consapevole che le rivoluzioni spontanee e non pianificate solitamente fallivano; non si fidava dell'imprevisto e non era disposto a scommettere il suo futuro politico su una folla disorganizzata. Alcuni storici attribuiscono l'inazione di Lenin all'incertezza. Richard Pipes, uno storico solitamente critico nei confronti della sete di potere di Lenin, lo descrive come un “vacillatore senza speranza” durante le Giornate di luglio. Gli esiti delle Giornate di Luglio, invece, sono più certi. La responsabilità della rivolta fu attribuita direttamente a Lenin e ai bolscevichi, sia dal governo provvisorio che dagli elementi moderati del Soviet. Kerensky, che alla fine di luglio fu nominato primo ministro, agì immediatamente. Ordinò l'arresto di Lenin e autorizzò la pubblicazione di materiale in cui si sosteneva che il leader bolscevico riceveva sostegno finanziario dalla Germania. Essere dipinto come un traditore minò la popolarità di Lenin e fu costretto a fuggire dalla Russia in Finlandia, travestito da pescatore. Centinaia di bolscevichi furono radunati, imprigionati o costretti all'esilio. Con i loro leader dispersi e screditati, i bolscevichi sembravano finiti, ma agosto avrebbe prodotto un’altra svolta nella storia.

1. Le Giornate di luglio furono una rivolta spontanea di operai e soldati a Pietrogrado nella prima settimana di luglio 1917.
2. È stata innescata dalla continua opposizione alla guerra, da una grande offensiva in Galizia e dal crollo del governo.
3. Almeno 100,000 persone si radunarono nelle strade di Pietrogrado, chiedendo ai sovietici o ai bolscevichi di prendere il potere.
4. Quando entrambi si rifiutarono di prendere il comando della rivolta, questa venne infine dispersa e repressa dalle truppe governative.
5. I bolscevichi furono responsabili della rivolta dei Giorni di Luglio, i loro leader furono presi di mira dalla propaganda governativa e dagli arresti, mentre Lenin fu costretto a travestirsi e fuggire in Finlandia.


© Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, John Rae e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “I giorni di luglio” a Alpha History, https://alphahistory.com/russianrevolution/july-days/, 2014, visitato [data dell'ultimo accesso].