Il governo provvisorio

governo provvisorio
Una fotografia dei ministri del governo provvisorio (seduti) nel 1917.

Il governo provvisorio ereditò l'autorità politica dopo l'abdicazione di Nicola II. Ha goduto di un breve periodo di luna di miele caratterizzato da speranza, ottimismo e sostegno pubblico. Ma il governo provvisorio si trovò presto ad affrontare le stesse questioni politiche che avevano minato e distrutto lo zarismo. L’abdicazione di Nicola II avrebbe potuto rilassare l’umore della gente, ma non portò né pane né carbone a Pietrogrado. Ancora più urgente era la questione del coinvolgimento della Russia nella prima guerra mondiale. Molti sostenevano che avrebbe dovuto chiedere termini di pace alla Germania e ritirarsi dalla guerra, per allentare la pressione sulla sua economia e sulla sua popolazione e per gestire la sua riforma politica. Altri credevano che la Russia, avendo fatto delle promesse ai suoi alleati nel 1914, avrebbe dovuto mantenerle. Il governo provvisorio scelse quest’ultima strada, decisione che alla fine si rivelò fatale. Alla fine di luglio 1917, il governo provvisorio era ignorato, mancato di rispetto e quasi impotente. La questione non era se sarebbe sopravvissuto, ma quando sarebbe caduto.

Il nucleo del nuovo governo era formato da un comitato provvisorio di deputati della Duma, riunito all'inizio dei disordini che sfociarono nella Rivoluzione di febbraio. Il 2 marzo, poche ore dopo che Nicola II abdicò al trono, il comitato perse tre dei suoi membri ottobristi e si riformò come governo provvisorio della Russia. Nella sua prima manifestazione, il governo provvisorio comprendeva 12 ministri, sette dei quali erano cadetti liberali. Il suo primo primo ministro fu il principe Georgy Lvov, un reale minore e ricco proprietario terriero che favorì la transizione verso un governo liberal-democratico. L'unico vero socialista nel gabinetto di Lvov era Alexander Kerensky, un socialista-rivoluzionario che aveva guidato il trudovikí fazione operaia alla Duma. Il 3 marzo il governo provvisorio ha emesso un manifesto contenente otto principi con cui avrebbe funzionato. I primi quattro di questi sono stati i più significativi:

1. Un'amnistia immediata e completa in tutti i casi di natura politica e religiosa, compresi atti terroristici, rivolte militari e offese agrarie, ecc.

2. Libertà di parola, stampa e riunione, nonché il diritto di formare sindacati e scioperare e l'estensione della libertà politica alle persone che prestano servizio nelle forze armate limitate solo dalle esigenze di circostanze militari e tecniche.

3. L'abolizione di tutte le restrizioni basate su classe, religione e nazionalità.

4. Le disposizioni immediate per la convocazione dell'Assemblea costituente sulla base di suffragio universale, uguale e diretto e scrutinio segreto, che determinerà la forma di governo e la costituzione del paese.

Come suggerisce il nome, il governo provvisorio era solo un regime transitorio, formato per supervisionare la trasformazione della Russia dallo zarismo ad un'Assemblea costituente democraticamente eletta. Molti si aspettavano che le elezioni per questa Assemblea Costituente venissero organizzate entro sei mesi, sicuramente ben prima della fine del 1917. Nel frattempo, il governo provvisorio tentò di governare come ci si potrebbe aspettare che governasse un governo eletto. Ma questo stesso era problematico, per diverse ragioni. Sebbene i suoi membri provenissero dalla Duma, il governo provvisorio non aveva mandato; non era stato selezionato o approvato dal popolo. I russi erano consapevoli che si trattava di un governo temporaneo, per cui non sempre le sue leggi e i suoi decreti furono rispettati o presi sul serio. Con il passare dell’anno, il governo provvisorio trovò sempre più difficile portare a termine le sue politiche. Entro l’estate il governo era in gran parte impotente e la maggior parte delle sue direttive venivano eseguite parzialmente o con poca convinzione, se non del tutto. Un osservatore contemporaneo lo ha soprannominato il “governo persuasivo”, poiché doveva blandire o convincere a portare a termine le cose.

governo provvisorio
Un incontro del Soviet di Pietrogrado in 1917.

Un fattore significativo nella debolezza del governo provvisorio fu l'ascesa di un altro organismo: il Soviet di Pietrogrado. Reincarnazione del vecchio Soviet di San Pietroburgo del 1905, il Soviet di Pietrogrado si riunì negli ultimi giorni della Rivoluzione di febbraio. È iniziato come un chiassoso incontro di lavoratori e soldati militanti, ma in pochi giorni è diventato un consiglio rappresentativo, contenente delegati provenienti da quasi tutte le fabbriche, luoghi di lavoro e unità militari della capitale. Al suo apice, il Soviet di Pietrogrado vantava più di 3,000 membri. Sebbene le sue riunioni fossero rumorose e chiassose, gli obiettivi politici del Soviet erano inizialmente moderati. Il suo consiglio esecutivo (Ispolkom) e quotidiano (Izvestia) erano dominati dai menscevichi e dai socialisti-rivoluzionari moderati. Nelle sue prime settimane il Soviet non parlò molto di rovesciare o sostituire il governo provvisorio, ma era più diviso sulla questione della guerra, con un numero considerevole di delegati che sostenevano il ritiro immediato della Russia.

Una delle prime e più significative risoluzioni del Soviet di Pietrogrado fu la sua famosa Ordine numero uno, emesso due giorni prima dell'abdicazione dello zar. Questo ordine invitava tutte le unità militari a mantenere disciplina e prontezza, ma a chiedere l’approvazione del Soviet prima di eseguire qualsiasi ordine emesso dalla Duma di Stato. È stata approvata per ridurre le possibilità di una controrivoluzione armata da parte del regime zarista, dei suoi generali o dei conservatori della Duma. L'ordine numero uno viene spesso interpretato come un tentativo di indebolire il governo provvisorio; non è così, poiché il governo provvisorio non era ancora stato formato. Ma l'ordine dimostrava chiaramente la volontà del Soviet di ignorare o revocare gli ordini impartiti dalle autorità civili, se fossero in conflitto con gli interessi dei lavoratori e dei soldati. Ciò pose le basi per quello che in seguito fu conosciuto come il “doppio potere”: gli otto mesi del 1917 in cui il controllo politico fu diviso tra il governo provvisorio e il Soviet di Pietrogrado. Come disse più tardi Kerenskij, il Soviet possedeva “potere senza autorità” mentre il governo provvisorio aveva “autorità senza potere”.

“Mentre il governo provvisorio perdeva potere, i sovietici si diffusero rapidamente in tutta la Russia, raggiungendo non solo i grandi centri industriali ma anche le città locali e i distretti rurali. I sovietici erano indisciplinati e di per sé non rappresentavano una minaccia diretta all'esistenza del governo. La situazione cambiò quando i bolscevichi iniziarono a dominare un numero crescente di sovietici, in particolare nelle grandi città e nei centri industriali. Poiché i bolscevichi erano ansiosi di ottenere il potere con la forza, il governo provvisorio era condannato. Il gigantesco impero russo era come uno stato postcoloniale minore: poche dozzine di uomini armati e determinati potevano organizzare un colpo di stato senza incontrare una seria resistenza ".
Christopher Lazarski, storico

Ancora più fatale per il governo provvisorio fu la decisione di mantenere le truppe russe nella Prima Guerra Mondiale. Lo fece per diverse ragioni, non ultimo perché la maggior parte dei membri del governo aveva sostenuto lo sforzo bellico fin dall’inizio. Alcuni, come Lvov, lo consideravano una questione di dovere: essendo entrata in guerra per sostenere i suoi alleati, la Russia avrebbe dovuto mantenere il proprio impegno fino alla vittoria. Altri credevano che un ritiro russo minacciasse la posizione internazionale e gli interessi del nuovo governo. La Russia avrebbe bisogno di più prestiti esteri, capitali e scambi commerciali nel mondo del dopoguerra; ritirarsi dalla guerra potrebbe metterli a repentaglio. Inoltre, la posizione tattica della Russia all’inizio del 1917 era scarsa, quindi qualsiasi apertura di pace alla Germania avrebbe probabilmente comportato una considerevole perdita di territorio e risorse. Altri sostenevano che la questione della guerra dovesse essere decisa dalla nuova Assemblea Costituente; il governo provvisorio non dovrebbe interferire nello status quo. Il consenso, quindi, era quello di mantenere l'impegno della Russia sul fronte orientale.

governo provvisorio
Una vignetta raffigurante il governo provvisorio alle prese con le valigie – e quindi pronto a fuggire.

Sebbene queste argomentazioni avessero qualche merito, la decisione di sostenere lo sforzo bellico creò un cuneo tra il governo provvisorio e il popolo. Ha prodotto anche cambiamenti significativi nel governo stesso. A metà aprile il ministro degli Esteri Pavel Milyukov scrisse un telegramma agli alleati informandoli che la Russia sarebbe rimasta in guerra fino alla sua conclusione. Il telegramma di Milyukov è trapelato ai socialisti radicali e poi alla stampa, cosa che ha scatenato grandi manifestazioni pubbliche a Pietrogrado. Di fronte all'enorme pressione pubblica, Milyukov e il ministro della guerra Alexander Guchkov furono costretti a dimettersi. Guchkov fu sostituito da Kerenskij, al quale si unirono nel gabinetto altri sei ministri socialisti. Kerensky, tuttavia, non aveva imparato alcuna lezione dai disordini di aprile o dal destino dei suoi predecessori. Due mesi dopo la sua nomina a ministro della Guerra, ordinò una nuova ambiziosa offensiva contro gli austro-ungarici in Galizia. Kerensky visitò la linea del fronte, lavorò a stretto contatto con i comandanti militari e tenne discorsi entusiasmanti, ma questi stratagemmi ebbero scarso effetto. L’esercito russo era stremato da tre anni di guerra, ancora scarsamente guidato e privo di risorse e spinto sull’orlo dell’ammutinamento dalla propaganda pacifista. L'offensiva di luglio in Galizia fu una sconfitta costosa, che provocò 400,000 vittime. L'unica risposta di Kerensky fu quella di licenziare il suo comandante in capo, Brusilov, e sostituirlo con il generale Lavr Kornilov – una mossa che avrebbe presto avuto conseguenze per il governo di Kerensky.

governo provvisorio

1. Il governo provvisorio è stato formato nel marzo 1917 da un comitato temporaneo di deputati della Duma.

2. La sua missione era gestire la transizione della Russia dallo zarismo a un governo democratico attraverso un'Assemblea costituente eletta.

3. Il governo non aveva mandato ed esercitava poco potere. La maggior parte seguiva i suoi ordini solo quando erano accettabili.

4. Anche il Soviet di Pietrogrado, un consiglio rappresentativo di 3,000 delegati, sfidò l'autorità del governo.

5. La preoccupazione più pressante per il governo provvisorio era la sua decisione di mantenere lo sforzo bellico. Ciò ha reso il governo estremamente impopolare, in particolare ad aprile (costringendo alle dimissioni di Milyukov) e di nuovo a luglio (dopo la fallita offensiva di Kerensky in Galizia).


© Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, John Rae e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “Il governo provvisorio” in Alpha History, https://alphahistory.com/russianrevolution/provisional-government/, 2014, visitato [data dell'ultimo accesso].