Joseph Stalin

stalin

Joseph Stalin (1879-1953) era un rivoluzionario russo in linea con Vladimir Lenin e la fazione bolscevica. Sebbene non sia stato un leader di partito significativo durante la Rivoluzione di ottobre, il suo accumulo di potere durante gli inizi e la metà degli 1920 gli permise di ottenere il controllo sia del partito che della repubblica sovietica.

Stalin è nato Ioseb Dzhugashvili da una famiglia povera a Gori, nella Georgia rurale. Suo padre, un calzolaio, beveva molto e abusava di sua moglie e dei suoi figli. Dzhugashvili è stato istruito presso la scuola religiosa della città dove ha imparato a parlare russo e georgiano e ha sviluppato l'ambizione di entrare a far parte del sacerdozio.

Dzhugashvili entrò in un seminario nella città georgiana di Tiflis ma il suo crescente interesse per il socialismo, in particolare quello sposato da Karl Marx, interruppe i suoi studi. Ha lavorato brevemente come impiegato prima di unirsi ai socialdemocratici in 1900 e, dopo la divisione di 1903, i bolscevichi.

Il primo contributo di Dzhugashvili al bolscevismo fu pratico piuttosto che ideologico. Ha raccolto fondi per il movimento bolscevico guidando un gruppo di "espropri". Dzhugashvili è stato uno dei principali organizzatori della rapina in banca a Tiflis del 1907 che ha ucciso dozzine di persone e ha fruttato ai bolscevichi più di 340,000 rubli. 

Queste attività hanno reso Dzhugashvili un uomo ricercato. Fu arrestato sette volte e trascorse gran parte del decennio prima del 1917 in prigione o in esilio. Fu durante questo periodo che Dzhugashvili iniziò a usare il nome in codice Stalin, che significa "uomo d'acciaio". Lenin ei suoi compagni più stretti lo chiamavano "Koba", il nome di un bandito in un popolare romanzo russo.

La reputazione di Stalin nel partito era quella di un "agente" piuttosto che di un "pensatore", sebbene abbia scritto diversi saggi che sposano il marxismo-leninismo e sia stato coinvolto nella produzione di propaganda. Quando Lenin si staccò definitivamente dai menscevichi nel 1912, elevò Stalin al Comitato centrale bolscevico. 

Dopo l'abdicazione di Nicola II, Stalin tornò a Pietrogrado e, come uno dei pochi significativi bolscevichi nella capitale, assunse la direzione di Pravda. Nei suoi primi editoriali, Stalin si è impegnato a sostenere il governo provvisorio. Dopo aprile, Stalin cadde dietro a Lenin, sostenendo il rovesciamento del governo.

Attraverso 1917, Stalin ha continuato a occuparsi di Pravda mentre gestiva la sicurezza personale di Lenin. Fu attivamente coinvolto nell'organizzazione della Rivoluzione d'Ottobre e in seguito lodò Trotsky per la sua pianificazione e supervisione della presa del potere.

Durante la guerra civile, Stalin prestò servizio nel Politburo, Sovnarkom e come commissario per le nazionalità, un portafoglio che gli ha dato la responsabilità dei non russi nel vecchio impero. Trascorse anche del tempo sul campo di battaglia, comandò unità dell'Armata Rossa e Cheka e mostrò la volontà di impiegare violenza e terrore per raggiungere i suoi obiettivi.

In 1922, Stalin è stato nominato Segretario Generale del Partito Comunista. Questo era un ruolo burocratico piuttosto che un'ovvia posizione di potere, tuttavia, Stalin fu in grado di usarlo per creare supporto all'interno della gerarchia del partito. Mentre Stalin accumulava silenziosamente potere, i suoi rivali, tra cui Trotsky e Grigory Zinoviev, lo ignorarono come giocatore minore.

Stalin pose anche le basi per un culto della personalità promuovendo i suoi legami con il malato Lenin. Quando Lenin morì nel gennaio 1924, lasciò un "testamento politico" che era fortemente critico nei confronti di Stalin, ma Stalin fu in grado di manipolare la distribuzione di questo documento per minimizzarne l'impatto.

Durante la metà degli 1920, Stalin ottenne il controllo dell'Unione Sovietica formando un'alleanza tripartita con i suoi precedenti rivali, Zinoviev e Lev Kamenev. Con il loro supporto, è stato in grado di mettere da parte Trotsky e, con il tempo, lo ha espulso dalla festa. Trotsky fu infine ucciso in esilio da un agente stalinista in 1940.

Alla fine degli 1920, Joseph Stalin fu trincerato come capo del Partito Comunista e dell'Unione Sovietica. Le politiche che attuò trasformarono e modernizzarono l'Unione Sovietica a un ritmo significativo, ma arrivarono a costi umani enormi.

Entro la fine della seconda guerra mondiale, Stalin era probabilmente il leader più potente del mondo. Il suo pugno di ferro nell'Unione Sovietica durò per un quarto di secolo fino alla sua morte per uno sciopero maggiore nel marzo 1953.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Joseph Stalin"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/joseph-stalin/
Data di pubblicazione: 21 aprile 2019
Data di accesso: 28 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.