Konstantin Pobedonostsev

Pobedonostsev

Konstantin Pobedonostsev (1827-1907) era un accademico e politico russo ultra conservatore, un amministratore della Chiesa ortodossa russa e influente consigliere di Alessandro III.

Pobedonostsev si unì alla burocrazia imperiale negli 1840 e trascorse alcuni anni 15 nel servizio pubblico. In 1859, divenne professore di diritto all'Università di Mosca. Ha anche lavorato come consulente per la politica e le riforme del governo.

Pobedonostsev era un conservatore inflessibile che difendeva la sovranità zarista, l'autocrazia e la Chiesa ortodossa in ogni occasione. Considerava sacrosante le istituzioni tradizionali della Russia e sosteneva che le idee straniere non avevano posto nel suo paese. La democrazia, ha affermato, era "la più grande menzogna del nostro tempo" e la "dittatura di una folla volgare". 

Anche Pobedonostsev era notoriamente antisemita. Una volta ha descritto gli ebrei come un gruppo "parassita" che ha messo radici in una società fiorente ma non poteva mantenere una società propria.

In 1865, Pobedonostsev è stato assunto per supervisionare l'educazione dei bambini di Alessandro II. In questo ruolo, ha insegnato due futuri zar, Alessandro III e Nicola II. L'istruzione che ha fornito ha impregnato i principi con l'ostinato conservatorismo politico che ha plasmato i loro regni - e nel caso di Nicholas, ha concluso il suo.

In 1880, Pobedonostsev è stato nominato procuratore capo del Santo Sinodo. Ciò gli ha permesso di fornire allo zar consigli su questioni religiose, sociali ed educative, un ruolo di notevole influenza. Rimase in questo ufficio per anni 25.

Alla fine fu costretto alla pensione dal Rivoluzione 1905 e morì due anni dopo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Konstantin Pobedonostsev"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/konstantin-pobedonostsev/
Data di pubblicazione: 20 Marzo 2019
Data di accesso: 10 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.