Leon Trotsky

leon trotsky

Leon Trotsky fu una figura significativa nella teoria e nella politica marxista e una figura cruciale nella rivoluzione russa. Ha svolto un ruolo significativo nell'organizzazione del Rivoluzione d'ottobre, ha condotto i negoziati di pace a Brest-Litovsk e come commissario per la guerra, ha contribuito a formare e modellare il Red Army. Spesso considerato un probabile successore del leader bolscevico Vladimir Lenin, Trotsky fu superato da Joseph Stalin, espulso dal Partito Comunista e costretto all'esilio.

vita in anticipo

Trotsky è nato a Yanovka, in Ucraina, a 1879, figlio di un prospero agricoltore. I suoi genitori erano ebrei e sebbene non fossero religiosi, erano spesso il bersaglio dell'odioso antisemitismo che infettava la Russia zarista.

A Trotsky fu dato il nome Lev Bronstein in onore di uno zio che aveva tentato senza successo di assassinare Alessandro II (c'era una vena rivoluzionaria nella sua famiglia, come c'era stata in quella di Lenin).  

Mandato in collegio, il giovane Bronstein fu coinvolto nella politica rivoluzionaria, prima come membro della narodniki. Nella sua tarda adolescenza, divenne un organizzatore sindacale e propagandista socialista. Si è interessato a marxismo e si è unito ai socialdemocratici (SD) in 1896.

Periodi in esilio

Nel 1900, Bronstein fu arrestato e condannato a quattro anni di esilio in Siberia. Fuggì nel 1902 con un passaporto contraffatto che portava il nome adottato con il quale in seguito divenne noto: Leon Trotsky.

Trotsky si stabilì a Londra dove, a 1903, partecipò al Secondo Congresso del Partito socialdemocratico. Quando il partito ha votato sulla questione dell'organizzazione e dell'appartenenza, Trotsky si è schierato dalla parte Julius Martov e la fazione che divenne nota come menscevica.

A differenza di Lenin, Trotsky era in Russia durante la rivoluzione del 1905. Fu eletto vicepresidente e poi presidente del Soviet di Pietrogrado, nonostante avesse appena 26 anni. Quando il Soviet fu schiacciato dalle truppe zariste alla fine del 1905, Trotsky fu nuovamente inviato in Siberia, sebbene fuggì rapidamente. Trascorse la maggior parte del decennio successivo in esilio, principalmente in Francia, Svizzera, Spagna e Stati Uniti. 

Tentativi di riconciliare le SD

All'inizio degli anni '1910 Trotsky fece diversi tentativi per riconciliare Lenin, Martov ei loro seguaci. Quando le fazioni bolscevica e menscevica si divisero irrevocabilmente all'inizio del 1912, Trotsky tentò di riparare i danni organizzando un "congresso di unità", una mossa che fallì. Successivamente ha collaborato con il Mezhraiontsyi, un gruppo di intellettuali che si sono battuti per la riconciliazione del partito.

All'inizio di 1917, Trotsky viveva a New York. Dopo aver sentito le notizie del Rivoluzione di febbraio, tornò immediatamente in Russia, arrivando nel maggio 1917.

Nel corso del 1917, Trotsky iniziò a perdere la fede nel movimento menscevico e si avvicinò alle idee e alle strategie di Lenin. Un momento cruciale in questa trasformazione è stato il popolare, ma alla fine senza successo 'Giorni di luglio'rivolta. Ha convinto Trotsky che senza una forte leadership da parte di un partito rivoluzionario impegnato, il popolo non era in grado di prendere il potere.

Allineamento con i bolscevichi

Nell'agosto 1917 Trotsky osservò che “i comitati di fabbrica… sono in stragrande maggioranza composti da bolscevichi. Nei sindacati di Pietrogrado, il lavoro pratico quotidiano ... spetta interamente ai bolscevichi. Nella sezione operaia del Soviet di Pietrogrado, i bolscevichi costituiscono la stragrande maggioranza ". 

Lo stesso Trotsky lavorò per la causa bolscevica nel Soviet di Pietrogrado, dove fu nuovamente eletto presidente all'inizio di ottobre. Ha anche svolto un ruolo di primo piano nell'organizzazione e nell'armamento delle Guardie Rosse, una milizia filo-bolscevica composta da operai.

Secondo molti storici, mentre Lenin era la forza trainante della Rivoluzione d'Ottobre, l'organizzazione e la pianificazione strategica di Trotsky assicurarono che fosse un successo.

Rivoluzione d'ottobre

All'inizio di ottobre, Trotsky introdusse una risoluzione nel Soviet di Pietrogrado controllato dai bolscevichi che chiedeva la formazione di un comitato militare per preparare la "difesa rivoluzionaria di Pietrogrado". La risoluzione è stata approvata e il Comitato militare rivoluzionario (MRC, o Milrevcom) è stato formato.

In teoria, il Milrevcom e le Guardie Rosse furono formati per proteggere il movimento bolscevico e i suoi leader, ma in realtà erano strumenti per un'insurrezione armata contro il governo provvisorio.  

Trotsky si unì anche al Comitato centrale bolscevico, dove sostenne gli appelli di Lenin per una rivoluzione socialista. Joseph Stalin, più tardi acerrimo rivale di Trotsky, scrisse nel 1918 che "tutto il lavoro pratico in relazione all'organizzazione della rivolta fu svolto sotto la direzione immediata [di Trotsky] ... il Partito è debitore principalmente e principalmente al compagno Trotsky per il modo efficiente in cui la è stato organizzato il lavoro del Comitato militare rivoluzionario ". Una volta che Stalin ebbe preso le redini del potere, questo passaggio fu cancellato dai documenti ufficiali.

Capo diplomatico e militare

L'importanza di Trotsky continuò nella nuova società. Era un membro importante del Politburo del Partito Comunista e il principale negoziatore con i tedeschi a Brest-Litovsk. L'organizzazione di Trotsky dell'Armata Rossa e la leadership politica e militare durante il Guerra civile era anche critico. È stato anche responsabile della soppressione del file Ribellione di Kronstadt All'inizio di 1921.

Trotsky non era senza i suoi difetti. Era un entusiasta oratore pubblico e un brillante teorico e organizzatore, ma era incline all'arroganza, alla sdegnosità e al sarcasmo, qualità che lo rendevano impopolare tra gli altri bolscevichi. Queste carenze furono identificate da Lenin nel suo "testamento politico" del 1922, dove riconobbe i talenti di Trotsky ma notò che "mostrava un'eccessiva sicurezza di sé e ... un'eccessiva preoccupazione per il lato puramente amministrativo del lavoro".

L'eccessiva fiducia di Trotsky si rivelò fatale quando Stalin, suo rivale per la leadership bolscevica, reclutò altri contro di lui e prese il controllo del partito all'inizio degli anni '1920. Alla morte di Lenin all'inizio del 1924, Trotsky era stato praticamente escluso dal potere. Alla fine Stalin lo fece espellere dall'Unione Sovietica nel 1929.

Il capro espiatorio di Stalin

Trotskij trascorse il resto della sua vita in esilio in Francia e poi in Messico, dove scrisse in modo prolifico. In 1930, ha scritto una storia della rivoluzione russa. Diversi anni dopo, scrisse una critica atroce alla Russia sotto Stalin, intitolata The Rivoluzione tradita.

Di ritorno in Russia, la propaganda stalinista ha demonizzato Trotsky come traditore, sabotatore e nemico dello stato. Trotsky fu praticamente cancellato dalle storie ufficiali sovietiche della rivoluzione, mentre molti dei problemi della nuova società furono posti ai suoi piedi.

Nel 1940, un agente stalinista, Ramon Mercarder, riuscì a entrare nella casa di Trotsky in Messico e pugnalarlo alla testa con un rompighiaccio. Trotsky è morto il giorno seguente.

Il punto di vista di uno storico:
“Trotsky si muoveva come una luminosa cometa nel cielo politico. Arrivò per la prima volta all'attenzione mondiale nel 1917. A detta di tutti, era il miglior oratore della rivoluzione russa. Ha guidato il Comitato militare-rivoluzionario ... Ha fatto più di chiunque altro per fondare l'Armata Rossa. Apparteneva al partito Politburo e ha avuto un profondo impatto sulla sua strategia politica, economica e militare. Il mondo intero ha attribuito l'impatto della Rivoluzione d'Ottobre alla sua collaborazione con Lenin. [Ma] prima del 1917 Trotsky era stato un nemico del bolscevismo, e molti bolscevichi non glielo lasciarono dimenticare ".
Robert Service

1. Leon Trotsky, nato Lev Bronstein, era uno scrittore, oratore e organizzatore marxista diventato un leader importante nel partito bolscevico e nella repubblica sovietica.

2. Al secondo congresso dei socialdemocratici di 1903, Trotskij si schierò dalla parte dei menscevichi contro Lenin, anche se in seguito cercò di riconciliare le due fazioni.

3. In 1917, Trotsky tornò dall'esilio negli Stati Uniti e alla metà dell'anno lavorava con i bolscevichi, in particolare nel Soviet di Pietrogrado.

4. Trotsky organizzò le Guardie Rosse e Milrevcom e sostenne l'appello di Lenin per un'insurrezione armata. La Rivoluzione d'Ottobre fu in gran parte dovuta alla sua pianificazione tattica.

5. Trotsky in seguito ha negoziato la pace con i tedeschi a Brest-Litovsk, ha servito come commissario per la guerra, ha formato l'Armata Rossa, ha guidato lo sforzo della guerra civile ed è stato un membro cardine del Politburo. Alla fine fu rimosso dalle posizioni di potere dal suo rivale, Stalin.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Leon Trotsky"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/leon-trotsky/
Data di pubblicazione: 25 aprile 2019
Data di accesso: Dicembre 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.