Storico: Eric Hobsbawm

eric hobsbawm

Nome: Eric Hobsbawm

Vissuto: 1917-2012

Nazionalità: Britannico

Professione (s): Storico, accademico

Libri: Nazioni e nazionalismo da 1780: programma, mito e realtà (1991) The Age of Extremes: the Short Twentieth Century, 1914-1991 (1994) Sulla storia (1997).

Prospettiva: Marxista

Sinossi:

Eric Hobsbawm è stato uno storico britannico del 20 ° secolo, noto per la sua aperta affiliazione al comunismo marxista e per il suo approccio "quadro generale" alla storia.

Hobsbawm è nato in Egitto nell'anno della rivoluzione russa. I suoi genitori erano inglesi di eredità ebraica europea. La famiglia si trasferì in Austria e Germania, dove il giovane Hobsbawm vide in prima persona l'ascesa di Hitler, prima di trasferirsi a Londra.

Hobsbawm ha frequentato la Cambridge University, completando una laurea in storia e un dottorato di ricerca. La sua tesi di dottorato riguardava la politica della Fabian Society, il primo significativo partito socialista britannico. Hobsbawm divenne politicamente attivo a Cambridge, unendosi al Partito Comunista Britannico.

Dopo aver prestato servizio militare durante la seconda guerra mondiale, Hobsbawm si unì allo staff di Birbeck, un college dell'Università di Londra. Divenne anche membro fondatore del gruppo di storici del Partito comunista, insieme a molte altre figure di spicco.

Uno scrittore prolifico, Hobsbawm ha scritto più di 30 testi diversi su molte epoche ed eventi storici differenti. Come altri storici marxisti, credeva che la civiltà umana stesse attraversando fasi o periodi di transizione, ciascuno determinato da fattori economici. Questo approccio è evidente nel titolo della storia in quattro volumi di Hobsbawm del mondo moderno: Age of Revolution (1789-1848) Age of Capital (1848-1875) Age of Empire (1875-1914) e Age of Extremes (1914-1991).

Al momento della sua morte in 2012, Hobsbawm era probabilmente lo storico più rispettato della Gran Bretagna e sicuramente il suo storico marxista più noto.

Citazioni

“Sembrava ovvio che il vecchio mondo fosse condannato. La vecchia società, la vecchia economia, i vecchi sistemi politici avevano, come diceva la frase cinese, "perso il mandato del cielo". L'umanità stava aspettando un'alternativa. "

"Ci sono alcuni storici che sostengono che la Russia zarista, se non fosse stato per l'incidente della prima guerra mondiale e la rivoluzione bolscevica, si sarebbe evoluta in una fiorente società industriale liberal-capitalista, ed era sulla buona strada per farlo, ma sarebbe necessario un microscopio per rilevare le profezie in tal senso fatte prima del 1914 ".

"Invece di una Russia liberale e costituzionale orientata all'Occidente pronta e disposta a combattere i tedeschi, quello che è emerso è stato un vuoto rivoluzionario: un 'governo provvisorio' impotente da una parte e, dall'altra, una moltitudine di 'consigli' di base (Soviet ') spuntano spontaneamente ovunque, come funghi dopo la pioggia ".

“Il governo provvisorio ei suoi sostenitori non hanno riconosciuto la loro incapacità di indurre la Russia a obbedire alle sue leggi e ai suoi decreti. Quando uomini d'affari e manager hanno cercato di ristabilire la disciplina del lavoro, hanno semplicemente radicalizzato i lavoratori. Quando il governo provvisorio ha insistito per lanciare l'esercito in un'altra offensiva militare nel giugno 1917, l'esercito ne aveva avuto abbastanza ei contadini-soldati tornarono a casa nei loro villaggi ".

“La Rivoluzione d'Ottobre è stata intrisa di polemiche. La maggior parte di loro sono fuorvianti. Il vero problema non è se, come hanno sostenuto gli storici anticomunisti, sia stato un colpo di stato o un colpo di stato del fondamentalmente antidemocratico Lenin, ma chi o cosa dovrebbe o potrebbe seguire la caduta del governo provvisorio ".

"I socialisti, marxisti o meno, prima del 1917 erano stati troppo occupati ad opporsi al capitalismo per riflettere molto sulla natura dell'economia che l'avrebbe sostituita, e dopo ottobre, lo stesso Lenin ... non ha fatto alcun tentativo di tuffarsi nell'ignoto."

“Ciò che Lenin ei bolscevichi volevano non era un movimento internazionale di simpatizzanti socialisti ... ma un corpo di attivisti totalmente impegnati e disciplinati, una sorta di forza d'urto globale per la conquista rivoluzionaria. Ai partiti che non volevano adottare la struttura leninista fu rifiutata l'ammissione o espulsi dalla nuova Internazionale ".

"Nel 1921 ... la rivoluzione era in ritirata nella Russia sovietica, sebbene il potere politicamente bolscevico fosse inattaccabile".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Eric Hobsbawm"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/historian-eric-hobsbawm/
Data di pubblicazione: 3 Maggio 2019
Data di accesso: Gennaio 31, 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.