Il manifesto di ottobre (1905)

Nell'autunno di 1905, dopo mesi di violenze, tumulti e pressioni, Zar Nicola II rilasciato il suo Manifesto di ottobre. Probabilmente redatto da Sergei Witte, ha promesso cambiamenti politici e un certo grado di rappresentanza popolare:

Sul miglioramento dell'ordine nello stato

“I disordini e le agitazioni a San Pietroburgo, Mosca e in molte altre parti del nostro Impero hanno riempito il nostro cuore di grande e profondo dolore. Il benessere del sovrano russo e del suo popolo è inseparabile e anche il dolore nazionale è suo. Gli attuali disordini potrebbero dar luogo a instabilità nazionale e rappresentare una minaccia per l'unità del nostro Stato.

Il giuramento che abbiamo fatto come zar ci obbliga a usare tutta la nostra forza, intelligenza e potere per porre fine rapidamente a questa agitazione così pericolosa per lo Stato. Alle autorità competenti è stato ordinato di adottare misure per affrontare i focolai diretti di disordini e violenze e per proteggere le persone che vogliono solo svolgere le loro attività quotidiane in pace.

Tuttavia, in considerazione della necessità di attuare rapidamente misure precedenti per pacificare il paese, abbiamo deciso che il lavoro del governo deve essere unificato. Abbiamo quindi ordinato al governo di adottare le seguenti misure in adempimento della nostra inflessibile volontà:

1. Le libertà civili fondamentali saranno concesse alla popolazione, compresa la reale inviolabilità personale, la libertà di coscienza, la parola, l'assemblea e l'associazione.

2. La partecipazione alla Duma sarà accordata a quelle classi della popolazione che sono attualmente private dei poteri di voto, nella misura in cui è possibile nel breve periodo prima della convocazione della Duma, e ciò porterà allo sviluppo di un franchising universale. Non ci saranno ritardi per gli eletti della Duma già organizzati.

3. È stabilito come regola incrollabile che nessuna legge può entrare in vigore senza la sua approvazione da parte della Duma di Stato e ai rappresentanti del popolo sarà data l'opportunità di partecipare concretamente al controllo della legalità degli organi di governo.

Chiediamo a tutti i veri figli della Russia di ricordare la patria, di contribuire a porre fine a questi disordini senza precedenti e, insieme a questo, di dedicare tutte le loro forze al ripristino della pace nella loro terra natale ".

Nicola II
Lo zar di tutti i russi