Il manifesto di ottobre

manifesto di ottobre
Un bollettino di San Pietroburgo che annuncia il Manifesto di ottobre.

Il Manifesto di ottobre era un documento rilasciato da Zar Nicola II all'altezza del Rivoluzione 1905. Ha promesso riforme sociali e politiche, in particolare l'elezione di una Duma di Stato per partecipare al governo.

Significato

L'approvazione dello zar e il rilascio del Manifesto di ottobre sono seguiti dopo dieci mesi di disordini popolari, scioperi, violenze e dibattiti politici. Molti credevano che senza una riforma significativa, lo zarismo sarebbe stato probabilmente superato.

La notizia del Manifesto di ottobre è stata accolta con favore dalla maggior parte, in particolare dai liberali e dai socialisti moderati. Sembrava che lo zarismo russo si stesse imbarcando in un programma tanto atteso di riforme politiche e sociali.

Con molti soddisfatti che il cambiamento fosse imminente, molte delle forze rivoluzionarie del 1905 iniziarono a disperdersi o svanire. Ciò ha permesso al regime zarista di sopravvivere e di guadagnare spazio per riprendere il suo potere, ma le promesse fatte nel Manifesto di ottobre non sono state adempiute con alcuna sincerità o significato.

sfondo

Il Manifesto di ottobre è nato dall'agitazione di 1905. Entro l'estate, la Russia era in crisi e il crollo del governo zarista una possibilità distinta. Nicola II era ancora nascosto dietro le mura del palazzo per la propria sicurezza, dopo l'assassinio di suo zio e suo cognato, Granduca Sergei Alexandrovich.

Il 5 febbraio Nicholas ha rilasciato una dichiarazione che condannava i “leader malintenzionati” della rivoluzione, che volevano “creare un nuovo governo per il Paese, basato su valori estranei alla nostra patria”. Ha anche invitato i russi a "stare saldi intorno al trono [e] sostenere l'autocrazia". Ma ha anche decretato che uno dei suoi ministri (Bulygin) indagherà sulle proposte per una legislatura eletta, composta dalle "persone più degne".

Una lettera dello zar a sua madre, scritta più tardi in 1905, spiega il suo pensiero contrastante:

“C'erano solo due strade aperte ... Per trovare un soldato energico e schiacciare la ribellione con la pura forza. Ci sarebbe stato tempo per respirare ma, probabilmente, si sarebbe dovuto usare di nuovo la forza entro pochi mesi; ciò significherebbe fiumi di sangue e, alla fine, dovremmo essere dove avevamo iniziato [e senza] alcuna possibilità di progresso raggiunto. L'altra via d'uscita sarebbe quella di dare alla gente i loro diritti civili, la libertà di parola e di stampa, anche per avere tutte le leggi confermate da una Duma di Stato [e] una costituzione ".

Le paratoie si aprirono

La proclamazione dello zar ha aperto le porte al dibattito sulla riforma politica in Russia. Nei prossimi mesi, i gruppi politici appena formati e quelli esistenti si sono incontrati per formulare proposte di cambiamento. Tutti i principali partiti politici russi hanno redatto manifesti che indicano la loro posizione su come riformare il governo. I ministri e i dipartimenti dello zar furono inondati di lettere e petizioni contenenti idee per la riforma.

A giugno, lo zar ha incontrato una delegazione liberale dell'associazione di zemstvo. Nicholas ha rinnovato il suo impegno per una legislatura eletta, dicendo loro: “La volontà dello zar di convocare rappresentanti del popolo è incrollabile. Attirarli al lavoro dello Stato sarà fatto in modo ordinato. Mi occupo di questo argomento ogni giorno. "

La sincerità di questa affermazione fu messa in dubbio due settimane dopo quando Nicholas si incontrò e ascoltò con approvazione le delegazioni conservatrici, che sostenevano il mantenimento dell'autocrazia.

Il "piano Bulygin"

Il dibattito sulla riforma è continuato fino ad agosto, quando il regime zarista ha emesso un proprio piano, il cosiddetto "progetto Bulygin". Secondo questo modello, la Duma di Stato sarebbe eletta da persone di proprietà e dirigenti dei comuni contadini; i russi ordinari non sarebbero direttamente coinvolti nella sua elezione.

Il sistema Bulygin è stato chiaramente progettato per creare una Duma dominata da elementi conservatori, in particolare la nobiltà. Quasi tutti i gruppi politici socialisti e liberali hanno rifiutato il piano Bulygin; lo vedevano come una continuazione dell'autocrazia, prova che l'impegno di Nicola per le riforme era insincero.

Non solo i disordini e la violenza di 1905 non sono diminuiti, ma sono diventati ancora più radicali. Ciò culminò nella formazione del Soviet di San Pietroburgo e nell'organizzazione di un massiccio sciopero generale, entrambi all'inizio di ottobre.

Witte sollecita la riforma

Un cartone animato russo che raffigura Witte come un mago, in grado di evocare le riforme dallo zarismo.

Con la Russia ora a rischio di una rivoluzione su vasta scala, alcuni consiglieri dello zar lo hanno esortato ad accettare riforme più significative. A guidare questa chiamata era Sergei Witte, il grande riformatore economico degli anni Novanta dell'Ottocento che a quel tempo era presidente del consiglio ministeriale dello zar.

Nicholas si rifiutò di ascoltare il consiglio di Witte e di fare ulteriori concessioni, tuttavia, e questa volta decise di annullare la ribellione. Ha ordinato al generale Dmitri Trepov, governatore di San Pietroburgo, di trattare con fermezza scioperanti e manifestanti, "non fermandosi all'applicazione della forza" (Trepov ha ignorato questa direttiva).

Lo zar ha anche considerato l'imposizione della legge marziale. Ha tentato di reclutare suo cugino, Nicholas Nikolaevich, come un dittatore militare. A merito di Nikolaevich, ha rifiutato, dicendo allo zar che si sarebbe suicidato piuttosto che accettare una simile missione.

Nicholas indietreggia

manifesto di ottobre
Il ritratto artistico di Ilya Repin della risposta al Manifesto di ottobre.

A metà ottobre, Nicholas non ebbe altra scelta che abbandonare e accettare ulteriori riforme politiche. Sotto la guida di Witte, i consulenti del governo hanno redatto il Manifesto sul miglioramento dell'ordine statale; è stato approvato dallo zar e rilasciato pubblicamente il 17th di ottobre.

Il Manifesto di ottobre, come divenne noto, non ebbe alcun effetto costituzionale e non era giuridicamente vincolante. Era semplicemente una dichiarazione di promessa o intenzione, che doveva essere seguita e sostituita da una costituzione vincolante. Conteneva tuttavia promesse abbastanza dettagliate per soddisfare le esigenze della maggior parte dei russi.

Il manifesto ha suggerito riforme in tre aree centrali: i diritti civili e le libertà di tutte le persone; elezioni per una Duma di Stato con franchigia universale; e il funzionamento della Duma come l'organismo attraverso il quale devono passare tutte le leggi statali.

Risposte al Manifesto

La risposta al Manifesto fu variata. Con il suo preambolo apparentemente sentito, apparente preoccupazione per la difficile situazione del popolo russo e le riforme ad ampio raggio, i gruppi liberali russi come il Democratici costituzionali (Kadets) accolto con favore. Così hanno fatto anche le classi medie russe, che hanno visto le riforme promesse come una grande opportunità. Un dipinto di Ilya Repin, mostrato qui, mostra celebrazioni selvagge nel giorno in cui è stato pubblicato il manifesto.

A margine politico, tuttavia, il manifesto era visto come una concessione piuttosto che una riforma seria. Per marxisti, segnò la graduale transizione dallo zarismo feudale alla democrazia parlamentare borghese.

I sovietici di recente formazione hanno condannato il Manifesto di ottobre come poco o niente per gli operai poveri e sfruttati. Era un documento di chiacchiere e astrazioni che non avrebbe fatto nulla per alleviare la sofferenza del proletariato. Alcuni lo hanno respinto come uno stratagemma zarista, un tentativo di respingere le forze rivoluzionarie di 1905 mentre l'autocrazia si è raggruppata. A quanto pare, l'ultima di queste valutazioni è stata probabilmente la più accurata.

Il punto di vista di uno storico:
“Che tu veda o meno il Manifesto di ottobre come una vera politica di conciliazione, o un tentativo di 'riscattare' il movimento rivoluzionario, è servito a dividere l'opposizione. Si è rivelato troppo per i conservatori e troppo poco per i socialdemocratici, che hanno continuato con la loro agitazione ... Anche i liberali erano divisi tra moderati che si dichiaravano soddisfatti delle concessioni e "progressisti" (Kadets) che hanno continuato a chiedere ulteriori riforme parlamentari ".
David Welch

manifesto di ottobre 1905

1. Mentre la Russia era paralizzata dalla rivoluzione del 1905, c'erano richieste diffuse di riforme politiche e timori diffusi che lo zarismo potesse essere rovesciato.

2. Nel febbraio 1905, Nicholas accettò di considerare le proposte per la formazione di una Duma di Stato, un organo eletto per partecipare al governo e al processo legislativo.

3. La prima proposta, una Duma eletta con franchigia limitata, è stata ampiamente respinta e ha stimolato ulteriori disordini tra il popolo russo.

4. In ottobre, lo zar accettò una serie più ampia di riforme politiche, anche se dopo che i suoi suggerimenti per la repressione militare furono ignorati.

5. Il Manifesto di ottobre ha promesso l'introduzione di una Duma di stato eletta da tutti i russi, insieme a miglioramenti dei diritti civili e legali individuali.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The October Manifesto"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/october-manifesto/
Data di pubblicazione: Luglio 26, 2019
Data di accesso: 15 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.