Il massacro del fiume Lena

fiume lena
Corpi di minatori uccisi durante il massacro del fiume Lena.

Il massacro del fiume Lena si riferisce alla sparatoria di centinaia di lavoratori in sciopero in una miniera d'oro in Siberia nel 1912. L'incidente ha causato indignazione in Russia e nel mondo. Ha fatto rivivere ricordi del 1905'Domenica di sangue' sparatorie, la brutalità del regime zarista e la sua volontà di scatenare violenze contro i civili. Le conseguenze del massacro furono fondamentali anche per l'ascesa di Alexander Kerensky.

sfondo

Il fiume Lena è uno dei corsi d'acqua più lunghi del mondo. Scorre per quasi 3,000 miglia attraverso la Siberia nord-orientale e nell'Oceano Artico. Il bacino di Lena era una delle regioni più remote dell'impero russo, ma conteneva anche notevoli risorse minerarie.

All'inizio del 1900, un gruppo di ricchi russi e britannici acquistò azioni di una società che intendeva estrarre oro nella zona. Alcuni di questi investitori includevano la Dowager Empress (Nicola IImadre) e altri membri della famiglia reale, nonché primo ministro Sergei Witte e il magnate d'acciaio Aleksei Putilov.

L'azienda, la Lena River Mining, ha iniziato le operazioni di perforazione e scavo vicino alla città di Bodaybo, 2,000 miglia a nord-est di Irkutsk. Diverse migliaia di lavoratori russi sono stati assunti e trasportati alla miniera. La maggior parte di loro proveniva dall'esterno della Siberia.

Taglio dei costi

Secondo la maggior parte dei resoconti, la miniera del fiume Lena era redditizia ma non è riuscita a mantenere le promesse esorbitanti fatte dalla società. Quando le miniere di Lena non sono riuscite a produrre le quantità di oro previste, la società ha cercato di aumentare il valore delle azioni riducendo i costi.

Sono stati i minatori di Lena River a sopportare il peso maggiore di questa riduzione dei costi. Sono stati costretti a svolgere turni lunghi e faticosi, spesso fino a 15-16 ore al giorno. L'azienda ha incoraggiato pratiche di lavoro rischiose, ma ha fornito poche o nessuna attrezzatura di sicurezza. I lavoratori spesso hanno subito lesioni o malattie, con una fonte che riferisce che circa il 70% dei lavoratori del fiume Lena ha subito una qualche forma di lesione traumatica.

Come nelle fabbriche urbane, anche i minatori del fiume Lena sono stati arbitrariamente multati per reati minori o banali. Le belle detrazioni dai salari già bassi erano così comuni da essere di routine.

Negozi aziendali

La manipolazione delle scorte era un altro punto dolente. Isolati dalle città, i minatori del fiume Lena facevano affidamento sulla compagnia per rifornimenti di cibo, vodka, vestiti e altre necessità. Queste merci sono state acquistate da mense e negozi di proprietà dell'azienda, una pratica standard nei siti minerari in aree remote. I prezzi aziendali per questi prodotti erano notoriamente alti e i prodotti stessi erano spesso inferiori alla media.

Nel 1911, l'azienda ridusse la paga in contanti dei lavoratori e dichiarò che avrebbe invece pagato una parte considerevole del loro stipendio in buoni mensa. Questo essenzialmente li ha costretti a fare acquisti nelle mense.

Alla fine di febbraio 1912, la mensa alimentare tentò di distribuire carne di cavallo marcia travestita da manzo. Questo, oltre ad altre lamentele di lunga data, ha scatenato uno sciopero spontaneo ma diffuso.

L'ultimatum dei minatori

fiume lena
Il monumento ai lavoratori assassinati negli ex giacimenti auriferi del fiume Lena.

Entro quattro giorni, 6,000 minatori avevano formato un comitato di sciopero e presentato alla società una serie di richieste.

L'ultimatum dei minatori includeva l'introduzione di una giornata di otto ore, un aumento significativo dei salari, l'abolizione delle multe aziendali, massimali sui prezzi dei prodotti alimentari nelle mense e miglioramenti nella qualità dei negozi.

L'azienda respinse categoricamente queste richieste e lo sciopero continuò per settimane fino a marzo, congelando la produzione.

Scontro mortale

L'azienda ha richiesto un distaccamento di truppe dal governo. Questo è stato rapidamente approvato ei soldati del governo hanno iniziato ad arrivare al fiume Lena all'inizio di aprile.

All'arrivo, il contingente militare ha immediatamente arrestato i capi dei comitati di sciopero. Ciò ha portato a ulteriori disordini che si sono estesi ai giacimenti auriferi circostanti che non sono stati colpiti dal primo sciopero.

Il 5 aprile una folla di circa 2,500 lavoratori ha marciato sulla sede dell'azienda, chiedendo il rilascio dei loro connazionali. Sono stati affrontati da una brigata di soldati a cui è stato dato l'ordine di sparare sulla folla. Lo hanno fatto, uccidendo circa 250 uomini e ferendone un numero simile.

Indignazione in Russia

La notizia delle sparatorie al fiume Lena ha suscitato indignazione in tutta la Russia, riaccendendo le vecchie ferite delle sparatorie della "domenica di sangue" del 1905. Circa tre quarti di un milione di lavoratori russi hanno mostrato la loro solidarietà ai minatori del fiume Lena anche scioperando. Nel maggio 1912 ci furono più di 1000 scioperi nella sola San Pietroburgo.

La Duma ha condotto un'inchiesta sulla sparatoria, inviando una commissione a Lena River per indagare. Tra i delegati che si sono recati nella regione c'era un giovane avvocato di nome Alexander Kerensky.

Alla miniera, i lavoratori sono rimasti ribelli e lo sciopero è continuato fino a metà agosto. La società ha offerto alcune concessioni ma sono state respinte. Quattro quinti dei lavoratori e delle loro famiglie si sono allontanati dalla zona e la miniera d'oro - mai così redditizia come previsto e fonte di molti problemi - è stata costretta a chiudere.

Un monumento ora sorge sul luogo del massacro del fiume Lena.

Il punto di vista di uno storico:
“In una calma ingannevole scoppiò la notizia della sparatoria di Lena. Il massacro di Lena divenne presto la storia principale dell'impero, soppiantando l'affondamento del Titanic avvenuto nello stesso periodo ... I lettori della stampa difficilmente potevano evitare la questione. La Duma di Stato si è tuffata in un'accesa discussione, poiché diversi partiti politici hanno offerto interpellanze rabbiose piene di accuse contro il governo ... La società russa ha reagito furiosamente e, in un certo modo, inaspettatamente al massacro sul lontano fiume Lena ".
Michele Melcanon

sciopero del fiume lena

1. Il fiume Lena è una regione remota nella Siberia orientale. Era anche la sede di una miniera d'oro di recente sviluppo, finanziata da ricchi investitori russi e inglesi.

2. I minatori del fiume Lena sono stati trattati male, sopportando lunghi orari di lavoro, condizioni non sicure, multe aziendali e forniture troppo costose dalle mense aziendali.

3. Nel 1912, circa 6,000 minatori scioperarono dopo essere stati riforniti di carne di cavallo marcia nella mensa aziendale. Le loro richieste di condizioni migliori furono respinte.

4. L'azienda ha risposto chiamando le truppe governative per arrestare i leader dello sciopero. Ciò ha innescato più disordini e ha portato all'uccisione di circa 250 minatori da parte delle truppe.

5. Il massacro del fiume Lena fece rivivere i ricordi della "Bloody Sunday" e riaccese le tensioni antizariste. Ha anche portato a un'ondata di scioperi, in particolare a San Pietroburgo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il massacro del fiume Lena"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/lena-river-massacre/
Data di pubblicazione: Luglio 27, 2019
Data di accesso: Giugno 23, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.