Politica economica bolscevica

politica economica bolscevica
Un poster sovietico, 'L'idolo d'oro del capitalismo mondiale', circa 1918.

Smantellare le strutture zariste e attuare un nuovo sistema economico socialista in Russia era molto più facile a dirsi che a farsi. Come con la maggior parte delle rivoluzioni, trasformare l'economia si è rivelato molto più difficile che rimuovere il governo. Come conseguenza, bolscevico la politica economica era guidata più da necessità pratiche che da principi ideologici.

Un impero esausto

Costruire un'economia socialista in una nazione devastata da anni di guerra è stata un'impresa difficile. Una tale transizione avrebbe potuto essere possibile con i vantaggi della pace, della stabilità, dell'assistenza esterna e del sostegno interno, ma i bolscevichi non godevano di nessuno di questi.

Quando i bolscevichi potere preso nel mese di ottobre 1917, hanno ereditato una nazione sfinita e privata da tre anni di guerra totale. L'economia russa era stata devastata da carenze e privazioni, scioperi e altre perturbazioni del lavoro, carenza di infrastrutture e scarsa o imprevedibile offerta di risorse.

L'economia russa ha dovuto riprendersi prima di poter essere ricostruita e ristrutturata. All'inizio del 1918, Vladimir Lenin e altri leader bolscevichi stavano riflettendo su come realizzare questa ripresa.

'Capitalismo di Stato'

Il piano di Lenin, articolato nel 1918, fu soprannominato "capitalismo di stato". Era essenzialmente un'economia mista: le principali aziende e industrie sarebbero rimaste in mani private ma sotto il controllo statale. I manager e gli esperti borghesi manterrebbero i loro ruoli nelle industrie, nelle fabbriche e nella produzione. Questi settori sarebbero gestiti da Vesencha, un dipartimento governativo creato da Sovnarkom alla fine di 1917.

Lenin sosteneva che lo sviluppo capitalista fosse necessario per ripristinare la produzione e costruire una solida base economica per la costruzione di un'economia socialista. È stato, in effetti, un ritorno a Karl MarxL'argomento che il socialismo può mettere radici solo in un'economia capitalista. 

In "uno stato veramente rivoluzionario-democratico", sosteneva Lenin, "il capitalismo monopolistico di stato implica inevitabilmente e inevitabilmente un passo, e più di un passo, verso il socialismo". Ha sottolineato che il socialismo sarebbe "il prossimo passo avanti dal monopolio capitalista di stato".

Il modello tedesco

Lenin considerava la Germania come l'economia capitalista di stato ideale. Era completamente industrializzato e molto avanzato ma progettato e controllato ai fini dell'imperialismo. Lenin la considerava l'economia ideale su cui costruire un sistema socialista.

Se la "moderna ingegneria capitalistica su larga scala e l'organizzazione pianificata" della Germania fosse subordinata a uno stato in stile sovietico, sosteneva Lenin, "si avrebbe la somma totale delle condizioni necessarie per il socialismo". 

Questo è uno dei motivi per cui Lenin e i suoi colleghi internazionalisti speravano in una rivoluzione socialista in Germania. Le industrie e la produzione tedesche sotto il controllo socialista sarebbero di enorme beneficio per la Russia

Critiche alla politica di Lenin

L'idea di Lenin del capitalismo di stato ottenne il sostegno della maggioranza nelle file dei bolscevichi, sebbene fu aspramente criticata da Nikolai Bukharin e altri della fazione di sinistra del partito. È stato accolto da alcuni menscevichi ma altri erano più sprezzanti delle mutevoli priorità politiche di Lenin.

Alcuni non bolscevichi ridicolizzavano Lenin per aver abbandonato Marx prima di prendere il potere solo per tornare a Marx dopo di esso. Scrivendo nell'aprile 1918, un socialista-rivoluzionario di nome Stalinskii disse della politica capitalista di stato di Lenin:

“Nel ripudiare il proprio programma, i bolscevichi ripudiano le cose che li distinguevano dagli altri partiti. Smettono di essere bolscevichi nel vero senso della parola. Si trasformano semplicemente in una festa che vuole rimanere al potere ad ogni costo. In questo, solo in questo, sta l'essenza del loro attuale programma ".

sindacalismo

politica economica bolscevica
Un poster sovietico che promette, tra le altre cose, "fabbriche per i lavoratori".

Un altro problema con la politica del capitalismo di Stato di Lenin era che minacciava dozzine di movimenti sindacalisti che avevano preso forma durante il periodo del governo provvisorio.

L'idea centrale del sindacalismo era il controllo dei lavoratori. In un'economia sindacalista, i collettivi dei lavoratori controllerebbero le fabbriche, piuttosto che borghese manager. Le decisioni sui metodi di produzione, gli obiettivi e le condizioni di lavoro sarebbero prese da riunioni di massa di lavoratori nella fabbrica o nell'industria pertinenti.

Questo sindacalismo, sostenne Lenin, fu per un tempo successivo. Se la Russia sovietica doveva affrontare le sue sfide immediate e sopravvivere, erano necessari controlli economici centralizzati e pianificazione. Secondo lo storico americano Thomas Remington:

“In tre occasioni nei primi mesi del potere sovietico, i leader del comitato [di fabbrica] hanno cercato di realizzare il loro modello [sindacalista]. Ad ogni punto, la leadership del partito li ha annullati. L'alternativa bolscevica era quella di conferire allo stato poteri sia gestionali che di controllo ".

Comunismo di guerra

L'inizio del Guerra civile russa produsse un altro cambiamento nella politica economica bolscevica, con l'introduzione di quello che divenne noto come "comunismo di guerra". Come spiegò in seguito Lenin, questo cambiamento di politica doveva soddisfare le esigenze della guerra; non era ideologicamente guidato:

“Il comunismo di guerra ci è stato imposto dalla guerra e dalla rovina. Non era, né poteva essere, una politica che corrispondesse ai compiti economici del proletariato. Era una misura temporanea. "

Il comunismo di guerra fu introdotto attraverso una serie di decreti a metà 1918. I due più significativi sono stati questo decreto 13 di maggio che ha permesso allo stato di iniziare la requisizione del grano e un decreto 28 di giugno che formalmente nazionalizzò tutte le industrie russe.

La requisizione del grano divenne l'aspetto più visibile del comunismo di guerra. Il sequestro del grano fu effettuato da funzionari sovietici, supportati da unità dell'Armata Rossa. Laddove erano previsti accumuli di grano o altra opposizione, potevano essere coinvolti agenti della Cheka. I burocrati sovietici determinarono le quote per la requisizione, mentre le forze di sicurezza punivano attivamente chiunque fosse impegnato in opposizione o accaparramento di cereali.

Risultati devastanti

Questa politica ha permesso allo stato sovietico di raccogliere i suoi bisogni di guerra, ma ha avuto un effetto disastroso sull'economia generale. Con qualsiasi grano in eccedenza quasi certo di essere confiscato, i contadini russi rallentarono la produzione, mentre alcuni abbandonarono persino i loro terreni agricoli. Il risultato è stato un rapido calo della produttività e gravi carenze, in particolare nelle grandi città.

Vi è stata anche un'interruzione e un calo della produttività nel settore industriale. La burocrazia sovietica crebbe rapidamente al fine di gestire imprese e fabbriche nazionalizzate. I proprietari privati ​​e i sindacalisti collettivi furono privati ​​del controllo. Tutti gli aspetti della produzione, dagli obiettivi ai salari e alle condizioni di lavoro, furono rilevati dai dirigenti sovietici.

Questi cambiamenti, uniti alla carenza di materie prime e alla penuria di cibo nelle città, hanno visto migliaia di lavoratori dell'industria abbandonare il lavoro. Nel 1920, la produzione industriale russa era scesa a meno di un quarto dei livelli precedenti alla prima guerra mondiale.

Tra 1917 in ritardo e 1921 in anticipo, la politica di economia bolscevica fu inquadrata da condizioni e circostanze piuttosto che da ideologia. Il regime faceva affidamento su quale storico EH Carr chiamate "politiche manuali" piuttosto che una visione economica coesa a lungo termine. Queste politiche hanno permesso al regime di soddisfare i bisogni della guerra e di aggrapparsi al potere, ma hanno causato sofferenze diffuse al popolo russo.

Il punto di vista di uno storico:
“I lavoratori, incoraggiati dalle idee socialiste e dalla loro situazione economica, spinsero i leader bolscevichi più velocemente di quanto questi ultimi volessero andare. Per Lenin, i comitati di fabbrica e altri tipi di attivismo di massa erano utili per il sostegno politico che davano ... ma non potevano essere la base per la futura autorità economica e politica. Inoltre, Lenin e altri leader bolscevichi hanno sottolineato l'importanza di attingere alle capacità dei vecchi dirigenti e proprietari nell'attuale crisi economica e nella fase di transizione; era necessaria la supervisione, non la loro sostituzione. [Quindi] il regime seguì una politica economica piuttosto incoerente per il resto del 1917, specialmente sulla supervisione dei lavoratori e sulla nazionalizzazione ".
Rex Wade

politica economica sovietica

1. I bolscevichi sognavano di smantellare il vecchio ordine russo e di creare un'economia socialista, ma hanno ereditato una nazione sottosviluppata ed esaurita da anni di guerra totale.

2. La soluzione di Lenin era il "capitalismo di stato", in cui le grandi industrie sarebbero rimaste in mani private ma sotto il controllo statale. Ciò consentirebbe all'economia di riprendersi, consolidarsi e svilupparsi.

3. Lenin è stato criticato da altri socialisti, anche all'interno del suo stesso partito, per non aver attuato le politiche socialiste. Lo ha giustificato sostenendo che la produzione doveva prima recuperare.

4. Il capitalismo di Stato ha anche causato problemi al nascente movimento sindacalista, che ha visto fabbriche, miniere e altri luoghi di produzione controllati da collettivi di lavoratori.

5. A metà del 1918, i bolscevichi introdussero il "comunismo di guerra" per soddisfare le richieste della guerra civile. Tra le sue caratteristiche c'erano la nazionalizzazione di tutte le industrie e la requisizione forzata del grano per rifornire le città e le forze armate.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Politica economica bolscevica"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/bolshevik-economic-policy/
Data di pubblicazione: 7 Agosto 2019
Data di accesso: Luglio 20, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.