La Russia nella prima guerra mondiale

prima guerra mondiale
Lo zar a cavallo, benedicendo le truppe russe durante la prima guerra mondiale

Il destino della Russia zarista e della sua famiglia regnante era legato alla tragedia della Prima Guerra Mondiale. La Russia fu coinvolta nella guerra dalle stesse follie ed errori di giudizio che colpirono le altre grandi potenze europee: rivalità imperiale, nazionalismo velenoso, eccessiva fiducia, troppa fiducia nelle alleanze e non abbastanza nella diplomazia. Ma anche se la Russia è entrata in guerra per ragioni simili a quelle dei suoi vicini europei, non lo ha fatto su un piano di parità. L'economia russa era ancora in via di sviluppo e dipendeva dagli investimenti esteri; il suo settore industriale era incapace di competere con la potente economia tedesca. Tre anni di guerra totale esaurirebbero l’economia russa e lascerebbero la sua popolazione affamata, congelata e infelice. Da questo terreno sarebbe scaturita la Rivoluzione di febbraio.

Sebbene le tensioni russo-tedesche risalissero a decenni fa, Nicola II credeva che i legami familiari precludessero ogni possibilità di una guerra tra i due imperi. Nicola e il Kaiser tedesco Guglielmo erano cugini; La moglie di Guglielmo e Nicola, Alexandra, erano entrambi nipoti della regina Vittoria d'Inghilterra. All'inizio il rapporto tra lo zar russo e il Kaiser tedesco fu teso, ma in seguito divennero buoni amici, chiamandosi a vicenda come "Nicky" e "Willy" nelle comunicazioni. Nicola riteneva altamente improbabile che il Kaiser dichiarasse guerra al regno di un suo parente. Ciò su cui lo zar non contava era la doppiezza di Guglielmo, né apprezzava le forze belliche che si erano formate in Europa da più di dieci anni. Il sistema delle alleanze richiedeva che le nazioni sostenessero i propri alleati se uno veniva attaccato. Ciò pose lo zar in una posizione pericolosa tra la nazione balcanica della Serbia – una nazione con stretti legami politici, etnici e religiosi con la Russia – e l’Austria-Ungheria e la Germania. L’uccisione dell’arciduca austriaco Francesco Ferdinando a Sarajevo nel giugno del 1914 scatenò un’ondata di minacce, ultimatum e mobilitazioni di truppe. Ad agosto, la Serbia era stata invasa dall'Austria-Ungheria e la Russia aveva dichiarato guerra in risposta, spingendo il Kaiser tedesco a dichiarare guerra al cugino russo.

prima guerra mondiale
Una cartolina che mostra una folla che saluta lo zar fuori dal Palazzo d'Inverno, agosto 1914.

Oltre alla crescente crisi internazionale, Nicola II aveva anche pressanti preoccupazioni interne. Il sentimento antigovernativo e i disordini si erano accumulati dal 1912, quando le truppe zariste massacrarono centinaia di minatori in sciopero sul fiume Lena. Verso la metà del 1914 il numero e l’intensità degli scioperi industriali si avvicinavano ai livelli del 1905. Stufi dei salari bassi e delle condizioni pericolose, i lavoratori del remoto giacimento petrolifero di Baku se ne sono andati a giugno. Quando la notizia raggiunse San Pietroburgo, scatenò disordini operai lì; solo nel mese di giugno la capitale è stata colpita da 118 scioperi. All'inizio di luglio, circa 12,000 lavoratori dell'acciaieria Putilov – la stessa fabbrica al centro delle proteste della “Bloody Sunday” – hanno marciato nella capitale, dove sono stati attaccati dai soldati zaristi. Due persone sono state uccise e decine sono rimaste ferite, ma la risposta del governo è stata quella di negare che l'incidente sia avvenuto. Ciò culminò nel grande sciopero generale del luglio 1914, che paralizzò più di quattro quinti degli impianti industriali, manifatturieri e commerciali di San Pietroburgo. Un giornale di destra ha descritto la situazione come rivoluzionaria, dicendo: “Viviamo su un vulcano”.

Ci volle lo scoppio della guerra all’inizio di agosto 1914 per domare questa militanza. Almeno per alcune settimane, le lamentele dei lavoratori furono soffocate da un’ondata di patriottismo. Lo zar, che settimane prima era stato deriso e disprezzato, divenne oggetto di affetto nazionalistico. Come disse un osservatore, odiare i tedeschi era facile ma odiare lo zar divenne un atto di tradimento nazionale. Alcuni giorni dopo la dichiarazione di guerra russa, Nicola II e Alessandra – ironicamente lei stessa di origine tedesca – apparvero sul balcone del Palazzo d’Inverno, per essere accolti da migliaia di persone in ginocchio. Quando nella capitale furono distribuiti gli ordini di leva, più del 95% dei coscritti si presentò volentieri al servizio. Anche lo zar fu cambiato dagli eventi dell'agosto 1914. Nei mesi precedenti aveva mostrato poco interesse per gli affari di stato, ma sia la guerra che il risveglio dell'affetto pubblico rinvigorirono Nicola, che si dedicò ai suoi doveri.

“Fin dall'inizio delle ostilità non sono mai stato in grado di scoprire nulla sul nostro piano generale di campagna. [Anni prima] Conoscevo il piano generale in caso di guerra con la Germania e l'Austro-Ungheria. Era strettamente difensivo e secondo me mal concepito sotto molti punti di vista, ma non è stato messo in atto perché le circostanze ci hanno costretti a una campagna offensiva per la quale non avevamo preparativi. Qual era questo nuovo piano? Per me era un segreto morto. È del tutto possibile che non sia mai stato stabilito alcun nuovo piano e che abbiamo seguito la politica determinata dalle nostre esigenze in un dato momento ".
Generale Brusilov

Le rinnovate fortune dello zar, tuttavia, non durarono a lungo. Lo sforzo bellico della Russia iniziò in maniera inadeguata e presto emerse alcuni problemi critici nel modo in cui l'esercito veniva comandato, organizzato ed equipaggiato. La Russia mobilitò milioni di truppe rapidamente, anzi più rapidamente di quanto i nemici tedeschi si aspettassero, ma molte non furono adeguatamente preparate o rifornite. Migliaia di fanti russi partirono per il fronte senza attrezzature critiche, comprese armi, munizioni, stivali o biancheria da letto. Alcuni resoconti storici suggeriscono che fino a un terzo dei soldati russi non era dotato di fucile; il loro ordine permanente era di prenderne uno da un collega morto quando se ne fosse presentata l'occasione. Alla fine del 1914 il quartier generale russo riferì che ogni mese erano necessari 100,000 nuovi fucili, ma che le fabbriche russe erano in grado di produrne meno della metà (42,000 al mese). I soldati erano meglio armati di preghiere e penitenziali, mentre i vescovi e i sacerdoti ortodossi russi lavoravano alacremente per benedire coloro che stavano per andare in battaglia.

Prigionieri di guerra russi dopo la battaglia di Tannenberg, 1914.
Prigionieri di guerra russi dopo la battaglia di Tannenberg, 1914.

La carenza di equipaggiamenti dell'esercito russo fu aggravata dalla scarsa leadership dei suoi generali e ufficiali. L'esercito iniziò l'invasione della Prussia orientale tedesca nel primo mese di guerra, ma fu sconfitto nella battaglia di Tannenberg (agosto 1914). La campagna di Tannenberg è stata piena di errori tattici. Gli ufficiali russi inviarono piani di battaglia in chiaro via radio, mentre i generali russi che guidavano l'offensiva (Samsonov e von Rennekampf) si disprezzavano a vicenda e si rifiutavano di comunicare. A Tannenberg l'esercito russo subì 30,000 vittime mentre altri 100,000 soldati furono fatti prigionieri. Una settimana dopo i russi subirono perdite ancora più pesanti (170,000 vittime) nella battaglia dei laghi Masuri, che li costrinse a ritirarsi dal territorio tedesco. Le offensive russe contro gli austro-ungarici più deboli ebbero più successo, consentendo loro di spingersi attraverso i Carpazi e in Galizia; tuttavia, l'arrivo dei rinforzi tedeschi nel maggio 1915 costrinse nuovamente i russi alla ritirata.

Nell’autunno del 1915 erano morti circa 800,000 soldati russi, ma l’esercito russo non era riuscito a conquistare alcun territorio significativo. Il morale pubblico e il sostegno alla guerra stavano diminuendo; I russi divennero più ricettivi alla retorica e alla propaganda contro la guerra, in gran parte diffuse dal crescente movimento bolscevico. Nell'agosto 1914 i russi furono costretti a ordinare una massiccia ritirata dalla Galizia e dalla Polonia. Lo zar indignato commise un errore significativo, rimuovendo il comandante in capo del suo esercito, Nicholas Nicholaevich, e assumendo lui stesso il comando dell'esercito. I generali di Nicola e molti dei suoi consiglieri civili si opposero a questa mossa. Ricordarono allo zar che la sua esperienza militare era limitata all'addestramento della cavalleria; non aveva esperienza pratica di guerra strategica o di comando di fanteria e artiglieria in combattimento. Ma lo zar, sostenuto dall'incoraggiamento della moglie, andò al fronte. La decisione di Nicola di assumere il comando dell'esercito non ha avuto un effetto significativo sullo sforzo bellico della Russia; raramente interveniva o annullava le decisioni dei suoi generali sul campo di battaglia. Ciò che fece fu collegare lo zar ai suoi generali, rendendolo responsabile di ogni singolo fallimento militare. Ha abbandonato anche la Russia in un momento di crisi interna, le redini del governo sono rimaste nelle mani dei ministri di Nicola, ma la frusta è rimasta nelle mani di sua moglie.

Due anni di guerra hanno avuto un impatto significativo anche sull’economia interna russa. La coscrizione di milioni di uomini provocò una carenza di manodopera nelle proprietà terriere contadine e un conseguente calo della produzione alimentare. Anche un gran numero di contadini furono spostati nel settore industriale, il che generò un leggero aumento della produzione ma non abbastanza vicino a soddisfare le esigenze belliche della Russia. La guerra mise a dura prova il sistema dei trasporti russo, poiché motori, carrozze e personale furono ridistribuiti per spostare soldati e attrezzature da e verso i teatri di guerra. La manutenzione e la sostituzione inadeguate di questa infrastruttura ne hanno causato il fallimento. Entro la metà del 1916 circa il 30% del parco ferroviario russo era inutilizzabile. Ciò ebbe un grave impatto sulle città russe, che dipendevano dalle spedizioni ferroviarie per le loro forniture di cibo e carbone. A corto di riserve per finanziare lo sforzo bellico, il governo ricorse alla stampa di valuta cartacea in eccesso, che a sua volta portò all’inflazione. Alla fine del 1916 l’inflazione aveva raggiunto quasi il 400%.

la Russia nella prima guerra mondiale

1. La Russia entrò nella prima guerra mondiale nell’agosto del 1914, dopo aver promesso sostegno alla Serbia, alleata dei Balcani, contro l’Austria-Ungheria.

2. La guerra spense il sentimento antigovernativo che aveva raggiunto il suo apice con lo sciopero generale a San Pietroburgo nel luglio 1914.

3. Le prime incursioni militari della Russia furono disastrose: i suoi soldati erano scarsamente equipaggiati, i suoi ufficiali poco competenti.

4. Nel settembre 1915 lo zar prese il comando dell'esercito, una mossa che lo associava a future sconfitte e perdite.

5. Verso la metà del 1916, due anni di guerra avevano decimato l’economia russa, innescato un rallentamento della produzione agraria, problemi nella rete dei trasporti, inflazione valutaria e carenza di cibo e carburante nelle città.


© Alpha History 2014. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, John Rae e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “La Russia nella prima guerra mondiale” a Alpha History, https://alphahistory.com/russianrevolution/world-war-i/, 2014, visitato [data dell'ultimo accesso].