Stolypin e la reazione zarista a 1905

reazione zarista
Nicola II apre la Duma di Stato in 1906.

Lo zarismo è stato minacciato dal Rivoluzione 1905 ma Nicola II rimase fermamente impegnato nell'autocrazia. Di conseguenza, gli eventi del 1905 furono seguiti da un periodo di reazione zarista guidato dal primo ministro Pyotr Stolypin, dove le riforme promesse furono annullate e i gruppi rivoluzionari furono soppressi.

Ritirata, non riforma

L'approvazione di Nicholas del Manifesto di ottobre è stato in gran parte una resa al consiglio di Sergei Witte e altri, piuttosto che una mossa genuina verso la riforma.

Nel profondo del suo cuore, Nicholas si aggrappava ancora ai valori antiquati dell'autocrazia, dell'Ortodossia e della monarchia di destra divina. Lo zar ha visto il Manifesto di ottobre e la Duma come un ritiro strategico piuttosto che un cambiamento duraturo.

Sulla scia dell'ottobre 1905, Nicola tramò un contrattacco contro il riformismo che minacciava il suo potere autocratico. Uomini come Witte furono messi da parte o tenuti a debita distanza mentre Nicholas riempiva il suo ministero e la sua cerchia ristretta di conservatori e reazionari.

Alla fine del 1906, lo zar nominò un nuovo primo ministro, Pyotr Stolypin, che avrebbe supervisionato questa controrivoluzione. Nel giro di un anno, la reazione zarista aveva soppresso l'opposizione radicale, truccato la Duma e ripristinato il suo potere autocratico. I cambiamenti promessi nel 1905 non furono pienamente realizzati, ma la rivoluzione russa fu ritardata piuttosto che sconfitta.

sfondo

Il 17 ottobre 1905, Nicholas promulgò il Manifesto di ottobre. Questa breve dichiarazione ha promesso ai russi una legislatura eletta (una Duma di Stato) e un miglioramento dei diritti e delle libertà.

Il Manifesto di ottobre è stato accolto favorevolmente da conservatori, liberali e alcuni socialisti, che hanno favorito riforme moderate e un sistema politico lungo le linee costituzionali occidentali.

Le promesse dello zar non sono riuscite ad allentare le tensioni rivoluzionarie ovunque. I socialisti militanti, i gruppi di lavoratori radicali e le unità militari ribelli sparse per la Russia hanno chiesto ulteriori riforme e si sono impegnate in ulteriori azioni contro il governo.

Il soviet soppresso

Con i rivoluzionari ora divisi sui loro obiettivi, il governo zarista si sentì abbastanza sicuro di muoversi contro gli elementi più radicali.

A novembre, la polizia dello zar ha arrestato 260 membri del Soviet di San Pietroburgo, tra cui Leon Trotsky. Anche i leader sindacali e gli organizzatori dello sciopero sono stati presi di mira. Otto giornali nella capitale sono stati chiusi con la forza e diversi scrittori ed editori sono stati arrestati.

Ai primi di dicembre, un'alleanza di bolscevichi, menscevichi e Socialisti-rivoluzionari lanciò un'ambiziosa rivolta a Mosca, dove accumularono armi, bloccarono strade, bombardarono edifici e uccisero funzionari del governo. La rivolta di dicembre è stata brutalmente schiacciata dai militari zaristi, che hanno bombardato le loro sezioni con il fuoco del fucile e l'artiglieria pesante, uccidendo più di 1,000.

La Duma di stato

Il successivo ostacolo dello zar fu l'elezione e la convocazione della Prima Duma di Stato, promesso dal legislatore eletto nel suo Manifesto di ottobre.

Le elezioni per la Duma sono iniziate a marzo 1906. Gli elettori non hanno selezionato direttamente i membri della Duma, ma hanno votato per collegi elettorali (commissioni che hanno deciso le persone meritevoli di candidatura). Tutti i cittadini di sesso maschile di età superiore a 25 avevano il diritto di voto, a condizione che non fossero arruolati nell'esercito e non avessero precedenti penali.

A metà aprile, la composizione dei sedili 487 Duma era stata finalizzata. Più di un terzo della Duma (sedili 179) è stato vinto dal liberale Democratici o Kadets costituzionali. I gruppi di sinistra come i Trudoviks (un partito basato sul lavoro), gli SR e gli indipendenti pro-socialisti occupavano più dei seggi 150.

Le leggi fondamentali

Alla vigilia dell'apertura della Duma, Nicholas emise il Leggi fondamentali. Questo decreto era, a tutti gli effetti, la prima costituzione scritta della Russia, ma era anche il modello per una reazione zarista.

Anziché codificare i cambiamenti promessi di 1905, le Leggi fondamentali hanno riaffermato i principi dello zarismo autocratico. Nicola mantenne la piena sovranità per diritto divino; l'idea che qualunque suo potere fosse derivato dal popolo fu ignorata.

Solo lo zar possedeva il potere costituzionale e legislativo. Solo lo zar poteva alterare o modificare la costituzione. Lo zar ha anche mantenuto l'autorità di avviare, modificare o abrogare la legislazione, con o senza l'approvazione della Duma. I ministri del governo erano nominati dal solo zar; non potevano rispondere o rendere conto alla Duma.

Promesse non mantenute

Questa costituzione regressiva ha tradito le promesse fatte l'anno precedente. Il Manifesto di ottobre aveva dichiarato “una regola incrollabile secondo cui nessuna legge può entrare in vigore senza l'approvazione della Duma di Stato e dei rappresentanti del popolo”.

Le Leggi fondamentali, tuttavia, rinnegarono questo principio, decretando che tutte le leggi erano soggette alla volontà e all'approvazione dello zar.

In privato, Nicholas non nascondeva il fatto che pensava che il Manifesto di ottobre fosse un errore. Era il prodotto di scarsi consigli di Sergei Witte e altri. La sua risposta preferita al 1905 sarebbe stata quella di imporre la legge marziale, schiacciare elementi rivoluzionari e recuperare i diritti piuttosto che aumentarli.

La Prima Duma di breve durata

reazione zarista
Una vignetta britannica che mette in ridicolo l'atteggiamento dello zar nei confronti della Duma.

La Duma si riunì per la prima volta il 27 aprile 1906. Con i suoi seggi pieni di riformisti ma il suo potere legislativo spogliato dalle leggi fondamentali, la prima Duma sviluppò presto un rapporto ostile con il governo dello zar.

Nicholas ha mostrato fin dall'inizio il suo disprezzo per la Duma. Il sostituto di Witte come primo ministro, un burocrate conservatore poco brillante di nome Ivan Goremykin, fu inviato alla Camera per presentare il primo compito dello zar: la costruzione di una nuova lavanderia e di una serra in un'università in Estonia.

La Duma indignata ignorò il meschino programma di Goremykin e iniziò a discutere questioni di riforma agraria, finanziamento militare e cambiamento costituzionale. Ha esortato Nicholas a revocare o modificare le Leggi fondamentali, richieste che ha categoricamente negato.

Nel luglio 1906, lo zar sciolse la Duma e sostituì Goremykin con Stolypin, un governatore provinciale che godeva della reputazione di reprimere efficacemente il radicalismo politico.

La sfida, tuttavia, non è finita qui. Mentre si preparavano a partire da San Pietroburgo, i deputati della Duma 197 hanno firmato una petizione per sollecitare gli altri a sfidare lo zar e continuare a incontrarsi a Vyborg, in Finlandia. Molti firmatari di questa petizione furono successivamente perseguitati, imprigionati o esiliati.

La seconda duma

Le elezioni per una seconda Duma si sono svolte a gennaio 1907. Queste elezioni hanno prodotto un'assemblea ancora più ostile al governo zarista.

Più di 250 dei deputati 518 erano o socialisti o allineati con gruppi socialisti. Il loro numero comprendeva un blocco di socialdemocratici 65, bolscevichi e menscevichi, che aveva boicottato le prime elezioni. Il liberale Cadetti occupato altri posti 98.

La seconda Duma è andata oltre le richieste di passaggio a discorsi e accuse antizariste. I 18 deputati bolscevichi della Duma non hanno fatto altro che lanciare invettive contro lo zar, i suoi ministri e altri elementi conservatori. Alcuni di questi sono stati scritti appositamente da Lenin stesso.

Il governo ha tollerato questo fino a giugno 1906 quando Stolypin ha nuovamente sciolto la Duma. In seguito ha ordinato l'arresto dei suoi deputati menscevichi e bolscevichi, accusandoli di aver sabotato la legislatura.

La terza Duma truccata

reazione zarista
Un cartone animato russo di 1906, che mostra agenti zaristi che mettono a tacere il dibattito nella Duma.

Fu chiaro allo Zar e ai suoi ministri che la Duma non poteva continuare in questo modo. Stolypin ha iniziato a sviluppare una nuova legge elettorale per tenere socialisti e radicali fuori dalla Camera. Se alla Duma devono prevalere “uomini sani di mente”, ha detto in seguito, “non vogliamo professori ma uomini con radici in campagna, la piccola nobiltà locale e così via”.

Dopo lo scioglimento della seconda Duma, Stolypin ha apportato modifiche radicali alla legge elettorale. Alcuni dei suoi cambiamenti hanno richiamato il "progetto Bulygin" del 1905. Il numero dei delegati della Duma è stato ridotto di oltre 70 mentre il diritto di voto (diritto di voto) è stato drasticamente ridotto.

Quando le elezioni per la terza Duma si sono svolte in ottobre 1907, solo circa 3.5 milioni di russi su una popolazione di circa 130 milioni hanno potuto votare. Dei nuovi deputati della Terza Duma, 44 per cento erano nobili e quasi 20 per cento erano contadini. I deputati socialisti, Trudovik e Kadet occupavano meno di un quinto dei seggi totali.

Le riforme agrarie di Stolypin

La manipolazione della Duma da parte di Stolypin non era la sua unica idea per consolidare l'autorità zarista. Il primo ministro aveva anche una visione a lungo termine, basata su riforme agrarie e una classe contadina ristrutturata.

Stolypin sperava di capitalizzare l'economia agraria russa fornendo assistenza e incentivi ai contadini laboriosi ("scommessa sul forte", ha chiamato questo). Incoraggiare i contadini a lavorare per il profitto piuttosto che i proprietari terrieri o il mir (comune) rivitalizzerebbe l'economia e porterebbe a miglioramenti nei metodi agricoli, nella produttività e nella produzione.

Il governo aiuterebbe questo processo fornendo aspiranti kulaki con agevolazioni bancarie, prestiti e assistenza per l'acquisto di macchinari o bestiame. È stata istituita una "banca della terra" per garantire che la terra fosse assegnata in modo equo ed efficiente, piuttosto che dai comuni. Piccoli appezzamenti di terra sarebbero stati consolidati e dati a contadini di successo, piuttosto che a individui o famiglie a malapena in grado di usarli.

Queste riforme includevano anche misure per aprire parti dell'impero finora non sviluppate. I contadini disposti a trasferirsi in Siberia, ad esempio, ricevettero assistenza governativa e 40 acri di terra.

Promuovere le riforme

Stolypin ottenne l'approvazione per questi cambiamenti convincendo il riluttante zar che avrebbero rafforzato il suo potere. Spezzare il potere delle comuni contadine era uno degli obiettivi della reazione zarista. Una classe contadina più ricca e indipendente rafforzerebbe solo la lealtà al trono, sosteneva Stolypin.

Le riforme di Stolypin erano incentivi piuttosto che direttive; la maggior parte non è stata costretta alla popolazione. Tuttavia, hanno incontrato una resistenza significativa in diverse parti della Russia.

I rappresentanti dei comuni hanno naturalmente obiettato poiché le riforme hanno minacciato sia il loro controllo della terra che l'ordine sociale nei villaggi. Vi era anche un'opposizione da parte della nobiltà proprietaria della terra, i cui interessi, rendite e profitti erano minacciati da cambiamenti significativi ai contadini.

Risultati dello "stolipinismo"

Le riforme di Stolypin hanno avuto qualche effetto, ma anche dopo un decennio la maggior parte degli aspetti dell'economia e della società agraria russe sono rimaste invariate.

Tra il 1906 e il 1915, quando le riforme di Stolypin terminarono ufficialmente, la terra totale di proprietà dei contadini russi era aumentata da 4320 milioni a 4590 milioni di acri, mentre le proprietà terriere personali dello zar rimasero le stesse. Nel 1915, più della metà dei contadini della nazione rimase nella proprietà terriera comunale e solo il 15% circa poteva essere realisticamente classificato come kulaki.

Stolypin stesso non ha visto le sue riforme realizzarsi. Dopo aver supervisionato la reazione zarista, fu assassinato nel 1911, vittima del proiettile di un assassino.

Il punto di vista di uno storico:
“Le autorità zariste non potevano stabilire una politica netta nei confronti della Duma. Hanno permesso che si tenessero le elezioni, hanno organizzato una cerimonia solenne per celebrare l'apertura della legislatura che ne ha accresciuto l'aura di legittimità, e hanno fatto altri gesti che hanno suggerito la disponibilità a collaborare con la nuova istituzione. D'altra parte, le autorità avevano limitato le prerogative della Duma prima ancora che si riunisse, avevano nominato un primo ministro e altri ministri ostili a qualsiasi forma di governo rappresentativo, e in molti altri modi avevano indicato una profonda sfiducia nei confronti dei legislatori, che a loro volta ha dato poche prove di favorire una strategia conciliante ... La relazione divenne rapidamente aspra, condannando il primo esperimento di governo popolare a un ignominioso fallimento ".
Abramo Ascher

reazione zarista

1. Le riforme promesse da Nicola II, come quelle delineate nel Manifesto di ottobre del 1905, furono seguite da un periodo di reazione zarista e da promesse non mantenute.

2. Nell'aprile 1906, lo zar emanò le leggi fondamentali, in effetti una costituzione russa che manteneva e riaffermava il suo potere autocratico.

3. Una Duma di Stato è stata eletta ma dopo le Leggi Fondamentali non ha avuto alcun potere reale. L'ostilità della Duma al governo portò al suo scioglimento nel luglio 1906.

4. In 1907, il primo ministro Stolypin ha truccato le leggi elettorali per garantire che la terza Duma fosse dominata dai conservatori e quindi meno ostile.

5. Stolypin ha anche avviato riforme economiche e terriere per facilitare la creazione di a kulak classe. Questi ricchi contadini sarebbero più produttivi e diventerebbero una base conservatrice di sostenitori dello zarismo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La reazione zarista al 1905"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/tsarist-reaction/
Data di pubblicazione: Luglio 26, 2019
Data di accesso: Gennaio 27, 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.