La ribellione di Kronstadt

Kronstadt
Propaganda sovietica sotto forma di una carta da gioco, raffigurante i ribelli di Kronstadt come agenti bianchi

La ribellione di Kronstadt fu una rivolta anti-bolscevica condotta da soldati e marinai sull'isola fortezza di Kronstadt, a poche miglia dalla costa di Pietrogrado, all'inizio del 1921. La ribellione era una protesta contro bolscevico politiche economiche, scarsità di cibo, oppressione politica e violenza. Alla fine è stato schiacciato dal Red Army.

sfondo

Tre anni di comunismo di guerra avevano causato carenze diffuse e gravi disagi in tutta la Russia. I poveri raccolti, esacerbati dai sequestri di grano da parte dei bolscevichi, avevano causato carestia e sofferenze diffuse sia nelle aree rurali che urbane. 

Con 1921, la produzione della maggior parte dei beni era scesa a poco più della metà preprima guerra mondiale livelli. Le quote governative e le interferenze nelle fabbriche, gli scioperi, il dissenso della forza lavoro e la scarsità di materie prime hanno ostacolato la produzione.

All'inizio di 1921, una serie di scioperi e manifestazioni urbane hanno aumentato le preoccupazioni nel regime bolscevico. Sono stati seguiti da un colpo che il governo non si aspettava: una rivolta di soldati e marinai a Kronstadt.

Un'isola fortezza

Kronstad, una fortezza insulare, sorvegliava gli approcci marini a Pietrogrado. I soldati e i marinai presidiati lì erano stati tra i più fedeli sostenitori del Rivoluzione bolscevica.

Rinomate in tutta la Russia come truppe senza paura, furono una delle prime unità militari ad ammutinamento durante i disordini di 1905; e i marinai di Kronstadt erano stati incaricati della cannoniera Aurora quando navigò lungo il fiume Neva per minacciare il Palazzo d'Inverno durante la Rivoluzione d'Ottobre del 1917.

Leon Trotsky li chiamava eroi della rivoluzione, "i più rossi dei rossi", e la maggior parte dei russi li considerava strettamente allineati con la causa bolscevica. In realtà, i militari di Kronstadt avevano la reputazione di agire spontaneamente; erano mossi più dalle condizioni che dall'ideologia.

I marinai agiscono

Alla fine di febbraio 1921, gli uomini di Kronstadt avevano sperimentato abbastanza dell'oppressione politica bolscevica e della miseria economica del comunismo di guerra. Sentendo della sofferenza e della privazione nelle lettere da casa (molti Kronstadters erano di origini contadine) e vedendolo di prima mano durante il loro congedo a Pietrogrado, gli uomini di Kronstadt decisero di agire.

La loro prima mossa è stata quella di formare un Comitato Rivoluzionario Provvisorio (una fusione intenzionale dei termini "Governo Provvisorio" e "Comitato Rivoluzionario Militare") prima di lanciare una serie di richieste politiche, economiche e sociali.

Tra le loro esigenze economiche c'era un rilassamento di comunismo di guerra e migliorato l'approvvigionamento alimentare delle città.

'Soviet senza bolscevichi'

Le loro richieste politiche erano più ampie: il ripristino della piena libertà di parola, un maggiore contributo democratico e la consultazione nella formulazione delle politiche, il rilascio dalla detenzione dei socialisti non bolscevichi, garanzie dei diritti civili e, significativamente, "Soviet senza bolscevichi".

I ribelli di Kronstadt hanno anche pubblicato il proprio giornale anti-bolscevico, Izvestia. Le sue colonne descrivevano Lenin ei suoi seguaci come "usurpatori" e descrivevano le condizioni imposte dal loro regime come "maggiore schiavitù", "schiavitù morale", "nuova servitù" e peggiori delle imposizioni dello zarismo.

In breve, i Kronstadters chiedevano che la rivoluzione fosse rimessa nelle mani dei lavoratori che inizialmente aveva affermato di rappresentare.

La risposta bolscevica

Tutto ciò fece infuriare la gerarchia bolscevica. Il commissario di guerra Trotsky iniziò a organizzare un'immediata risposta militare per schiacciare i ribelli di Kronstadt. Dato che ce n'erano più di 15,000, avrebbe dovuto essere una grande campagna.

Poiché era inverno, il mare attorno alla fortezza di Kronstadt era ghiacciato. Era importante reprimere la ribellione prima del disgelo primaverile quando i ribelli potevano usare navi da guerra contro obiettivi bolscevichi.

La prima ondata di truppe dell'Armata Rossa ad attraversare il ghiaccio era povera e poco equipaggiata. Fu respinto dal fuoco dalla base di Kronstadt.

Trotsky aumentò il numero delle truppe a 60,000, le equipaggiò con camuffamento bianco e artiglieria pesante e assediò la fortezza per quasi tre settimane. Il 17th di marzo, le loro difese crollarono e Kronstadt fu invasa dalle unità dell'Armata Rossa e Cheka.

I ribelli fuggono

Di fronte alla cattura o all'annientamento, centinaia di ribelli presero il volo attraverso il ghiaccio, diretti a nord verso il vicino confine con la Finlandia. Intorno a 2,000 furono catturati dalle forze bolsceviche. La maggior parte fu marciata nelle foreste fuori Pietrogrado e giustiziata.

Trotsky giustificava l'uso della forza sottintendendo che il personale di Kronstadt era stato volubile e inaffidabile. Non erano più i “rossi più rossi”, essendo stati infiltrati e sostituiti da elementi inaffidabili e sleali.

Lenin ha fatto eco a una linea simile, suggerendo che la rivolta è stata "fomentata" da ribelli controrivoluzionari, agenti stranieri e nemici della Russia.

Dissenso nel partito

All'interno del partito, tuttavia, c'era meno accordo e più disagio per ciò che era accaduto. Individui come Alexandra Kollontai hanno espresso preoccupazione per la condotta della leadership del partito.

Quali che fossero le dichiarazioni pubbliche di Lenin sulla ribellione di Kronstadt, era abbastanza astuto da comprenderne il significato e i pericoli per il regime sovietico. I bolscevichi avevano bisogno di allentare le condizioni o hanno affrontato il rischio reale di un'altra rivoluzione.

rivolta di Kronstadt

1. La ribellione di Kronstadt fu una rivolta anti-bolscevica scoppiata tra soldati e marinai su una fortezza dell'isola, vicino a Pietrogrado.

2. I militari di Kronstadt erano stati in precedenza convinti sostenitori della rivoluzione, partecipando ai disordini nella capitale nel 1905 e nel 1917.

3. All'inizio del 1921, i Kronstadters agirono in segno di protesta contro le severe politiche economiche bolsceviche, l'oppressione politica e la violenza.

4. In febbraio, hanno formato il loro Comitato Rivoluzionario Provvisorio e hanno redatto un ampio elenco di richieste politiche ed economiche.

5. La risposta bolscevica è stata rapida e brutale. Ondate di unità dell'Armata Rossa attaccarono l'isola e alla fine i ribelli di Kronstadt furono costretti a fuggire. Circa 2,000 furono catturati, la maggior parte dei quali fu giustiziata.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La ribellione di Kronstadt"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/kronstadt-rebellion/
Data di pubblicazione: 21 Agosto 2019
Data di accesso: Luglio 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.