Tradizioni rivoluzionarie russe

Tradizioni rivoluzionarie russe
La rappresentazione di un artista Narodnaya Volya assassini impiccati in 1881

Partiti socialisti come il bolscevichi e menscevichi emerse all'inizio del XX secolo, ma non furono i primi gruppi rivoluzionari russi. Le tradizioni rivoluzionarie russe possono essere fatte risalire alla prima parte del 20 ° secolo. I gruppi populisti e rivoluzionari hanno utilizzato una varietà di metodi per realizzare il cambiamento politico e sociale in Russia, ma in genere non hanno avuto successo.

The Decembrists

Uno dei primi eventi rivoluzionari significativi della Russia moderna fu la rivolta dei Decabristi del 1825. Sebbene questo tentativo di rivoluzione fallì, ebbe un certo impatto sul governo e sulla politica zarista negli anni seguenti.

Questa rivolta fu condotta da una cricca di ufficiali militari contro il neo incoronato Nicola I. Soprannominato i Decabristi dopo il mese in cui si ribellarono, gli ufficiali ribelli si rifiutarono di giurare fedeltà al nuovo zar, chiedendo l'incoronazione del suo fratello più liberale, Costantino .

I Decemberisti si sono riuniti a San Pietroburgo con una forza di 3,000 uomini e hanno invitato la guarnigione della città a unirsi a loro. La loro richiesta è stata ignorata, dando al nuovo zar abbastanza spazio di respiro per schiacciare la potenziale rivoluzione. Nicola I ordinò di artiglieria pesante e la rivolta fu rapidamente repressa. Diversi leader decabristi furono arrestati e impiccati pubblicamente, riaffermando la morsa dello zarismo assoluto.

La rivolta decabrista fu più una disputa tra fazioni e interessi aristocratici che una vera rivoluzione democratica o socialista, tuttavia, molti dei suoi partecipanti erano riformisti liberali.

Movimenti della metà del XIX secolo

rivoluzionari russia
Rappresentazione artistica del Circolo Petrashevsky, un gruppo rivoluzionario della metà del 1800

Nicola I continuò a reprimere i movimenti rivoluzionari durante il suo regno. Il sentimento rivoluzionario fu costretto sottoterra, pubblicato o discusso da gruppi segreti. Uno di questi era il Cerchio di Petrashevsky, guidato dal famoso romanziere Fyodor Dostoevsky. Questo gruppo è stato arrestato e notoriamente condannato a una finta esecuzione nel 1849 di dicembre.

Il regno di Zar Alessandro II portò a riforme liberali negli anni '1860 dell'Ottocento, inclusa l'emancipazione dei servi russi, la formazione di eletti zemstvo e un allentamento delle restrizioni su università e scuole. Invece di soddisfare le richieste di cambiamento, tuttavia, queste riforme liberali le hanno effettivamente aumentate. 

Le riforme educative hanno aperto le università russe sia a più studenti che a idee più radicali. Agli accademici e agli studenti fu concessa la libertà di studiare e insegnare sistemi stranieri e idee e teorie liberali. Lo spirito di interrogatorio emerso nelle università russe diede origine a diversi movimenti studenteschi negli anni '1870 dell'Ottocento.

Gruppi populisti

Molti di questi gruppi riformisti si sono concentrati sui contadini russi, evidenziando le loro miserabili condizioni. Due grandi gruppi populisti, Khozhdeniye v narod ("Call to the People") e Zemlya i Volya ("Terra e libertà"), entrambi consideravano la numerosa popolazione contadina russa come la fonte più logica di energia rivoluzionaria.

Questi gruppi hanno sostenuto le loro teorie con l'attivismo. Crearono insediamenti rivoluzionari "permanenti" nelle aree rurali e regionali, producendo propaganda, convocando riunioni e gruppi di discussione. I loro volontari lavorarono per spingere le comuni contadine all'azione contro il governo zarista e la sua burocrazia.

Altri gruppi erano socialmente più attivi. I loro volontari si sono recati in zone remote per istruire i contadini russi, nella speranza di incitare la coscienza di classe e l'opposizione allo zarismo. Questo sforzo è stato generalmente infruttuoso perché le comunità contadine erano sospettose degli estranei, specialmente quelli con programmi politici.

Narodnaya Volya

Dopo alcuni anni, questi gruppi populisti svanirono. Nei primi 1880, furono sostituiti da un nuovo gruppo chiamato Narodnaya Volya ("Volontà popolare"). Questo gruppo cambierebbe il corso della storia russa.

Un vero partito rivoluzionario, Narodnaya Volya era più piccolo, più organizzato e abilmente guidato. La parte centrale del partito era guidata da intellettuali ed era pubblica e politicamente attiva.

Lo Narodnaya Volya aveva anche una fazione più piccola e più radicale che complottava attacchi contro il regime zarista usando il terrorismo e la violenza. Questo gruppo ha pianificato sette tentativi separati sulla vita dello zar.

Assassinio di Alessandro II

corpo di alessandro ii
Il corpo dell'assassinio Alessandro II si trova nello stato, 1881

Nel 1881, tre dei suoi agenti trovarono finalmente un'opportunità, lanciando una bomba contro lo zar mentre viaggiava in carrozza a San Pietroburgo. Le gambe di Alexander furono quasi completamente spazzate via; il suo corpo in frantumi fu trasportato con la slitta al Palazzo d'Inverno dove l'imperatore morente fu visitato dai membri della sua famiglia, incluso suo nipote di 13 anni, il futuro Nicola II.

L'uccisione dello zar fu Narodnaya Volya's vittoria più significativa - ma ha fatto più male che bene. La maggior parte dei russi rimase sgomenta per l'omicidio di Alessandro, che per tutti i suoi difetti era rispettato per i suoi tentativi di riforma.

Figlio maggiore e successore di Alessandro, Alessandro III, si è impegnato a invertire le riforme liberali di suo padre, accusandoli di aver generato anarchici e rivoluzionari. Membri del Narodnaya Volya furono arrotondati ed eseguiti.

Dall'assassinio di Alessandro II sono nati due decenni di controriforma, attività di polizia segreta e soppressione dei gruppi politici dissidenti in Russia.

società russa

1. Numerosi gruppi e movimenti rivoluzionari erano attivi nella Russia del 19 secolo, a cominciare dai Decembristi, che tentarono una rivolta fallita in 1825.

2. Durante il regno repressivo di Nicola I, molte attività rivoluzionarie si limitarono a gruppi di studio segreti come il Cerchio di Petrashevsky.

3. Le riforme di Alessandro II durante gli 1860 avrebbero dovuto soddisfare gruppi rivoluzionari, ma invece divennero ancora più radicali.

4. Gruppi populisti come il Khozhdeniye v narod e Zemlya i Volya focalizzato sui contadini, sperando di educarli e ispirarli alla rivoluzione.

5. L'ascesa di un nuovo gruppo chiamato il Narodnaya Volya o "Volontà popolare" ha prodotto l'atto di rivoluzione più significativo del secolo: l'assassinio dello zar Alessandro II.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Tradizioni rivoluzionarie russe"
Autori: Jennifer Llewellyn, Michael McConnell, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/russian-revolutionary-traditions/
Data di pubblicazione: 16 Maggio 2019
Data di accesso: 22 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.