Vladimir Lenin

vladimir lenin
Un dipinto di Lenin che consola sua madre dopo l'esecuzione di suo fratello.

Vladimir Lenin (1870-1924) è stato il fondatore e mentore ideologico di bolscevico movimento, il leader della rivoluzione di ottobre e il primo sovrano della Russia sovietica. La maggior parte lo considera la figura dominante della rivoluzione russa.

Famiglia e prima infanzia

Lenin è nato Vladimir Ilyich Ulyanov a Simbirsk, una grande città di circa 45,000 persone situata sul fiume Volga. La sua famiglia era di origini etniche miste con ceppi russi, tedeschi, svedesi ed ebrei. Solo una generazione prima gli Ul'janov erano stati umili servi. Il padre di Lenin, Ilya, ha ottenuto un'istruzione universitaria, è diventato insegnante ed è diventato ispettore scolastico.

Le loro umili origini fornirono agli Ul'janov empatia con i contadini e le classi lavoratrici della Russia. Erano anche politicamente informati e di mentalità liberale. Nelle sue memorie, la sorella di Lenin ha ricordato che la casa di famiglia era piena di discussioni appassionate e dibattiti sulla situazione in Russia.

La tragedia colpì due volte gli Ulyanov negli anni ottanta dell'Ottocento. Ilya Ulyanov morì nel 1880. L'anno successivo, il fratello maggiore di Vladimir, Alexander, uno studente universitario, fu arrestato e impiccato per presunto coinvolgimento in un complotto per assassinare Zar Alessandro III. Questo evento portò gli Ul'janov a essere condannati e ostracizzati come rivoluzionari.

Il radicalismo di Lenin

Sia la morte di suo padre che l'esecuzione di suo fratello hanno avuto un impatto significativo su Vladimir Ulyanov. Ha perso la fede in Dio e nella religione e la sua posizione politica ha cominciato a spostarsi dal liberalismo al socialismo radicale. Ulyanov si interessò alle stesse idee radicali del suo defunto fratello, in particolare alle opere di Nikolai Chernyshevsky (in seguito utilizzò il titolo di Chernyshevsky Che cosa si deve fare? per uno dei suoi libri). 

Nell'autunno di 1887, Ulyanov entrò all'università di Kazan per studiare legge. La sua iscrizione fu assicurata con l'aiuto di una referenza scritta del suo ex preside, il padre di Alexander Kerensky

Fu all'università che Ulyanov fu coinvolto nel radicale marxista gruppi. Entrambi i capi universitari e il locale Okhrana lo ha rapidamente identificato come una "persona di interesse". A poche settimane dall'inizio dei suoi studi, Ulyanov fu espulso. Riuscì a completare i suoi studi in modo indipendente nel 1891, anche se le sue successive attività politiche significavano che praticava poco la legge.

Il rivoluzionario professionista

lenin
Una foto segnaletica della polizia di Vladimir Ulyanov, dopo il suo arresto in 1895

Entrando nell'età adulta, Ulyanov divenne ossessivo per il socialismo e la rivoluzione. Leggeva voracemente, consumando libri di filosofia e teoria socialista, propaganda politica, rapporti da o su gruppi rivoluzionari in tutto il mondo. Quando non leggeva, Ulyanov scriveva o parlava nei circoli dei lavoratori o alle riunioni clandestine.

Nei primi 1890, Ulyanov ha stretto un'alleanza con Julius Martov, il futuro leader del Menshevik fazione. Ha anche sposato uno dei suoi compagni socialisti, Nadezhda Krupskaya.

Le sue attività politiche hanno reso Ulyanov un uomo ricercato. Per gran parte degli anni '1890 dell'Ottocento visse e lavorò sotto nomi falsi e talvolta sotto mentite spoglie. Alla fine fu catturato nel 1895 e condannato a tre anni di isolamento in Siberia.

Nel 1900, Ulyanov iniziò un altro periodo di esilio, questa volta in diverse città dell'Europa occidentale. Fu durante questo periodo che adottò il nome in codice "Lenin", forse una derivazione del fiume Lena in Siberia.

Che cosa si deve fare?

In 1902, Lenin ha pubblicato Che cosa si deve fare?. In questo trattato, ha delineato la sua visione di un movimento organizzato per provocare una rivoluzione socialista. Ha richiesto una piccola festa che fosse ben organizzata, attentamente pianificata, laboriosa, disciplinata e riservata.

Secondo Lenin, l'appartenenza a questo partito dovrebbe essere limitata per tenere fuori gli infiltrati, gli intrusi e i timidi. Le decisioni ideologiche e tattiche sarebbero prese da un'élite intellettuale e non sarebbero soggette ai capricci e agli interessi personali delle masse. Ogni membro del partito sarebbe un "rivoluzionario professionista", che dedica tutto il suo tempo, energia e zelo alla causa socialista.

Lo stesso Lenin era l'incarnazione vivente di questa idea. Ha vissuto un'esistenza austera con poche comodità o piaceri sociali. I suoi unici interessi erano il socialismo e la rivoluzione, interrotti occasionalmente dal pattinaggio sul ghiaccio, dal gioco degli scacchi o dall'ascolto di Beethoven.

Lenin non si dedicava solo alla teoria della rivoluzione: si interessava anche agli aspetti fisici o logistici. Secondo Orlando Figes, il leader bolscevico scrisse guide di istruzioni per tutto, dall'uso delle bombe alla rapina in banca. Indossava pelle e intraprendeva esercizio fisico e sollevamento pesi per trasmettere l'impressione di forza e mascolinità.

Esilia e ritorna

Le opinioni politiche radicali e la prolifica attività rivoluzionaria di Lenin lo resero un ricercato in Russia. Ha trascorso molti anni fuori dal paese, vivendo in esilio in città come Monaco, Praga, Parigi e Manchester. Lenin era a Londra e colto alla sprovvista dagli eventi del Rivoluzione 1905. Tornò brevemente ma tornò in esilio da 1907. 

Nell'aprile 1917, Lenin tornò in Russia con l'assistenza del governo tedesco, che gli diede il passaggio per minare e destabilizzare il nuovo governo provvisorio. All'arrivo, Lenin tenne un discorso alla stazione di Finlandia che divenne la base per le sue famose tesi di aprile. Chiedeva un'immediata rivoluzione socialista, un trasferimento del potere politico ai sovietici e la fine della cooperazione con il governo provvisorio.

Lenin fu costretto a tornare in esilio a metà del 1917 in seguito alla spontanea 'Giorni di luglio'rivolta, che non ha né appoggiato né sfruttato. Mentre le truppe governative setacciavano Pietrogrado alla ricerca del leader bolscevico, si rasò la barba tipica, indossò gli abiti di un pescatore e scivolò attraverso l'acqua in Finlandia.

Rivoluzione e repubblica sovietica

Lenin tornò in Russia a settembre 1917 per sovrintendere alla rinascita bolscevica. La sua determinazione a rovesciare il Governo provvisorio lo ha reso la forza trainante dietro il Rivoluzione d'ottobre. Successivamente, Lenin prese immediatamente in carico il governo sovietico, emanando i suoi primi decreti e dando forma alle sue politiche economiche.

Durante la sua guida dei bolscevichi e dello stato sovietico, Vladimir Lenin fu soggetto a diverse minacce e tentativi di omicidio. Il più notevole di questi si è verificato in agosto 30th 1918 quando Fanya Kaplan, un assassino solitario con simpatie populiste, sparò due colpi nella sua parte superiore del corpo a Mosca.

Lenin è sopravvissuto a questo attacco, ma le complicazioni e gli effetti delle sue ferite potrebbero aver ridotto la durata della sua vita. Secondo lo storico Robert Service, che ha avuto accesso alle cartelle cliniche del leader bolscevico, la consapevolezza di Lenin che il suo tempo era limitato ha contribuito alla sua ossessione, impazienza e autoritarismo.

Cattiva salute e morte

Quali che fossero le cause, gli ultimi tre anni di vita di Lenin furono segnati da cattive condizioni di salute. Soffriva di acufeni, insonnia e forti mal di testa, poi subì tre colpi significativi (maggio 1922, dicembre 1922 e marzo 1923).

Da quel momento in poi, Lenin trascorse gran parte del suo tempo nella sua dimora Gorki. Rimase acuto, tenuto al passo con gli sviluppi politici e continuò a scrivere riassunti e lettere ai funzionari del partito. Joseph Stalin fu incaricato della sua convalescenza, tuttavia, e fu in grado di manipolare Lenin a proprio vantaggio.

Vladimir Lenin morì il 21 gennaio 1924. Al suo funerale, svoltosi in condizioni gelide nella Piazza Rossa, parteciparono circa 60,000 persone. Il Politburo ha votato per preservare il corpo di Lenin e metterlo in mostra pubblica, una decisione contrastata dalla sua vedova, Krupskaya.

Il punto di vista di uno storico:
“Il vero Lenin non era né un eroe né un gentiluomo, ma era un genio nella politica rivoluzionaria. Lenin, la figura di culto, fu successivamente lodato per la sua enorme modestia ... Questo è in parte vero e in parte falso ... Lenin non era né avido né vanitoso. Non copriva né i beni materiali né il lusso o il godimento della consapevolezza che decine di milioni di persone potrebbero ammirare una versione gonfiata della sua biografia. Era estremamente sicuro di sé e non aveva bisogno di simili vanità. Quello che ha cercato per tutta la vita era il mezzo per imporre la sua volontà a una popolazione che gli somigliava poco per temperamento o talento ".
Nina Tumarkin

1. Vladimir Lenin è nato Vladimir Ulyanov a Simbirsk. Le sue opinioni politiche sono state modellate da quelle del suo padre di mentalità liberale, rispetto all'esecuzione del suo fratello rivoluzionario, Alexander.

2. Il giovane Lenin fu coinvolto in gruppi studenteschi radicali e si unì ai socialdemocratici marxisti. Trascorse lunghi periodi in esilio e articolò la sua visione di un partito rivoluzionario "professionista".

3. Le idee radicali di Lenin portarono alla faziosità negli SD e alla formazione del gruppo bolscevico del partito nel 1903. Lenin rimase il leader di questo gruppo per il resto della sua vita.

4. Il ritorno di Lenin in Russia nell'aprile 1917 diede impulso alla Rivoluzione d'Ottobre. Ha preso in carico il governo sovietico di recente formazione subito dopo questa rivoluzione.

5. Lenin fu gravemente ferito da un tentativo di assassinio di 1918 di agosto. Da 1920, ha sofferto di cattive condizioni di salute e di una serie di colpi che hanno limitato la sua leadership politica.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Vladimir Lenin"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/russianrevolution/tsarist-government/
Data di pubblicazione: 17 aprile 2010
Data di accesso: Luglio 01, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.