La guerra di Corea

Guerra di Corea
Un poster comunista raffigurante il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra di Corea

Nel 1950, la Repubblica popolare cinese fu coinvolta in un conflitto in via di sviluppo in Corea. Combattuta tra un regime socialista sostenuto dai sovietici nel nord e un regime appoggiato dagli Stati Uniti nel sud, la guerra di Corea fu un banco di prova importante sia per la nuova repubblica che per la leadership di Mao Zedong.

Impreparati per la guerra

La Cina comunista non era preparata per un'altra guerra, in particolare quella che coinvolgeva Stati Uniti, Gran Bretagna e altre potenze occidentali. La sua economia era disorganizzata ed esaurita da anni di guerra contro i giapponesi e guerra civile con i nazionalisti.

Con la penisola coreana alle porte della Cina e un alleato comunista minacciato dall'invasione straniera, tuttavia, Mao Zedong non poteva ignorare la crisi in corso nella penisola coreana.

Il coinvolgimento della Cina nella guerra di Corea ha acuito le preoccupazioni per la sicurezza interna, ha allungato l'economia nazionale già impoverita e ha rischiato di provocare una guerra totale con la Cina. La guerra di Corea si è conclusa in una situazione di stallo e Mao ha salutato le prestazioni dei soldati cinesi, ma il loro coinvolgimento ha avuto serie conseguenze per le relazioni estere della Cina.

Origini della guerra

La Corea è una regione della penisola con forti legami storici con la Cina. La maggior parte dell'unico confine terrestre della Corea è condiviso con la Manciuria (Cina settentrionale). I leader manciù invasero e soggiogarono la Corea nel XVII secolo, come avevano fatto con la Cina.

Alla fine del XIX secolo, la penisola coreana era al centro della rivalità imperiale tra Russia e Giappone. Ciò portò alla guerra russo-giapponese nel 19-1904, un conflitto vinto dal Giappone.

Il Giappone ha annesso la Corea nel 1910. I giapponesi hanno governato lì fino a quando l'avanzata delle forze sovietiche e americane li ha spinti fuori verso la fine della seconda guerra mondiale.

Divisione del dopoguerra

Nel settembre 1945, la penisola coreana fu occupata dagli alleati: le forze sovietiche nel nord e gli Stati Uniti e le forze britanniche nel sud. Questa divisione era intesa come misura temporanea per quattro anni, dopodiché doveva essere eletto un governo coreano indipendente.

I sovietici e gli americani, guidati da interessi ideologici e Guerra fredda tensioni, resistito a qualsiasi passo verso la riunificazione e incoraggiato la formazione di governi separati.

A metà degli anni Quaranta, la penisola iniziò a indurirsi in due diverse entità politiche. Nonostante il coinvolgimento delle Nazioni Unite, la Corea del Nord e la Corea del Sud divennero stati nazionali indipendenti nel 1940.

Kim Il-Sung

Guerra di Corea
Il leader nordcoreano Kim Il-Sung, raffigurato all'epoca della guerra di Corea

Il leader della Corea del Nord era Kim Il-Sung, un coreano nativo che aveva servito nell'Armata Rossa dell'Unione Sovietica durante la guerra.

Appoggiato da Mosca, Kim ha avviato un programma di riforma agraria e ridistribuzione che si è rivelato popolare tra i contadini locali. Ha usato la coercizione politica, la violenza e le epurazioni omicide per eliminare la sua opposizione politica. Kim rivendicò anche la sovranità sull'intera penisola coreana e minacciò regolarmente guerre e invasioni contro la Corea del Sud.

Le tensioni tra le due Coree aumentarono nel 1949-50, poiché i loro leader si impegnarono in una retorica politica aggressiva. Hanno anche fortificato il 38 ° confine parallelo e aumentato la loro presenza militare, portando a sparatorie e scaramucce transfrontaliere.

Scoppia la guerra

Guerra di Corea
Una mappa che mostra offensive e progressi nella guerra di Corea in 1950-51

Nel giugno 1950, uno di questi scontri al confine provocò un'invasione su vasta scala della Corea del Sud da parte dell'Esercito popolare nordcoreano (KPA). La decisione di Kim Il-Sung di invadere è stata approvata dal leader sovietico Joseph Stalin.

Pochi giorni dopo l'invasione, il presidente degli Stati Uniti Harry Truman ordinò alle truppe americane di entrare in Corea del Sud per resistere all'invasione comunista. Nel frattempo, una risoluzione delle Nazioni Unite ha condannato l'invasione e ha ordinato alla Corea del Nord di ritirarsi.

Quando non sono riusciti a farlo, una forza militare multilaterale di 16 nazioni - circa la metà delle quali era americana - è stata mobilitata per aiutare a difendere la Corea del Sud. Il loro coinvolgimento si è rivelato subito positivo e i nordcoreani sono stati rapidamente respinti oltre il proprio confine.

Rischi per la Cina

Il comandante degli Stati Uniti in Corea, il generale Douglas Macarthur, ha rilasciato dichiarazioni pubbliche chiedendo una guerra con la Cina, sostenendo che le basi cinesi fornivano i nordcoreani.

Queste dichiarazioni hanno acuito le tensioni a Pechino e hanno aperto la strada al coinvolgimento cinese. Mao Zedong, temendo che le forze americane avrebbero rovesciato Kim Il-Sung e occupato l'intera penisola coreana, ha deciso di agire. Nell'ottobre 1950, Mao ha espresso le sue opinioni sull'intervento:

“Siamo ancora convinti che l'invio delle nostre truppe in Corea sarebbe vantaggioso per noi. Nella prima fase della guerra, possiamo concentrarci sulla lotta contro l'esercito fantoccio [sudcoreano], che le nostre truppe sono perfettamente in grado di affrontare. Potremmo aprire alcune basi nelle zone montuose a nord di Wonsan e Pyongyang. Questo sicuramente risolleverà lo spirito del popolo coreano ... L'adozione della suddetta politica attiva sarà molto importante per gli interessi della Cina ... Se non avessimo inviato nessuna delle nostre truppe e consentito al nemico di raggiungere le rive del fiume Yalu, lo spaccone reazionario internazionale e interno diventerebbe sicuramente più forte ".

Pechino agisce

Dopo le discussioni con i suoi colleghi leader, alcuni dei quali non sostenevano l'intervento cinese nella guerra di Corea, Mao ha fatto la sua mossa.

Nell'estate del 1950 autorizzò la mobilitazione dell'Esercito Volontario Popolare (PVA), una forza militare che Mao sosteneva fosse separata dall'esercito ufficiale cinese e quindi non sotto il controllo statale. Al suo apice, questo esercito "non ufficiale" conteneva più di due milioni di soldati cinesi, presumibilmente volontari.

Mao ha anche cercato aiuto da Mosca. Stalin, tuttavia, non aveva gusto per una guerra con gli Stati Uniti e fornì solo un'assistenza limitata.

Battaglia al fiume Yalu

Il 19 ottobre 1950, la coalizione guidata dagli Stati Uniti conquistò la capitale nordcoreana, Pyongyang, e continuò la sua spinta più a nord. Lo stesso giorno, i reggimenti del PVA attraversarono il fiume Yalu ed entrarono nel territorio nordcoreano.

La prima battaglia tra le forze cinesi e delle Nazioni Unite seguì sei giorni dopo. Con un quarto di milione di uomini, la superiorità numerica del PVA costrinse le forze delle Nazioni Unite a tornare oltre il 38 ° parallelo.

A questo punto, il generale Macarthur meditò pubblicamente sull'uso di armi nucleari sulla Cina. Successivamente è stato licenziato dal presidente Truman.

Stallo

Guerra di Corea
Soldati cinesi in PVA che combattono in Corea, 1952

Dalla metà del 1951, i combattimenti in Corea si attenuarono poiché entrambe le parti cercarono di mantenere il territorio piuttosto che catturarlo. I leader cinesi speravano che il prolungamento del conflitto potesse indurre le forze occidentali ad abbandonare la Corea del Sud.

Il PVA in Corea è stato a sua volta portato al punto di rottura. I soldati volontari cinesi non solo stavano subendo pesanti perdite a causa dei bombardieri americani, ma erano a corto di armi, munizioni e rifornimenti. Migliaia di soldati PVA in Corea sono morti per malnutrizione, cure mediche inadeguate e inverni gelidi con coperte o uniformi sufficienti.

Leader PVA Peng Dehuai si arrabbiava per queste carenze, ma erano un sintomo della precaria condizione economica della Cina nei primi anni '1950.

Dopo una serie prolungata di colloqui di pace, il 27 luglio 1953 fu firmato un armistizio per porre fine ai combattimenti in Corea. Il confine tra le due Coree fu rafforzato da un cuscinetto di quattro chilometri noto come Zona demilitarizzata (DMZ). Un trattato formale non è mai stato firmato, il che significa che la guerra di Corea tecnicamente continua ancora oggi.

Risultati

Guerra di Corea
Mao Zedong e suo figlio Mao Anying, ucciso nella guerra di Corea

La guerra di Corea ha avuto risultati contrastanti per Mao Zedong e la Repubblica popolare. Il conflitto ha ucciso quasi due milioni di soldati e civili. Tra i 150,000 e i 400,000 morti erano cinesi.

La guerra non ha prodotto alcun cambiamento tangibile nella sovranità, nel governo o nel territorio della penisola, ma Mao ha considerato il coinvolgimento cinese un successo. La Cina aveva affrontato gli Stati Uniti, la principale potenza militare mondiale, e aveva tenuto testa.

Nonostante la mancanza di rifornimenti e le pesanti perdite, le truppe cinesi si sono comportate in modo credibile contro le forze militari occidentali modernizzate. Avevano difeso la Corea del Nord e tenuto gli Stati Uniti da importanti siti industriali nel nord della Cina. La guerra di Corea ha anche migliorato la reputazione di Mao sia come stratega che come leader comunista disposto a resistere all'Occidente.

Costi per la Cina

Il coinvolgimento della Cina nella guerra ha comportato anche alcuni costi significativi. Su sollecitazione americana, le Nazioni Unite hanno approvato una risoluzione che condanna la Repubblica popolare come uno stato aggressore. Dal 1953, la "Cina" era rappresentata all'ONU da Di Jiang Jieshi Governo con sede a Taiwan (la Repubblica popolare cinese non è stata ammessa all'ONU fino al 1971).

La Cina comunista è stata anche soggetta ad anni di non riconoscimento, isolamento internazionale e embarghi commerciali. Mao subì anche una perdita personale durante la guerra di Corea: suo figlio maggiore Mao Anying fu ucciso da un raid aereo americano nel novembre 1950.

rivoluzione cinese

1. La guerra di Corea è stata un conflitto combattuto tra il giugno 1950 e il luglio 1953. Ha visto il coinvolgimento della Corea del Nord e del Sud, della Repubblica popolare cinese e di una forza delle Nazioni Unite guidata dagli Stati Uniti.

2. Il conflitto è stato avviato dalla Corea del Nord appoggiata dai sovietici e dal suo leader, Kim Il-Sung, che ha ordinato un'invasione della Corea del Sud appoggiata dagli Stati Uniti nel giugno 1950.

3. Una coalizione di forze delle Nazioni Unite è stata coinvolta e ha respinto le forze nordcoreane al confine cinese. Dopo qualche equivoco, Mao schierò circa 250,000 volontari cinesi che combattevano come Esercito Volontario del Popolo.

4. Alla fine la guerra di Corea si concluse come una situazione di stallo, con confini e territorio sostanzialmente invariati. Circa due milioni di soldati e civili furono uccisi, tra 150,00 e 400,000 di cui cinesi.

5. Mao considerava la guerra un successo perché mostrava la nuova Repubblica popolare come una forza combattente coraggiosa e capace, disposta a schierarsi contro gli americani - ma comportò anche anni di non riconoscimento, isolamento internazionale ed embarghi commerciali.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La guerra di Corea"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/korean-war/
Data di pubblicazione: 30 settembre 2019
Data di accesso: Giugno 27, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.