Hinton sul maltrattamento dei contadini in Long Bow (1966)

Scrivere nella sua opera ben nota Fanshen, l'autore americano William Hinton descrive come la nobiltà terriera a Long Bow e in altri villaggi rurali sfruttò e maltrattò i contadini durante gli 1920:

"La nobiltà deteneva letteralmente il potere di vita e di morte dei contadini e attuava personalmente tutte le misure punitive che ritenevano necessarie quando i loro interessi erano danneggiati o minacciati ... In un anno di carestia un bambino contadino Long Bow, di soli sei anni, rubò alcune foglie (mangiare) da un albero appartenente al datore di lavoro di suo padre. Il padrone di casa ha catturato il ragazzo, lo ha picchiato nero e blu con un robusto bastone e ha attraccato suo padre $ 12. Ciò equivaleva ai guadagni del padre per l'intero anno. Ha dovuto prendere in prestito denaro da un parente per superare l'inverno e un decennio dopo stava ancora pagando il debito.

Un'azione diretta simile è stata presa quando l'affitto è diminuito in via posticipata o gli interessi sono stati pagati. Quindi il padrone di casa andò di persona a casa del suo inquilino e chiese il grano a lui dovuto. Se non era imminente, cacciava il contadino dalla terra o dalla casa. Se il contadino ha resistito, il padrone di casa o uno dei suoi servitori lo hanno picchiato.

Se un contadino tenta di difendersi, gli affari potrebbero facilmente prendere una brutta piega. Un contadino di Taihang ha risposto a un padrone di casa che ha violentato sua moglie. Fu appeso per i capelli alla testa e battuto fino a quando il suo cuoio capelluto si separò dal suo cranio. Cadde a terra e sanguinò a morte.

È stato questo sfondo di corruzione, favoritismo, influenza, spaccio e violenza che ha spinto molti giovani contadini in società segrete di tipo gangster ... che erano endemiche nella regione. Era questo stesso contesto che ha reso possibile a certi potenti nobili di organizzare le proprie forze armate private, opprimere e derubare le persone a volontà, saccheggiare e stuprare e uccidere senza timore di rappresaglie e, quando hanno avuto successo, costruirsi in signori della guerra locali con potere su interi distretti, intere contee e persino province ".