Zhou Enlai

Zhou Enlai

Zhou Enlai (1898-1976, Wade-Giles: Chou En-lai) era un Partito comunista cinese (PCC) figura e importante figura rivoluzionaria. È diventato un leader significativo nella Repubblica popolare, servendo come premier per più di 25 anni e ministro degli esteri per quasi un decennio.

Zhou Enlai è nato nella provincia di Jiangsu e ha avuto un'infanzia sconvolta e infelice. Adottato e orfano in giovane età, è stato istruito in una scuola missionaria a Tianjin e nella tarda adolescenza ha frequentato il college in Giappone.

Zhou è tornato brevemente in Cina, partecipando al 4 maggio movimento prima di tornare all'estero nel 1920 per studiare in Francia e Germania. Si è unito al PCC dall'estero e ha formato un gruppo giovanile comunista tra studenti cinesi espatriati. Zhou si dimostrò così efficace in questo ruolo che il PCC e il Comintern lo richiamarono in Cina nel 1924.

Zhou divenne una figura popolare e influente del PCC, in particolare nella roccaforte del partito di Shanghai, dove organizzò uno sciopero generale nel 1926. Quando Jiang Jieshi ha ordinato lo scioglimento del Primo Fronte Unito e del massacro di comunisti a Shanghai, Zhou è stato catturato ed è stato fortunato a fuggire con la sua vita.

Dopo una visita in Russia, Zhou tornò a Shanghai, vivendo sottoterra e continuando a lottare per la rivoluzione socialista urbana, tuttavia, i suoi tentativi di prendere il controllo della città fallirono e Zhou fu costretto a trasferirsi al sicuro nello Jiangxi nel 1931.

Sebbene pubblicizzato come un rivale di Mao Zedong (il partito ha scaricato Mao come commissario politico dell'Armata Rossa nel 1932, sostituendolo con Zhou), in tre anni i due erano diventati amici e solidi alleati politici, un'associazione che sarebbe rimasta nella nuova società .

Zhou ha partecipato al Lunga marcia del 1934, dopo di che emerse come leader del partito al fianco di Mao. In seguito ha servito come tattico militare durante il Wa civile cineser.

Dopo la vittoria comunista nel 1949, Zhou divenne primo ministro e ministro degli esteri della Repubblica popolare cinese. Ha sostenuto le politiche di Mao Zedong durante gli anni '1950, incluso il Grande balzo in avanti. Alcuni storici considerano Zhou in parte responsabile dei disastri della fine degli anni '1950, poiché ha svolto un ruolo importante nell'attuazione delle riforme economiche di Mao.

Mentre Mao tentava di riconfigurare l'economia e la società della Cina, Zhou si occupava di questioni di politica estera, formulando risposte al Guerra di Corea, Affari sino-sovietici e rapporti della Cina con l'Occidente. Successivamente ha negoziato le visite in Cina dei leader statunitensi Henry Kissinger e Richard Nixon.

Abile negoziatore e astuto operatore politico, Zhou è stato un efficace contrappeso al più appassionato e meno paziente Mao. Leader delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld una volta ha descritto Zhou come "il cervello più superiore che abbia mai incontrato nel campo della politica estera".

Zhou Enlai è morto a gennaio 1976, pochi mesi prima di Mao. La sua morte ha provocato manifestazioni pubbliche di dolore.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Zhou Enlai"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/zhou-enlai/
Data di pubblicazione: Febbraio 13, 2019
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.