Gli articoli del favorevole trattamento dell'Imperatore Qing (1914)

Nel dicembre 1914 l'imperatrice vedova Longyu emise il seguente editto, garantendo il "trattamento favorevole" dell'imperatore da parte del governo repubblicano in arrivo:

“In considerazione del fatto che l'imperatore Qing ha pubblicamente annunciato la sua approvazione per l'istituzione di una forma di governo repubblicana, vengono qui esposti i seguenti articoli relativi al trattamento favorevole dell'imperatore Qing dopo la sua abdicazione:

1. Dopo l'abdicazione dell'imperatore Qing, il suo titolo di dignità deve essere mantenuto dalla Repubblica di Cina con le cortesie che è consuetudine accordare ai monarchi stranieri.

2. Dopo l'abdicazione dell'imperatore, riceverà dalla Repubblica di Cina un sussidio annuale di 4,000,000 di tael. Dopo la riforma della valuta, questo importo verrà modificato a $ 4,000,000.

3. Dopo l'abdicazione dell'imperatore Qing, può, come misura temporanea, continuare a risiedere nel Palazzo (nella Città Proibita), ma in seguito si trasferirà nel Parco Yi-Ho (il Palazzo d'Estate). Può mantenere la sua guardia del corpo.

4. Dopo l'abdicazione dell'imperatore Qing, i templi e i mausolei della famiglia imperiale con i loro riti sacrificali appropriati saranno mantenuti per sempre. La Repubblica di Cina sarà responsabile della fornitura di guardie militari per la loro adeguata protezione.

5. Poiché il mausoleo Ch'ung del defunto imperatore Te-Tsung non è stato ancora completato, i lavori verranno eseguiti secondo le norme appropriate (relative alle tombe imperiali). Saranno inoltre osservate le ultime cerimonie di sepoltura secondo gli antichi riti. Le spese effettive saranno tutte a carico della Repubblica Cinese.

6. I servizi di tutte le persone di vari gradi finora impiegati nel Palazzo possono essere mantenuti; ma in futuro non saranno aggiunti eunuchi al personale.

7. Dopo l'abdicazione dell'imperatore Qing, la sua proprietà privata sarà salvaguardata e protetta dalla Repubblica di Cina.

8. Il corpo di guardia imperiale così come costituito al momento dell'abdicazione sarà posto sotto il controllo militare dell'Ufficio della Guerra della Repubblica Cinese. Sarà mantenuto alla sua forza originale e riceverà gli stessi emolumenti di prima. "