Un ufficiale francese descrive attacchi a legazioni straniere (1900)

Pierre Lotti era un ufficiale militare francese che fu inviato a Pechino per aiutare a difendere i diplomatici francesi e le legazioni straniere contro i pugili scatenati. Qui ricorda gli eventi di 1900:

“Sono stati attaccati da tutte le parti e in ogni modo possibile, spesso nelle ore più inaspettate della notte. Di solito iniziava con grida e il rumore improvviso di trombe e tom-tom; intorno a loro apparivano migliaia di uomini ululanti. I gong fuori dalle mura aumentarono il tumulto. Di tanto in tanto, da un buco improvvisamente aperto in una casa vicina, un palo lungo venti o trenta piedi, in fiamme all'estremità di quercia e petrolio, emergeva lentamente e silenziosamente, come una cosa da un sogno. Questo è stato applicato ai tetti nella speranza di dar loro fuoco.

Sono stati attaccati anche dal basso; udirono suoni sordi nella terra e capirono che erano stati indeboliti, che i loro carnefici avrebbero potuto spuntare da terra in qualsiasi momento; cosicché divenne necessario, a qualsiasi rischio, tentare di stabilire contromine per prevenire questo pericolo sotterraneo. Un giorno, verso mezzogiorno, due terribili detonazioni, che provocarono un regolare tornado di intonaco e polvere, scossero la Legazione francese, seppellendo per metà sotto i rifiuti il ​​tenente al comando delle difese e diversi suoi marines ... delle pietre e delle ceneri che le ricoprivano fino alle spalle, ma due coraggiosi marinai non apparvero mai più. E così la lotta è continuata, disperatamente e in condizioni sempre più spaventose.

Una volta videro con i loro occhiali da campo la pubblicazione di un editto imperiale che ordinava che cessasse il fuoco contro gli stranieri. Quello che non hanno visto è che gli uomini che hanno lanciato gli avvisi sono stati attaccati dalla folla con i coltelli. Eppure seguì una certa pausa, una sorta di armistizio; gli attacchi sono diventati meno violenti. Videro che gli incendiari erano ovunque all'estero; udirono fucili, cannonate e grida prolungate tra i cinesi; interi distretti erano in fiamme; si stavano uccidendo a vicenda; la loro furia stava fermentando come in un pandemonio, e furono soffocati, soffocati dall'odore dei cadaveri.

Ogni giorno [quelli all'interno delle legazioni] sentivano che la tortura e la morte cinesi si stavano avvicinando a loro. Cominciarono a mancare dell'essenziale della vita. Era necessario economizzare in tutto, soprattutto nelle munizioni; stavano diventando selvaggi ... quando catturarono dei Boxer, invece di sparargli si ruppero il cranio con un revolver.

Un giorno le loro orecchie, affilate per tutti i rumori esterni, distinguevano una continua, profonda, pesante cannonata oltre i grandi bastioni neri i cui merli erano visibili in lontananza e che li racchiudevano in un cerchio dantesco; Pechino era bombardata! Potrebbe essere solo dagli eserciti europei venire in loro aiuto! Ma continuarono la loro resistenza, finché d'un tratto non fu più visibile una testa cinese sulle barricate del nemico; tutto era vuoto e silenzioso nella devastazione intorno a loro; i Boxer volavano e gli Alleati stavano entrando in città! "