Edgar Snow on the Long March (1937)

Scrivere dentro Stella rossa sulla Cina (1937) Edgar Snow elogia il coraggio e la resistenza del personale dell'Armata Rossa e del PCC sopravvissuto alla lunga marcia:

“Nelle praterie non ci furono abitazioni umane per dieci giorni. Pioggia quasi perpetua cade su questa palude, ed è possibile attraversarne il centro solo da un labirinto di stretti appigli noti agli alpinisti indigeni che guidavano i Rossi. Altri animali andarono perduti e più uomini. Molti affondarono nello strano mare di erba bagnata e caddero alla vista nelle profondità della palude, al di là della portata dei loro compagni.

Non c'era legna da ardere; erano obbligati a mangiare il loro grano verde e le verdure crude. Non c'erano nemmeno alberi per ripararsi, ei Rossi poco equipaggiati non portavano tende. Di notte si rannicchiavano sotto i cespugli legati insieme, che offrivano una scarsa protezione contro la pioggia. Ma anche da questo processo uscirono trionfanti, almeno più delle truppe bianche che le inseguirono, persero la strada e tornarono indietro, con solo una frazione del loro numero intatto.

L'Armata Rossa ora raggiunse il confine con Kansu [Gansu]. Diverse battaglie sono ancora avanti, la perdita di ognuna delle quali avrebbe potuto significare una sconfitta decisiva. Altre truppe di Nanchino [Nanchino], Tungbei [Dongbei] e musulmano [musulmano] erano state mobilitate nel sud del Kansu per fermare la loro marcia, ma riuscirono a sfondare tutti questi blocchi e, nel processo, annessero centinaia di cavalli della cavalleria musulmana, che le persone avevano predetto con sicurezza l'avrebbero finita una volta per tutte.

Piedi, stanchi e al limite della resistenza umana, entrarono infine nello Shensi settentrionale [Shaanxi], proprio sotto la Grande Muraglia. In ottobre 20th 1935, un anno dopo la sua partenza da Kiangsi [jiangxi], l'avanguardia del Primo esercito frontale si collegò con gli eserciti 25th, 26th e 27th Red, che avevano già stabilito una piccola base del potere sovietico a Shensi in 1933. Numerando meno dei sopravvissuti di 20,000 ora, si sono seduti per rendersi conto del significato del loro successo.

La ricapitolazione statistica della Lunga Marcia è impressionante. Mostra che c'era una media di quasi una scaramuccia al giorno, da qualche parte sulla linea, mentre complessivamente 15 giorni interi erano dedicati a grandi battaglie campali. Su un totale di 368 giorni di viaggio, 235 sono stati consumati nelle marce di giorno e 18 nelle marce di notte. Dei 100 giorni di sosta - molti dei quali dedicati a scaramucce - 56 giorni sono stati trascorsi nel Szechwan nordoccidentale [Sichuan], lasciando solo 44 giorni di riposo su una distanza di circa 5,000 miglia, o una media di una sosta per ogni 114 miglia di marcia. La tappa media giornaliera coperta era di 71 li, o quasi 24 miglia: un ritmo fenomenale per un grande esercito e il suo trasporto medio su alcuni dei terreni più pericolosi della terra.

Complessivamente i Reds attraversarono le catene montuose 18, cinque delle quali erano perennemente innevate e attraversarono i fiumi 24. Attraversarono 12 diverse province, occuparono città 62 e sfondarono eserciti avvolgenti di dieci diversi signori della guerra provinciali, oltre a sconfiggere, eludere o superare le varie forze delle truppe del governo centrale inviate contro di loro. Entrarono e attraversarono con successo sei diversi distretti aborigeni e penetrarono in aree attraverso le quali nessun esercito cinese era passato per decine di anni.

Comunque ci si possa sentire riguardo ai Rossi e a ciò che rappresentano politicamente (e qui c'è molto spazio per discutere!), È impossibile negare il riconoscimento della loro Lunga Marcia - il Ch'ang Cheng [Changzheng] come lo chiamano - come uno delle grandi imprese della storia militare.

Sebbene la Marcia dell'Armata Rossa verso nord-ovest sia stata senza dubbio una ritirata strategica, difficilmente può essere definita un grave disastro, poiché i Rossi hanno finalmente raggiunto il loro obiettivo con il loro nucleo ancora intatto, e il loro morale e la loro volontà politica evidentemente più forti che mai. Gli stessi Rossi dichiararono, e apparentemente credettero, che stavano avanzando verso il fronte anti-giapponese, e questo era un fattore psicologico di grande importanza. Li ha aiutati a trasformare quella che avrebbe potuto essere una ritirata demoralizzata in una vivace marcia di vittoria ".