La guerra civile cinese

guerra civile cinese
Una mappa che mostra il possesso territoriale durante l'ultima fase della guerra civile

La guerra civile cinese descrive la lotta tra i nazionalisti di Guomindang e il Partito comunista cinese (PCC) per il controllo della Cina. Si è conclusa con il volo di Jiang Jieshi a Taiwan, vittoria a Mao Zedong e il PCC e la formazione della Repubblica popolare cinese.

sommario

La guerra civile cinese è iniziata, per molti aspetti, con il Massacro di Shanghai e il crollo del Primo Fronte Unito nel 1927. La fase principale della guerra civile cinese, tuttavia, è generalmente considerata come il periodo che va dalla fine del 1945 all'ottobre 1949.

Dopo la resa giapponese nell'agosto 1945, il Partito Comunista Cinese (PCC) e i Nazionalisti accettarono colloqui di pace e un cessate il fuoco abortito. All'inizio del 1946, i due stavano di nuovo combattendo per il controllo della Cina.

La guerra civile cinese culminò con la cattura di Pechino da parte del PCC, dove il suo leader Mao Zedong dichiarò la formazione della Repubblica popolare cinese (RPC). Nazionalista generalissimo Jiang Jieshi è stato costretto a ritirarsi a Taiwan, dove ha istituito un governo alternativo chiamato Repubblica di Cina (ROC).

La guerra civile ha inflitto gravi sofferenze alla popolazione civile cinese, già esausta ed economicamente devastata da decenni di rivoluzioni, signori della guerra e conflitti con i giapponesi. La guerra ha causato milioni di vittime, ha fatto crollare l'economia a causa dell'iperinflazione e della corruzione e ha costretto milioni di rifugiati a sfollarsi. Il PCC si assicurò la vittoria nel 1949 ma, come i repubblicani del 1912, ereditò una nazione divisa, instabile ed economicamente impoverita.

Tenta di riconciliarsi

Quando i giapponesi si arresero nell'agosto 1945, la maggior parte degli osservatori riteneva che il PCC e i nazionalisti fossero destinati a far rivivere la loro guerra civile. Alla fine del 1945, gli intermediari stranieri, in particolare gli americani, cercarono di mediare i colloqui di pace tra i due gruppi.

Alla fine di agosto 1945 Mao Zedong e Zhou Enlai ha partecipato ai colloqui di pace con Jiang Jieshi e altri leader nazionalisti a Chongqing. Mao e Zhou hanno partecipato su sollecitazione dell'Unione Sovietica e sono stati accompagnati dal diplomatico statunitense Patrick Hurley.

Questi colloqui furono notevoli per la loro civiltà e le frequenti dimostrazioni di buona volontà tra Mao e Jiang Jieshi. In una funzione a Chongqing, Jiang fece un brindisi e dichiarò che sperava "ora possiamo tornare ai giorni del 1924". In un'altra cena, Mao ha persino esclamato: "Lunga vita al presidente Jiang Jieshi!". Anche i due uomini sono stati fotografati insieme sorridenti.

Sotto questa cortese patina, i colloqui di Chongqing erano insinceri e improduttivi. Entrambe le parti stavano manovrando dietro le quinte e guadagnavano tempo affinché le loro forze militari si riprendessero e si riorganizzassero. Gli Stati Uniti promettevano di sostenere un governo di coalizione aumentando le spedizioni di rifornimenti militari ai nazionalisti.

guerra civile cinese
Patrick Hurley, diplomatico americano Mao, Jiang e durante i colloqui di pace di 1945

Scoppio delle ostilità

Dopo tre settimane di negoziati, Mao e Jiang hanno annunciato un patto bilaterale, accettando di sospendere le ostilità e formare un governo composto da tutti i partiti. Come previsto, il patto non è durato a lungo. I combattimenti tra il PCC e i nazionalisti divamparono presto di nuovo in Manciuria, un'area in quel momento controllata dall'Armata Rossa sovietica.

Come leader sovietico Joseph Stalin ha giocato sia al PCC che a Guomindang a suo vantaggio, generale degli Stati Uniti George Marshall ha costretto il governo di Jiang ad accettare un cessate il fuoco di 15 giorni, che ha dato un'ancora di salvezza al PCC assediato.

Jiang aveva negoziato con Mosca per consentire alle truppe sovietiche di occupare la Manciuria fino a quando non avesse potuto ammassare lì abbastanza truppe per contrastare qualsiasi minaccia del PCC. I sovietici hanno mantenuto questo accordo ma hanno offerto addestramento, armi e rifornimenti all'Armata Rossa del PCC prima di ritirarsi. Questo supporto ha contribuito a trasformare i combattenti della guerriglia comunista in Manciuria in una forza militare più convenzionale.

George Marshall ha continuato a spingere Jiang per ulteriori negoziati, ma è stato frustrato dal del generalissimo atteggiamento, così tornato negli Stati Uniti nel gennaio 1947. Il presidente americano Harry Truman notò in seguito che "l'interesse egoistico degli elementi estremisti, sia nel Guomindang che nel Partito Comunista, sta ostacolando le aspirazioni del popolo cinese".

Impatto sulle persone

guerra civile
Contadini cinesi affamati durante la guerra civile

La guerra civile ebbe un impatto significativo sul popolo cinese. Lo storico Jonathan Fenby suggerisce che "l'iperinflazione [durante la guerra civile cinese] ha minato la vita quotidiana e ha rovinato decine di milioni".

Ostacolato da una base imponibile povera, dall'aumento delle spese militari e dalla corruzione diffusa, il deficit del governo nazionalista salì alle stelle. Il Guerra sino-giapponese ha anche causato una contrazione delle entrate del governo, costringendo il Guomindang a rilasciare grandi quantità di moneta cartacea non sostenuta da riserve finanziarie. Il risultato è stato l'iperinflazione: un rapido aumento dei prezzi e un deterioramento del valore della moneta.

Storico Michael Lynch scrive che “nel 1940 100 yuan comprarono un maiale, nel 1943 un pollo, nel 1945 un pesce, nel 1946 un uovo e nel 1947 un terzo di una scatola di fiammiferi”.

L'iperinflazione

Nel 1949, l'iperinflazione si stava avvicinando ai livelli visti nella Germania di Weimar nel 1923, con alcuni cinesi osservati che trasportavano i loro soldi su carri. Emerse un fiorente mercato nero e la criminalità aumentò. Le forniture di aiuti esteri sono state sequestrate e vendute, la ricostruzione dell'industria è stata interrotta e la disoccupazione è aumentata.

Il comportamento dell'esercito nazionalista non fece che aumentare l'insoddisfazione per il governo. Le truppe nazionaliste, la maggior parte dei quali erano coscritti trattati male, ammutinati o abbandonati in gran numero. I soldati hanno anche commesso stupri, saccheggi e altri atti di brutalità contro la popolazione civile.

Questa impopolarità crebbe ulteriormente quando Jiang ripeté una tattica che aveva precedentemente usato contro i giapponesi, ordinando la deviazione del Fiume Giallo per dividere le forze nemiche. Il risultato è stato di circa 500 villaggi allagati e 400,000 persone sfollate.

La guerra di propaganda

Il PCC, d'altra parte, stava vincendo la guerra di propaganda. Mentre le forze nazionaliste furono in grado di catturare il soviet comunista a Yan'an nel marzo 1947, il PCC controllava ancora gran parte della Cina settentrionale.

Nel settembre 1947, la guerra civile era combattuta su due fronti: l'enorme teatro Manciuria a nord e il triangolo di Shandong, Anhui e Henan nella Cina centro-orientale.

Alla fine del 1947, i comunisti conquistarono le città di Shenyang e Changchun. L'Armata Rossa pose l'assedio a Changchun per 150 giorni, una tattica progettata per far morire di fame le forze GMD all'interno della città, ma l'assedio fece morire di fame 160,000 civili, mentre altri 30,000 morirono quando furono intrappolati tra le linee comuniste e le mura della città .

Nel suo libro La tragedia della liberazione, storico Frank Dikötter descrive l'atteggiamento disinvolto sia dei comunisti che dei nazionalisti quando si trattava di vittime civili. “Dopo decenni di propaganda sulla pacifica liberazione della Cina”, scrive Dikötter, “poche persone ricordano le vittime dell'ascesa al potere del Partito comunista”.

Mentre le statistiche variano, è stato suggerito che fino a 2.5 milioni di persone morirono durante la fase 1945-1949 della guerra civile. Diversi storici suggeriscono che il bilancio delle vittime per l'intero periodo della guerra civile cinese (1927-49) abbia superato i sei milioni.

Il crollo nazionalista

guerra civile in Cina
Un rapporto della stampa occidentale di ottobre 1948, sulla caduta di Changchun

Alla fine del 1948, con le forze del PCC che aumentavano la loro presa sulla Cina e si avvicinavano a Pechino, Jiang Jieshi chiese la riapertura dei colloqui di pace. Facendo appello agli Stati Uniti e all'Unione Sovietica per la mediazione, Jiang ha trovato scarso sostegno e Mao ha rifiutato le sue offerte.

Il culmine della guerra arrivò all'inizio del 1949 quando il generale nazionalista Fu Zuoyi fu costretto ad arrendersi a Pechino. L'Armata Rossa è stata accolta da folle esultanti mentre marciavano in città, mentre alla Porta della Pace Celeste, il ritratto di Jiang Jieshi è stato sostituito da un'immagine di Mao Zedong.

Una dopo l'altra, le principali città cinesi continuano a cadere sotto il PCC. Il 10 ottobre 1949, il leader del partito di 55 anni si rivolse alla nazione da piazza Tienanmen, dichiarando che “oggi è fondato il governo popolare centrale della Repubblica popolare cinese”.

Il volo di Jiang a Taiwan

Nelle settimane successive a questa importante dichiarazione, l'Armata Rossa inseguì Jiang in tutto il paese, da Guangzhou a Chongqing a Chengdu. Infine, il 10 dicembre 1949, il generalissimo fuggì in aereo a Taiwan, la sua partenza segnò la fine dell'era nazionalista in Cina.

Jiang Jieshi ha lasciato la Cina con circa 500,000 soldati lealisti e due milioni di rifugiati civili. Non era ancora disposto ad accettare la sconfitta.

A Taiwan, Jiang ha fondato la Repubblica di Cina (ROC). Rimase presidente di questa repubblica fino alla sua morte nell'aprile 1975, il suo governo superò un quarto di secolo.

Il governo taiwanese di Jiang era finanziato da oro, argento e banconote per un valore di centinaia di milioni di dollari USA. Gran parte di questo è stato sottratto alle banche e alle casse del governo mentre i nazionalisti si preparavano a fuggire dalla Cina. Furono anche confiscati milioni di dollari di arte e manufatti, da edifici come il Palazzo Imperiale, e portati a Taiwan, dove rimangono oggi.

Jiang ha mantenuto la sua pretesa di legittimo sovrano della Cina. Ha dichiarato che il ROC è il governo legittimo della Cina in esilio, ampliando ulteriormente la divisione politica tra il continente e Taiwan.

Molte nazioni occidentali hanno rifiutato di riconoscere il PCC come legittimo sovrano della Cina per decenni dopo il 1949. Nessun trattato di pace è stato firmato dal PCC e da Guomindang, quindi tecnicamente la guerra civile continua ancora oggi; è in pausa piuttosto che in uno stato di conclusione.

Il punto di vista di uno storico:
“C'è un senso in cui la guerra civile cinese non è finita; non è mai stato stipulato alcun trattato o accordo formale di pace. I due stati cinesi usciti dalla guerra civile, RPC e Taiwan, hanno seguito strade molto diverse… ma ciascuna delle parti continua a sostenere che da sola è il governo legittimo di tutta la Cina. All'inizio del secondo decennio del 21 ° secolo, i problemi su cui era stata combattuta la guerra civile devono ancora essere risolti ".
Michael Lynch

rivoluzione cinese

1. La guerra civile tra il Partito comunista cinese ei nazionalisti può essere fatta risalire al 1927, tuttavia, di solito si riferisce alla lotta per la Cina tra la fine della seconda guerra mondiale e l'ottobre 1949.

2. Gli americani riunirono Mao Zedong e Jiang Jieshi per i colloqui di pace a Chongqing nel 1946, ma il loro impegno per una Cina unificata fu di breve durata e i combattimenti ripresero rapidamente.

3. La vita durante la guerra civile fu gravemente colpita da problemi economici tra cui iperinflazione, disoccupazione di massa, ricostruzione inadeguata dell'industria e un gran numero di rifugiati.

4. All'inizio di 1949 Pechino era caduta sul PCC e mentre altre grandi città della Cina erano cadute, il PCC ha dichiarato la vittoria proclamando la Repubblica popolare cinese in ottobre 1949. La "liberazione" della Cina, tuttavia, ha provocato milioni di causalità civili per mano di entrambe le parti.

5. Jiang Jieshi fuggì a Taiwan e fondò la Repubblica di Cina, sostenendo di essere il leader legittimo della Cina continentale. Il suo regime era finanziato con ricchezze prelevate dalla terraferma. Rimase presidente del ROC fino alla sua morte nell'aprile 1975.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La guerra civile cinese"
Autori: Rebecca Cairns, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/chinese-civil-war/
Data di pubblicazione: 20 settembre 2019
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.