Le campagne "Impara da"

impara da lei feng
Lei Feng, che divenne il fulcro di una campagna di propaganda del PCC negli anni '1960

Negli anni '1960, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha introdotto una serie di campagne "Impara da". Queste campagne di propaganda incoraggiavano il popolo cinese ad abbracciare i valori socialisti o comunisti studiando l'esempio di altri individui o luoghi. C'erano diverse campagne "Impara da", la più nota era "Impara da Lei Feng".

sfondo

Mao Zedong fu escluso dal potere, ma mantenne comunque il controllo dell'ideologia e della propaganda. Nel 1963, Mao lanciò il Movimento per l'educazione socialista, un tentativo di ripristinare le comuni del popolo, ma questa mossa fu messa in cortocircuito da Liu Shaoqi.

Frustrato da questo tentativo fallito di esercitare il controllo sulla politica, Mao ha incolpato gli oppositori e i manipolatori all'interno del partito, sostenendo che “qualcuno mi sta cagando in testa”.

Successivamente, Mao ha rivolto la sua attenzione alle persone. Nel 1964, il presidente lanciò tre campagne significative "Impara da". Ognuno è stato accompagnato da un'ondata di retorica e propaganda visiva.

I programmi "Impara da" hanno promosso l'agenda ei valori socialisti di Mao attraverso le storie di persone e luoghi di successo. I cinesi sono stati esortati a studiare questi esempi ea replicare il loro comportamento nel proprio lavoro, nella loro vita e nel loro atteggiamento nei confronti del partito.

'Impara da Lei Feng'

La più duratura di queste campagne è stata "Impara da Lei Feng". Nell'agosto 1962, Lei Feng, un soldato 21enne dell'Esercito popolare di liberazione (PLA), fu ucciso da un palo del telegrafo che si rovesciava mentre lavorava nella provincia di Liaoning.

La morte di un giovane soldato che svolgeva il suo dovere fu tragica, anche se banale, ma diede origine a una delle campagne di propaganda più prolifiche e di successo del nuovo ordine.

Nel 1963, i diari di Lei Feng furono pubblicati per il controllo pubblico. Secondo i capi del partito, questo è stato fatto perché questi diari mostravano un giovane di carattere eccezionale e impegno per la rivoluzione.

Incarnazione della Cina

Secondo i resoconti del governo, la vita di Lei Feng aveva rispecchiato il destino della Cina del XX secolo. La sua famiglia aveva sofferto per mano di avidi proprietari terrieri, il perfido Guomindang e gli invasori giapponesi assetati di sangue.

Nonostante queste difficoltà, Lei è diventato un lavoratore diligente e ha dimostrato una lealtà incrollabile al presidente Mao, al Partito Comunista Cinese (PCC), alla sua comunità e ai suoi compagni. In una voce del suo diario, Lei Feng ha scritto:

“L'8 novembre 1960, non dimenticherò mai questo giorno, in cui ebbi l'onore di essere iscritto al grande Partito Comunista Cinese, realizzando così il mio ideale più alto. Oh, come è elettrizzato il mio cuore! Sta battendo selvaggiamente di gioia. Quanto è bella la festa! Quanto è grande il presidente Mao! Quando stavo lottando nella fossa infuocata dell'inferno e aspettando l'alba, sei stato tu a salvarmi, a darmi cibo e vestiti e a mandarmi a scuola ... Ora sono un membro del partito e un servo del popolo. Per la libertà dell'umanità e la causa del partito e delle persone, sono disposto a scalare la montagna più alta e ad attraversare il fiume più ampio, a passare attraverso il fuoco e l'acqua. Anche a rischio di morte, rimarrò per sempre fedele al partito ... "

Volontariato e sacrificio

Un poster "Impara da Lei Feng", 1963

Lei non solo ha svolto i suoi doveri di soldato, ma ha anche offerto il suo tempo libero per aiutare gli altri, inclusi i suoi colleghi e contadini. Cuciva per i suoi commilitoni, rinunciava al cibo per gli affamati e donava parte del suo stipendio ai contadini bisognosi.

Secondo una storia, Lei ha ottenuto diversi giorni di licenza dall'esercito, ma invece si è offerto volontario in una comune locale, dove ha aiutato spalando e trasportando centinaia di libbre di letame.

Lei divenne sia un martire che un simbolo della nuova Cina. Il suo altruismo e la sua devozione al socialismo furono considerati un fulgido esempio per tutto il popolo cinese.

Nel 1964, con l'imminente Rivoluzione Culturale, la campagna Lei Feng fu utilizzata per alimentare il crescente culto di Mao.

Gli esponenti della propaganda di Lei Feng lo usarono per chiedere la completa lealtà al presidente e al "pensiero di Mao Zedong". La storia di Lei Feng è stata usata per mettere in imbarazzo e condannare i sospetti di destra e i "roaders capitalisti". Si diceva che queste persone, in confronto, non presentassero il carattere di Lei.

Il programma "Impara da Lei Feng", inizialmente una spinta per le persone a compiere buone azioni minori e ad accontentarsi di pochi beni materiali, ha sviluppato un programma più sinistro. Il modello "Impara da Lei Feng" sopravvive oggi in Cina, anche se con minore intensità.

'Impara da Daqing'

lei feng
Un poster che invita i lavoratori a "Nell'industria, impara da Daqing"

Alcune campagne "Impara da ..." non si concentravano sui singoli ma sui gruppi di lavoro o sulle comuni. Una campagna importante è stata "Impara da Daqing", lanciata da Mao nel 1964.

Daqing era un deserto freddo e arido nella provincia di Heilongjiang, nel remoto nord-est della Cina. Nel 1959, un gruppo di perforatori ha combattuto le condizioni ostili e ha colpito il petrolio a Daqing. È diventato uno dei giacimenti petroliferi più prolifici e redditizi della Cina.

Alla fine del 1963, Daqing produceva cinque milioni di tonnellate di petrolio all'anno. La scoperta delle vaste riserve di Daqing ha permesso alla Cina di diventare autosufficiente in termini di petrolio, ponendo fine alla sua dipendenza dalle importazioni straniere.

I successi di Daqing non furono messi in risalto fino al 1964, quando un brillante, se non gongolante Mao li svelò alla nazione. Ha offerto le scoperte petrolifere a Daqing come sfida ai lavoratori di altri settori industriali. Il motto di questa campagna è diventato: "Nell'industria, impara da Daqing".

"Iron Man" Wang

lei feng
Una famosa fotografia di "Iron Man" Wang, che lavora nel giacimento petrolifero di Daqing

Proprio come la campagna Lei Feng aveva il suo eroe, così anche "Impara da Daqing", e il suo nome era "Iron Man" Wang (1923-70). Nato Wang Jinxi nella provincia di Gansu, Wang ha ricevuto solo un'istruzione di base ed è stato costretto al lavoro minorile prima di entrare nell'industria petrolifera da adolescente.

Secondo la propaganda del PCC, non confermata da altre fonti, Wang era un "lavoratore modello" che incontrò Mao Zedong a Pechino negli anni '1950 e gli promise di trovargli altro petrolio.

Alla fine degli anni Cinquanta, Wang era un caposquadra di esercitazioni che lavorava nel nord-est della Cina. I team di Wang erano noti per la loro efficienza e alta produzione, mentre lo stesso Wang è stato elogiato per il suo duro lavoro, la durezza e il processo decisionale sotto pressione (da cui il soprannome di "Iron Man").

Secondo la leggenda, furono 'Iron Man' Wang e il suo team a trovare i primi significativi giacimenti di petrolio a Daqing. Una famosa fotografia che è stata probabilmente messa in scena mostra Wang che salta in una fossa di liquami per tappare l'olio che sgorga con il proprio corpo.

'Impara da Dazhai'

impara da dazhai
Un'immagine di propaganda che mostra i fertili campi e terrazze di Dazhai

In modo simile a "Impara da Daqing" era "Impara da Dazhai". Questa campagna si è concentrata sui risultati della comune di Dazhai durante il Grande balzo in avanti.

Fino alla fine degli anni '1950, Dazhai era una comunità in difficoltà di circa 80 famiglie di contadini nella remota provincia dello Shanxi. Il suo terreno era collinare e roccioso ed era di difficile accesso e coltivazione. A causa di queste sfide, la regione di Dazhai tradizionalmente produceva basse rese.

Alla fine degli anni '1950, i contadini di Dazhai si collettivizzarono e formarono la loro comune. Con l'assistenza dei quadri del partito, hanno ottenuto più terra coltivabile costruendo terrazze e ripulendo le foreste montuose.

Secondo la retorica comunista, Dazhai è stata una brillante storia di successo del grande balzo in avanti. La gente di Dazhai non solo è sopravvissuta al Grande carestia, hanno aumentato la produzione di mais a 9,000 chilogrammi per ettaro.

Un modello agrario

Le figure che uscivano da Dazhai hanno attirato l'attenzione della gerarchia del PCC. Nel 1964 Zhou Enlai ha inviato il suo ministro dell'agricoltura a Dazhai in visita di studio. "Dazhai è un modello di autosufficienza", ha riferito il ministro, "[è] la nostra bandiera sul fronte agricolo nazionale".

La campagna "Impara da Dazhai" può essere tracciata da questo punto. Dazhai era intessuto nella retorica del Partito Comunista, in particolare discorsi o annunci sulla politica agricola o sulla collettivizzazione. Più tardi, nell'autunno del 1970, Mao Zedong intensificò ulteriormente la campagna "Impara da Dazhai", lanciando un'ondata di propaganda scritta e visiva.

"Dazhai è una bandiera rossa sostenuta dal grande leader, il presidente Mao ... Dobbiamo accelerare la promozione dell'esperienza di Dazhai", il Quotidiano del Popolo raccontò ai suoi lettori nel settembre 1970. I manifesti mostravano come i contadini di Dazhai avevano trasformato la loro regione da colline rocciose e canaloni in terrazze produttive e terreni agricoli.

Dazhai divenne un punto focale per l'agricoltura cinese, ospitando riunioni di partito, conferenze economiche, gruppi di studio e migliaia di visitatori curiosi. Il caposquadra del comune di Dazhai, Chen Yonggui, è stato trasferito a Pechino e gli è stato dato un posto nel Politburo del PCC, nonostante fosse analfabeta e non avesse esperienza in politica.

Autenticità discutibile

Come con molta propaganda, diversi elementi delle campagne "Impara da" erano esagerati, dubbi o addirittura falsi.

Vi sono forti dubbi, ad esempio, sull'autenticità del materiale attribuito a Lei Feng. Per un soldato anonimo di basso rango, ucciso poco più che ventenne, Lei Feng ha lasciato un'abbondanza di fotografie e scritti personali, il tutto in linea con i valori del partito.

Molti studiosi contemporanei credono che gran parte del materiale scritto da o su Lei Feng sia una miscela. Lei è “lo yeti della storia del comunismo cinese”, scrive Evan Osnos, “una creatura ampiamente descritta e occasionalmente fotografata ma forse inesistente”.

Anche gran parte della mitologia "Impara da Dazhai" era una farsa. Il successo economico di Dazhai durante il Grande Balzo in avanti fu enormemente esagerato da false notizie. Quando è iniziata la campagna "Impara da Dazhai", Mao ha pompato enormi quantità di denaro nella regione per mantenere un'apparenza di innovazione, produttività e successo.

I successi a Daqing non furono così fraudolenti, ma derivarono più dalla fortuna geologica che dallo sforzo umano. Alla fine, non c'era molto da "imparare da Daqing", a parte trovare un redditizio giacimento di petrolio.

Il punto di vista di uno storico:
“Nella Cina tradizionale, i racconti di individui che esemplificavano comportamenti estremamente virtuosi o altruisti costituivano una parte regolare dell'educazione morale. I giovani venivano istruiti nelle storie sui figli filiali e sulle donne risolute; gli adulti hanno apprezzato le storie e le commedie in cui i personaggi erano o esempi di virtù o totalmente malvagi ... negli ultimi tre decenni, colui che è diventato più conosciuto è senza dubbio Lei Feng ".
Patricia Buckley-Ebrey

rivoluzione cinese

1. Nel 1963 Mao lanciò il Movimento per l'educazione socialista, un tentativo di restaurare le comuni popolari. Il fallimento di questo movimento frustrò Mao, che non fu in grado di esercitare molta influenza sulla politica.

2. Mao rivolse invece la sua attenzione alle campagne di propaganda. La prima campagna "Impara da" si concentrava sulla vita, la condotta e l'atteggiamento di Lei Feng, un presunto devoto soldato dell'EPL ucciso nel 1962.

3. "Learn from Daqing" ha celebrato il successo di "Iron Man" Wang e dei suoi colleghi perforatori di petrolio, che hanno sfruttato un importante giacimento petrolifero nella remota Daqing, consentendo alla Cina di diventare autosufficiente nel petrolio.

4. "Impara da Dazhai" ha salutato i risultati di una comune dello Shanxi durante il Grande Balzo in avanti. I suoi presunti successi divennero un modello per l'innovazione e il progresso agricolo.

5. In realtà, queste campagne di propaganda erano basate su informazioni esagerate o dubbie. Molti esperti hanno messo in dubbio l'autenticità dei diari di Lei Feng e riportato i successi di Dazhai.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Le campagne" Impara da ""
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/learn-from-campaigns/
Data di pubblicazione: 4 settembre 2019
Data di accesso: Giugno 29, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.