L'imperialismo straniero in Cina

imperialismo straniero
Una rappresentazione del nazionalismo cinese europeo e giapponese che strangola

L’imperialismo straniero in Cina è stato un fattore critico nella crescita del sentimento rivoluzionario. L’interesse europeo per la Cina risale a secoli fa e l’intervento iniziò con l’arrivo dei missionari cristiani. All’inizio del XX secolo, la Cina aveva dovuto affrontare due guerre devastanti con la Gran Bretagna per il commercio dell’oppio, un’altra costosa guerra con il Giappone e la divisione della Cina in “sfere di influenza”. Molti iniziarono a chiedersi se la dinastia Qing al potere fosse in grado di proteggere la Cina dalla dominazione e dallo sfruttamento straniero.

Europei in Asia

L'interesse europeo risale a Marco Polo, l'esploratore veneziano che completò due spedizioni in Cina alla fine del 1200 e pubblicò un resoconto ampiamente letto dei suoi viaggi.

L'era delle esplorazioni nel XVI secolo produsse un aumento delle spedizioni occidentali in Asia. Nel corso dei tre secoli successivi Gran Bretagna, Francia, Spagna, Olanda e Portogallo stabilirono colonie e legami commerciali in Asia. Di queste cinque potenze imperiali, gli inglesi furono gli ultimi arrivati ​​in Asia, conquistando l'India, Penang, Singapore, la Birmania e altri territori verso la fine del 16.

Verso la metà del XIX secolo anche il Giappone, in precedenza un’isola chiusa agli stranieri, aveva ceduto alle pressioni occidentali. Il risultato dell’apertura dei battenti del Giappone fu una rapida trasformazione dal feudalesimo all’industria moderna.

L’invasione delle potenze occidentali in Asia ha avuto un profondo impatto sulla Cina. Con la sua economia manifatturiera, le risorse naturali e l’enorme popolazione, il Regno di Mezzo rappresentava un ricco premio per i capitalisti occidentali. Ma le azioni degli imperialisti stranieri in Cina hanno anche minato l’indebolimento del regime Qing.

Missionari in Cina

Tra i primi stranieri ad arrivare in Cina ci furono i missionari cristiani. I monaci francescani vi si recarono nel XIII secolo, seguiti da un'ondata di gesuiti nel XVI secolo.

Uno di questi missionari gesuiti, Johann Adam Schall von Bell, divenne un influente consigliere del primo imperatore Qing. Altri viaggiarono per la Cina, predicando e convertendo i cinesi al cristianesimo, un processo che esacerbò i governanti imperiali e occasionalmente portò al divieto dell’attività cristiana.

I primi passi verso l'imperialismo economico in Cina risalgono alla metà del 1500, quando i commercianti portoghesi pagavano l'accesso ai porti di Macao sull'estremo sud-est della Cina. Nel 1711 anche la Compagnia britannica delle Indie Orientali vi stabilì una stazione commerciale.

Nei decenni successivi, la leadership Qing cercò di limitare il commercio estero a Macao e alla regione circostante, sebbene i loro sforzi fossero in gran parte vani.

Nel 1757, i Qing introdussero il sistema cantonale, richiedendo alle società straniere di commerciare con un collettivo mercantile cinese, non direttamente con il popolo cinese. Questi tentativi di limitare e controllare l'attività del commercio estero fallirono e iniziò a diffondersi oltre il sud-est.

Il commercio dell'oppio

imperialismo straniero
Uomini cinesi che languiscono in una tana dell'oppio di Shanghai nei primi 1900

Gli inglesi divennero presto il più grande partner commerciale estero della Cina. Le aziende britanniche acquistavano grandi quantità di tè cinese, oltre a beni di lusso come sete, porcellana e altri oggetti decorativi. I ricchi cinesi erano anche avidi consumatori di oro, argento e gioielli di fabbricazione britannica.

Verso la fine del XVIII secolo, le navi britanniche iniziarono a importare in Cina un oggetto più controverso. L'oppio è un narcotico che crea dipendenza, estratto dal fiore del papavero e solitamente assunto attraverso il fumo. Il fumo di oppio in Cina risale al XV secolo, sebbene fosse in gran parte limitato alle classi privilegiate.

Le navi britanniche iniziarono a sbarcare rifornimenti di oppio in Cina tra la fine del 1700 e l'inizio del 1800, principalmente intorno alla foce del fiume Pearl nel Guangdong. Queste importanti importazioni fecero sì che l’oppio diventasse più disponibile e più accessibile a tutti i livelli della società cinese, anche alle classi lavoratrici.

Una volta che l'hobby degli imperatori e dei ricchi, il fumo di oppio fiorì presto. I paesi e le città cinesi avevano numerose "fumerie di oppio", dove migliaia di uomini si soffermavano e trascorrevano le giornate in uno stato di torpore indotto dalla droga.

Il governo Qing comprendeva i pericoli sociali ed economici posti dall'oppio. Pechino tentò più volte di vietarne l’uso e l’importazione, ma queste restrizioni erano difficili da applicare e gli inglesi generalmente le ignorarono.

Le guerre dell'oppio

imperialismo straniero
Una rappresentazione francese di combattimenti nella seconda guerra dell'oppio, 1880

Nel 1838, un commissario Qing sequestrò e distrusse 20,000 casse di oppio importato dalla Gran Bretagna, una mossa che innescò la prima guerra dell'oppio (1839-1842). Sebbene le forze Qing fossero molto più numerose di quelle britanniche, mancavano della forza navale e della potenza di fuoco dell'artiglieria britannica, quindi furono completamente sconfitte.

Questa sconfitta ha portato a un trattato umiliante. Il regime Qing fu costretto a concedere alla Gran Bretagna lo status di "nazione più favorita", dandole la precedenza sulle altre potenze straniere. La regione intorno al delta del fiume Pearl, ora sede di Hong Kong, fu ceduta al controllo britannico.

Una seconda guerra dell'oppio iniziò nel 1856 dopo che la Gran Bretagna tentò di convincere i Qing a ottenere ulteriori concessioni, inclusa la legalizzazione dell'oppio. Ancora una volta, l'esercito Qing subì un'umiliante sconfitta e l'imperatore fu costretto a sottoscrivere un trattato unilaterale.

Il Trattato di Tientsin (1860) rimosse le ultime barriere significative all’imperialismo straniero in Cina. I porti della nazione furono aperti alle navi straniere. L'uso e l'importazione di oppio furono legalizzati. Le restrizioni al cristianesimo furono rimosse e agli stranieri fu permesso di viaggiare liberamente in Cina. Ai governi stranieri fu permesso di stabilire legazioni (composti diplomatici) nella capitale imperiale, Pechino.

“Gli americani erano falsi amici. I russi erano imprevedibili e, quel che è peggio, inefficienti. I giapponesi erano predatori, ma questa non era una sorpresa. Ma agli occhi dei cinesi il principale ostacolo straniero era ancora la presenza della Gran Bretagna, il suo primo invasore. È proprio la Gran Bretagna, riferiva il viceconsole britannico a Canton, «con i suoi popoli sudditi e la sua storia di conquiste in India ed Egitto, ad essere costantemente denunciata dalla stampa e dal corpo studentesco come un 'arcimperialista' e il oppressore della Cina”.
AP Thornton, storico

"Sfere di influenza"

Con le porte della Cina spalancate, diplomatici, funzionari, commercianti e missionari stranieri si riversarono nella seconda metà del XIX secolo.

Le potenze imperialiste straniere più aggressive - Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia e Giappone - negoziarono con funzionari regionali e signori della guerra per costruire le proprie "sfere di influenza" all'interno della Cina. Mercanti e agenti stranieri arrivarono ad esercitare una forte influenza, se non il controllo, sul governo e sul commercio in queste regioni.

La crescita di queste "sfere di influenza" ha creato un mosaico di enclave straniere che funzionavano quasi come colonie virtuali all'interno dei confini della Cina. I governanti Qing mantennero la loro sovranità e il controllo del governo nazionale, sebbene in realtà gran parte della Cina fosse sotto il controllo straniero.

A questo punto, molti osservatori credevano che la Cina alla fine si sarebbe disintegrata in diverse colonie distinte, ciascuna controllata da una potenza straniera. Questa idea si rifletteva nei cartoni animati occidentali che raffiguravano la Cina come una gigantesca torta, tagliata e divorata dai monarchi europei. Nel frattempo, il regime Qing sembrava del tutto incapace di prevenire o resistere a questo processo.

La guerra sino-giapponese

imperialismo straniero
Una mappa che mostra le "sfere di influenza" straniere all'inizio del XX secolo in Cina

A peggiorare le cose, nel 1894 la Cina si trovò di nuovo in guerra, questa volta con il Giappone. La prima guerra sino-giapponese, come divenne noto, iniziò per il controllo territoriale contestato della penisola coreana.

Questa guerra è stata un altro disastro per la Cina. I giapponesi avevano trascorso il quarto di secolo precedente abbracciando l'industrialismo, i metodi di produzione moderni e gli approcci occidentali al comando e all'organizzazione militare. Al contrario, i Qing avevano trascorso la maggior parte di questo periodo a resistere alla modernizzazione.

Di conseguenza, la guerra che ne risultò fu enormemente sbilanciata, durò solo otto mesi e si concluse con un’altra schiacciante sconfitta per la Cina. Il regime Qing fu costretto a cedere la Corea, l'isola di Taiwan e la penisola di Liaodong al Giappone. Il controllo di Liaodong diede ai giapponesi un punto d'appoggio in Manciuria, dove avrebbero organizzato un'invasione della Cina negli anni '1930.

La porta aperta dell'America

Nel 1899 un’altra potenza straniera, gli Stati Uniti, entrò nella mischia. Preoccupati che la spartizione della Cina da parte di europei e giapponesi minacciasse gli interessi commerciali americani, i diplomatici statunitensi hanno negoziato una “politica delle porte aperte” per il commercio americano in Cina.

Questi negoziati, tuttavia, furono fatti con le altre potenze imperiali in Cina, non con il governo Qing. Pechino è stata informata piuttosto che consultata, una misura di quanto fosse diventato impotente e irrilevante il regime di Qing.

Alla fine del XIX secolo, la Cina si ritrovò drogata, divisa, sfruttata da interessi stranieri e tormentata da funzionari corrotti. I Qing non avevano la volontà politica, l’autorità nazionale, il sostegno popolare e la forza militare necessari per rispondere a queste sfide. Molti cinesi sofferenti credevano che la dinastia Qing, fondata 19 anni fa, avesse ceduto il suo potere e perso il suo mandato celeste, e che un cambio di governo fosse imminente. Non avrebbero dovuto aspettare molto.

rivoluzione cinese

1. I primi significativi contatti tra Cina ed europei iniziarono nel 13 secolo, con visite di Marco Polo allora missionari francescani, seguiti dai missionari gesuiti nel 16 secolo.

2. Gli stranieri arrivarono inizialmente in Cina come commercianti e missionari. I mercanti stranieri operavano principalmente nel porto meridionale di Macao, mentre i missionari viaggiavano più ampiamente in tutta la Cina.

3. I governanti Qing cercarono di limitare il commercio estero e il contatto attraverso il sistema cantonale, che poneva restrizioni su chi gli stranieri potevano trattare, tuttavia, queste restrizioni furono in gran parte infruttuose.

4. Gli inglesi spesero la loro presenza e le operazioni commerciali in Cina nel 19 secolo. Iniziarono l'importazione di oppio e due guerre con i Qing, che portarono all'apertura della Cina alle potenze straniere.

5. Alla fine degli 1800, un certo numero di potenze straniere si erano trasferite in Cina e avevano creato sfere di influenza per promuovere i loro interessi commerciali ed economici, lasciando i Qing indeboliti e umiliati.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “Imperialismo straniero in Cina”
Autori: Jennifer Llewellyn, Glen Kucha
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/foreign-imperialism-in-china/
Data di pubblicazione: 10 Marzo 2019
Data di aggiornamento: 5 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.