Introduzione alla Cina

Cina
contadini

La rivoluzione cinese si è svolta in una terra dal potenziale enorme ma insoddisfatto. Come la Cina moderna, anche la Cina antica e imperiale dominava la sua regione. Alla fine del 1800 i territori sotto il controllo o l'influenza cinese includevano la Manciuria a nord e la Birmania, il Tibet, il Nepal e il Turkestan a sud e sud-ovest. Nel 1900, la popolazione della Cina era di circa 467 milioni di persone, più di tutte le nazioni europee messe insieme. La stragrande maggioranza dei cittadini cinesi viveva nella metà orientale del paese, sede della costa e dei porti della Cina e del 90% dei suoi terreni agricoli. La stragrande maggioranza della popolazione cinese era concentrata nelle province e nelle città orientali, come la capitale imperiale Pechino (chiamata "Pechino" dagli stranieri). La densità di popolazione era molto più alta nella Cina orientale, a volte superiore a 200 persone per chilometro quadrato. Le regioni occidentali della Cina, con le loro alte catene montuose, gli aridi altipiani desertici e il clima meno ospitale, erano più scarsamente popolate.

Prima della rivoluzione cinese, e in effetti fino alla seconda metà del XX secolo, l'economia cinese era prevalentemente agricola. La vocazione più comune nella Cina pre-rivoluzionaria era l'agricoltura contadina. Come nella Russia zarista, più dell'20% dei cinesi erano contadini. Una minoranza di contadini rivendicava la proprietà di alcune terre, tuttavia, la maggior parte pagava l'affitto ai proprietari terrieri. Questa rendita potrebbe essere esorbitante e di sfruttamento, a volte fino alla metà della loro produzione stagionale. La maggior parte dei contadini lavorava piccoli appezzamenti di terra, spesso in unità familiari. L'agricoltura veniva svolta a mano, utilizzando metodi impiegati da secoli, solitamente senza l'ausilio di macchinari o bovini. Di conseguenza, l'agricoltura cinese era ad alta intensità di manodopera e la produttività agricola era bassa. La maggior parte dei contadini viveva un'esistenza alla bocca.

Le comunità contadine erano sensibili alle catastrofi naturali e agli eventi climatici. Un disastro di media entità, come una siccità prolungata, potrebbe interrompere la produzione, devastare i raccolti, rovinare i raccolti e scatenare devastanti carestie. Milioni di contadini cinesi vivevano nelle valli e nelle pianure alluvionali di grandi fiumi come lo Yangtze e Huang He (Fiume Giallo), quindi le loro vite e la loro produzione furono spesso colpite dalle inondazioni. La Cina è stata anche suscettibile ai terremoti, che spesso hanno causato un alto numero di morti (il terremoto di Tangshan, che ha colpito alcune settimane prima della morte di Mao Zedong a 1976, ha ucciso quasi 250,000 persone). Eppure, nonostante le loro condizioni insignificanti e la privazione economica, i contadini cinesi hanno mostrato più indipendenza e libertà di pensiero rispetto alle loro controparti nel Giappone medievale o in Europa. La storia cinese è piena di storie di ribellioni rurali e provinciali. Non era insolito che i contadini sofferenti o maltrattati perdessero la fede con i sovrani in carica e trasferissero il loro sostegno a una nuova dinastia, signore della guerra o invasori stranieri.

Cina
Donne e bambini delle famiglie benestanti dei Manciù

I contadini formavano la stragrande maggioranza della popolazione cinese, ma c'erano altre classi sociali, alcune delle quali curiose, creative e progressiste. La Cina antica e medievale era ben nota per le sue innovazioni tecnologiche, tra cui seta, carta e polvere da sparo, tutte acquisite e utilizzate dall'Occidente. La famosa Grande Muraglia cinese era un'altra meraviglia dell'ingegneria, costruita e ricostruita nel corso di millenni per tenere lontani i signori della guerra. Anche le città e le cittadine cinesi avevano una fiorente classe di artigiani. Questi operai producevano manufatti come porcellana e seta, articoli poi bramati dagli importatori europei. Tuttavia, nonostante l'alta qualità e la forte domanda per le loro merci, gli artigiani cinesi non erano una classe benestante. Guadagnavano poco dalla vendita dei loro articoli, per la maggior parte nelle mani di funzionari governativi, intermediari e commercianti stranieri. La Cina vantava anche una quantità sorprendente di produzione tecnica e industriale, superiore a quella dell'Europa, come riassume lo storico Paul Kennedy in L'ascesa e la caduta delle grandi potenze (1989)

“Per i lettori educati al rispetto della“ scienza occidentale ”, la caratteristica più sorprendente della civiltà cinese deve essere la sua precocità tecnologica. Enormi biblioteche esistevano sin dall'inizio. La stampa a caratteri mobili era già apparsa nella Cina dell'XI secolo e presto esistevano un gran numero di libri. Il commercio e l'industria, stimolati dalla costruzione dei canali e dalle pressioni demografiche, erano altrettanto sofisticati ... Negli ultimi decenni dell'XI secolo esisteva un'enorme industria del ferro nel nord della Cina, che produceva circa 11 tonnellate all'anno, principalmente per uso militare e governativo - il l'esercito di oltre un milione di uomini era, ad esempio, un enorme mercato per i prodotti in ferro ... Questa cifra di produzione era di gran lunga superiore alla produzione di ferro britannica nelle prime fasi della rivoluzione industriale, sette secoli dopo! I cinesi furono probabilmente i primi a inventare la vera polvere da sparo. I cannoni furono usati dai Ming per rovesciare i sovrani mongoli alla fine del XIV secolo. La bussola magnetica è stata anche un'altra invenzione cinese. Nel 11, la marina Ming è stata registrata come in possesso di 125,000 navi da combattimento, tra cui 14 grandi fortezze galleggianti e 1420 navi progettate per crociere a lungo raggio ".

Cina
Una fotografia dei "piedi di loto" creati dalla legatura dei piedi nella Cina imperiale

Come in altre civiltà feudali, la società cinese medievale era gerarchica, basata sulla famiglia e patriarcale. Queste strutture furono rafforzate dagli insegnamenti filosofici di Confucio, che enfatizzò le nozioni di duro lavoro, obbedienza e rispetto per l'autorità e per i propri antenati. Le donne cinesi erano subordinate in questo sistema sociale. Gli uomini mantennero potere e proprietà attraverso la primogenitura: tutti i titoli e le proprietà furono ereditati e rimasero con discendenti maschi. Le donne cinesi avevano pochi diritti legali, nessuna capacità di avviare il divorzio e nessuna voce politica. Ricevevano poco in termini di istruzione formale (le donne erano sufficientemente istruite per leggere testi confuciani che rafforzavano la loro umile posizione nella società, ma questo era tutto). Le donne anziane arrivarono a ottenere un certo rispetto e influenza: potevano determinare importanti decisioni familiari, come la selezione dei coniugi per i figli, tuttavia, come tutte le donne, non avevano diritti formali o legali. La legge cinese e i valori confuciani consentivano una sola moglie. Uomini ricchi e potenti spesso tenevano diverse concubine (in effetti, amanti pubbliche o mogli non ufficiali). Nella maggior parte dei casi, queste concubine avevano ancora meno diritti delle donne sposate.

Il punto di vista di uno storico:
“Sebbene la popolazione cinese sia sempre stata prevalentemente composta da agricoltori, e sebbene la Cina sia stata a lungo considerata in Occidente come il modello stesso di una società agraria, a metà dell'era Qing era forse il paese più commercializzato al mondo. Le élite cinesi che affermavano di vivere la vita idealizzata da gentiluomo-contadino di "arare e leggere" il più delle volte venivano sovvenzionate da una fortuna di famiglia ricavata dal commercio. I "pionieri del commercio" occidentali che arrivarono in Cina nel XIX secolo, pensando di insegnare ai nativi le virtù dello scambio, si stavano semplicemente illudendo ... Il commercio interno della Cina si sviluppò ben prima dell'arrivo degli occidentali ".
William T. Rowe

Oltre alla loro bassa posizione sociale, diversi milioni di donne cinesi sono state sottoposte agli orrori della legatura dei piedi. Questa antica pratica prevedeva la modifica permanente della forma del piede umano, ma il processo mediante il quale ciò è stato ottenuto è stato tortuoso. Le ragazze di età compresa tra i due ei quattro anni avevano le dita dei piedi rotte e costrette a sollevarsi sotto le piante dei piedi, quindi i piedi erano avvolti strettamente in bende. I piedi venivano sciolti, puliti e inzuppati quotidianamente, quindi rimbalzavano ancora più saldamente. Nel corso del tempo la struttura dei piedi è stata distorta, al punto che potevano essere sciolti pur mantenendo la loro nuova forma. Il risultato finale è stato un "piede di loto", con una forma distintiva, un arco alto e una punta esagerata. La legatura dei piedi si conformava agli atteggiamenti maschili prevalenti riguardo alla bellezza, alla forma e al fascino sessuale. La fessura nei "piedi di loto" veniva persino usata da alcuni uomini cinesi per i rapporti sessuali. La pratica della legatura dei piedi era più diffusa tra le classi medie e alte, che consideravano i "piedi di loto" un prerequisito per trovare un buon marito. Sebbene alcuni contadini legassero i piedi delle loro figlie, molti non lo fecero perché rendeva praticamente impossibile il lavoro nei campi. Agli europei, la pratica di legare i piedi sembrava crudele e barbara.

rivoluzione cinese

1. Prima della rivoluzione, la Cina era dominante in Asia, una nazione di grandi dimensioni, popolazione enorme e notevole potenziale economico.

2. La maggior parte della popolazione cinese era concentrata nelle sue province orientali, vicino a buoni terreni agricoli e alla costa, mentre le sue regioni montuose e aride occidentali erano scarsamente popolate.

3. L'economia cinese era prevalentemente agricola, una terra di contadini, sebbene la sua industria e produzione fosse ben avanzata rispetto a gran parte del mondo.

4. La società cinese era fortemente gerarchica. Queste gerarchie e tradizioni sono state definite dalla tradizione e rafforzate dai valori confuciani di disciplina e obbedienza.

5. Le donne occupavano un posto modesto nella società cinese pre-rivoluzionaria, con pochi o nessun diritto legale e di proprietà. Molte donne cinesi erano anche soggette alle pratiche di associazione del piede e di concubinato.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Un'introduzione alla Cina"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/introduction-to-china/
Data di pubblicazione: Febbraio 24, 2016
Data di accesso: Giugno 29, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.