Jiang Jieshi

jiang jieshi

Jiang Jieshi (1887-1975, Wade-Giles: Chiang Kai-shek) era il leader del Guomindang, l'esercito rivoluzionario nazionale e la repubblica cinese tra 1926 e 1949.

Jiang è nato nello Zhejiang, nella Cina orientale, figlio di un commerciante di sale di successo. Da giovane, Jiang ha messo gli occhi su una carriera militare. Si iscrisse all'Accademia militare di Baoding, una struttura di addestramento per ufficiali della New Army, poi viaggiò in Giappone per ulteriore addestramento e servizio militare lì.

Mentre era in Giappone, Jiang si unì a gruppi repubblicani e rivoluzionari Sun YixianTongmenghui in 1908. In 1911 è tornato in Cina e ha partecipato alla Rivoluzione Xinhai. Per 1924, Jiang era comandante della nuova Accademia militare di Huangpu ed era considerato una figura importante nella missione del Guomindang di riunificare la Cina.

Quando Sun Yixian morì nel marzo 1925, il comando dell'esercito di Jiang gli permise di ottenere il controllo del Guomindang, nonostante le affermazioni di leader politici più anziani. Jiang ha comandato la spedizione settentrionale (1926-28) che ha riunificato la Cina e ha portato il Warlord Era fino alla fine.

Ad aprile 1927 dissolse bruscamente il Primo Fronte Unito autorizzando l'arresto e il massacro dei comunisti a Shanghai. Per il decennio successivo, Jiang fu il sovrano della Cina, riconosciuto dal suo partito e dalle potenze straniere e non sfidato seriamente da Partito comunista cinese (PCC) o signori della guerra regionali. Lo stile di leadership di Jiang era autoritario e paternalistico, attingendo ai valori neo-confuciani e agli elementi del fascismo europeo.

Durante gli anni '1930 il governo di Jiang fu sfidato dall'aggressione giapponese in Cina, tuttavia, Jiang riteneva che il PCC e i signori della guerra locali costituissero una minaccia maggiore. Criticato per il suo fallimento nel lanciare una resistenza sostenuta contro i giapponesi, Jiang fu rapito da un signore della guerra nazionalista Zhang Xueliang nel dicembre 1936. Come conseguenza dell'Incidente di Xi'an, come questo evento era noto, Jiang fu costretto a formare un Secondo fronte unito con il PCC.

Lo scoppio della guerra con il Giappone in 1937 ha messo alla prova la leadership di Jiang e ha invitato altre critiche, sia da parte dei suoi alleati nazionali che stranieri. Le forze nazionaliste furono infine cacciate dalla Cina dal PCC in 1949, costringendo Jiang e il suo entourage nazionalista a fuggire a Taiwan.

Jiang servì come capo del Guomindang e presidente della Repubblica di Cina (Taiwan) fino alla sua morte nell'aprile 1975. La sua guida della Cina tra il 1927 e il 1949 continua a dividere le opinioni tra gli storici.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Jiang Jieshi"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/jiang-jieshi/
Data di pubblicazione: Gennaio 11, 2016
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.