Il Soviet del Jiangxi

jiangxi sovietico
La formazione della Repubblica Sovietica Cinese nel Jiangxi, novembre 1931

Il Soviet di Jiangxi, in seguito chiamato Repubblica Sovietica Cinese, era una regione autonoma sotto Partito Comunista Cinese (PCC) durante i primi anni ’1930. Stabilito da Mao Zedong e l'Armata Rossa nel 1930, il Soviet dello Jiangxi fu significativo per una serie di ragioni. Fornì al PCC una roccaforte regionale dove consolidare e rafforzare l’Armata Rossa. Il Soviet dello Jiangxi fu anche un laboratorio sociale ed economico per sperimentare il socialismo basato sui contadini. Il periodo Jiangxi ha portato Mao Zedong alla ribalta come leader del PCC, oltre a fornire informazioni sulle sue tattiche militari e sulla sua ideologia politica. Jiangxi rivelò anche l'astuzia e la brutalità di Mao: il suo controllo fu assicurato e mantenuto attraverso violente epurazioni dei comunisti locali. Il fiorente Soviet del Jiangxi causava preoccupazioni Jiang Jieshi e la sua destra governo nazionalista a Nanchino. Temendo che il PCC potesse utilizzare Jiangxi come base rivoluzionaria, Jiang lanciò diverse offensive contro la regione, ma le prime quattro di queste furono bloccate dalla rinnovata Armata Rossa, impiegando strategie di guerriglia sviluppate da Mao e dai suoi luogotenenti. Le forze del Guomindang alla fine circondarono il Jiangxi nel 1934, costringendo l’Armata Rossa e i quadri del PCC a fuggire dalla regione e iniziare la loro famosa guerra. Lunga marcia alla sicurezza della Cina settentrionale.

Il Soviet dello Jiangxi era formato da comunisti cinesi che consideravano i contadini, la classe più numerosa e povera della nazione, come la fonte naturale dell'azione rivoluzionaria. Il principale esponente di questa idea fu Mao Zedong, un insegnante e scrittore nato in Hunan e lui stesso di origine contadina. Mao era un membro fondatore del PCC e un sostenitore della teoria marxista, tuttavia, le sue opinioni politiche erano eclettiche e non rigidamente marxiste. Nel settembre 1927 Mao, ignorando le direttive del comitato centrale del PCC, diede inizio a una rivolta contadina nella sua provincia natale, l'Hunan. La Rivolta del Raccolto Autunnale, come venne chiamata, fu un tentativo di breve durata di rovesciare il governo provinciale dell'Hunan e creare lì un Soviet comunista. La rivolta non riuscì ad attirare un sostegno sufficiente e i reggimenti nazionalisti costrinsero la milizia contadina di Mao a nascondersi a Jinggangshan, una remota catena montuosa tra l'Hunan orientale e lo Jiangxi occidentale. Lì si incontrarono con gli altri eserciti del PCC comandati da Zhou Enlai e Zhu De, che si era ritirato a Jinggangshan dopo la fallita rivolta di Nanchang nel nord dello Jiangxi. Insieme, queste forze comuniste costituivano il nucleo dell'Armata Rossa del PCC, anche se in questa fase erano un insieme disorganizzato di contadini ribelli, comunisti, banditi e disertori degli eserciti dei signori della guerra e del Guomindang.

jiangxi sovietico
Zhou Enlai (secondo da sinistra), Zhu De e Mao Zedong nello Jiangxi

Nel 1929 le offensive nazionaliste costrinsero la maggior parte dei comunisti a lasciare Jinggangshan. Guidati da Mao e Zhu De si trasferirono nel Jiangxi meridionale, basandosi intorno alla città di Ruijin. Con ulteriori attacchi nazionalisti imminenti, Mao iniziò a rafforzare l'Armata Rossa. Assistito da Zhu De, Mao ideò piani per riorganizzare, addestrare e preparare le truppe comuniste nel Jiangxi. Lettore vorace in gioventù, Mao aveva studiato le vite e le vittorie di molti grandi comandanti, da Alessandro Magno a George Washington, ma furono gli insegnamenti dell'antico generale cinese Sun Tzu a impressionarlo di più. Nel suo famoso L'arte della guerra, Sun Tzu enfatizzava il valore militare della velocità, dell'inganno, dell'occultamento e del morale; il suo credo “evitare ciò che è forte, attaccare ciò che è debole” ha costituito la base di quella che oggi conosciamo come guerriglia. Mao abbracciò queste tattiche e lavorò per incorporarle nell'Armata Rossa. Grandi divisioni furono organizzate in reggimenti più piccoli basati sulla guerriglia, in grado di operare in modo autonomo. Mao implementò anche una struttura di comando leninista e collocò commissari politici nelle unità dell'esercito per riferire sulla disciplina, sugli atteggiamenti politici e sul morale. Nello Jiangxi fu fondata una scuola dell'Armata Rossa dove istruttori del PCC, molti dei quali veterani dell'Accademia militare di Huangpu, addestrarono gli ufficiali su tattiche, leadership e tecniche di guerra moderne, come comunicazioni e decifrazione di codici. In pochi anni l’Armata Rossa si trasformò da una milizia contadina disordinata in una forza militare ben addestrata e competente.

jiangxi sovietico
Una bandiera comunista usata nella repubblica sovietica del Jiangxi negli 1930

Il Soviet del Jiangxi divenne un'entità politica oltre che una base militare. La formazione di questo “stato nello stato” ha fornito al PCC una preziosa esperienza nella gestione di un governo. Il Soviet fu formato ufficialmente nel novembre del 1931, quando 15 insediamenti controllati dal PCC intorno a Ruijin furono accorpati in un nuovo stato indipendente chiamato Zhonghua Suwei-ai Gongheguo, o la Repubblica Sovietica Cinese. Il governo di questa nuova repubblica fu modellato sul modello del governo sovietico formatosi in Russia dopo la rivoluzione dell’ottobre 1917. Fu eletto un comitato esecutivo per supervisionare la politica e le nomine, mentre un commissariato più piccolo sovrintendeva al governo quotidiano. Mao Zedong fu eletto presidente di entrambi gli organismi, oltre ai suoi doveri di comandante militare dello Jiangxi. In seguito sarebbe stato messo da parte dal potere dopo che la gerarchia del PCC si era trasferita da Shanghai a Jiangxi. Anche la Repubblica Sovietica Cinese adottò la propria bandiera, la falce e martello dell’Unione Sovietica su sfondo rosso, e redasse la propria costituzione, che in parte recitava:

“Il regime sovietico cinese è uno stato basato sulla dittatura democratica degli operai e dei contadini. Tutto il potere del Soviet apparterrà agli operai, ai contadini, ai soldati dell'Armata Rossa e all'intera popolazione lavoratrice. Sotto il regime sovietico, gli operai, i contadini, i soldati dell'Armata Rossa e l'intera popolazione lavoratrice avranno il diritto di eleggere i propri deputati per dare effetto al loro potere. Solo i militaristi, i burocrati, i proprietari terrieri, la nobiltà dispotica, i capitalisti, i contadini ricchi, i monaci e tutti gli elementi sfruttatori e controrivoluzionari saranno privati ​​del diritto di eleggere deputati per partecipare al governo e godere della libertà politica ...

In linea con questa visione, Mao e i suoi sostenitori avviarono ambiziose riforme economiche nello Jiangxi. Nel 1930 il governo sovietico ordinò che tutta la terra in eccedenza fosse confiscata ai proprietari terrieri e ai contadini benestanti, per poi essere consegnata ai villaggi per la ridistribuzione. Il processo non puniva i proprietari terrieri o i contadini ricchi, che come tutti gli altri avevano diritto alla proprietà della terra. Il punto di vista di Mao era che dichiarare guerra ai proprietari terrieri "sprecava" l'energia rivoluzionaria. Preferiva un approccio più inclusivo che incoraggiasse la cooperazione e la produzione, piuttosto che provocare disordini interni. Le politiche fondiarie nella Repubblica Sovietica Cinese cambiarono radicalmente nel 1933, quando la leadership di Mao fu superata dai leader di Shanghai sostenuti dal Comintern. Dopo il 1933 le politiche fondiarie nello Jiangxi iniziarono ad assomigliare a quelle impiegate nella Russia stalinista. La ridistribuzione delle terre è stata controllata dal centro del partito, monitorata più da vicino e condotta in modo più spietato. I proprietari terrieri e i contadini ricchi furono esclusi o furono loro assegnate terre di scarsa qualità; centinaia furono perseguitati, costretti all'esilio o assassinati. L'esecutivo centrale del PCC condannò le politiche fondiarie di Mao definendole troppo moderate e borghesi; tuttavia, sotto la guida di Mao, la produzione agraria nello Jiangxi era costantemente aumentata. Al suo apice intorno al 1932, la regione del Jiangxi superava la maggior parte delle altre province cinesi in termini di produzione alimentare.

“La Repubblica Sovietica di Jiangxi offrì ai comunisti la prima opportunità di mettere alla prova la loro capacità di governare ... Mao Zedong usò deliberatamente la Repubblica Sovietica di Jiangxi per controbilanciare i suoi oppositori che avevano il controllo dell'organizzazione del Partito. Tuttavia non è durato a lungo e il dominio di Mao è stato ancora più breve ".
Shiping Zheng, storico

Anche la leadership di Mao aveva i suoi lati oscuri. Lo Jiangxi aveva una propria struttura del PCC prima che Mao e i suoi seguaci arrivassero nel 1929. I comunisti dello Jiangxi seguivano la linea del partito, articolata dalla leadership del PCC a Shanghai. La presa del potere da parte di Mao nell'area di Ruijin e la sua formazione di un soviet a base contadina innescarono disaccordi politici e tensioni tra il PCC dello Jiangxi e i seguaci di Mao. Queste tensioni giunsero al culmine durante il cosiddetto incidente Futian. Nel dicembre 1930 Mao ordinò l'arresto di circa 4,000 membri dell'Armata Rossa, sostenendo che alcuni reggimenti erano stati infiltrati da agenti del Guomindang. Questi arresti hanno innescato l'ammutinamento di un battaglione dell'Armata Rossa a Qingyuan, nel Jiangxi centrale. I luogotenenti di Mao Peng Dehuai e Lin Biao rispose facendo marciare le unità dell'Armata Rossa verso Futian e reprimendo l'ammutinamento. Circa 700 soldati comunisti furono radunati, interrogati e giustiziati. Mao e i suoi sostenitori continuarono l'epurazione fino al 1931, giustificandoli con le continue minacce da parte di spie e informatori del Guomindang. Gli storici Jung Chang e Jon Halliday affermano che questa violenza politica è stata progettata per consolidare il potere di Mao sterminando e disperdendo i comunisti locali dello Jiangxi. Secondo Chang e Halliday, gli scagnozzi di Mao impiegavano metodi di tortura piuttosto orribili, sia contro gli oppositori politici che contro le loro mogli e famiglie.

jiangxi repubblica sovietica
Una banconota da un yuan emessa dalla repubblica del Jiangxi, circa 1932

Non sorprende che il leader nazionalista-militarista Jiang Jieshi vedesse il Soviet di Jiangxi come una minaccia per il suo stesso governo. Tra il 1930 e il 1933 Jiang ordinò quattro offensive, denominate Campagne di Accerchiamento, contro i comunisti nello Jiangxi. La prima di queste campagne non ebbe successo: richiesero alle forze nazionaliste di percorrere lunghe distanze dalle loro basi all'interno della Cina, allungando le loro linee di comando e di rifornimento. Le divisioni dell'Armata Rossa, che stavano crescendo in abilità e fiducia, furono in grado di isolare e ingaggiare le forze del Guomindang utilizzando le strategie di guerriglia di Mao. Nella prima campagna di accerchiamento (1930-31) diverse divisioni nazionaliste furono circondate dalla più mobile Armata Rossa e circa 12,000 soldati furono fatti prigionieri. La seconda e la terza campagna di accerchiamento di Jiang, entrambe lanciate nel 1931, impiegarono truppe molto più numerose (circa 100,000 soldati nazionalisti e 200,000 soldati dei signori della guerra), ma non riuscirono nemmeno a scacciare il PCC dallo Jiangxi. Nell'autunno del 1933 le forze nazionaliste iniziarono il loro assalto finale, la quinta campagna di accerchiamento. Questa volta Jiang era molto più preparato, sia con le risorse che con la strategia. Gli eserciti nazionalisti contavano circa 800,000 uomini, decine di pezzi di artiglieria pesante e 200 aeroplani. I generali nazionalisti erano dotati di strategie di battaglia per contrastare la mobilità dell'Armata Rossa, elaborate con l'assistenza di consiglieri militari tedeschi, in particolare Hans von Seeckt. Questi vantaggi, uniti a un cambiamento nelle tattiche militari del PCC, permisero ai nazionalisti di scacciare finalmente i comunisti dalla loro roccaforte nello Jiangxi.

rivoluzione cinese

1. Il Soviet del Jiangxi era una regione comunista autonoma, formata intorno a Ruijin da Mao Zedong e dall'Armata Rossa in 1930. Sono arrivati lì dopo la fallita rivolta di Autumn Harvest di 1929.
2. Nel novembre 1931 il Soviet di Jiangxi divenne la Repubblica Sovietica Cinese. Ha adottato la propria costituzione ed è servito da laboratorio per le politiche socialiste, in particolare la riforma agraria e la ridistribuzione.
3. All'interno del Soviet di Jiangxi, l'Armata Rossa fu ristrutturata, rinnovata e addestrata nelle strategie di guerriglia, studiata e adattata da Mao Zedong.
4. Tra 1930 e 1934 il Soviet di Jiangxi fu attaccato dalle forze nazionaliste di Jiang Jieshi, in cinque offensive conosciute come Campagne di accerchiamento.
5. Queste prime offensive si rivelarono infruttuose, tuttavia alla fine del 1933 l'Armata Rossa fu finalmente cacciata dopo essere stata superata, superata e minata da cambiamenti nelle tattiche.


© Storia Alpha 2018-23. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare la ns Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Glenn Kucha e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
G. Kucha e J. Llewellyn, “The Jiangxi Soviet, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/chineserevolution/jiangxi-soviet/.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.