Lin Biao

lin biao

Lin Biao (1907-71, Wade-Giles: Lin Piao) era un Partito Comunista Cinese (PCC), un importante comandante dell'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) e, fino al 1971, uno di Mao Zedongi più stretti alleati. Dalla fine degli anni Cinquanta fino alla sua morte in un sospetto incidente aereo nel 1950, molti consideravano Lin l'unto successore di Mao.

sfondo

Lin iniziò la vita come figlio di un ricco mercante della provincia di Hubei. Si interessò alla politica comunista mentre era a scuola nei primi anni '1920. Nel 1925, Lin si iscrisse all'Accademia militare di Huangpu. Dopo la laurea, divenne ufficiale dell'esercito rivoluzionario nazionale e prestò servizio Jiang JieshiSpedizione nel nord.

Dopo l'epurazione anticomunista del 1927, Lin si rifugiò Jiangxi e si unì all'Armata Rossa, servendo sotto Mao Zedong e Zhu De.

Durante il Soviet di Jiangxi e Lunga marcia periodi, Lin, nonostante la sua giovinezza, si è affermato come uno dei principali tattici militari e comandanti del campo di battaglia del PCC. È diventato strettamente allineato con Mao e lo ha elogiato sia in pubblico che per iscritto (se questo fosse sincero o una mossa tattica di carriera è incerto).

Carriera militare

Lin ha svolto un ruolo importante nella lotta contro le forze nazionaliste giapponesi e radicali della Cina negli 1940. In 1949, guidò colonne dell'Armata Rossa mentre marciavano vittoriosamente a Pechino.

I contributi di Lin nei primi anni del nuovo regime erano oscuri. Si è opposto al coinvolgimento della Cina nel Guerra di Corea, rifiutando la richiesta di Mao di comandare l'Esercito Volontario Popolare (PVA) che ha combattuto in Corea.

Durante gli anni '1950, secondo quanto riferito, Lin soffrì di una malattia debilitante, disturbi mentali o tossicodipendenza che lo rendevano intollerante all'acqua e alla luce.

Lin è tornato alla ribalta nel 1958 dopo la sua nomina al comitato permanente del Politburo. L'anno successivo fu nominato ministro della Difesa, a seguito della denuncia di Mao Peng Dehuai a Lushan.

Riforma del PLA

Lin ha avviato radicali riforme dell'Esercito popolare di liberazione (PLA), cercando di rimuovere l'influenza sovietica e ridurre la crescente influenza e privilegio della classe degli ufficiali professionisti dell'EPL. Ha cercato di far rivivere il concetto di un "esercito del popolo": una forza volontaria proveniente dai contadini che era intrisa di spirito rivoluzionario e guidata dall'ideologia maoista.

Il PLA riformato di Lin si è comportato in modo degno di nota in una guerra breve ma riuscita del 1962 con l'India. Questi risultati impressionarono Mao e migliorarono lo status di Lin all'interno del partito.

Lin ha anche contribuito attivamente al culto della personalità maoista, compilando una raccolta di scritti chiamati Citazioni del presidente Mao Zedong; divenne il famoso "Libretto rosso", una delle icone durature della Cina comunista.

Durante l' Rivoluzione culturale, Lin ha commissionato centinaia di immagini di propaganda che glorificavano Mao, l'EPL e il Guardie rosse. La sua importanza ora al suo apice, Lin apparve lui stesso in molte di queste immagini, spesso al fianco di Mao.

Alzati e cadi

Con il ripristino del potere di Mao e l'emarginazione dei suoi rivali, Lin divenne il virtuale secondo in comando del presidente. Nel 1969, la costituzione del Partito Comunista fu modificata per nominare esplicitamente Lin come successore di Mao. Entro due anni da ciò, tuttavia, Lin Biao e la sua famiglia erano morti. Erano a bordo di un aereo precipitato in Mongolia nel settembre 1971, apparentemente mentre fuggivano dalla Cina verso l'Unione Sovietica.

Le ragioni della fuga di Lin dalla Cina, così come l'incidente aereo che lo ha ucciso, sono state oscurate dal regime comunista in Cina. Di conseguenza, sono poco chiari e oggetto di accesi dibattiti dagli storici.

Alcuni credono che Lin sia fuggita dalla Cina dopo un fallito tentativo di prendere il controllo del governo. Una spiegazione più probabile è che Lin abbia preso il volo dopo che Mao, sentendo voci di un colpo di stato militare, aveva ordinato l'arresto di Lin. Inoltre, non è chiaro se l'incidente aereo di Lin sia stato accidentale o il risultato di un'azione militare cinese. Sia Mao Zedong che Zhou Enlai hanno negato esplicitamente qualsiasi coinvolgimento, commentando Zhou:

“Dirò ancora una volta che non ho dato l'ordine di abbattere l'aereo di Lin Biao. È esploso durante il suo atterraggio forzato. È stata un'autodistruzione ... Ovviamente ho riferito al presidente quando l'aereo di Lin Biao era in viaggio all'estero. Ma il presidente disse che sarebbe caduta la pioggia e le vedove si sarebbero risposate; lasciarlo andare se voleva andare. Se il presidente poteva essere così tollerante con Lin Biao, perché dovrei fermarlo io, Zhou Enlai? "

Anche nella morte, i comunisti hanno continuato a vendicarsi di Lin Biao. È diventato una figura di tradimento, odio e condanna ed è stato preso di mira in una campagna di propaganda ostile lanciata dal Una banda di quattro nel 1973 ("Critica Lin Biao e Confucio").

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Lin Biao"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/lin-biao/
Data di pubblicazione: Febbraio 7, 2019
Data di accesso: Giugno 27, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.