Lin Zhao

lin zhao

Lin Zhao (1932-1968) era un rivoluzionario comunista diventato dissidente, giustiziato durante il Rivoluzione culturale per aver criticato Mao Zedong e Partito comunista cinese (PCC).

Lin è nato Peng Lingzhao, il figlio maggiore di una famiglia benestante a Suzhou, nella provincia di Jiangsu. Il padre di Peng era un magistrato che lavorava per i nazionalisti mentre sua madre, una banchiere di successo, faceva donazioni segrete ai comunisti.

Studente brillante e vorace lettore, Peng si interessò alla politica e all'età di 16 si schierò con il PCC. Usando il nome della penna Lin Zhao, scrisse articoli che attaccavano la brutalità e la corruzione nel governo nazionalista. Alla fine 1948 Lin ha sfidato i suoi genitori scappando di casa e unendosi a un campo di addestramento gestito dal PCC, dove ha studiato giornalismo, propaganda e ideologia maoista.

Nel 1950, Lin Zhao fu schierato come quadro di partito e inviato nelle zone rurali per implementare il lavoro di Mao Zedong riforme agrarie. In questo ruolo, ha organizzato e supervisionato la ridistribuzione della terra, la riorganizzazione della vita del villaggio e 'Parla Amarezzaudienze contro ex proprietari. Nonostante la sua giovane età, Lin non ha espresso scrupoli per la violenza rivoluzionaria, assistendo a numerose esecuzioni e una volta ordinando a un padrone di casa di essere tenuto per la notte in una vasca di acqua gelata.

Nel 1954, Lin si iscrisse all'Università di Pechino, dove studiò letteratura e poesia. La vita universitaria ha moderato le opinioni politiche di Lin e ha iniziato a mettere in discussione il suo impegno per Mao e il partito. Si è segretamente convertita al cristianesimo e ha criticato apertamente le politiche del PCC durante il Campagna di cento fiori. Per questo, Lin è stata dichiarata "di destra", sospesa dagli studi e incaricata di lavori umili in giro per l'università, come uccidere le zanzare. Nel 1960 le fu permesso di raggiungere i suoi genitori a Shanghai a causa di problemi di salute.

A Shanghai, Lin si unì a un gruppo di studenti clandestini e continuò a produrre articoli infiammatori, alcuni dei quali dettagliavano la carestia scatenata da Mao Grande balzo in avanti. Ha anche scritto diverse poesie con temi liberali o anticomunisti.

Lin fu arrestato nell'ottobre 1960 e detenuto per diversi anni senza processo. È stata trattata male in prigione, ma ha continuato a scrivere poesie e prose anti-PCC, a volte usando una forcina intinta nel suo stesso sangue. Nel 1965, Lin fu condannato a 20 anni di reclusione, ma l'inizio della Rivoluzione Culturale la vide convertita alla pena di morte per "aver follemente attaccato, imprecato e calunniato" Mao Zedong e il partito. Anche dopo questo, ha continuato il suo lavoro in prigione, scrivendo nel 1966:

“Gli astuti cattivi hanno usato la nostra innocenza, ingenuità e onestà; hanno incitato e guidato la nostra virtù, purezza e temperamenti ferventi. Quando ci siamo resi conto dell'effettiva assurdità della situazione e abbiamo iniziato a rivendicare i nostri diritti democratici, siamo stati soggetti a persecuzioni e repressioni senza precedenti. La nostra giovinezza, passione, cultura, idealismo e gioia sono stati tutti sacrificati al terribile dominio di questa malvagia tirannia ".

Lin Zhao fu giustiziato nell'aprile 1968 con un solo colpo di pistola alla testa. La madre di Lin è stata informata della sua morte due giorni dopo, quando i funzionari del PCC le hanno consegnato un conto per il proiettile usato nell'esecuzione di Lin. Lin è stata graziata e riabilitata da Deng Xiaopingnel 1981, anche se in Cina la discussione sulla sua vita e sul lavoro scritto continua ad essere soppressa.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Lin Zhao"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/lin-zhao/
Data di pubblicazione: Febbraio 8, 2019
Data di accesso: 25 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.